Parole, citazioni e tabù liberamente, durante l’oppressione da Covid-19

Redazione1
di Redazione1 marzo 20, 2020 20:05

Parole, citazioni e tabù liberamente, durante l’oppressione da Covid-19

L’espressione “ai tempi del coronavirus”, che oggi viene ripetuta in modo martellante, soprattutto nei mezzi di comunicazione di massa, nasce da un’assonanza traballante con il titolo del famoso romanzo L’amore ai tempi del colera”. Il soggetto è variabile: “la vita”, “la politica”, “l’arte”, “la spiritualità”, “ la cucina”… c’è di tutto “ai tempi del coronavirus”.

Sebbene non abbia niente a che fare con la splendida storia d’amore narrata da Gabriel García Márquez, né con il colera che, pur avendo mietuto milioni di vittime nel corso del XIX secolo, ha in comune con il “coronavirus” solo il fatto di essere di origine asiatica, il tormentone ha comunque un senso: quello di evocare, in modo subliminale, un concetto positivo e rassicurante come l’amore, per sdrammatizzare, in tempi così tragici, l’angoscia che stiamo vivendo.

La verità è che “ai tempi di” implica per noi come un salto nel futuro, quando finalmente ne saremo fuori, per ricordare, se tutto andrà bene, questo periodo che nessuno avrebbe mai pensato di vivere e l’atmosfera inquietante e surreale, in cui siamo stati catapultati improvvisamente, come dentro un terrificante film di fantascienza.

E vorremmo tutti già essere oltre, al momento in cui finalmente torneremo alla vita normale, per godere di ciò che prima sembrava una scontata quotidianità e che ora ci appare come un pezzo di paradiso.

Il virus ha avuto varie denominazioni: prima era 2019-nCoV, in quanto è stato identificato per la prima volta a Wuhan nel dicembre del 2019, poi SARSCoV2. Dall’11 febbraio ha preso la forma ufficiale, annunciata dall’OMS, di COVID-19 (Corona Virus Disease ). Attualmente si è creato un doppione: la forma tecnica COVID-19, utilizzata in ambito

 

scientifico e in quasi tutti i mezzi di comunicazione e Coronavirus dell’italiano colloquiale, diffuso nella lingua parlata in quanto più semplice dell’acronimo inglese: “corona” è una metafora del virus, per le

punte a forma di corona presenti nella sua superficie. È una parola italiana, che deriva dal latino corona(m), a sua volta dal greco korone, e nella lingua comune indicava e indica un ornamento di forma circolare, ornato di fronde, fiori o pietre preziose ed è simbolo di gloria o di vittoria: in pratica un “virus con la corona”. Gli scienziati trovano invece il termine coronavirus riduttivo e poco chiaro per indicare l’attuale malattia, in quanto non si riferisce solo al virus in questione ma alla famiglia dei coronavirus a cui appartiene: perciò è stato specificato anche l’anno della comparsa.

Secondo una guida pubblicata dall’OMS nel 2015, la comunità scientifica, nello scegliere il nome da dare alle malattie, deve evitare quello di aree geografiche, di culture e popolazioni (perciò il presente virus non va chiamato né cinese né asiatico), espressioni di contenuto crudo o sgradevole e persino i nomi di alimenti o di animali: in pratica che sia stato lo zibetto, il pipistrello, il serpente o il pangolino, per rispetto ad essi, nessuno di questi animali va nominato, anche se si scopre chi è l’ignaro colpevole dell’epidemia, in realtà innocente visto che è stato l’uomo a mangiarselo.

Non sappiamo se in futuro, quando l’epidemia sarà solo un ricordo, il nome sarà cambiato e quale prevarrà, forse si dirà semplicemente Covid, perché i parlanti da un lato amano le forme tecniche, più forti e dirette, dall’altro, per comodità, accorciano le espressioni complesse. Ricordiamo tuttavia che dire “il virus COVID-19” è una tautologia, come se dicessimo “ virus CORONA VIRUS DISEASE– 19”.

Come la parola “corona”, anche il termine “virus” è roba nostra, anche se i primi ad averlo usato sono stati i francesi, e deriva dal latino virus, che a sua volta proviene dal greco ios, entrambi con lo stesso significato di “veleno, umore velenoso”. Pertanto dire “corona /vairus/” con la pronuncia inglese è un ipercorrettismo inopportuno, qui in Italia; analogamente, la forma ipercorretta The Crown virus, che si trova online in qualche sito estero, non è ammessa, se non per qualche videogame che circola con questo nome. Coronavirus al momento va bene: è un nome che evoca qualcosa di diverso dalla realtà spaventosa che simboleggia e pertanto è più accettata dai parlanti.

È sempre successo con le malattie: pensiamo alla tubercolosi largamente diffusa nei secoli scorsi, quando si chiamava tisi (dal greco phtìsis “consunzione, deperimento”), nome che poi venne sostituito, nel linguaggio comune, dal più generico mal sottile, che alludeva alla magrezza di chi ne era affetto. Così come oggi non pronunciamo volentieri la parola cancro, ma diciamo piuttosto male incurabile, il brutto male.

Chissà, un giorno, fra le due definizioni, quella in cui appare la corona e quella in cui la corona è decurtata in CO, quale prenderà il sopravvento! Speriamo che corona (non quella virale) non diventi per sempre un tabù. L’assonanza con l’omonima birra, com’è noto, ha creato danni di miliardi allo storico marchio messicano, soprattutto in Cina, ma anche negli Stati Uniti e in Europa dove sono crollate le vendite, non appena si è diffusa la malattia. Il messaggio inconscio era questo: “dite Corona e vi contagerete, se poi la Corona la berrete, entrerà direttamente nel vostro corpo”.

L’uomo è portato ad attribuire alla lingua un valore magico ed evocatore della realtà, dimenticando che la parola è solo un simbolo e pertanto innocua.

Anche i nostri lontani antenati hanno temuto le influenze virali come mostruosi effluvi mortali, che avrebbero sterminato il genere umano. Ci sarà stato un momento, in occasione di una nuova malattia contagiosa, che si presentava con febbre e tosse e poteva causare la morte, in cui occorreva trovarle un nome particolare per designarla, perciò utilizzarono una parola latina, che fu la lingua della scienza per secoli, scegliendo influentia dall’espressione ab occulta coeli influentia (XIII sec.), malattia causata “da un’occulta influenza del cielo”. Il nome influenza è rimasto, l’origine dell’attuale morbo è ancora un mistero.

Coraggio! se ne liberarono i nostri avi, ce ne libereremo anche noi.

Lucia Abbate

 

Redazione1
di Redazione1 marzo 20, 2020 20:05


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Niente sarà come prima ma le Tue parole, Signore, non passeranno
    Niente sarà come prima. E’ un bombardamento mediatico: ci prospettano scenari e futuro già compromessi, l’economia e il lavoro; e già laceranti lamenti, dopo la perdita di persone a noi care; il vuoto ci sovrasta e dopo un inno o un canto nei balconi, le iniziative di solidarietà non possono e devono crearci il vuoto […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Due gesti ribelli di San Francesco d’Assisi che non tutti conoscono
    L’elemosina e i briganti: due racconti ricavati dalle fonti francescane in cui esce fuori un Francesco sfrontato, ma dal cuore grande Gesti rivoluzionari, «ribelli», controcorrente. Il ribelle è infatti colui che dice di «no» a sistemi iniqui, perversi, accomodanti. Che rinuncia ai «sì» sporcati dal tornaconto personale o da compromessi che non rispettano le persone. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Coronavirus – Vademecum di sopravvivenza per genitori con figli in età prescolare
    Come trasformare in un periodo difficile in un momento di crescita Chi di noi con figli piccoli, trovandosi costretto a lavorare da casa, per un periodo tanto lungo, non sta rimpiangendo la routine dell’ufficio, l’aiuto delle nonne, delle babysitter…gli asili? Ebbene, ogni situazione per quanto drammatica possa sembrare, con lo spirito giusto e alcuni accorgimenti […]
    Silvia Costantini
  • Dichiarare il falso? In quarantena, non è solo un problema di coscienza
    Le indicazioni dell’avvocato, per non commettere reato Uscire di casa in questi giorni di quarantena, potrebbe rappresentare non solo un rischio per la propria e altrui salute, ma un vero e proprio reato, specie quando nell’autocertificazione (documento necessario per poter mettere piede fuori casa) non si dichiarano i veri motivi dell’uscita. D’altra parte è sempre […]
    Silvia Costantini
  • Comunicare la fede ai tempi del coronavirus: 10 lezioni imparate
    Internet diventa un vero aiuto per vivere la vita cristiana La crisi del coronavirus ha stimolato una reazione sociale, informativa e sanitaria senza precedenti. Stiamo scoprendo nuovi modi di relazionarci agli altri, di svolgere i compiti ordinari, di vivere una normalità diversa. Anche la vita cristiana ha dovuto adeguarsi a queste difficili circostanze.  Molte delle […]
    Juan Narbona
  • Nessuno vi tolga la fede o il desiderio di offrire questa crisi come sacrificio!
    di Alvaro Díaz Da alcune settimane stiamo assistendo a una realtà che ha sorpreso molti di questa generazione. Negli ultimi decenni è raro che si sia vista una situazione del genere: un’infezione che in poco tempo è diventata oggetto della preoccupazione di tutti. Ricordo che nei mesi precedenti consideravamo questa malattia lontana, confinata in Cina, […]
    Catholic Link
  • Ha salvato 7 bambini dall’annegamento in mare ed è poi morto stremato
    Pedro Manuel Salado de Alba ha dato la vita in Ecuador, dove assisteva più di 500 bambini nella scuola che aveva fondato a Quinindé Chiclana è una città costiera della provincia di Cadice, in Spagna. Il turismo ha reso la località un noto luogo di villeggiatura. A meno di 100 chilometri da lì si trova […]
    Dolors Massot
  • La preghiera di Papa Francesco per chi piange
    Nella Messa a Santa Marta, il Papa ha pregato per quanti sono nel dolore in questo tempo di afflizione. Nell’omelia ha ricordato che anche Gesù ha pianto: tante persone oggi piangono, chiediamo la grazia di saper piangere con loro Francesco ha presieduto questa mattina la Messa a Casa Santa Marta nella V Domenica di Quaresima. […]
    Vatican News
  • Se vi costa trovare Dio in mezzo a questa crisi, vi dico io dov’è
    di Fernando Merino Se vi siete chiesti dove sia Dio ora, questo post è per voi. Sono giorni molto difficili e strani per tutti. Sembra una serie di Netflix che non possiamo mettere in pausa. Il fatto di essere chiusi tra quattro mura inizia ad essere complicato. Le notizie ci spaventano, la paura di essere […]
    Catholic Link
  • Due giovani violoncellisti si esibiscono per una vicina anziana in autoisolamento…
    … che ha subito trasmesso l’evento ai suoi nipoti, anch’essi chiusi in casa in un altro continente Con milioni di persone chiuse in casa per evitare il contagio da coronavirus, la gente sta dimostrando creatività, decisione e compassione. Dai cantanti d’opera italiani che allietano i loro vicini alla finestra agli istruttori di fitness spagnoli che […]
    Cerith Gardiner

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 163:
    • 356:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login