Messina – Giampilieri fra tradizioni e realtà. Borgo che nasce dall’antica cultura dei “pilastri di pietre”

Redazione1
di Redazione1 agosto 5, 2017 11:09

Messina – Giampilieri fra tradizioni e realtà. Borgo che nasce dall’antica cultura dei “pilastri di pietre”

Origini e significato del toponimo Giampilieri, villaggio di  Messina colpito anni fa da grave alluvione, le cui radici storico culturali contribuiscono a comporre la variegata identità messinese.

Giampilieri, frazione del comune di Messina, situata sul versante

A

ionico delle pendici dei Peloritani,  com’è noto, il 1°ottobre 2009 è stata colpita da una devastante alluvione, che ha provocato lo straripamento dei fiumi e gravi frane, che hanno trascinato a valle fango e detriti, causando morti e distruzioni. La grave calamità ha colpito non solo questo villaggio, ma anche i centri limitrofi.

Le immagini della tragedia a distanza di tanti anni sono ancora impresse nella nostra mente, come il dolore per le vittime, per chi ha perso il lavoro, i propri cari e le proprie case e ancora oggi vive le tremende conseguenze di quel disastro.

Giampilieri_12 R°Anche molte opere artistiche di cui disponeva la piccola cittadina sarebbero state travolte dall’acqua e dal fango, se non fossero state miracolosamente salvate dalla loro furia, come ad esempio preziosi ricami e antichi tessuti di seta del XV secolo e opere lignee risalenti al XVI e XVII secolo.

Sono state anche salvate importanti opere pittoriche ( XV-XVII sec.), fra cui una tavola della scuola Antonelliana (fine ‘400) e il dipinto della Pietà Barbalonga°“Pietà” attribuito al pittore messinese Antonino Alberti detto il Barbalonga (1603-1649), noto come l’Addolorata, collocato nella Cappella dell’Addolorata.  Secondo una tradizione storica, legata alla devozione mariana, il 29 novembre del 1674, durante la rivolta di Messina contro la Spagna, dei soldati spagnoli entrarono nella Chiesa madre per rubare il dipinto, e non riuscendovi, uno di loro sfregiò con la lancia la testa di un puttino, tagliando la tela in un punto da cui fuoriuscì del sangue che coprì tutto il dipinto fino a raggiungere i gradini dell’altare. Quando i soldati uscirono dalla Chiesa, passarono vicino ad una casa che proprio in quel momento crollò per lo scoppio di alcuni barili di polvere da sparo e molti di essi morirono.

L’episodio, ancora oggi ricordato dagli abitanti del villaggio, è testimoniato da una pergamena del 21 ottobre 1675, sottoscritta da cinque sacerdoti dei vicini casali, oggi custodita nella biblioteca universitaria di Messina, di cui esiste una copia nell’archivio parrocchiale della chiesa 2 R°chiesa di Giampilieri

I dipinti, dopo l’alluvione, furono custoditi per alcuni mesi nei locali del Seminario Arcivescovile e poi restituiti a Giampilieri e ricollocati nella Chiesa madre di San Nicola.

Giampilieri, subito dopo quella grave calamità, assurse agli onori della cronaca e i mass media ne parlarono per parecchi giorni. Ciò mi diede modo di fare alcune riflessioni, oltre che, naturalmente, sulla dinamica dei fatti, le cause e le responsabilità di quel tremendo disastro.

Da un punto di vista della storia linguistica, quello che mi ha colpito in particolare, è l’aver letto da più parti, giornali, internet ecc. che il termine Giampilieri deriva da un nome di persona: Giovanni Piliero o Pilieri, antico proprietario terriero. In effetti, a proposito di donazioni fatte intorno al XIV secolo, nell’ “Archivio storico messinese” (1982, p.220) si trova quel nome citato in una pergamena che collocava una contrada ‹‹presso la chiesa di S. Maria de Purticellis. Di questa chiesa si hanno notizie sino al 1783. Essa si trovava nell’attuale territorio di Giampilieri 4 R°Giampilieri sita in cima ad una collina, in contrada S. Anna; era di proprietà del Capitolo Metropolitano di Messina con il titolo di “S. Mariae Janua Caeli in Ruris Johannis Pilerii”››.Dunque non si esclude la presenza, in quei luoghi, di un personaggio dal  nome Giovanni Pilieri, proprietario di terreni,  ma occorre tuttavia fare alcune precisazioni etimologiche e risalire a una derivazione ancora più antica del nome del villaggio.

Importanti fonti storiche, infatti, ci fanno pensare a un’origine diversa. Il nome Giampilieri è un composto ibrido che deriva da arabo hagar “pietra” e l’antico francese piler (francese moderno pilier ‘pilastro’) diventato ital. pilieri e sicil. pileri “ pilone,pilastro”. Il termine ‘pietra’ sicuramente alludeva all’utilizzo di pietre sovrapposte (sic. pileri = pilastro) per il terrazzamento delle zone collinari in pendenza. La parola araba, hagar, costituisce il primo elemento di vari toponimi siciliani e spesso è stato alterato in Giam., per analogia con “Gianni”, come ad es. Giammoro (un’altra frazione di Messina) da ar. hagar “pietra” e Ammar nome arabo di persona. Una conferma dell’origine araba di Giampilieri nasce muretti-a-secco R°da antiche testimonianze: Michele Amari, grande storico e arabista, autore di un capolavoro della storiografia italiana, la Storia dei Musulmani di Sicilia (1854-72) ipotizza che Giampilieri corrispondesse al toponimo arabo  hagar  abi  qalifah ‘il sasso di Abu Halifa’ (Biblioteca arabo sicula I, 127).Supponendo che questo possa essere stato il nome più antico, in riferimento a un proprietario arabo, fu poi variata la seconda parte del nome che divenne pileri: ‘pilastro’ ( nome di molte località siciliane: Contrada Pileri, Vallone Pileri ecc.), assumendo il significato di “ pilastro di sassi”.

Giampilieri era un borgo antico, probabilmente risalente all’XI-XII sec., ricco di vegetazione e di abbondante acqua, tanto che nelle vicinanze sorgevano svariati mulini ad acqua, come ricorda lo stesso nome della vicina borgata Molino, a monte di Giampilieri. Il paese si sviluppò originariamente all’interno, fra il torrente e la montagna sovrastante, sulle ultime propaggini dei Peloritani che in quella zona degradano verso il mar Ionio dove oggi sorge la marina di Giampilieri. Le popolazioni rivierasche in passato si insediavano tra le colline e le valli soprattutto allo scopo di sfuggire alle incursioni saracene.

In seguito, parte della popolazione preferì spostarsi verso il mare, dove maggiori erano le possibilità di lavoro e più facili le terrazze a gradini R°comunicazioni, con conseguente ‘gemmazione’ del vecchio centro (fenomeno frequente in queste zone, vedi Briga superiore/Briga marina; Mili superiore/ Mili marina ecc. ). Sin dall’antichità le colline venivano terrazzate a gradini con muri in pietre sovrapposte che avevano la funzione di salvaguardare il terreno e fare defluire l’acqua in modo graduale. Erano lavori ben fatti che hanno impedito nei secoli frane e tragedie. Le colline, trattenute fra l’altro da agrumeti, vigneti e uliveti attraverso i terrazzamenti, non rischiavano di franare. Oggi, su quelle colline, gli incendi, la scarsa vegetazione, la mancata cura dei terrazzamenti hanno determinato, come ormai purtroppo è noto a tutti, un impoverimento dello strato superficiale del terreno, quello cioè in cui si saldano le radici degli alberi trattenendo la terra.

Le antiche popolazioni del luogo ci hanno lasciato una testimonianza linguistica significativa: i ‘pilastri di pietre’ erano una realtà importante già dall’antichità per la protezione del terreno, tanto da dare il nome alla nostra località.

Giampilieri nasce dalla ‘cultura della pietra’ e il suo nome racchiude in sé la storia antica di uomini che con poveri mezzi sapevano tutelare la loro terra e la vita.

 

Lucia Abbate

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 5, 2017 11:09

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 434:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login