Afghanistan, Caritas Italiana: “aumentano le paure di mantenere una presenza nel territorio”

Redazione1
di Redazione1 agosto 19, 2021 20:01

Afghanistan, Caritas Italiana: “aumentano le paure di mantenere una presenza nel territorio”

La grave crisi in cui è piombato l’Afghanistan per la disfatta dell’esercito governativo e delle istituzioni, che nessuno aveva previsto così repentina e totale, con i talebani che si sono impossessati totalmente del Paese costringendo le missioni diplomatiche ad una fuga avventurosa, ha messo in condizione la popolazione afghana a ritrovarsi da sola a fronteggiare un futuro pieno di incognite.

(Acistampa) La Caritas italiana è costretta a rivedere il senso della sua presenza in un Paese dove è dagli Anni Novanta che opera sul territorio e dice quello che tutti temono, ovvero che potrebbe essere in forse la presenza stessa nel territorio, stanti gli ultimi sviluppi.

In un comunicato, Caritas Italiana afferma che “dopo una guerra di venti anni dai costi umani incalcolabili e da miliardi di Euro di spesa, il ritiro delle forze armate statunitensi sta lasciando il paese in un tragico baratro”, e che “come sempre saranno i più deboli a pagare il prezzo più altro, già in decine di migliaia in fuga dalle zone di combattimento, mentre i talebani sono ormai nella capitale, Kabul. Assieme al personale delle ambasciate, anche i pochissimi sacerdoti, religiosi e religiose che si trovano a Kabul si stanno preparando al rientro obbligato”.

Caritas ricorda l’appello di Papa Francesco all’Angelus del 15 agosto, e sottolinea che “la comunità cristiana è una comunità piccola ma significativa che negli ultimi anni ha testimoniato l’attenzione nei riguardi dei più poveri e fragili”.

C’è una sola chiesa in Afghanistan, ed è all’interno dell’ambasciata italiana. Fu costruita nel 1921 e affidata ai missionari barnabiti da Pio XI nel 1932. L’attuale cappella è stata costruita nel 1960. Se, infatti, c’era stata una prima presenza cristiana nel territorio già nei primi secoli della cristianità, questa fu spazzata via con l’Impero Ottomano. Ma quando l’Italia, nel 1919, fu la prima nazione a riconoscere l’indipendenza del Paese, l’Afghanistan chiese cosa potesse fare per ricambiare. L’Italia non chiese favori commerciali o privilegi particolari, ma la possibilità di costruire un luogo di culto, ampliando di fatto la libertà religiosa. La cappella è affidata alla missione sui iuris dell’Afghanistan, retta dai padri Barnabiti, che sono nel Paese dal 1934.

Proprio negli Anni Novanta, Caritas Italiana ha cominciato l’impegno in Afghanistan, e “nei primi anni Duemila, Caritas Italiana ha sostenuto un ampio programma di aiuto di urgenza, riabilitazione e sviluppo, la costruzione di quattro scuole nella valle del Ghor, il ritorno di 483 famiglie di rifugiati nella valle del Panshir con la costruzione di 100 alloggi tradizionali per le famiglie più povere e assistenza alle persone disabili.

Tra giugno 2004 e dicembre 2007, due operatori di Caritas Italiana si sono alternati nel Paese con l’obiettivo di coordinare e facilitare le attività in loco”.

Spiega Caritas che “attualmente l’ambito di attenzione principale è costituito dai minori più vulnerabili. Ma l’instabilità della situazione comporterà la sospensione di tutte le attività, mentre crescono i timori per la possibilità di mantenere una presenza anche per il futuro, oltreché per la sicurezza dei pochi Afghani di confessione cristiana”.

La speranza, lasciata in controluce, è che i Talebani diano seguito alla loro richiesta della collaborazione di tutti, anche delle ONG, per la ricostruzione dell’Afghanistan. Questo potrebbe permettere alle ONG dipendenti dalla Chiesa Cattolica di trovare ancora uno spiraglio per continuare a lavorare nel Paese. L’ambasciata italiana è stata comunque evacuata, e sono rimasti per ora solo i missionari. Nessuno ha intenzione di andare, per ora, ma c’è il rischio che anche la piccola presenza cattolica nel Paese sia spazzata via. La missione cattolica non è mai stata espulsa, nonostante l’Afghanistan nel corso di quest’ultimo secolo abbia subito vari stravolgimenti politici.

Caritas ricorda che “in queste ore una massa crescente di profughi sta fuggendo dalle zone di guerra, aumentando la pressione in direzione dei paesi circostanti. In Pakistan la Caritas da lunedì avvierà una valutazione della situazione nella regione di Quetta, ai confini con l’Afghanistan”, che “anche i paesi occidentali si troveranno a fronteggiare una pressione sempre maggiore di persone in fuga da questo paese, dove forse troppo frettolosamente l’occidente ha pensato di poter esportare delle ricette sociali”.

La speranza, per la Chiesa locale, è che si trovi un accordo di pace e si eviti di cadere al baratro della guerra civile, o che porti il Paese ad essere rifugio dei jihadisti dei Paesi vicini. Fonti locali sottolineano di confidare molto sulle pressioni dei paesi vicini (Russia, Cina, repubbliche ex-sovietiche, Pakistan, India, Iran), che hanno tutto l’interesse ad avere come loro vicino un Afghanistan pacificato. In effetti, la Russia non ha evacuato l’ambasciata, e sta cercando di stabilire un canale di dialogo.

 

 

Redazione da Ag. di inf.

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 19, 2021 20:01

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 146:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login