MESSINA – Montevergine, celebrato rito di Professione perpetua dei voti solenni di giovane clarissa dell’Ordine “Sorelle povere di S. Chiara

Redazione1
di Redazione1 dicembre 9, 2017 19:40

MESSINA – Montevergine,  celebrato rito di Professione perpetua dei voti solenni di giovane clarissa dell’Ordine “Sorelle povere di S. Chiara

E’ stato un momento celebrativo gioioso e coinvolgente, che ha suscitato viva partecipazione ed intensi richiami spirituali, il rito durante il quale, nella chiesa di S. Eustochia, si è compiuta la Professione perpetua dei voti solenni di suor Maria Chiara Speranza Grassia, del Preziosissimo Sangue; intenso il coinvolgimento emotivo suscitato sia nella Comunità delle “Sorelle povere di Santa Chiara”, di cui la clarissa ora è entrata a far parte per sempre, che nei parenti e nei numerosi fedeli presenti.

Una cerimonia dunque esaltante, cui si è avuto la fausta opportunità di assistere che, per il suo alto significato umano e religioso, non può non suscitare elevate risonanze spirituali, ma anche profonde riflessioni di carattere esistenziale sulla impegnativa e assoluta decisione di fede, difficilmente comprensibile per molti, proclamata da una donna così giovane. Anche perchè la scelta totalizzante che ella ha compiuto con l’offerta sacrificale della sua vita a Dio, fatta per sempre, appare molto discordante col modo di vivere in un mondo in cui le promesse di fedeltà non sono certo molto praticate, e spesso troppo poco mantenute.

Alla solenne cerimonia di consacrazione della giovane clarissa, hanno presenziato numerosi padri francescani, Frati minori e Cappuccini, e parecchi presbiteri della Diocesi. Il rito, durante il quale si sono succeduti i momenti che hanno segnato i passaggi simbolici di questa Professione Perpetua, e la

celebrazione eucaristica che ne è seguita,

sono stati presieduti dall’Arcivescovo mons. Giovanni Accolla.

“In questo giorno dedicato a Cristo Re – ha affermato l’arcivescovo nell’omelia – stiamo vivendo un momento di gioia emozionante perché la nuova clarissa accetta di farsi piccola nell’umiltà, come si è fatto

piccolo Dio in Gesù Cristo, rendendosi simile a ognuno di noi: è infatti nella piccolezza in cui si è calato Gesù che consiste la regalità di Cristo Re. Grazie dunque a Maria Chiara – ha continuato l’arcivescovo – per questa testimonianza di discrezione, di fragilità e insieme di forza al servizio della Chiesa, nella vita monastica che è palestra di vita senza clamore. Grazie per la scommessa di una vita dedicata a dare risposta alla chiamata di Dio in castità, obbedienza e povertà, facendo un cammino inverso a quello del mondo, e per la salvezza del mondo”.

 

La cerimonia religiosa, quindi, è entrata nel vivo del suo svolgimento attraverso i passaggi simbolici che hanno scandito i momenti più significativi del rito di consacrazione, iniziando con l’atto dell’accettazione. Durante il quale Maria Chiara ha dato risposta, con i suoi convinti “si, lo voglio”, alle interrogazioni del celebrante circa l’intenzione di accettare l’osservanza della Regola monastica di Santa Chiara.

Il rito è proseguito poi con lo svolgimento dei punti salienti della consacrazione: particolarmente coinvolgente il momento dell’invocazione dei presenti a Dio per la conferma del santo proposito di Maria Chiara, mediante l’intonazione delle vibranti note della litania

dei santi, con la clarissa che stava distesa per terra, prona, in segno di umiltà; poi la lettura della formula della professione scritta di suo pugno; la solenne benedizione di consacrazione da parte dell’arcivescovo, che, in fine, ha consegnato alla neopromessa l’anello nuziale, pegno di fedeltà verso lo sposo Gesù, e la corona di spine simbolo di compartecipazione alla missione sacrificale di Cristo per la salvezza delle anime.

A completamento del rito di consacrazione, si è assistito al momento più toccante: quello dell’atto di accoglienza della nuova clarissa nella Comunità di Montevergine, quando l’Abbadassa, suor Chiara Agnese, tra l’applauso dei presenti, ha stretto a se con un commovente abbraccio la neoprofessa, ricevendola come sorella, consacrata per sempre, quale appartenente alla Famiglia delle Sorelle povere di Santa Chiara.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 dicembre 9, 2017 19:40

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 426:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login