Papa Francesco a Greccio ribadisce il valore del Presepe: “E’ come un Vangelo vivo”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 6, 2019 19:05

Papa Francesco a Greccio ribadisce il valore del Presepe: “E’ come un Vangelo vivo”

Arriva il Natale, e con esso arriva il presepe che ne dà una raffigurazione poetica e artistica ammirevole, insieme a un messaggio universale grandioso. Allestirne la rappresentazione tipicamente popolare e variopinta, non significa soltanto mettere in risalto, e visibile, il valore di un simbolo religioso della tradizione cristiana, ma anche della nostra identità culturale, storica e civica. Inoltre, il Presepe è anche segno emblematico del “valore della famiglia, della religiosità popolare, della concordia fraterna oltre che essere portatore di un messaggio di pace e di speranza”. E’ quanto ha  voluto ribadire personalmente Papa Francesco andando a Greccio, là dove, nel 1223, per la prima volta la Messa di Natale, celebrata in una grotta, fu arricchita dalla presenza di personaggi viventi. Il caloroso sostegno del Presepe, poi, Francesco lo ha trasmesso anche mediante una Lettera apostolica.      

“Non è importante come si allestisce il presepe, ciò che conta è che parli alla nostra vita”. Si conclude così la lettera apostolica sul presepe, firmata a Greccio da Papa Francesco. “È come un vangelo vivo”, il presupposto di una “bella tradizione” da sostenere e realizzare in famiglia, nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze. “Non possiamo lasciarci illudere dalla ricchezza e da tante proposte effimere di felicità”

“Sostenere la bella tradizione” del presepe: in famiglia, nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze. E’ l’invito contenuto nella lettera apostolica Admirabile signum, firmata dal Papa durante la sua visita a Greccio. Per il primo Papa a prendere il nome di Francesco, pellegrino nel luogo dove Francesco d’Assisi ha realizzato la prima rappresentazione della Natività della storia, il presepe “è come un Vangelo vivo, che trabocca dalle pagine della Sacra Scrittura. A fare il presepe “si impara da bambini”, ricorda il Papa: “Mi auguro che questa pratica non venga mai meno”, l’appello: “anzi, spero che, là dove fosse caduta in disuso, possa essere riscoperta e rivitalizzata”.

La notte di Natale del 1223 san Francesco, con la semplicità di quel segno, “realizzò una grande opera di evangelizzazione”, che consiste nel “riproporre la bellezza della nostra fede con semplicità. Greccio diventa un rifugio per l’anima che si nasconde sulla roccia per lasciarsi avvolgere nel silenzio”. Il presepe “suscita tanto stupore e ci commuove” perché “manifesta la tenerezza di Dio”, il creatore dell’universo che “si abbassa alla nostra piccolezza”. Fin dall’origine francescana il presepe è un invito “a sentire, a toccare la povertà che il Figlio di Dio ha scelto per sé nella sua Incarnazione. È un appello a seguirlo sulla via dell’umiltà, della povertà, della spogliazione, che dalla mangiatoia di Betlemme conduce alla Croce. È un appello a incontrarlo e servirlo con misericordia nei fratelli e nelle sorelle più bisognosi”.

Anche quando “la notte circonda la nostra vita”, “Dio non ci lascia soli, ma si fa presente per rispondere alle domande decisive che riguardano il senso della nostra esistenza: chi sono io? Da dove vengo? Perché sono nato in questo tempo? Perché amo? Perché soffro? Perché morirò?”. Così il Papa attualizza i vari segni del presepe. “Per dare una risposta a questi interrogativi Dio si è fatto uomo”, spiega: “la sua vicinanza porta luce dove c’è il buio e rischiara quanti attraversano le tenebre della sofferenza”.

“Gesù è la novità in mezzo a un mondo vecchio”, scrive Francesco. Gli angeli e la stella cometa “sono il segno che noi pure siamo chiamati a metterci in cammino per raggiungere la grotta e adorare il Signore”, come fanno i pastori dopo l’annuncio fatto dagli angeli. “A differenza di tanta gente intenta a fare mille altre cose, i pastori diventano i primi testimoni dell’essenziale, cioè della salvezza che viene donata”, commenta il Papa. “Gesù è nato povero, ha condotto una vita semplice per insegnarci a cogliere l’essenziale e vivere di esso”. Dal presepe, quindi, “emerge chiaro il messaggio che non possiamo lasciarci illudere dalla ricchezza e da tante proposte effimere di felicità. Maria e Giuseppe: insieme a Gesù Bambino, sono il centro del presepe, custodito nella grotta. “Maria è una mamma che contempla il suo bambino e lo mostra a quanti vengono a visitarlo”, è la Madre di Dio che “non tiene il suo Figlio solo per sé, ma a tutti chiede di obbedire alla sua parola e metterla in pratica”. Accanto a lei c’è San Giuseppe, “il custode che non si stanca mai di proteggere la sua famiglia”.

“ll cuore del presepe comincia a palpitare quando, a Natale, vi deponiamo la statuina di Gesù Bambino”, testimonia Francesco: “Dio si presenta così, in un bambino, per farsi accogliere tra le nostre braccia. Nella debolezza e nella fragilità nasconde la sua potenza che tutto crea e trasforma. Che sorpresa vedere Dio che assume i nostri stessi comportamenti: dorme, prende il latte dalla mamma, piange e gioca come tutti i bambini! Come sempre, Dio sconcerta, è imprevedibile, continuamente fuori dai nostri schemi”.

“I Magi insegnano che si può partire da molto lontano per raggiungere Cristo”, osserva il Papa: “Sono uomini ricchi, stranieri sapienti, assetati d’infinito, che partono per un lungo e pericoloso viaggio che li porta fino a Betlemme. Davanti al Re Bambino li pervade una gioia grande. Non si lasciano scandalizzare dalla povertà dell’ambiente; non esitano a mettersi in ginocchio e ad adorarlo”. “Non è importante come si allestisce il presepe; ciò che conta, è che parli alla nostra vita”,

l’invito finale: “Dovunque e in qualsiasi forma, il presepe racconta l’amore di Dio, il Dio che si è fatto bambino per dirci quanto è vicino ad ogni essere umano, in qualunque condizione si trovi”.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 6, 2019 19:05


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il monte Tabor, dove la gloria di Dio si è manifestata
    Il Tabor è una collina che gode fin dai più remoti tempi biblici di un’aura di mistero e di sacralità celebrata dai salmi. All’epoca dei Giudici (XII secolo a.C.) sarebbe diventato il luogo strategico di raccolta delle forze israelitiche contro i Cananei. Soprattutto, il monte Tabor sarebbe rimasto negli annali per la trasfigurazione di Gesù. […]
    Philippe-Emmanuel Krautter
  • Daba, la piccola miracolata senegalese
    Per salvare Daba Diouf, sei mesi e pochi giorni di vita da vivere, il cardinale Peter Turkson ha fatto appello a una vera e propria catena di solidarietà. Da Dakar fino a Roma, sono decine le persone – volontari e professionisti, laici e religiosi – che si sono messi a servizio della bambina. «Daba non […]
    Camille Dalmas
  • Bisogna essere sessualmente compatibili o è un mito?
    Tra le garanzie che cerchiamo perché il rapporto possa sopravvivere c’è il mito della compatibilità sessuale, un mito crudele e falso che sta provocando molti danni Mi riempiono di tristezza le storie in cui gli anni volano e le persone giovani (e che poi invecchiano) continuano ad avere una relazione dietro l’altra ma non hanno […]
    Małgorzata Rybak
  • Papa Francesco: l’essenziale della vita è il nostro rapporto con Dio
    Le malattie dell’anima vanno guarite e la medicina è chiedere il perdono. Papa Francesco lo dice alla messa mattutina a Casa Santa Marta commentando il racconto evangelico della guarigione del paralitico compiuta da Gesù. E’ giusto, afferma, curare le malattie del corpo, ma “pensiamo alla salute del cuore”? Ce ne dimentichiamo, e non andiamo dal […]
    Vatican News
  • Firenze, muore Niccolò Bizzarri dopo la caduta in carrozzina. “Ma non vi preoccupate, io sono pronto”
    Niccolò Bizzarri, studente universitario di Lettere antiche affetto dalla distrofia di Duchenne, è deceduto all’ospedale di Santa Maria Nuova dove era stato portato per essere medicato in seguito alla caduta nel centro della città. I suoi funerali si svolgeranno sabato 18 gennaio alle 14.30 nella basilica della Santissima Annunziata. A seguito di una brutta caduta […]
    Toscana Oggi
  • Grazie a Shira, 24 anni, i pellegrini a Betania possono «entrare in casa» di Lazzaro
    Il lavoro di questa giovane palestinese, laureata in architettura, farà sì che la devozione per il luogo dove abitarono Marta, Maria e Lazzaro possa essere vissuta come una vera esperienza: le è stato affidato il compito di trasformare le mappe degli archeologi in un edificio virtuale. Capelli castani lunghissimi e sorriso coinvolgente. Shira Shafie, 24 anni, […]
    ATS Pro Terra Sancta
  • Lui a pesca, lei con le amiche: nelle uscite separate deve esserci il “pareggio”?
    Due ore tu, due ore io, oggi la partita, domani però mi lasci il cinema con le amiche: attenzione, l’equilibrio e l'”ora d’aria” servono a ogni coppia, ma fare sempre i conti e mettere tutto sulla bilancia può essere estenuante e creare tensioni. Il dialogo e la consapevolezza degli equilibri che cambiano sono sempre fondamentali. […]
    Semprenews
  • Solo il perdono può guarirci da ciò che ci paralizza
    Se non perdoniamo siamo fermi, come quel paralitico: fermi nel rancore, fermi nella rabbia, fermi nel rimorso. Non riusciamo ad andare avanti a guardare alla vita senza amarezza. Solo perdonare davvero e perdonarci può guarire la nostra paralisi interiore e farci tornare a Cristo. Dopo alcuni giorni, Gesù entrò di nuovo a Cafarnao. Si seppe […]
    Luigi Maria Epicoco
  • I contatti con gli angeli di Renato Baron, il veggente di Schio
    In verità vi dico: l’opera non conoscerà mai tutta la sua grandezza; dovrà arrivare a tutti i confini della terra; essa è affidata alla schiera degli Angeli sacerdotali  Pietro Renato Baron nacque a Schio (Vicenza) il 7 dicembre 1932 ed è deceduto, sempre a Schio, il 2 settembre 2004, dopo lunga e dolorosa malattia. La famiglia […]
    don Marcello Stanzione
  • Nel 2019 l’Europa ha avuto una media di 5 attacchi al giorno contro simboli cristiani
    Uno studio ha registrato 3.000 attacchi a chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani, senza parlare di quelli alle persone Incendi, profanazioni, sacrilegi, furti e atti di vandalismo fanno parte del triste scenario di 3.000 attacchi contro chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani nel continente europeo solo nel 2019, in […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 214:
    • 237:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login