Papa Francesco: “la preghiera piccola e miracolosa che muove Gesù a compassione”

Redazione1
di Redazione1 gennaio 21, 2020 22:31

Papa Francesco: “la preghiera piccola e miracolosa che muove Gesù a compassione”

Se in tempi come quelli che stiamo vivendo, ci viene suggerita una preghiera speciale che ha il potere di ottenere un sicuro aiuto celeste, non c’e’ dubbio che vada subito colta al volo. Siamo infatti in una società minacciata da rischi globali e difficoltà locali, in cui  l’uomo di oggi è attanagliato da insicurezza e preoccupazioni esistenziali che proiettano visioni pessimistiche sul futuro. Se poi a tutto ciò si unisce il senso di impotenza rispetto alle possibilità di avere un aiuto sostanziale da parte di chi (politici, amministratori, autorità istituzionali), dovrebbe provvedere a costruire condizioni di benessere sociale, sembra non esserci altra chance che rivolgersi al buon Dio. E così Papa Francesco, con i suoi suggerimenti fraterni e intessuti di semplicità, viene in soccorso –  prendendo spunto dal Vangelo – e suggerisce la preghiera che ci può salvare dalla “lebbra” dei mali interiori, ma anche, si spera, di quelli provenienti dal mondo esterno in crisi, in via di crescente diffusione.

Il Signore ci è vicino, “la sua compassione prenderà su di sé i nostri problemi, i nostri peccati, le nostre malattie interiori”. Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, commentando il Vangelo che racconta la guarigione del lebbroso.

“Signore se tu vuoi, puoi”. E’ una preghiera semplice, “un atto di fiducia” e allo stesso tempo “una vera sfida”, quella che il lebbroso rivolge a Gesù per guarirlo. Una supplica che viene dal profondo del suo cuore e che racconta, allo stesso tempo, il modo di agire del Signore, all’insegna della compassione, “del patire con e per noi”, del “prendere la sofferenza dell’altro su di sé” per lenirla e guarirla in nome dell’amore di Padre. Papa Francesco, nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, si sofferma sull’episodio evangelico della guarigione del lebbroso, esortando a guardare alla compassione di Gesù, venuto a dare la vita per noi peccatori.

Il Papa pone l’accento sulla “storia semplice” del lebbroso che chiede a Gesù la guarigione. In quel “se vuoi” c’è la preghiera che “attira l’attenzione di Dio” e c’è la soluzione. “E’ una sfida – afferma Francesco – ma anche è un atto di fiducia. Io so che Lui può e per questo mi affido a Lui”. “Ma perché – si chiede il Pontefice – quest’uomo sentì dentro di fare questa preghiera? Perché vedeva come agiva Gesù. Quest’uomo aveva visto la compassione di Gesù”. “Compassione”, non pena, è un “ritornello nel Vangelo” che ha i volti della vedova di Nain, del Buon Samaritano, del padre del figliol prodigo.

La compassione coinvolge, viene dal cuore e coinvolge e ti porta a fare qualcosa. Compassione è patire con, prendere la sofferenza dell’altro su di sé per risolverla, per guarirla. E questa è stata la missione di Gesù. Gesù non è venuto a predicare la legge e poi se ne è andato. Gesù è venuto in compassione, cioè a patire con e per noi e a dare la propria vita. È tanto grande l’amore di Gesù che la compassione lo ha portato fino alla croce, a dare la vita.

L’invito del Papa è di ripetere “questa piccola frase”: “Ne ebbe compassione”, Gesù – spiega Francesco – “è capace di coinvolgersi nei dolori, nei problemi degli altri perché è venuto per questo, non per lavarsene le mani e fare tre, quattro prediche e andarsene”, è accanto a noi sempre.

“Signore se tu vuoi puoi guarirmi; se tu vuoi, puoi perdonarmi; se tu vuoi puoi aiutarmi”. O se volete, un po’ più lunga: “Signore, sono peccatore, abbi pietà di me, abbi compassione di me”. Semplice preghiera, che si può dire tante volte al giorno. “Signore, io peccatore ti chiedo: abbi pietà di me”. Tante volte al giorno, dal cuore interiormente, senza dirlo ad alta voce: “Signore se tu vuoi, puoi; se vuoi, puoi. Abbi compassione di me”.

Il lebbroso, con la sua preghiera semplice e miracolosa, è riuscito ad ottenere la guarigione grazie alla compassione di Gesù, che ci ama anche nel peccato. Lui non si vergogna di noi. “O, padre, io sono un peccatore, come andrò a dire questo…” Meglio! Perché Lui è venuto proprio per noi peccatori, e quanto più gran peccatore tu sei, più il Signore è vicino a te, perché è venuto per te, il più grande peccatore, per me, il più grande peccatore, per tutti noi. Prendiamo l’abitudine di ripetere questa preghiera, sempre: “Signore, se vuoi, puoi. Se vuoi, puoi”, con la fiducia che il Signore è vicino a noi e la sua compassione prenderà su di sé i nostri problemi, i nostri peccati, le nostre malattie interiori, tutto.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 21, 2020 22:31


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La “sfida d’amore” cattolica diventa virale su Instagram
    Non riuscirete a smettere di leggere queste storie d’amore dolci, divertenti e ispiratrici che le donne cattoliche stanno condividendo Una cattolica che scrive su Instagram, Stephanie Weinert, ha avviato un movimento virale in cui incoraggia le donne a condividere la storia di come hanno incontrato il proprio marito con #fridayintroductionsourlovestory. Avvertenza: non collegatevi a meno […]
    Theresa Civantos Barber
  • Down e modella, Sofia Jirau ha illuminato la Fashion Week di New York
    Sofia Jirau, giovane modella di Porto Rico, si è fatta notare durante una delle fashion week più prestigiose al mondo: portatrice di trisomia 21, lo scorso 10 febbraio ha brillato alla sfilata newyorkese della stilista Marisa Santiago. Slanciate, longilinee e gracili: così sono le modelle che siamo abituati a vedere sulle passerelle delle sfilate di […]
    Cerith Gardiner
  • Rocío e Rodrigo, gli adolescenti che hanno vinto il cancro sorridendo (FOTO)
    La coppia che ha creato la piattaforma Adolessence è diventata virale su Instagram raccontando la sua storia di superamento Rocío ha avuto stamattina un esame e deve studiare per un altro che ha tra due giorni. Non ha dormito affatto, e ha anche discusso con un’amica, ma non fa niente. Deve andare all’ospedale. Rodrigo le […]
    Javier González García
  • La lettera di Charles de Foucauld alle donne che perdono un figlio
    In una lettera datata 12 febbraio 1900 e redatta a Nazaret, dove viveva come eremita, il beato Charles de Foucauld consola la sorella minore, Marie de Blic, detta Mimì, che aveva appena perso il suo settimo figlio, Régis, dopo sole poche ore di vita. Mia cara Mimì, ho appena ricevuto la lettera che mi hai […]
    Mathilde De Robien
  • Aleksandra Soldatova: soffro di bulimia, mi fermo per curarmi. Anche questo è un risultato da podio
    La giovane ed eccellente atleta russa, dopo le voci che si sono rincorse sulla sua salute che la volevano addirittura scampata ad un tentato suicidio, confessa le proprie condizioni: soffro di bulimia, devo curarmi e farlo fino in fondo. Sport e disturbi alimentari non sono compatibili. Aleksandra Soldatova, star della ginnastica ritmica: “Soffro di bulimia. […]
    Paola Belletti
  • La Costituzione Italiana per una società più felice
    Al via “Dentro tutti”, la testata multicanale del pensiero positivo Chi pensa che la legge sia materia sterile e che abbia poco a vedere con la vita di ciascuno di noi, avrà modo di ricredersi, grazie al nuovo progetto “Dentro tutti”, iniziativa incentrata sui temi fondanti della Costituzione, al servizio del volontariato e del terzo […]
    Silvia Costantini
  • Demistificare il Vaticano II: quello che ha detto davvero il documento del Concilio
    Un nuovo libro supera l’ideologia e rivela l’opera del Concilio Vaticano II come ortodossia cattolica Conciliar Octet: A Concise Commentary on the Eight Key Texts of the Second Vatican Council, di Aidan Nichols, O.P., Ignatius Press, 2019. Oh, no! Non un altro libro sul Concilio Vaticano II! Se fossi stato il suo copy editor, “Oh, […]
    Russell E. Saltzman
  • Un angelo che scende dal cielo? Non è un fotomontaggio ed è un vero spettacolo
    Il fotografo inglese Lee Howdle è riuscito a catturare in uno scatto meraviglioso il fenomeno ottico molto raro della «gloria». Lee Howdle vive in Inghilterra ed è il direttore di un supermercato; in questi giorni si sta guadagnando l’attenzione dei media grazie alla sua passione per la fotografia. Sta facendo il giro del mondo lo […]
    Annalisa Teggi
  • Papa Francesco: essere cristiani significa accettare la via di Gesù, fino alla croce
    Il cristiano è colui che accetta la strada percorsa da Gesù per salvarci, e cioè la strada dell’umiliazione. Lo ha detto Papa Francesco nella Messa di questa mattina a Casa Santa Marta. Quando i cristiani, i sacerdoti, i vescovi e gli stessi papi non seguono questa via, ha affermato, sbagliano. E ha aggiunto: chiediamo la […]
    Vatican News
  • Sacerdote affetto da un tumore cerebrale offre la propria sofferenza per le vittime di altri presbiteri
    “Nel 2018 ho chiesto che, se era la volontà di Dio, mi permettesse di condividere in qualche modo la croce delle vittime degli abusi sacerdotali. Abbraccio questa croce volontariamente” Una pubblicazione su Twitter del 13 febbraio sta commuovendo gli Stati Uniti e non solo. Padre John Hollowell, 40 anni, dell’arcidiocesi di Indianapolis, ha reso noto […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 22:
    • 104:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login