Terremoto in Sicilia. Si valutano i danni alle pendici dell’Etna. Mons. Raspanti (Acireale): “La casa è un’esigenza primaria”

Redazione1
di Redazione1 gennaio 11, 2019 19:21

Terremoto in Sicilia. Si valutano i danni alle pendici dell’Etna. Mons. Raspanti (Acireale): “La casa è un’esigenza primaria”

Alla ripresa della quotidianità dopo il periodo festivo, il vescovo di Acireale, mons. Antonino Raspanti, si sofferma a valutare lo stato delle cose nei luoghi colpiti dal sisma del 26 dicembre: Ci sono prima di tutto le persone, con le loro esigenze e le loro difficoltà legate in primo luogo alla casa, e ci sono anche le difficoltà della Chiesa e dei parroci”.

“Dobbiamo fare i conti con grandi incertezze che, come è normale che sia, scoraggiano un po’ tutti. Per far fronte a questa situazione, ci si sta impegnando in una ricognizione dei danni più precisa e veloce possibile, che potrà aprire la via alla ricostruzione e alla ripresa”. Dopo le feste, quando la vita riprende i ritmi della quotidianità feriale, mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, fa il punto della situazione nelle zone ai piedi dell’Etna colpite dal sisma dello scorso 26 dicembre. “Ci sono prima di tutto le persone, con le loro esigenze e le loro difficoltà legate in primo luogo alla casa, e ci sono anche le difficoltà della Chiesa e dei parroci.

Per quanto riguarda le persone – dice mons. Raspanti -, la macchina della Protezione civile, pur con qualche piccolo disguido, funziona, ma non basta a frenare lo scoramento. Molte case sono rimaste in piedi, ma sono lesionate, anche gravemente”. C’è, dunque, ancora un forte disagio e, con la fine delle festività, cresce la voglia di far presto. “Le richieste di controllo degli immobili fioccano e le squadre, formate da Vigili del fuoco, Genio civile, Protezione civile e Comune, sono a un quinto rispetto alle richieste presentate. Non si sa quanto tempo sarà necessario e anche il dopo è incerto. Gli anziani e i pensionati riusciranno a ricostruire? E la ricostruzione – prosegue il presule – potrà avvenireneglistessi luoghi?”.

Le incognite sono tante e al disagio si aggiunge l’insicurezza. Il vescovo di Acireale racconta come “nella frazione di Aci Platani, la spaccatura lungo le strade e sulle case si è aperta 12 ore dopo la scossa. C’è stata gente che è rimasta bloccata in casa a causa delle crepe che si sono aperte lungo le pareti. Tuttora è possibile seguire le lesioni in un avanzare che taglia l’asfalto, raggiunge gli edifici tagliandoli a metà e prosegue oltre. Per cui proviamo tutti disagio, incertezza e ansia. In questo momento – per mons. Raspanti – l’emergenza non è solo né tanto il cibo, il vestito o l’alloggio, perché a queste prime necessità ha risposto lo Stato e, in parte, anche la Caritas: quella di Catania in prima persona, quella di Acireale tramite l’operato diretto di Agesci e Misericordie. Ma la casa è una esigenza primaria”.

 

Gli stessi sentimenti sono condivisi dai parroci, “anche loro rimasti sgomenti da quanto è accaduto”. Mons. Raspanti evidenzia che “insieme alle abitazioni, sono rimaste ferite chiese, canoniche e oratori. In alcune strutture i danni sono stati subito evidenti perché seri e strutturali. Richiederanno interventi lunghi e costosi.

In altre ci sono lesioni, ma occorre aspettare i sopralluoghi. Una squadra è al lavoro di continuo, insieme con la Soprintendenza, perché si tratta spesso di beni culturali ed artistici. Dove sono semplici distacchi di soffitti gessati o di stucchi, saranno riaperte al più presto. Ma gente – dice il vescovo – ci chiede di avere un posto in cui pregare”.

Il presule cita casi simbolo: “Ad Aci Platani pare che la Chiesa tenda a scivolare: il processo era già in corso, ma adesso ha subito

un’accentuazione. A Santa Maria la Stella, parrocchia di 6.000 abitanti, che già aveva una chiesa piccolissima costruita quando era solo un borgo, oggi non è neanche quella. Probabilmente faremo una grande tenda che ospiterà il culto. Per quanto? Per qualche mese? Per qualche anno? Ad Aci Catena tutte le parrocchie sono chiuse: un comune di 30.000 abitanti ha ormai una sola parrocchia che funziona. A Santa Venerina, solo due stanno riaprendo. Stiamo cercando di assicurare la celebrazione in posti alternativi”.

Così a Pennisi e Findaca, dove don Mirco Barillari, per le festività, ha celebrato messa all’interno di un plesso scolastico. Il campanile della sua chiesa è crollato, distruggendo anche la canonica e lasciandolo illeso solo perché il muro al quale era appoggiato il suo letto ha retto al colpo. “Dormo nella casa del clero, ad un quarto d’ora di distanza da Pennisi, ma – dice il sacerdote – praticamente vivo ospite delle famiglie della frazione. Loro hanno bisogno di una parola di conforto, di una presenza, ed io ho bisogno di loro: non voglio stargli lontano. Mi fermo nelle loro case, li ascolto e cerco di dare loro consolazione, come cerco di darla a me stesso. Anche io sono terremotato. Nei prossimi giorni – conclude – saremo anche in uno degli hotel che ospitano la maggior parte dei nostri concittadini. Condivideremo la cena e anche il Signore: chi vorrà, infatti, potrà celebrare messa con noi all’interno dello stesso albergo”.

 

 

 

Redazione da A. di I.

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 11, 2019 19:21

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 109:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login