Nuovo studio sulla Sindone: “Non immagine di un defunto, ma di un vivo nell’atto di alzarsi”

Redazione1
di Redazione1 marzo 7, 2020 22:48

Nuovo studio sulla Sindone: “Non immagine di un defunto, ma di un vivo nell’atto di alzarsi”

Il dottor Bernardo Hontanilla Calatayud, dell’Università di Navarra, in Spagna, ha pubblicato sulla rivista Scientia et Fides un articolo inedito sulla misteriosa figura che in modo mai spiegato dalla scienza è rimasta impressa sulla Sindone di Torino. La tesi dell’esperto è che la figura non corrisponda a una persona inerte, come si pensava tradizionalmente, ma a una persona viva che si sta alzando.

“In questo articolo sono esposti vari segni di vita indicati dalla Sindone di Torino. Basandosi sullo sviluppo della rigidità cadaverica, si analizza la postura del corpo impressa sulla Sindone. La presenza di solchi facciali indica che la persona è viva. La Sindone di Torino mostra segni di morte e di vita di una persona che ha lasciato la sua immagine impressa in un momento in cui era viva”. Questa affermazione si inserisce in modo notevole nella dottrina sulla Resurrezione di Cristo e nelle proposizioni di altri esperti sul momento in cui l’immagine sarebbe rimasta impressa sul telo, come se corrispondesse a una radiazione sconosciuta, emessa dal corpo fino ad allora coperto.

“Nel corso di questo articolo, sono evidenziati una serie di segni impressi sulla Sindone di Torino che potrebbero giustificare il fatto che la persona avvolta nel sudario fosse viva al momento dell’impressione della sua immagine”.  Infatti, l’esperto ha registrato una “semiflessione del collo e una semiflessone asimmetrica delle articolazioni dell’anca, delle ginocchia e delle caviglie”. Le caratteristiche della posizione registrata nella Sindone non corrispondono alla rigidità che il corpo dovrebbe avere dopo essere stato tirato giù dalla croce”.

Posizione come per alzarsi

Le analisi hanno coinvolto test con “uomini tra i 30 e i 40 anni con corpo fenotipico atletico, alti tra 1,70 m e 1,80 m”. Quando è stato chiesto loro di alzarsi in una posizione simile a quella dell’uomo della Sindone, hanno mostrato “un dislocamento delle mani verso gli organi genitali nel flettere il tronco, una semiflessione della testa e l’appoggio di una pianta del piede con minore flessione della gamba e un grado di rotazione interna, come quella osservata nella Sindone”. Un’analisi più dettagliata della posizione evidenzia che nell’immagine non c’era rigidità cadaverica nelle membra superiori, il che è contraddittorio, visto che i muscoli delle braccia hanno sopportato una pressione maggiore durante la crocifissione.

“La postura rigida di un crocifisso implicherebbe avambracci e articolazioni del corpo in semiflessione tipica, come osservato in molti cadaveri”, ha ricordato Hontanilla, indicando che la posizione delle dita non corrisponde a quella che ci si aspetta da un cadavere. “È ragionevole che anche l’assenza dei pollici nella Sindone possa essere attribuita a segni di vita e non solo alla paralisi di un cadavere rigido”.

Volto vivo

Una prova di vitalità nell’immagine potrebbe essere percepita nel volto, con la “presenza di solchi nasogeniani, che separano i margini laterali del naso dalle guance) e nasolabiali, tra naso e labbra”: linee d’espressione provocate dall’azione dei muscoli e che scompaiono nei pazienti con paralisi facciale o dopo la morte. “In un cadavere recente, la muscolatura facciale si rilassa, i solchi scompaiono e la bocca si apre. È il momento iniziale della flaccidità post mortem”, ha dichiarato l’esperto, concludendo:

“La postura asimmetrica della semiflessione osservata nelle gambe, la semiflessione della testa e soprattutto la presenza dei solchi nasogeniani e la collocazione delle mani nella zona genitale potrebbero indicare che siamo davanti a una persona che sta iniziando il movimento di alzarsi”.

Un’analisi dei testi evangelici coerente con le prove della Sindone collocherebbe il momento in cui l’immagine è rimasta registrata “tra la prima veglia della domenica (dalle 19.00 alle 21.00 del sabato) e la seconda veglia (dalle 21.00 a mezzanotte), o al massimo all’inizio della terza veglia della domenica (da mezzanotte alle tre del mattino) del terzo giorno della morte”.

Autenticità della Sindone

Se la Sindone fosse falsa, le macchie di sangue e le altre caratteristiche verificabili avrebbero richiesto “una vera opera d’arte realizzata da una persona con minuziose conoscenze mediche, forensi e di processamento delle immagini su tessuti antichi”, e che fosse inoltre in grado di realizzare una falsificazione perfetta con le tecniche disponibili nel XIV secolo.

“Una seconda opzione, tenendo conto del racconto evangelico, è che si tratti di un panno appartenuto a un rabbino che venne sepolto in base alla tradizione ebraica dopo essere stato crocifisso e flagellato secondo la pratica romana. E possiamo aggiungere che l’immagine è stata impressa quando era vivo, visto che contiene segni statici propri di una persona morta ma anche segni dinamici di vita in contraddizione con la sequenza naturale dell’apparizione dei segni di rigidità cadaverica”.

L’esperto vede in questi segni l’apparente volontà di Cristo di registrare il miracolo. “Se la Sindone ha coperto il corpo di Gesù, è ragionevole pensare che sarebbe stato interessato a mostrarci i segni non solo della morte, ma anche della resurrezione, nello stesso oggetto. Analizzando i tempi trascorsi dalla morte alla resurrezione e seguendo il racconto evangelico, sembra che Gesù Cristo volesse morire in quel momento, coincidendo con il sacrificio degli agnelli nel popolo ebraico, calcolando un tempo sufficiente perché il suo cadavere sopportasse la corruzione. Insistiamo sul verbo ‘volesse’, perché Pilato stesso si sorprese per il fatto che non fosse morto molto presto”.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 marzo 7, 2020 22:48


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • I preziosi consigli di Madre Teresa per aspirare alla santità
    Pensate che non sarete mai in grado di raggiungere la santità? Dovrete ricredervi perché per toccarla con la punta delle dita, basta semplicemente rispettare qualche tappa importante. Spiegazioni con Madre Teresa di Calcutta. di padre Nicolas Buttet San Giovanni Paolo II aveva proposto la santità come programma pastorale per il III millennio cristiano con il […]
    Edifa
  • Il Papa sceglie “Vieni e vedi”. E chiede di comunicare come faceva Gesù
    Il 55° Messaggio per la Giornata delle Comunicazioni Sociali sollecita una comunicazione essenziale e più vicina alle persone “Vieni e vedi”. Queste parole dell’apostolo Filippo sono centrali nel Vangelo: l’annuncio cristiano prima che di parole, è fatto di sguardi, testimonianze, esperienze, incontri, vicinanza. In una parola, vita. Proprio quelle parole, citate nel Vangelo di Giovanni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Come vedere l’aspetto positivo dei nostri difetti quando ci fanno soffrire?
    La nostra vita è come scalare una montagna su strade che spesso non scegliamo, e oltre che mal equipaggiati lo facciamo passando per luoghi pericolosi Ciò che è certo è che nel corso della vita non possiamo eliminare né le nostre virtù, né i nostri difetti. Lungo il cammino troveremo delle pietre, e nel paesaggio […]
    Orfa Astorga
  • «Sono stato io, li ho uccisi perché erano troppo felici»
    L’invidia per la felicità altrui, questa la confessione di Antonio De Marco per il duplice omicidio di Lecce. Il movente di questo orrendo delitto ci interroga. È arrivata la svolta –  si dice così in gergo giornalistico – nel caso dei fidanzati uccisi a Lecce. Ma non è una svolta, cioé una di quelle curve […]
    Annalisa Teggi
  • La lotta di una coppia con due figli affetti da schizofrenia
    La testimonianza di Philippe e Charlotte, che prima si sono sentiti impotenti e poi hanno scoperto un tesoro nella malattia dei loro figli Philippe e Charlotte Franc, entrambi di 80 anni, genitori di quattro figli e nonni di nove nipoti, offrono oggi la testimonianza di tutta una vita. Una vita segnata da tante difficoltà e […]
    Mathilde De Robien
  • Sapete qual è stata la prima basilica dedicata a San Michele?
    Si trova alla periferia di Roma, e ha una storia poco nota “Micheleion”: così si chiamava la prima basilica dedicata a San Michele arcangelo, fatta costruire dall’imperatore Costantino e situata su una collina alla periferia di Roma, lungo la famosa Via Salaria, al settimo miglio, in quella che oggi è la zona di Castel Giubileo. […]
    Maria Paola Daud
  • Il Governo britannico finanzia un gioco sessuale per alunni dai 13 anni in su
    Devono citare atti sessuali che possono essere praticati con la combinazione delle parole uscite da due dadi lanciati insieme Tra gli “strumenti di educazione sessuale” che il Governo britannico ha finanziato perché siano usati nelle scuole c’è un “gioco” in cui gli adolescenti devono lanciare due dadi e discutere gli atti sessuali collegati ai termini […]
    Aleteia
  • S.Giovanni Paolo II, “La bottega dell’orefice” e il nostro amore
    Tra i tanti anniversari legati al pontefice polacco c’è anche questo: il sessantesimo della sua opera teatrale forse più famosa e senza dubbio più salutare per la vita matrimoniale. Il 2020 è l’anno del centenario della nascita di San Giovanni Paolo II La vita di Giovanni Paolo II è stata così ricca e il suo […]
    Teologia del corpo and more
  • Come San Girolamo faceva fronte ai suoi accessi d’ira
    Il santo era noto per il fatto di non avere freni e di esprimere commenti furiosi, ma il suo pentimento lo ha salvato L’ira è un sentimento, e in sé non è peccaminosa. È perfino possibile che possa spingerci a fare qualcosa di eroico e a sostenere chi viene perseguitato. È molto più semplice, però, […]
    Philip Kosloski
  • Si bandisca dal cuore umano l’invidia.
    Il terribile omicidio di Lecce mosso da una incredibile confessione dell’assassino: “Erano troppo felici, ero invidioso”. Una motivazione terrificante “Ho ucciso per invidia, perché erano felici”. Pianificando nei dettagli crudeli fino all’estremo la loro eliminazione e la loro definitiva evaporazione, scomparsa. Cancellare tutto. Ogni cosa di vita e bella. Non possiamo considerare ciò che è […]
    Don Fortunato Di Noto

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Italia-Vaticano: Roma, il 1° e il 2 ottobre un convegno sulla breccia di Porta Pia con il card. Parolin 30 settembre 2020
    Il 2 ottobre, alle 9, nella sala capitolare del chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva presso il Senato della Repubblica (piazza della Minerva 38), il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, terrà una prolusione sul tema “II 20 settembre nella memoria della Santa Sede”, nell’ambito del convegno internazionale di studi “La Breccia di […]
  • San Francesco: card. Bassetti, “non c’è nulla di più attuale della sua vita e del suo messaggio” 30 settembre 2020
    “Non c’è nulla di più attuale della vita e del messaggio di Francesco. Alcuni anni fa, nel corso di una catechesi, Benedetto XVI lo definì un ‘autentico gigante della santità’, che con la sua gioia ‘continua ad affascinare moltissime persone di ogni età e di ogni credo religioso’. Tra la gioia e la santità c’è […]
  • Coronavirus Covid-19: don Falabretti (Cei), “i ragazzi hanno toccato con mano la fragilità della vita” 30 settembre 2020
    “I nostri ragazzi hanno toccato con mano la fragilità della vita. Tocca a noi dare loro ascolto, cura, nuovi cammini e accompagnamento”: è quanto afferma don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile (Snpg) in una newsletter, diffusa oggi, in cui affronta il tema giovani e pandemia. Con il virus “è caduto […]
  • Papa Francesco: promulga i decreti per 7 nuovi santi e beati 30 settembre 2020
    Il Papa ha autorizzato ieri la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare i decreti riguardanti 7 nuovi santi e beati. Lo rende noto la Sala Stampa della Santa Sede. I decreti riguardano il miracolo, attribuito all’intercessione della venerabile Serva di Dio Gaetana Tolomeo, detta Nuccia, nata il 10 aprile 1936 a Catanzaro e ivi morta il 24 […]
  • Papa Francesco: lettera su San Girolamo, “modello di sinodalità” e di “inflessibile testimonianza della verità” 30 settembre 2020
    “Modello di sinodalità anche per noi, per i nostri tempi e per le diverse istituzioni culturali dela Chiesa”. Così il Papa, nella lettera apostolica “Scripturae Sacrae affettus”, definisce la figura di San Girlamo, nel XVI centenario della morte. “Imponente figura della storia della Chiesa”, caratterizzata dal “grande amore per Cristo”, prosegue il Santo Padre, che […]
  • Papa all’udienza: “guarire anche i virus socioeconomici”, ma con la “tenerezza” 30 settembre 2020
    “Il malessere c’era già, la pandemia l’ha accentuato”: per guarire non basta trovare una cura per il Covid-19, occorre curare anche “i grandi virus umani e socioeconomici”. Lo ha ribadito il Papa, che nella catechesi dell’udienza di oggi, pronunciata nel Cortile di San Damaso davanti a 500 persone, ha chiesto di non tornare alla “normalità”, […]
  • Pope at audience: “cure also socio-economic viruses”, with “tenderness” 30 settembre 2020
    “The malaise was already there: the pandemic highlighted it more”: we must find the cure not only for the coronavirus but also “for the great human and socio-economic viruses”, said the Pope in the catechesis of today’s general audience held in the Saint Damasus Courtyard, attended by 500 people. The Holy Father asked not to […]
  • Papa Francesco: a Studia Moralia, “andare alle periferie” 30 settembre 2020
    “La pandemia è una crisi universale. Tutto dipenderà dal come gli Stati programmeranno il post-Covid: se in modo umano, o se solo in modo tecnico, ossia se guarderanno prevalentemente allo sviluppo economico, finanziario, oppure se sceglieranno di ripartire dalle persone, che ovviamente valgono sempre molto di più di un semplice profitto o di un dato finanziario”. È quanto dichiara il Papa, […]
  • Delle Foglie (Mcl): “Il Movimento deve tornare a mettere al centro la dimensione ecclesiale” 30 settembre 2020
    “La guida di Mcl è stata del tutto inaspettata. Il Movimento ha attraversato una fase difficile con l’uscita del mio predecessore, Carlo Costalli, dopo vent’anni di governo. L’elezione è stata la prima a maggioranza nella storia del Movimento, con problemi durante il voto e dopo. Ho accettato per un servizio ecclesiale. Più condivisione, più partecipazione, […]
  • Papa Francesco: udienza, “ho firmato una lettera apostolica su San Girolamo” 30 settembre 2020
    Al termine dell’udienza di oggi, prima dei saluti ai fedeli di lingua italiana, il Papa ha annunciato di aver firmato oggi una lettera apostolica su San Girolamo, nel sedicesimo centenario della morte. “Un esempio di un grande padre della Chiesa, che ha messo la Bibbia al centro della vita della Chiesa”, lo ha definito Francesco. […]

Commenti recenti

     

    • 12:
    • 130:
    ottobre: 2020
    L M M G V S D
    « Set    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login