Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15

Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Sono diverse e di varia entità le disuguaglianze che, per diversi gravi disagi, frammentano le fasce sociali nel mondo, facendo riflettere con amarezza su quanti sono nell’impossibilità di vivere pienamente certe festività, di speciale significato religioso e gioioso come quella del Natale. Ma la riflessione si fa consapevolezza assai dolorosa, se il momento festivo che per i cristiani merita di essere celebrato con sentimenti di gioia, viene invece trasformato addirittura nella orrenda condizione di poter essere trucidati a causa di persecuzione.      

Dalle tristissime notizie giunte alcuni giorni fa dalla Nigeria. Sono stati 11 i cristiani fucilati e decapitati nel giorno di Natale in una località imprecisata, mentre altri cristiani sono stati uccisi in una località imprecisata nel Nord Est del Paese. Attentati rivendicati dai miliziani dello Stato Islamico nella provincia dell’Africa Occidentale (Iswap), una fazione di Boko Haram particolarmente fedele al cosiddetto Stato Islamico. Una notizia che non è una sorpresa per don Mario Alexis Portella, Cancelliere dell’arcidiocesi di Firenze che ha studiato l’Islam, ha scritto un libro intitolato “Islam, religione di pace?” e tra luglio ed agosto dello scorso anno è stato nella regione di Maiduguri, nel Nord Est della Nigeria, a raccogliere storie e volti di quella che è una persecuzione dimenticata dai media.

Quando Boko Haram nel 2014 rapì 276 studentesse nigeriane, e l’attenzione del mondo era focalizzata sulla Nigeria, partì la campagna “Bring back our girls”. Ma nel febbraio 2018 c’è stato un nuovo rapimento, di cui pochissimi parlano. “Quello che sta succedendo in Nigeria – racconta ad ACI Stampa don Portella – è simile a un genocidio. Un genocidio nascosto, perché non viene data visibilità alla situazione in Africa, non ci sono gli stessi riflettori che ci sono sul Medio Oriente. Così, il genocidio, la persecuzione, stanno già succedendo”.

Nel suo soggiorno nel Paese, don Portella è stato accompagnato da un sacerdote dell’area che sta studiando Comunicazioni Sociali, ed è potuto arrivare, scortato dai militari, a visitare le scuole private cattoliche e “mostrare loro il mio supporto, incoraggiarli. Tutti sorridevano, portavano la croce”. Molte le storie, alcune terribili. “C’era una donna – racconta don Portella – che è stata rapita da Boko Haram tre anni fa allo scopo di farne la loro schiava sessuale. Stuprata da quattro uomini, era rimasta incinta. Ha dato il bambino alla luce, sebbene questo fosse considerato impuro. Ma lei ha trovato un modo di portare avanti il tutto, anche con l’aiuto del vescovo”.

La situazione in Nigeria è molto dura. Boko Haram è basato nella zona Nord Est del Paese, nella zona economicamente più vantaggiosa. “Sono molto attivi – sottolinea don Portella – continuano ad uccidere Si parla di loro perché sono musulmani, ma non si parla dei cristiani che vengono perseguitati”.

Don Portella ricorda che la persecuzione dei cristiani in Nigeria risale già al XIX secolo, sotto il califfato di Sokoto, mentre la Shari’a (la legge islamica) è stata ufficialmente stabilita nella regione nel 1999, e la violenza islamista è cresciuta da quando Muhammadu Buhari è stato eletto presidente nel 2015. Tra gli episodi di violenza dimenticati, don Portella ricorda “l’uccisione, lo scorso 1 agosto, di Padre Paul Offu nella Nigeria del Sud, per mano del gruppo islamico Fulani che Buhari ancora deve condannare come terroristi”. Una situazione che ha fatto paventare all’ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo la possibilità di un “genocidio in stile ruandese”. Don Portella ricorda anche il tempo che ha trascorso con “una donna il cui marito, Yohanna, è stato rapito da Boko Haram e poi ucciso. Anche questa, una storia di cui pochi parlano”.

Per don Portella, il problema sta proprio nella “shari’a”, che va ad indottrinare anche gli “Almajiri” ovvero gli emigranti che sono chiamati ad emigrare per causa di Allah e portare il suo messaggio. Per molti, questo sistema è “una attraente alternativa a mandare i propri figli nelle scuole statali, che costano soldi e buona parte delle scuole religiose in Nigeria forniscono istruzione gratuita. Ma gli Alamjiri devono prendersi cura dei loro bisogni quotidiani, in molti vanno a chiedere l’elemosina quando non studiano, e circa 7 milioni di Almajiri (sono dati del Consiglio per il Welfare di Nigeria) popolano le strade della Nigeria del nord, esposti a violenza, traffico di esseri umani, fame, mentre quelli che sopravvivono prendono lavori di basso livello. È un grande serbatoio per l’estremismo islamico”.

Don Portella non nega che ci siano anche musulmani tra le vittime di Boko Haram e dei Fulani, ma in quel caso il governo ha lavorato per aiutarli e ricostruire le case, mentre “i cristiani sono lasciati fuori al freddo” e viene anche loro “negato di costruire una chiesa, considerando che l’ultimo Certificato di Occupazione per una chiesa a Maiduguri risale al 1979”. Gli studenti cristiani poi non possono avere “curricula religiosi cristiani alle elementari e medie, e sono forzati a studiare l’Islam. Vengono anche loro negati lavori e promozioni in agenzie parastatali del governo”.

Questa discriminazione si unisce alle violenze, che hanno portato ad un vero e proprio eccidio: nel solo 2018, ci sono state almeno 1200 persone uccise e 200 mila sfollate a causa  della violenza islamica. Per questo, il massacro di Natale non è una sorpresa per don Portella. Piuttosto, sarebbe bene che i riflettori si accendessero anche sull’Africa, lì dove la persecuzione anti-cristiana è comunque fortissima. E non viene raccontata.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Sadfishing: una pericolosa tendenza sulle reti sociali
    Usare il dolore e la tristezza come metodo di approvazione fa tendenza tra i giovani Ricordo che alla scuola di giornalismo mi hanno insegnato una tattica comunicativa detta “falsità dell’appello alla misericordia”, che si verifica fondamentalmente quando una persona manipola i sentimenti del suo pubblico per sostenere un’argomentazione come valida (anche se non lo è […]
    Adriana Bello
  • Non trovi un senso? Alza lo sguardo…
    C’è Qualcuno nascosto lungo il cammino per il quale avanzo a fatica, e nella mia storia posso trovare il senso dei miei passi Non sono solo la morte e la malattia a infastidirmi e a inquietarmi. La vita stessa che ho davanti diventa un problema. Non so cosa fare della mia esistenza, non so come […]
    Carlos Padilla
  • “Ora è grande ed è libera di fare quel che le pare”
    Lo disse una mamma parlando con me di fronte alla figlia di 13 anni. Ero giovanissima pure io e avendo vissuto sulla mia pelle cosa significasse ricevere quel grande benestare libertario, rimasi impietrita dallo sguardo della ragazzina. Se c’è una cosa che non reggo, è la classica frase, che puzza un po’ di muffa,: «Ah, […]
    Sei di tutto più uno
  • Silvia Vegetti Finzi: non facciamo più figli, ma la colpa è anche nostra
    «la mia generazione ha sbagliato a non proporre una nuova idea di maternità alle giovani donne di allora, oggi ultra quarantenni.» Ammetto la mia ignoranza, non sapevo chi fosse Silvia Vegetti Finzi fino a ieri ma ciò che leggo in questa intervista comparsa sul Corriere della Sera cinque giorni fa è più che interessante. Per […]
    Paola Belletti
  • Decapitata una statua di Santa Teresa di Lisieux negli Stati Uniti
    Cosa sta succedendo nel Paese? L’autrice della “Piccola via” spirituale, la santa che ha scoperto che la sua missione nel cuore della Chiesa era essere l’amore, Santa Teresina del Bambino Gesù e del Santo Volto, Teresina di Lisieux, quella splendida monaca carmelitana che ha fatto piovere fiori sul mondo, è caduta vittima della barbarie che […]
    Jaime Septién
  • “Mio figlio non si scolla dagli schermi”
    7 consigli per educare nelle virtù di Silvana Ramos Poco tempo fa, il parental control che usiamo con i bambini in casa ci ha mandato il video che condivido oggi con voi. Si intitola «Tenemos que hablar», e dice tanto in un solo minuto! Vi raccomando di vederlo, è molto valido e apre la possibilità […]
    Catholic Link
  • Mamma, posso essere triste?
    Per un genitore vedere un figlio o una figlia triste sembra un fallimento, invece è un’emozione che non va nascosta. Il nostro compito è essere una presenza che abbraccia quel dolore. Uno dei tanti compiti dei genitori è insegnare ai figli la competenza emotiva, ossia trasmettere loro le capacità per esprimere, comprendere e regolare le emozioni. I […]
    Cristina Buonaugurio
  • L’assassinio violento di Willy e la tragedia dell’evaporazione del padre
    Qual è il katèchon, la forza a un tempo inibitrice e civilizzatrice che tiene a bada il maschio animale? È la figura del padre, una conquista recente (almeno per i lunghi tempi della storia) sorta dal controllo degli istinti. Il padre vuol dire disciplina, autocontrollo, organizzazione, prudenza, previdenza, progettualità, giustizia, pensiero astratto. Di Emiliano Fumaneri […]
    PEPEONLINE
  • Dio non sarà mai ingiusto, pensa solo in modo diverso da noi
    In alcune parabole evangeliche, il nostro pensiero umano tende a pensare che Dio a volte potrebbe essere ingiusto, ma Lui ha detto: “I miei pensieri non sono come i vostri pensieri” Dio ha un modo di pensare molto diverso dal nostro, come emerge chiaramente dalla parabola degli operai della vigna narrata nel Vangelo di San […]
    Mário Scandiuzzi
  • Brasile: passeggeri fanno una colletta durante un volo per aiutare una madre e il suo bambino malato
    Un video che immortala l’iniziativa solidale ha commosso gli internauti. Il piccolo è in cura per insufficienza cardiaca e soffio al cuore Un volo da Campinas a São José do Rio Preto, entrambe città all’interno dello Stato di San Paolo (Brasile), è stato caratterizzato da un’iniziativa spontanea di solidarietà diventata virale sulle reti sociali. In […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 125:
    • 118:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login