Rita Fleres, una poetessa vera

Redazione1
di Redazione1 dicembre 3, 2016 00:36

Rita Fleres, una poetessa vera

La poesia di Rita sgorga spontanea come acqua viva dalla fonte inesauribfiori-di-cartaile della sua ispirazione, e ha il grande dono di coniugare in modo armonioso la stupenda musicalità dei versi, con la profonda espressività concettuale dei vissuti emotivi e sentimentali.

La raccolta di versi titolata “Fiori di carta”, presenta in modo felice e suadente un linguaggio espressivo interiore che fa parlare all’unisono mente, cuore e anima. Manifesta una vena poetica ricca di richiami e suggestioni emozionanti, ma anche un mondo palpitante e segreto, tenuto per tanto tempo nascosto a causa di forte pudore a difesa dei propri sentimenti, che ora, dischiudendosi, rivela tratti di umanità, sensibilità, affettività e spiritualità, che fluiscono limpidi, sinceri e avvincenti attravarso un’emissione lirica semplicemente incantevole.

Amuel

Alcune sue liriche:

                            

                           UN SALMO CANTA

Un Salmo canta/ “…all’aurora Ti cerco…”/ e dal profondo/ del mio essere,/ anch’io ogni giorno/ ti cerco Signore!/

per trarre linfa pura/ dalla palude triste/ della mia esistenza./

Lascia che la mia vita/ sia come l’aurora/ dopo una notte buia,/  senza stelle.

rita-fleres-3

 

                               GOCCIA DI LUCE

Una piccola goccia di luce come una lacrima dal cielo,

perfora la notte infelice dell’esistenza ed accende dolcemente la speranza mentre teneramente, risveglia la mia fede.

Goccia di luce che lo Spirito regala alla mia anima stanca riportandomi all’Amore infinito che non mi lascia mai.

                             UNA SCINTILLA

Signore,/ ho chiesto grazie/ prima che perdono!/

L’ansia delle domande/ mi lacerava il cuore./

Poi d’improvviso,/ nel buio fitto/ dello scoramento,/

una scintilla piccola/ di luce/ ha dato corpo/ a un nuovo sentimento: l’umiltà dolce e profonda/  dell’accettazione/come  mezzo supremo/ dell’0fferta/

e mute lacrime di gioia,/hanno lavato il cuore,/ ridandomi certezza/di tua misericordia.

__________________

PREGHIERA

Mani in preghiera 2 °La notte viene piano/leggera/ inavvertita/ed io/con occhi stanchi/sento/nell’ombra/i pensieri divenir reali/e le mani/chiare,/cercare nel buio/ quel gesto infantile/e rituale, della preghiera evocatrice./

Le pene del giorno/sopite e lontane, /sostituite/da nenie più note,/ricordi/emozioni/e poi/chiuso il dolore/nel cerchio del sogno.

__________________

Solo la poesia riesce a tradurre in parole evocatrici, ammalianti e liberatorie, affanni, gioie, speranze, dolori, e tutti quei moti interiori che altrimenti resterebbero chiusi per sempre nello scrigno segreto dei sentimenti. Queste deliziose liriche di Rita lo dimostrano assai bene.

Ninfea 3 °

ALI GRANDI

Ali grandi

leggere, accoglienti,

sospinte dolcemente

da zefiro antico,

mi sollevano

verso un infinito

agognato da sempre.

E il cuore si leva

e si eleva

fuori dalle angosce…

e si spegne il fuoco

della paura

e sorrido alla nuova

dimensione celeste.

COME CANDIDA NINFEA

Serenità

tanto invocata

ti concedi

affiorando

come candida ninfea

dallo stagno cupo

del dolore:

ciascun petalo

è un lieve sorriso

e larghi cerchi

all’acqua manifesti

col tuo sbocciare

ed ogni cerchio

che si allarga

e cede

dona l’accettazione

senza più sofferenza.

RISVEGLIO

Senti
l’alba
della gioia
riderti
dentro,
sai che adesso
non tornerà
il buio
a scavarti
nere occhiaie
notturne,
trovi
divelte
nel sorriso
le sbarre
dell’anima
… ed
assapori
pienamente
nel respiro
di oggi
la tua libertà
di cantare
alla vita.

__________________________________________________

PERCHÈ

Nella sofferenza,
una stanchezza mortale
ti avviluppa.
Cerchi di aggrapparti
come un naufrago,
ai ricordi felici
ma l’oggi è amaro
e vorresti un evento
che ponesse sollievo
alle tue angosce.
Preghi, ma nel cuore,
l’ansia e la paura,
di concerto,
cercano di demolire la speranza.
Il sorriso non sgorga più
come acqua chiara
dalla sorgente
del tuo cuore,
lacrime silenziose,
amare e ardenti,
ti scavano solchi dentro.
Perché, ti chiedi, perché…?
Non c’è risposta umana.
Ma sai che in fondo
all’anima, la fede
ti donerà la pace
se solo chinerai il capo
e non chiederai più.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 3, 2016 00:36

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 146:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login