Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15

Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Sono diverse e di varia entità le disuguaglianze che, per diversi gravi disagi, frammentano le fasce sociali nel mondo, facendo riflettere con amarezza su quanti sono nell’impossibilità di vivere pienamente certe festività, di speciale significato religioso e gioioso come quella del Natale. Ma la riflessione si fa consapevolezza assai dolorosa, se il momento festivo che per i cristiani merita di essere celebrato con sentimenti di gioia, viene invece trasformato addirittura nella orrenda condizione di poter essere trucidati a causa di persecuzione.      

Dalle tristissime notizie giunte alcuni giorni fa dalla Nigeria. Sono stati 11 i cristiani fucilati e decapitati nel giorno di Natale in una località imprecisata, mentre altri cristiani sono stati uccisi in una località imprecisata nel Nord Est del Paese. Attentati rivendicati dai miliziani dello Stato Islamico nella provincia dell’Africa Occidentale (Iswap), una fazione di Boko Haram particolarmente fedele al cosiddetto Stato Islamico. Una notizia che non è una sorpresa per don Mario Alexis Portella, Cancelliere dell’arcidiocesi di Firenze che ha studiato l’Islam, ha scritto un libro intitolato “Islam, religione di pace?” e tra luglio ed agosto dello scorso anno è stato nella regione di Maiduguri, nel Nord Est della Nigeria, a raccogliere storie e volti di quella che è una persecuzione dimenticata dai media.

Quando Boko Haram nel 2014 rapì 276 studentesse nigeriane, e l’attenzione del mondo era focalizzata sulla Nigeria, partì la campagna “Bring back our girls”. Ma nel febbraio 2018 c’è stato un nuovo rapimento, di cui pochissimi parlano. “Quello che sta succedendo in Nigeria – racconta ad ACI Stampa don Portella – è simile a un genocidio. Un genocidio nascosto, perché non viene data visibilità alla situazione in Africa, non ci sono gli stessi riflettori che ci sono sul Medio Oriente. Così, il genocidio, la persecuzione, stanno già succedendo”.

Nel suo soggiorno nel Paese, don Portella è stato accompagnato da un sacerdote dell’area che sta studiando Comunicazioni Sociali, ed è potuto arrivare, scortato dai militari, a visitare le scuole private cattoliche e “mostrare loro il mio supporto, incoraggiarli. Tutti sorridevano, portavano la croce”. Molte le storie, alcune terribili. “C’era una donna – racconta don Portella – che è stata rapita da Boko Haram tre anni fa allo scopo di farne la loro schiava sessuale. Stuprata da quattro uomini, era rimasta incinta. Ha dato il bambino alla luce, sebbene questo fosse considerato impuro. Ma lei ha trovato un modo di portare avanti il tutto, anche con l’aiuto del vescovo”.

La situazione in Nigeria è molto dura. Boko Haram è basato nella zona Nord Est del Paese, nella zona economicamente più vantaggiosa. “Sono molto attivi – sottolinea don Portella – continuano ad uccidere Si parla di loro perché sono musulmani, ma non si parla dei cristiani che vengono perseguitati”.

Don Portella ricorda che la persecuzione dei cristiani in Nigeria risale già al XIX secolo, sotto il califfato di Sokoto, mentre la Shari’a (la legge islamica) è stata ufficialmente stabilita nella regione nel 1999, e la violenza islamista è cresciuta da quando Muhammadu Buhari è stato eletto presidente nel 2015. Tra gli episodi di violenza dimenticati, don Portella ricorda “l’uccisione, lo scorso 1 agosto, di Padre Paul Offu nella Nigeria del Sud, per mano del gruppo islamico Fulani che Buhari ancora deve condannare come terroristi”. Una situazione che ha fatto paventare all’ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo la possibilità di un “genocidio in stile ruandese”. Don Portella ricorda anche il tempo che ha trascorso con “una donna il cui marito, Yohanna, è stato rapito da Boko Haram e poi ucciso. Anche questa, una storia di cui pochi parlano”.

Per don Portella, il problema sta proprio nella “shari’a”, che va ad indottrinare anche gli “Almajiri” ovvero gli emigranti che sono chiamati ad emigrare per causa di Allah e portare il suo messaggio. Per molti, questo sistema è “una attraente alternativa a mandare i propri figli nelle scuole statali, che costano soldi e buona parte delle scuole religiose in Nigeria forniscono istruzione gratuita. Ma gli Alamjiri devono prendersi cura dei loro bisogni quotidiani, in molti vanno a chiedere l’elemosina quando non studiano, e circa 7 milioni di Almajiri (sono dati del Consiglio per il Welfare di Nigeria) popolano le strade della Nigeria del nord, esposti a violenza, traffico di esseri umani, fame, mentre quelli che sopravvivono prendono lavori di basso livello. È un grande serbatoio per l’estremismo islamico”.

Don Portella non nega che ci siano anche musulmani tra le vittime di Boko Haram e dei Fulani, ma in quel caso il governo ha lavorato per aiutarli e ricostruire le case, mentre “i cristiani sono lasciati fuori al freddo” e viene anche loro “negato di costruire una chiesa, considerando che l’ultimo Certificato di Occupazione per una chiesa a Maiduguri risale al 1979”. Gli studenti cristiani poi non possono avere “curricula religiosi cristiani alle elementari e medie, e sono forzati a studiare l’Islam. Vengono anche loro negati lavori e promozioni in agenzie parastatali del governo”.

Questa discriminazione si unisce alle violenze, che hanno portato ad un vero e proprio eccidio: nel solo 2018, ci sono state almeno 1200 persone uccise e 200 mila sfollate a causa  della violenza islamica. Per questo, il massacro di Natale non è una sorpresa per don Portella. Piuttosto, sarebbe bene che i riflettori si accendessero anche sull’Africa, lì dove la persecuzione anti-cristiana è comunque fortissima. E non viene raccontata.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Fatti bello come se andassi in chiesa! Consigli per prepararsi alla Pasqua in casa (VIDEO)
    Sarà sicuramente una Pasqua diversa, è vero, ma possiamo viverla al meglio attraverso i suggerimenti di don Alberto Ravegnani. All’inizio della quarantena abbiamo provato tutti un grande desiderio di preghiera, una forte ricerca di Dio, un bisogno profondo di parlare con Lui ed ascoltarlo. Attraverso i social e la tv abbiamo potuto recitare il Rosario, […]
    Silvia Lucchetti
  • Persone perbene: la più grande risorsa dell’Italia di fronte a questa crisi
    In tempi di coronavirus, parla l’imprenditore Sauro Pellerucci, ideatore del progetto: “Io Sono Una Persona Perbene” In questi giorni di grande crisi l’Italia reagisce offrendo la migliore versione di sé stessa, mostrando quel volto e quella forza che spesso sembravano essere sopiti.  Ed ecco che vediamo alla ribalta delle cronache tante storie di brave persone, […]
    Silvia Costantini
  • Camminate dove ha camminato Gesù nei giorni precedenti la sua crocifissione
    In questa Settimana Santa, fate dei tour virtuali di Gerusalemme, dal Giardino del Gestemani alla chiesa del Santo Sepolcro Ogni Settimana Santa, per avvicinarsi a Gesù nei giorni precedenti la sua crocifissione e la sua gloriosa resurrezione, i cristiani si riuniscono in chiesa per ascoltare le letture del Vangelo che descrivono la sua Passione. Quest’anno, […]
    Zelda Caldwell
  • Il ristorante è chiuso, ma la cucina è aperta per i poveri
    In ogni circostanza ciascuno può sempre decidere cosa fare del tempo che gli è dato: c’è chi ha unito in modo virtuoso la chiusura del proprio locale di ristorazione e il bisogno di chi si è ritrovato a patire la fame.  Si comincia a vedere gente che ha fame perché non può lavorare, perché non […]
    Annalisa Teggi
  • Inginocchiati di fronte al coniuge, ai figli e lavagli i piedi chiedendo perdono
    Chi è solo può farlo magari al telefono, con le persone più vicine. Credetemi, sarà un Giovedì Santo meraviglioso! “Approfittando del momento presente…”. Sono certo che oggi il Signore stupirà tutti noi. Viene nell’intimità del Cenacolo che sono le nostre case, si inginocchia dinanzi a noi e si dona sino alla fine per perdonarci e […]
    Don Antonello Iapicca
  • Stupefacente: l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci in carne ed ossa
    Il regista-creatore Armondo Linus Acosta ha unito il talento di tre italiani vincitori del premio Oscar per dare forma in un “quadro che vive” il capolavoro leonardesco sin nei suoi minimi dettagli. Come si è svolta l’Ultima Cena di Gesù? Anzi, come l’ha immaginata e dipinta uno degli artisti più grandi della storia, Leonardo da […]
    Jesús Colina
  • La Santa Messa nella Cena del Signore per il Giovedì Santo
    Le celebrazioni del Giovedì e Venerdì Santo, la Messa della Veglia e della Domenica: così tutto è stato ripensato per accompagnare i fedeli in tempo di pandemia Questo Giovedì Santo, Papa Francesco non presiederà la Messa del Crisma con i sacerdoti di Roma: la celebrazione si terrà a crisi finita. La Messa in Coena Domini, […]
    Aleteia
  • Il nemico numero uno sarà il neoliberismo
    Il mondo che verrà secondo l’economista Stefano Zamagni di Marco Bellizi   Nel “nuovo mondo” del dopovirus il nemico numero uno sarà il liberismo. E insieme ad esso, almeno in Italia, la burocrazia, l’ostinazione nel rifiutare il principio di sussidiarietà, la resistenza alle opportunità che la tecnologia ha dimostrato di poter fornire. Nonostante questo compito […]
    L'Osservatore Romano
  • Perché quest’anno la Settimana Santa sarà diversa
    Se ci saranno alcuni cambiamenti nella liturgia, molto resta uguale La Pasqua non cambia. A differenza di alcune feste della Chiesa che possono essere trasferite ad altri giorni, la celebrazione della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo è legata alla festa ebraica della Pasqua. Il nostro ricordo annuale di questi eventi sacri segue il cambiamento […]
    Padre Patrick Briscoe
  • Disegni di Gesù da stampare e colorare nella Settimana Santa
    Potranno aiutare i vostri bambini a contemplare l’Ultima Cena e le scene della Passione e Morte di Gesù I bambini amano molto colorare i disegni, e in questa Settimana Santa in casa potete stampare molte immagini tratte da Dibujos para catequesis che permetteranno loro di pregare mentre colorano l’Ultima Cena o il Giovedì Santo o […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 201:
    • 149:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login