MESSINA – Presentato al Monte di Pietà il Progetto turistico religioso “Itinerari Mariani: tra fede, cultura, arte e tradizioni”

Redazione1
di Redazione1 maggio 16, 2017 15:43

MESSINA – Presentato al Monte di Pietà il Progetto turistico religioso “Itinerari Mariani: tra fede, cultura, arte e tradizioni”

Il prezioso patrimonio culturale che conferisce a Messina un’identità Monte Pietà Facciata ° Copiasegnata da una forte componente spirituale, denso di tante memorie storiche, tradizioni, luoghi sacri, Santuari, e una  particolare Devozione Mariana, costituisce certamente una premessa di grande potenzialità per trarre validi fattori di valorizzazione e rilancio di questa città. Una di queste possibilità (da noi sempre sostenuta), tanto congeniale, fra l’altro, con la vocazione turistica di Messina, così dotata di bellezza paesaggistica, è quella di promuovere lo sviluppo del turismo religioso, una realtà che mostra di essere in costante ascesa.

Pertanto, è di ottimo auspicio il progetto Gratia Plena – finanziato dall’Assessorato Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, diramato con il bando culto&cultura – “che intende promuovere in chiave turistica, e mettere in rete, tutti i santuari e i luoghi di fede e di arte nonché le tradizioni che legano il territorio dell’Arcidiocesi di Messina Lipari Tavolo relatori ° Copia 2S. Lucia del Mela alla devozione alla Santa Madre di Gesù”.

Il progetto – patrocinato dal Mibact e dalla Città Metropolitana di Messina, in collaborazione con l’Università, l’Arcidiocesi, le associazioni Bios e guide turistiche messinesi –  è stato presentato sabato scorso al Monte di Pietà durante il convegno “Itinerari mariani: tra fede, cultura, arte e tradizioni, organizzato dal consorzio Messina Tourism Boureau, presieduto da Gaetano Majolino, con Tao Scs (servizi per la cultura e lo spettacolo) di Giuseppe Ministeri.

Filppo Romano °Nell’intervento di apertura, il commissario straordinario Filippo Romano,  ha tenuto a precisare che lo stato ha l’obbligo di intervenire nello svolgimento di progetti di turismo religioso come questo, se collegati con territori caratterizzati da forti simbolismi  identitari.  Ha Sottolineato inoltre che questo tipo di progetti, a costo zero grazie ai fondi comunitari,  permettono di esportare con profitto le specificità che contraddistinguono un dato territorio.

Cesare Di Pietro °Nel suo elegante escursus espositivo, mons. Cesare Di Pietro, rettore del Seminario arcivescovile, ha ricordato, con ricchezza e coloritura di particolari  interessanti, la profonda devozione mariana che caratterizza Messina. Ha passato in rassegna fatti storici, tradizioni e antiche testimonianze, mettendo in evidenza la particolare disposizione territoriale dei più importanti Santuari mariani che fanno da corona alla città. Al cui centro domina  la sontuosa Cattedrale, intitolata a Santa Maria Assunta, ma la cui principale attività devozionale è dedicata alla Madonna della Lettera, quale Protettrice di Messina, riconosciuta tale in tante altre città, anche fuori del nostre Paese.  Ora, “questa antica tradizione della Madonna della Lettera” – ha continuato don Cesare –  “al di là della storicità della vicenda e dell’autenticità dello scritto, ci consegna un tratto identitario della nostra storia ecclesiale e civile da non trascurare, che attiene a quelle profonde radici cristiane e mariane su cui si saldano alcuni dei valori più nobili della nostra messinesità, di cui ci dobbiamo riappropriare”.

Padre Mario Magro, rettore del Santuario di S. Antonio e presidente del Collegamento  nazionale dei Santuari, ha sottolineato l’importanza che hanno i luoghi segnati da santità, in un periodo in cui si riscontra crisi di fede, per far Mario Magro °si che tante persone abbiano modo di attingere ai valori del sacro, attraverso un’esperienza che giova a soddisfare un’esigenza di religiosità autentica, unitamente al recupero del senso di identità di siti che hanno un significativo valore storico, artistico e culturale. Per cui, secondo padre Mario, i luoghi di particolare valore spirituale come i Santuari, rappresentano ancora dei punti di riferimento importanti non solo per il significato religioso che rappresentano ma anche per il fatto di essere dei centri di autentica civiltà.

Don Sergio Sirac.°Sull’importanza dell’identità di fede che deve legare tra loro luoghi, storia, tradizioni e arte, si è soffermato don Giuseppe Cassaro, preside dell’Istituto Teologico S. Tommaso, secondo cui deve esserci coerenza tra le proposte degli operatori turistici e le finalità spirituali delle esperienze che vengono richieste, tenendo conto che deve essere sempre adeguatamente curata  la conoscenza del patrimonio religioso da visitare.

A porgere il saluto dell’Arcivescovo, impedito a partecipare da impegni improrogabili, è stato don Sergio Siracusano, responsabile diocesano dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro. Don Sergio ha anche tenuto a sottolineare che per la realizzazione di un progetto importante e complesso come questo, è fondamentale saper fare rete tra i partner cooperatori in modo efficace, se si vogliono ottenere risultati proficui.

 

 

A Majolino

 

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 16, 2017 15:43

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 162:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login