Mosul (Iraq): donne in bici da protagoniste per “riappropriarsi della città”. “Non più vittime dell’Isis””

Redazione1
di Redazione1 aprile 19, 2021 12:44

Mosul (Iraq): donne in bici da protagoniste per “riappropriarsi della città”. “Non più vittime dell’Isis””

A Mosul, pochi giorni fa, circa 40 giovani donne e ragazze curde, arabe, yazide, cristiane e musulmane hanno corso una maratona in bici, percorrendo i luoghi della distruzione da parte dei terroristi dell’Isis, in segno di riconquista di una città simbolo di violenza e devastazione dello Stato islamico che ne aveva fatto la propria capitale. Con la “Women’s Challenge Marathon”, queste donne hanno inteso così ribadire il loro impegno di ricostruzione dell’Iraq di domani, con il messaggio chiaro e forte espresso da una vivace maratona per affermare di voler essere “non più vittime ma protagoniste”.

Di fronte agli sguardi sorridenti delle ragazze che hanno aderito alla spigliata manifestazione, il terrore degli anni passati è sembrato tramutarsi solo in un brutto ricordo. Con le loro magliette colorate e il caschetto in testa, le giovani donne hanno percorso il tratto di strada che va dalla moschea di

Al Nouri – dove il califfo Al Baghdadi, il 29 giugno 2014, proclamò la nascita dello Stato Islamico – fino al centro antico della città, attraversandone le zone distrutte e bombardate, con case, chiese, moschee ancora in attesa di essere riedificate.

“È stato un modo per riappropriarsi della loro città”, spiega al Sir Mohamed Ambrisini, project manager di Upp (Un ponte per) in Iraq, l’ong che ha promosso l’evento assieme ad altre agenzie umanitarie e in stretto accordo con le autorità cittadine e il Governatorato locale.

“Mosul oggi è diventata il loro teatro, qui sta ripartendo la vita, qui stiamo intervenendo a loro fianco. Il sorriso delle partecipanti ha preso il posto del terrore di Daesh che sembra ormai solo un brutto ricordo. Ma non dobbiamo abbassare la guardia”, avverte il project manager di Upp. Anche per questo motivo la Women’s Challenge Marathon “non è una iniziativa isolata ma rientra in un quadro più ampio di progetti di coesione sociale messi in campo da Upp in sinergia anche con il Nineveh Peace Forum, una coalizione di organizzazioni della società civile locale”.

“Ci muoviamo affinché le donne scelgano di uscire dal silenzio e dal buio in cui erano relegate durante la dominazione dell’Isis e riprendano in mano la loro vita, diventando protagoniste attive della società irachena. Si tratta – aggiunge Ambrisini – di un lavoro che vuole cambiare il modo in cui le persone guardano alle donne, anche sopravvissute. Un vero e proprio cambio di narrativa. Ecco perché è stato importante mettere insieme donne curde, arabe, yazide, cristiane, musulmane. Le donne giocano un ruolo fondamentale nella costruzione della pace. Il loro messaggio è chiaro: ‘Noi ci siamo e siamo pronte a dare il nostro contributo fattivo e di idee alla ricostruzione del nostro Paese e della nostra società’”.

“Siamo testimoni da 30 anni di quanto le donne abbiano un ruolo da protagoniste nei processi di riconciliazione nei Paesi colpiti da conflitti. Supportarle è da sempre uno dei nostri obiettivi, specialmente in Iraq”, affermano da Upp che in Iraq ha aumentato i suoi servizi di contrasto e prevenzione alla violenza contro le donne. I casi di violenza, anche domestica, sono in crescita a causa dei lockdown e della reclusione forzata provocati dalla pandemia da Covid-19.

“Violenze – denuncia l’ong – perpetrate sulla pelle di donne che hanno perso casa, familiari, che sono state sfollate, che hanno già resistito al terrore di Daesh. Sono esauste e in moltissimi casi soffrono di patologie post-traumatiche”. Per questo Upp interverrà a Mosul per sostenere il Sistema sanitario nazionale nel fornire supporto psicosociale e servizi di salute (materna e infantile) alle donne che sono tornate nel governatorato di Ninive.

Nei prossimi 6 mesi è prevista la fornitura di servizi salvavita, diversificati in base all’età, per donne e ragazze sopravvissute alla violenza nel distretto di Mosul; servizi contro la violenza di genere, aiutando le persone ma anche le comunità più vulnerabili e colpite dalle violenze; sessioni di sensibilizzazione, prevenzione e risposta alla violenza di genere, individuali e di gruppo, che culmineranno in 5 grandi eventi sul tema.

 

 

Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 aprile 19, 2021 12:44

RSS aleteia

  • San Giovanni Paolo II, notissimo sconosciuto
    Il 18 maggio 2020 abbiamo commemorato il centenario della nascita di San Giovanni Paolo II. Leggendo gli innumerevoli articoli scritti su di lui, constatiamo un paradosso: pochi uomini del suo tempo sono stati tanto conosciuti e ammirati come lui, ma il suo messaggio è stato ancora poco approfondito. Un punto di svolta La facilità di […]
    Francisco Borba Ribeiro Neto
  • 3000 cristiani massacrati in sei mesi: la verità sulle stragi in Nigeria
    Cristiani in Nigeria nel mirino della “pulizia religiosa” di Boko Haram, Iswap e bande criminali affiliate. I numeri di omicidi, rapimenti, assalti sono spaventosamente al rialzo, se confrontati con quelli registrati appena dodici mesi fa (Il Sussidiario, 26 luglio).  3000 sequestri Il 18 luglio la ong nigeriana Intersociety Rule of Law ha pubblicato un aggiornamento […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Nadia Nespoli, mani e cuore per ravvivare i colori della devozione popolare
    Da venerdì 27 a domenica 29 Agosto 2021 ad Ardesio, in provincia di Bergamo, si svolgerà la seconda edizione del Festival Sacrae Scenae. È un evento speciale, nuovo perché antichissimo – si potrebbe dire. Si tratta di un festival cinematografico dedicato al culto della Madonna e alla devozione popolare. Così lo raccontano i promotori: L’obiettivo è […]
    Annalisa Teggi
  • Hidilyn Diaz vince l’oro e ringrazia la Madonna della Medaglia Miracolosa
    L’attesa di 97 anni delle Filippine per una medaglia d’oro alle Olimpiadi è finita dopo che Hidilyn Diaz ha trionfato nel sollevamento pesi femminile da 55 chilogrammi ai Giochi di Tokyo. Diaz è scoppiata in lacrime mentre registrava il suo sforzo per vincere la medaglia d’oro con un sollevamento complessivo di 224 chilogrammi. Il totale ha stabilito un […]
    Paola Belletti
  • Una chiesa di Londra invita i passanti a entrare di notte per incontrare Gesù (FOTO)
    Vicino al cuore della zona dei teatri di Londra, in un quartiere che una volta era la base operativa dell’industria del sesso della città, Soho Square ospita anche la chiesa cattolica di St. Patrick. Se la zona è stata riqualificata e ristoranti e wine bars hanno sostituito gli strip club, la gente che cammina vicino […]
    Zelda Caldwell
  • Come le Olimpiadi possono ispirarci a diventare santi
    Ogni quattro anni, il mondo si lascia affascinare dalle Olimpiadi, ammirando la perfezione fisica che ogni atleta ha raggiunto. San Giovanni Paolo II era un grande fan delle Olimpiadi, che riteneva offrissero grandi lezioni spirituali. Nel suo messaggio agli sportivi per il Giubileo del 2000, indicava le Olimpiadi come incoraggiamento per tutti noi nella nostra […]
    Philip Kosloski
  • Nancy e Patrick: «Il Rosario e Medjugorje hanno salvato il nostro matrimonio e le nostre vite»
    A Medjugorje, vicino alla collina delle apparizioni, una costruzione si distingue fra le altre. Tutti la chiamano “il Castello” – perché ricorda una dimora medievale in pietra – ed è stata costruita da una coppia canadese, Nancy e Patrick, quando hanno deciso di trasferirsi a tempo pieno a Medjugorje, lasciando rispettivamente una brillante carriera d’avvocato […]
    Anna Raisa Favale
  • Il giovane angelo che insegnò alle religiose la preghiera del breviario
    A volte è capitato che un angelo abbia insegnato una preghiera ad alcune persone. Sono documentate diverse apparizioni angeliche in cui i messaggeri celesti imparano come pregare: una di queste è accaduta in Francia nel corso del XVI secolo. San Pietro Fourier riunì alcune “buone ragazze” per fondare le Canonichesse di San’Agostino della Congregazione di […]
    don Marcello Stanzione
  • Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto il bambino nato da quella violenza
    Nel 2014, Jennifer Christie ha pubblicato una testimonianza lacerante: stuprata durante un viaggio di lavoro, è rimasta incinta dello stupratore, ha vissuto una tempesta emotiva brutale e in ogni momento ha contato su un sostegno deciso e magnanimo: quello del marito Jeff, che l’ha incoraggiata a dare alla luce il bambino innocente generato da quell’atto […]
    Jeff Christie
  • “L’idea di limite è molto educativa: non possiamo autodeterminarci in tutto”
    Jorge Bustos è opinionista del quotidiano El Mundo e uno degli autori di riferimento della stampa spagnola. Dotato di uno sguardo poetico che spesso si vede costretto a sacrificare, o subordinare, alla cronaca politica, quest’anno si è preso il piacere di lasciar andare a briglia sciolta la sua vocazione più puramente letteraria con Asombro y […]
    Vidal Arranz

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 144:
    • 152:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login