Papa Francesco a Greccio ribadisce il valore del Presepe: “E’ come un Vangelo vivo”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 6, 2019 19:05

Papa Francesco a Greccio ribadisce il valore del Presepe: “E’ come un Vangelo vivo”

Arriva il Natale, e con esso arriva il presepe che ne dà una raffigurazione poetica e artistica ammirevole, insieme a un messaggio universale grandioso. Allestirne la rappresentazione tipicamente popolare e variopinta, non significa soltanto mettere in risalto, e visibile, il valore di un simbolo religioso della tradizione cristiana, ma anche della nostra identità culturale, storica e civica. Inoltre, il Presepe è anche segno emblematico del “valore della famiglia, della religiosità popolare, della concordia fraterna oltre che essere portatore di un messaggio di pace e di speranza”. E’ quanto ha  voluto ribadire personalmente Papa Francesco andando a Greccio, là dove, nel 1223, per la prima volta la Messa di Natale, celebrata in una grotta, fu arricchita dalla presenza di personaggi viventi. Il caloroso sostegno del Presepe, poi, Francesco lo ha trasmesso anche mediante una Lettera apostolica.      

“Non è importante come si allestisce il presepe, ciò che conta è che parli alla nostra vita”. Si conclude così la lettera apostolica sul presepe, firmata a Greccio da Papa Francesco. “È come un vangelo vivo”, il presupposto di una “bella tradizione” da sostenere e realizzare in famiglia, nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze. “Non possiamo lasciarci illudere dalla ricchezza e da tante proposte effimere di felicità”

“Sostenere la bella tradizione” del presepe: in famiglia, nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze. E’ l’invito contenuto nella lettera apostolica Admirabile signum, firmata dal Papa durante la sua visita a Greccio. Per il primo Papa a prendere il nome di Francesco, pellegrino nel luogo dove Francesco d’Assisi ha realizzato la prima rappresentazione della Natività della storia, il presepe “è come un Vangelo vivo, che trabocca dalle pagine della Sacra Scrittura. A fare il presepe “si impara da bambini”, ricorda il Papa: “Mi auguro che questa pratica non venga mai meno”, l’appello: “anzi, spero che, là dove fosse caduta in disuso, possa essere riscoperta e rivitalizzata”.

La notte di Natale del 1223 san Francesco, con la semplicità di quel segno, “realizzò una grande opera di evangelizzazione”, che consiste nel “riproporre la bellezza della nostra fede con semplicità. Greccio diventa un rifugio per l’anima che si nasconde sulla roccia per lasciarsi avvolgere nel silenzio”. Il presepe “suscita tanto stupore e ci commuove” perché “manifesta la tenerezza di Dio”, il creatore dell’universo che “si abbassa alla nostra piccolezza”. Fin dall’origine francescana il presepe è un invito “a sentire, a toccare la povertà che il Figlio di Dio ha scelto per sé nella sua Incarnazione. È un appello a seguirlo sulla via dell’umiltà, della povertà, della spogliazione, che dalla mangiatoia di Betlemme conduce alla Croce. È un appello a incontrarlo e servirlo con misericordia nei fratelli e nelle sorelle più bisognosi”.

Anche quando “la notte circonda la nostra vita”, “Dio non ci lascia soli, ma si fa presente per rispondere alle domande decisive che riguardano il senso della nostra esistenza: chi sono io? Da dove vengo? Perché sono nato in questo tempo? Perché amo? Perché soffro? Perché morirò?”. Così il Papa attualizza i vari segni del presepe. “Per dare una risposta a questi interrogativi Dio si è fatto uomo”, spiega: “la sua vicinanza porta luce dove c’è il buio e rischiara quanti attraversano le tenebre della sofferenza”.

“Gesù è la novità in mezzo a un mondo vecchio”, scrive Francesco. Gli angeli e la stella cometa “sono il segno che noi pure siamo chiamati a metterci in cammino per raggiungere la grotta e adorare il Signore”, come fanno i pastori dopo l’annuncio fatto dagli angeli. “A differenza di tanta gente intenta a fare mille altre cose, i pastori diventano i primi testimoni dell’essenziale, cioè della salvezza che viene donata”, commenta il Papa. “Gesù è nato povero, ha condotto una vita semplice per insegnarci a cogliere l’essenziale e vivere di esso”. Dal presepe, quindi, “emerge chiaro il messaggio che non possiamo lasciarci illudere dalla ricchezza e da tante proposte effimere di felicità. Maria e Giuseppe: insieme a Gesù Bambino, sono il centro del presepe, custodito nella grotta. “Maria è una mamma che contempla il suo bambino e lo mostra a quanti vengono a visitarlo”, è la Madre di Dio che “non tiene il suo Figlio solo per sé, ma a tutti chiede di obbedire alla sua parola e metterla in pratica”. Accanto a lei c’è San Giuseppe, “il custode che non si stanca mai di proteggere la sua famiglia”.

“ll cuore del presepe comincia a palpitare quando, a Natale, vi deponiamo la statuina di Gesù Bambino”, testimonia Francesco: “Dio si presenta così, in un bambino, per farsi accogliere tra le nostre braccia. Nella debolezza e nella fragilità nasconde la sua potenza che tutto crea e trasforma. Che sorpresa vedere Dio che assume i nostri stessi comportamenti: dorme, prende il latte dalla mamma, piange e gioca come tutti i bambini! Come sempre, Dio sconcerta, è imprevedibile, continuamente fuori dai nostri schemi”.

“I Magi insegnano che si può partire da molto lontano per raggiungere Cristo”, osserva il Papa: “Sono uomini ricchi, stranieri sapienti, assetati d’infinito, che partono per un lungo e pericoloso viaggio che li porta fino a Betlemme. Davanti al Re Bambino li pervade una gioia grande. Non si lasciano scandalizzare dalla povertà dell’ambiente; non esitano a mettersi in ginocchio e ad adorarlo”. “Non è importante come si allestisce il presepe; ciò che conta, è che parli alla nostra vita”,

l’invito finale: “Dovunque e in qualsiasi forma, il presepe racconta l’amore di Dio, il Dio che si è fatto bambino per dirci quanto è vicino ad ogni essere umano, in qualunque condizione si trovi”.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 6, 2019 19:05


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Domenica delle Palme: tutorial per realizzare in casa i rami con i vostri bambini
    Prendete carta, forbici, colori, spillatrice… chiamate i bambini e mettetevi all’opera! Proprio ieri raccontavo a mia figlia Linda Maria che la prima messa a cui ha partecipato nella sua vita è stata quella della domenica delle palme di due anni fa. Glielo dicevo con un pizzico di nostalgia perché ora, con la pandemia in corso, non […]
    Silvia Lucchetti
  • Una quarentena per parlare con mia moglie
    La vita serena di una coppia che vive l’isolamento in casa per evitare il contagio del coronavirus Ricordo quando mi hai detto “Andiamo a salutare il sole” e ti ho accompagnata in giardino, dove hai chiuso gli occhi inspirando la brezza mattutina mentre io iniziavo a pensare alla fitta agenda che mi aspettava quel giorno. […]
    Orfa Astorga
  • Non tornano a casa per prendersi cura degli anziani
    Eroi che danno il meglio di sé. Uomini e donne mostrano in questi giorni tristi la loro umanità più luminosa Navighiamo in un mare di dubbi che ci tolgono la tranquillità. Stiamo soffrendo disorientati di fronte a una pandemia di dimensioni planetarie e non sappiamo dove stiamo andando. Incertezza, paura, la macchina produttiva che decelera […]
    Ignasi de Bofarull
  • “Veglierò su di te per quello che hai fatto”: le ultime parole all’infermiera che l’ha assistita
    Una signora ricoverata all’Ospedale San Luigi di Orbassano di Torino sta per morire a causa del Covid. L’infermiera le permette di salutare la sua famiglia tramite videochiamata dal suo cellulare. “Grazie, veglierò su di te per quello che hai fatto” le dice e poco dopo chiude gli occhi. Il sindaco di Volvera, un piccolo comune […]
    Silvia Lucchetti
  • Don Paolo, sull’auto del Comune, gira per i paesi a recitare il Rosario
    “E’ un modo per essere presente, per farmi sentire”. Un’iniziativa, molto utile al tempo del coronavirus, che è stata gradita dai fedeli “Passerò io, da solo, a portare la preghiera del Rosario! Voi, se volete, aprite le finestre e uscite sui balconi…” – ha scritto Don Paolo Padrini in un post sulla sua pagina Facebook. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Don Alberto Ravagnani: digiuna dal cellulare, torna libero! (VIDEO)
    Basta un’ora. Questo è l’esercizio che ci propone. Eh, dai, ma cosa vuoi che cambi? Prova. Tirarsi la zappa sui piedi: parlare di digiuno dallo smartphone e vivere di visualizzazioni? Certo, non siamo sprovveduti, dai. Aleteia “vive” sui social, con collegamenti più da mobile che da desktop, per giunta. Raggiungiamo milioni di persone con i […]
    Paola Belletti
  • 12 santi che vi faranno innamorare dell’Eucaristia
    La Messa ri-presenta l’unico sacrificio di Cristo, e celebrarla significa tornare misticamente nel Cenacolo e sul Golgota. L’effetto di questo mistero tuttavia non è un intimistico solipsismo, bensì il rafforzamento dell’unione ecclesiale (detta appunto “comunione”). In un momento gravemente critico anche sul piano spirituale è bene saper scegliere guide sicure. È degno di nota come […]
    Giovanni Marcotullio
  • “Cristo” di oggi: 4 storie di dedizione fino alla morte
    Álvaro Iglesias, Anas al Basha, Maximiliano Kolbe, Ignacio Echeverría: esistono ancora persone “normali” che danno tutto L’amore è sempre una scelta. Una scelta che coinvolge tutta la nostra vita. Nell’enciclica Deus Caritas Est, Papa Benedetto XVI segnala: “Siccome Dio ci ha amati per primo (cfr 1 Gv 4, 10), l’amore adesso non è più solo […]
    Luisa Restrepo
  • Breve preghiera per la guarigione spirituale
    Non dimenticate di chiedere a Dio di guarire la vostra anima e di riportare la pace nella vostra vita Se la salute del corpo è estremamente importante, quello che è ancora più vitale è la salute dell’anima. Il nostro destino eterno dipende dallo stato della nostra anima quando moriremo, e dal fatto di essere aperti […]
    Philip Kosloski
  • Un sacerdote ti ha bloccato su Facebook. Ha peccato di poca carità?
    Padre Gabriel Vila Verde: “Ogni profilo è privato. Appartiene a quel qualcuno che non può diventare un bersaglio” Sul suo profilo personale di Facebook, rete sociale in cui è piuttosto popolare tra i cattolici, padre Gabriel Vila Verde ha spiegato che è giusto bloccare le persone che non sanno comportarsi con rispetto e civiltà: “Lo […]
    Gabriel Vila Verde

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 5:
    • 278:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login