IL Gesù Bambino di cera che versò lacrime umane a Messina

Redazione1
di Redazione1 ottobre 30, 2017 18:37

IL Gesù Bambino di cera che versò lacrime umane a Messina

Nella Chiesa Gesù e Maria delle Trombe, situata a Messina in via S. Giovanni Bosco, si venera un piccolo Gesù Bambino di cera che nel 1712 e negli anni successivi, a diverse riprese, versò lacrime umane.

   Quel pianto suscitò nella Città una grande commozione: paragonabile solo a quella dell’agosto 1953, quando a Siracusa avvenne il prodigio della Madonna delle Lacrime. Martedì 23 febbraio 1712: in questa data ebbe luogo per la prima volta la lacrimazione del Bambinello di cera. Ed ecco i fatti:

Padre Domenico Fabris (ora Servo di Dio e sepolto nella Chiesa del S. Cuore dell’Arcipeschieri ), Cappellano della Chiesa di S. Gioacchino, era particolarmente devoto a Gesù Bambino. Nel 1711 fece costruire un presepio e un oratorio al fine di promuoverne ancora di più la devozione ; nella grotta, tre pastori, la Vergine, S. Giuseppe, il bue e l’asinello. L’artista a cui il Padre affidò l’opera era Placido Paladino: a lui fu chiesto pure di forgiare una statuetta di Gesù Bambino.

Il 25 febbraio 1712 dovevano essere inaugurati l’oratorio e il presepe; ma l’artista per quella data non aveva completato ancora il lavoro. Allora Padre Fabris decise di portare un piccolo Gesù Bambino di cera, bellissimo (lungo 23 centimetri), che egli aveva in casa e verso il quale nutriva grande venerazione. Egli lo aveva acquistato nel 1696 dal Sac. Antonio Zizzo, che lo aveva costruito da giovane con la collaborazione dell’artista palermitano Durante. Padre Fabris ripulì la statuetta e la depose in una piccola culla di fiori.

Verso le ore 20,00 del 23 febbraio 1712, il Can. Rizzo, rientrando a casa, andò a controllare il Bambinello e, osservandolo, si accorse che piangeva; erano con lui il sacerdoti Giuseppe Accardo e Antonio Ferrara, quattro sorelle del Canonico, la madre, il cognato e alcuni suoi nipoti. Il Canonico, stupito, asciugò le lacrime, ma esse sgorgavano copiose. Fu sommo lo stupore di tutti. Pur essendo notte avanzata, il Canonico mandò ad informare Padre Fabris e subito insieme decisero di portare il Bambino nella Chiesa di S. Gioacchino perché vi fosse venerato. Nei giorni 10, 11, 24 novembre e il 2 dicembre il Bambinello pianse ancora, suscitando un grande risveglio di fede in Messina. Il fenomeno miracoloso si ripeté altre volte e ad intervalli, dal 23 febbraio 1712 fino al 13 maggio 1723.

Le lacrime erano davvero umane: esaminate dal Tribunale Ecclesiastico, furono riconosciute miracolose.

Perché il Bambinello fosse protetto in maniera adeguata, P. Fabris incaricò l’artista Francesco Juvara e il suddiacono Francesco Dominici perché approntassero un’apposita custodia.

A Messina, città già tanto incline alla devozione per Gesù Bambino, quel pianto prodigioso, oltre a tanta commozione suscitò anche un notevole incremento della sua venerazione, che molti presbiteri si prodigarono a diffondere con grande zelo. Fra questi si distingueva lo stesso P. Domenico Fabris (ora Servo di Dio, e sepolto nella chiesa del Sacro Cuore dell’Arcipeschieri), a quell’epoca Cappellano della chiesa di San Gioacchino, poi distrutta dal terremoto del 1908, la cui predicazione era soprattutto rivolta a promuovere questo culto.

Questa pia pratica ancora oggi prosegue nella chiesetta di via S. Giovanni Bosco – e certo meriterebbe di essere maggiormente diffusa – ancor più per il significativo messaggio  che ci proviene da quelle lacrime, così attinenti, oggi, nel rappresentare il dolore per le tante forme di persecuzione subite dai cristiani e per i violenti attentati che sono rivolti contro i loro templi, i loro simboli e, da ultimo, specialmente contro la festività del Santo Natale, in tante parti

del mondo.

Nel 2012, ricorrendo il 3° centenario dell’evento miracoloso, è stato apposto, a ricordo, un bel medaglione di terracotta, con l’effige del Bambinello e la scritta “Lacrimatus est Jesus”, sul muro d’angolo di via Romagnosi, dove sorgeva l’antica chiesa di S. Gioacchino, in cui la statuetta di cera di Gesù Bambino lacrimò.

Attualmente, nella chiesetta di in via S. Giovanni Bosco (facente parte della parrocchia S. Maria del Carmine), dove il Bambinello è custodito nell’artistica teca creata dal celebre architetto Filippo Juvarra, si celebrano settimanalmente funzioni religiose nei seguenti giorni: mercoledi dalle 17,30 alle 19,00; sabato dalle ore 17,30, con S. messa alle 18,00. ==

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 30, 2017 18:37

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 72:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login