MESSINA – La Divina Commedia in originale, e come l’ha tradotta in siciliano Rosa Gazzara.

Redazione1
di Redazione1 Gennaio 16, 2017 22:48

MESSINA – La Divina Commedia in originale, e come l’ha tradotta in siciliano Rosa Gazzara.

Una singolare e stimolante traduzione della Divina Commedia in siciliano, che riesce a riportare fedelmente nella lingua siciliana tutte le particolarità espressive dantesche, in grado di creare quadri e atmosfere vigorosi e affascinanti.

Avere modo di assaporare, con rinnovato piacere letterario, l’opera grandiosa della Divina Commedia di Dante Alighieri, non solo fa si che chi legge si arricchisca di contenuti di grande valore intellettuale, ma che ne abbia anchedivina-commedia°R rinfrancato lo spirito per via dei temi affascinanti espressi da una poesia ricca di significati spirituali e profetici.

Inoltre, naturalmente, si ha l’occasione impagabile di poter godere degli straordinari momenti emozionanti di un viaggio spettacolare, che si snoda sull’onda carezzante della musicalità e purezza poetica di versi immortali. Specialmente quelli avvincenti, rimasti impressi nella memoria collettiva, dedicati a dipingere lo scenario drammatico e affascinante della Cantica dell'”Inferno”.

Nel presentare, adesso, qui, diversi brani, tra i più importanti, delle tre Cantiche, ci è data l’occasione unica di poter accedere all’immaginifico racconto poetico di Dante, anche attraverso una singolare traduzione in lingua siciliana. Un’eccezionale impresa letteraria realizzata da Rosa Gazzara Siciliano, scrittrice messinese già sperimentata traduttrice, dall’italiano in lingua siciliana, di altre opere classiche fra cui l’Odissea e l’Eneide.

Le terzine di Dante in italiano verranno affiancate a quelle in siciliano, così da poter avere un utile parallelo di confronto.   Del I Canto, intanto, vengono pubblicate solo le prime 10 terzine.

Insieme a questa prima parte,  i brani successivi verranno pubblicati nella pagina “altre…”.

La Redazione

copia-di-copia-di-004“Il primo canto è l’introduzione generale del poema, il preludio. Dante usa un linguaggio narrativo affidandosi ad una tecnica simbolica e figurale, vale a dire ciò che narra ha un valore concreto e reale, ma nel contempo nasconde altri significati.

Siritrova smarrito per una selva oscura, tenta di ascendere un colle luminoso e ne è impedito da tre fiere; la lonza, il leone e la lupa. Nel significato allegorico la prima rappresenta L’incontinenza, la seconda la Selva oscura 2 ° R.superbia, la terza la lussuria. Ad un tratto gli appare Virgilio, che gli si offre come guida attraverso i regni del peccato e della puroficazione e gli dice che ad un certo momento sarà accompagnato verso il regno della beatitudine da una creatura più degna. Il canto si svolge dall’alba al tramonto (è il venerdi santo 8 aprile 1300)”.

Rosa Gazzara

_______________

                        I canto                                                                                                      I cantu

Nel mezzo del cammin di nostra vita

mi ritrovai per una selva oscura,

ché la diritta via era smarrita.

Ah quanto a dir qual era è cosa dura

esta selva selvaggia e aspra e forte

che nel pensier rinnova la paura!

Tant’è amara che poco è più morte;

ma per trattar del ben ch’io vi trovai,

dirò de 1’altre cose ch’io v’ho scorte.

Io non so ben ridir com’io v’entrai,

tant’era pieno di sonno a quel punto

che la verace via abbandonai.

Ma poi ch’i’ fui al piè d’un colle giunto,

là dove terminava quella valle

che m’avea di paura il cor compunto,

guardai in alto, e vidi le sue spalle

vestite già de’ raggi del pianeta

che mena dritto altrui per ogni calle.

Allor fu la paura un poco queta

che nel lago del cor m’era durata

la notte ch’io passai con tanta pieta.

E come quei che con lena affannata

uscito fuor del pelago a la riva,

si volge a l’acqua perigliosa e guata,

così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,

si volse a rietro a rimirar lo passo

che non lasciò già mai persona viva.

Poi ch’ei posato un poco il corpo lasso,

ripresi via per la piaggia deserta,

sì che’1 piè fermo sempre era ‘1 più basso.

‘Mmenz’a lu viaggiu di la nostravita

mi ritruvai ‘ntra ‘na furesta scura,

ch’a strata d’a virtù avia spirduta.

Ahi quantu a fari un quatru è cosa dura

di stu postu sarvaggiu e aspru e forti

ch’a lu pinzeri lu me’ cori oscura!

È appena menu amaru di la morti;

ma pi spiegari ‘u beni chi ‘ncuntrai,

a lu ricordu aprirò li porti.

Jò non mi rennu cuntu comu mai

mi vitti ddà; c’a testa ‘i sonnu china

ch’a strata lustra e chiana ‘bbannunai.

Ma quannu fui e’ ped’i ‘na collina

propriu ‘nt’o punt’unni finìa dda valli

unn’u scantu avia stat’a me’ ruina,

vardai pri supra e vitti raggi a milli

di ddu pianeta chi suli si dici

chi ‘mmustr’a dritta via senza falli.

Allura ‘u cori un pocu truvau paci

di ddu ‘nfamuni e torbidu terruri

ch’avia bruciatu comu fa la braci.

E comu cu’, nisciutu di lu mari,

‘ffannatu e stancu doppu la ruina

si vot’ancora, ó scantu di ‘nniari,

‘ccussì lu cori me’, strazziat’i pena,

si vutò arreri, ‘u passu a rivardari

d’unni viventi mai niscìu pirsuna.

Mi potti ‘na picchidda ripusari;

poi ripigghiai la sulitaria via

e allèggiu allèggiu accuminzai a ‘cchianari.

___________________________________________________________________________

Dante e Virgilio entrano nell’Inferno attraverso una porta dalle scritte che precludono ogni danteevirg °speranza. Non si trovano ancora nell’inferno, ma nel preinferno. Nel vestibolo incontrano gli ignavi, coloro i quali furono privi di volontà e di personalità.

 

                     III Canto

       La porta dell’Inferno  

Per me si va ne la città dolente,

per me si va ne 1’etterno dolore,

per me si va tra la perduta gente.

Giustizia mosse il mio alto fattore;

facemí la divina potestate,

la somma sapienza e ‘1 primo amore.

Dinanzi a me non fuor cose create

se non etterne, e io etterna duro.

Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate>.

Queste parole di colore oscuro

vid’io scritte al sommo d’una porta;

per ch’io: « Maestro, il senso lor m’è duro ». .

Ed elli a me, come persona accorta:

«Quî si convíen lasciare ogni sospetto;

ogni viltà convien che qui sia morta.

Noi siam venuti al loco ov’io t’ho detto

che tu vedrai le genti dolorose

c`hanno perduto il ben de l’intelletto ».

E poi che la sua mano a la mia pose

con lieto volto, ond’io mi confortai,

mi mise dentro a le segrete cose.

Quivi sospiri, pianti e alti guai

risonavan per 1’aere sanza stelle,

per ch’io al cominciar ne lagrimai.

Diverse lingue, orribili favelle,

parole di dolore, accenti d’ira,

voci alte e fioche, e suon di man con elle

facevan un tumulto, il qual s’aggira sempre

in quell’aura sanza tempo tinta,

come la rena quando turbo spira.

             III Cantu
    A porta d’u ‘Nfernu

“Di cca si va ‘nta la città dulenti,

di cca si va ‘nta 1’eternu duluri,

di cca si va tra la pirduta genti.

Fui fatta p’a giustizzia d’u Signuri,

ch’è Santa Trinità: è la putenza,

l’infinita sapienza e ‘u primu amuri.

Davanz’a mia non cci fu simenza

si non d’eternu; e jò eternu duru.

Lassati, picccaturi, ogni spiranza.”

Palori chini di duluri niru

vitti stampati supra di ‘na porta;

e dissi ó me’ Maistru, ‘nt’on suspiru

lu me’ timuri. Iddu, chi cunforta:

– È lura di ‘mmustrari ‘u to’ curaggiu;

senza viltà ogni cosa supporta.

Chistu è lu puntu di lu nostru viaggiu

chi vidirai li duri punizzioni

pri cu’ spirdìu lu raggiunari saggiu.­-

A manu mi purgìu pi prutizzioni

lu me’ Maistru; e mi cunsulai

lu cori chinu di dispirazioni.

Ma, appena chi trasìa, mi stralunai:

suspiri, chianti, un unicu lamentu

‘nta l’aria senza stiddi: milli guai,

jastimi ditti ‘nta ‘nu stranu accentu

e battiri di manu cunfunnuti

cu vuci chi gridàvan’u turmentu

‘nta l’aria senza tempu arruzzulati

giravunu cunfusi comu rina

quannu li venti ciusciunu ‘nfuriati.

___________________________________

 

Redazione1
di Redazione1 Gennaio 16, 2017 22:48

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Papa Francesco ai bambini: “vi aspetto nel settembre 2026” 26 Maggio 2024
    100 mila bambini, provenienti da oltre 100 nazioni. Sono i numeri delle due giornate in cui si è svolta la prima Giornata mondiale dei bambini – patrocinata dal Dicastero per la Cultura e l’educazione – allo Stadio Olimpico e in piazza San Pietro. La prossima – ha annunciato Papa Francesco dopo il monologo di Roberto […]
  • Giornata mondiale dei bambini: Benigni, “cercate la parola magica per fermare la guerra” 26 Maggio 2024
    “Essere profondamente buoni”. Così Roberto Benigni, nel suo monologo in piazza San Pietro davanti al Papa, con cui si è conclusa la prima Giornata mondiale dei Bambini, ha tradotto una delle beatitudini del Discorso della Montagna. “Questo ha detto Gesù”, ha spiegato: “E’ l’unica cosa sensata che abbia sentito, l’unica buona idea espressa nella storia […]
  • Giornata mondiale dei bambini: Benigni, “fate diventare il mondo più bello, noi non ci siamo riusciti” 26 Maggio 2024
    “I bambini sono il nostro futuro, la gioia di domani”. Lo ha detto Roberto Benigni, nel monologo recitato in piazza San Pietro, davanti al Papa, a conclusione della prima Giornata mondiale dei bambini. “Se non sarete come questi bambini, non entrerete nel Regno dei cieli, ha detto Gesù”, ha proseguito: “oggi noi siamo nel Regno […]
  • Papa Francesco: “la prossima Giornata mondiale dei bambini sarà nel settembre 2026” 26 Maggio 2024
    La prossima Giornata mondiale dei bambini “sarà nel settembre 2026”. Ad annunciarlo è stato il Papa, da piazza San Pietro, dopo il monologo di Roberto Benigni, che ha esordito dando un bacio al Santo Padre, a nome delle decine di migliaia di bambini presenti in piazza. “Vi aspettiamo lì”, il congedo di Francesco dai più […]
  • Papa Francesco: Angelus, “salutate i nonni, un applauso ai nonni” 26 Maggio 2024
    “Salutate i vostri genitori, i vostri amici, salutate i nonni!”. Lo ha detto il Papa, durante l’Angelus recitato in piazza San Pietro, al termine della Messa per la prima Giornata mondiale dei bambini. “Un appaluso ai nonni”, ha detto Francesco ringraziando gli organizzatori dell’evento. Poi la recita del Gloria al Padre insieme ai bambini, come […]
  • Papa Francesco: “lo Spirito Santo ci accompagna nella vita”, “pregate per la pace” 26 Maggio 2024
    “Lo Spirito Santo è quello che ci accompagna nella vita”. A farlo ripeterlo a più riprese alle migliaia di bambini presenti in piazza San Pietro, per la prima Giornata mondiale a loro dedicata, è stato il Papa, che ha tenuto un’omelia dialogante pronunciata interamente a braccio. “Il problema è chi è lo Spirito Santo”, ha […]
  • Papa Francesco: “Gesù perdona tutto e perdona sempre” 26 Maggio 2024
    “Siamo qui per pregare insieme, per pregare Dio. Preghiamo Dio, padre, figlio e Spirito Santo: uno in tre persone”. Il Papa ha cominciato così l’omelia della Messa per la prima Giornata dei bambini, pronunciata in piazza San Pietro interamente a braccio, lasciando da parte il testo scritto. “Dio, uno in tre persone”, ha proseguito: “Il […]
  • Papa Francesco: “c’è tanta gente col cuore chiuso”, “io sono felice perché voi siete gioiosi” 25 Maggio 2024
    “Quando la mia squadra vince mi sento felice, ma una volta ha vinto con una mano, e questo non è buono”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, rispondendo, durante la prima parte della Giornata mondiale dei bambini, alle domande dei piccoli che affollano lo Stadio Olimpico. “Io sono felice perché voi siete gioiosi, avete […]
  • Papa Francesco: “ci sono tanti anziani abbandonati in una casa di riposo” 25 Maggio 2024
    “Ci sono tanti anziani che hanno fatto la vita, hanno fatto una famiglia, hanno educato figli, nipotini, e che adesso si trovano soli, abbandonati in una casa di riposo”. Lo ha denunciato il Papa, dialogando con i bambini allo Stadio Olimpico durante la prima parte della Giornata mondiale dei bambini. “Dobbiamo visitare i nonni, andare […]
  • Papa Francesco: “pregate per i bambini che non hanno da mangiare”. “Il miracolo che mi piacerebbe fare è che tutti i bambini siano felici” 25 Maggio 2024
    “Tanta gente, tanti paesi spendono soldi per comprare armi, per distruggere, e c’è gente che non ha da mangiare”. A denunciarlo è stato il Papa, rispondendo alle domande dei bambini allo Stadio Olimpico. “Ci sono bambini che non hanno da mangiare, c’è gente che non ha lavoro, e questa è una colpa dell’umanità”, ha proseguito […]

Commenti recenti

     

    • 170:
    • 479:
    Maggio 2024
    L M M G V S D
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login