Francesco, la Slovacchia è chiamata ad essere “messaggio di pace nel cuore dell’Europa”

Redazione1
di Redazione1 settembre 13, 2021 22:58

Francesco, la Slovacchia è chiamata ad essere “messaggio di pace nel cuore dell’Europa”

Papa Francesco, dopo il primo giorno segnato dall’incontro con le realtà ecumeniche e da quello (privato) con i gesuiti nella sede della nunziatura, dà inizio ufficiale agli intensi giorni in terra slovacca con una visita al Palazzo Presidenziale, un incontro con la presidente Zuzana Čaputová, e poi il consueto discorso alla società civile. (AciStampa)

Nel suo discorso il Papa mette in rilievo che la Slovacchia quale terra di mezzo e luogo dell’Europa centrale e’ anche ponte tra Oriente e Occidente. Loda poi il fatto che 28 anni fa Repubblica Ceca e Slovacchia nacquero come Paesi indipendenti senza alcun conflitto, subito dopo la canonizzazione di Sant’Agnese. Una storia, dice il Papa, che chiama la Slovacchia ad essere “messaggio di pace nel cuore dell’Europa”, come suggerisce la striscia blu della bandiera che “simboleggia la fratellanza dei popoli slavi”.

Papa Francesco sottolinea anche la necessità di “fratellanza per promuovere una integrazione sempre più necessaria”, una fratellanza che “urge ora”, nel mondo del quasi post-pandemia, dove c’è anche il rischio di “lasciarsi trasportare dalla fretta e dalla seduzione del guadagno, generando un’euforia passeggera che, anziché unire, divide”.

Non basta la ripresa economica, sottolinea Papa Francesco, serve la solidarietà, per questo chiede che la Slovacchia sia esempio per una Europa che si distingua “per una solidarietà che, valicandone i confini, possa riportarla al centro della storia”. E ricorda anche che “la storia slovacca è segnata in modo indelebile dalla fede”, e auspica che questa fede aiuti ad “alimentare in modo connaturale propositi e sentimenti di fraternità” sull’esempio dei Santi Cirillo e Metodio, che predicarono quando il cristianesimo era unito.

Papa Francesco invita poi a riflettere sul pane che è stato “scelto da Dio per rendersi presente tra noi” ed è “essenziale”. Non solo: nel Vangelo il pane “viene sempre spezzato”, un gesto che “ci dice che la ricchezza vera non consiste tanto nel moltiplicare quanto si ha, ma nel condividerlo equamente con chi abbiamo intorno”. E aggiunge che “il pane, che spezzandosi evoca la fragilità, invita in particolare a prendersi cura dei più deboli”, e nota che “lo sguardo cristiano non vede nei più fragili un peso o un problema, ma fratelli e sorelle da accompagnare e custodire”.

Il pane “spezzato ed equamente condiviso – continua Papa Francesco – “richiama l’importanza della giustizia, del dare a ciascuno l’opportunità di realizzarsi” e per questo “è necessario adoperarsi per costruire un futuro in cui le leggi si applichino equamente a tutti, sulla base di una giustizia che non sia mai in vendita. E perché la giustizia non rimanga un’idea astratta, ma sia concreta come il pane, è da intraprendere una seria lotta alla corruzione e va anzitutto diffusa la legalità”.

E ancora, il pane è quotidiano, e “il pane di ogni giornata è il lavoro”, così “come senza pane non c’è nutrimento, senza lavoro non c’è dignità”. Sottolinea Papa Francesco: “Alla base di una società giusta e fraterna vige il diritto che a ciascuno sia corrisposto il pane del lavoro, perché nessuno si senta emarginato e si veda costretto a lasciare la famiglia e la terra di origine in cerca di maggiori fortune”.

Quindi, il sale ( al suo arrivo due bambini in abito tradizionale gli hanno offerto in segno di accoglienza, il pane, il sale e i fiori), “primo simbolo che Gesù usa insegnando ai discepoli” (Voi siete il sale della erra”, che “prima di tutto dà gusto ai cibi”. È un segno, per Papa Francesco, perché non bastano “strutture organizzate ed efficienti per rendere buona la convivenza umana, occorre sapore, occorre il sapore della solidarietà. Infatti, come il sale dà sapore solo sciogliendosi, così la società ritrova gusto attraverso la generosità gratuita di chi si spende per gli altri”.

 

Nota Papa Francesco: “È bello che i giovani, in particolare, vengano motivati in questo, perché si sentano protagonisti del futuro del Paese e lo prendano a cuore, arricchendo con i loro sogni e con la loro creatività la storia che li ha preceduti”. Sottolinea quindi che il sale “oltre che dare sapore, serve a conservare gli alimenti”, e augura “di non permettere mai che i fragranti sapori delle vostre migliori tradizioni siano guastati dalla superficialità dei consumi e dei guadagni materiali”, né dalle “colonizzazioni ideologiche”.

Il Papa ricorda che “in queste terre, fino ad alcuni decenni fa, un pensiero unico precludeva la libertà; oggi un altro pensiero unico sembra svuotarla di senso, riconducendo il progresso al guadagno e i diritti ai bisogni dell’individuo”. E così, “oggi, come allora, il sale della fede non è una risposta secondo il mondo, non sta nell’ardore di intraprendere guerre culturali, ma nella semina mite e paziente del Regno di Dio, anzitutto con la testimonianza della carità”.

Il Papa ricorda che la Costituzione “menziona il desiderio di edificare il Paese sull’eredità dei Santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa”, i quali “fecondarono con il Vangelo la cultura generando processi benefici”. “E’ questa la strada: non la lotta per la conquista di spazi e di rilevanza, ma la via indicata dai Santi, la via delle Beatitudini. Da lì, dalle Beatitudini, scaturisce la visione cristiana della società”.

I Santi Cirillo e Metodio hanno inoltre mostrato “che custodire il bene non significa ripetere il passato, ma aprirsi alla novità senza sradicarsi”. Sale della Slovacchia – aggiunge Papa Francesco – sono “scrittori, poeti e uomini di cultura”, che hanno avuto “vite passate attraverso il crogiuolo della sofferenza”, messi in carcere, rimanendo però “fulgidi esempi di coraggio, coerenza e giustizia” e sapendo anche perdonare.

“Ripartiamo dunque dal riconoscimento, è la conclusione, che siamo tutti fragili e bisognosi degli altri. Nessuno può isolarsi, come singoli e come nazioni”.

 

 

Redazione da Ag. di inf.

Redazione1
di Redazione1 settembre 13, 2021 22:58

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 155:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login