Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15

Terre di persecuzione. Natale di sangue per i cristiani di Nigeria

Sono diverse e di varia entità le disuguaglianze che, per diversi gravi disagi, frammentano le fasce sociali nel mondo, facendo riflettere con amarezza su quanti sono nell’impossibilità di vivere pienamente certe festività, di speciale significato religioso e gioioso come quella del Natale. Ma la riflessione si fa consapevolezza assai dolorosa, se il momento festivo che per i cristiani merita di essere celebrato con sentimenti di gioia, viene invece trasformato addirittura nella orrenda condizione di poter essere trucidati a causa di persecuzione.      

Dalle tristissime notizie giunte alcuni giorni fa dalla Nigeria. Sono stati 11 i cristiani fucilati e decapitati nel giorno di Natale in una località imprecisata, mentre altri cristiani sono stati uccisi in una località imprecisata nel Nord Est del Paese. Attentati rivendicati dai miliziani dello Stato Islamico nella provincia dell’Africa Occidentale (Iswap), una fazione di Boko Haram particolarmente fedele al cosiddetto Stato Islamico. Una notizia che non è una sorpresa per don Mario Alexis Portella, Cancelliere dell’arcidiocesi di Firenze che ha studiato l’Islam, ha scritto un libro intitolato “Islam, religione di pace?” e tra luglio ed agosto dello scorso anno è stato nella regione di Maiduguri, nel Nord Est della Nigeria, a raccogliere storie e volti di quella che è una persecuzione dimenticata dai media.

Quando Boko Haram nel 2014 rapì 276 studentesse nigeriane, e l’attenzione del mondo era focalizzata sulla Nigeria, partì la campagna “Bring back our girls”. Ma nel febbraio 2018 c’è stato un nuovo rapimento, di cui pochissimi parlano. “Quello che sta succedendo in Nigeria – racconta ad ACI Stampa don Portella – è simile a un genocidio. Un genocidio nascosto, perché non viene data visibilità alla situazione in Africa, non ci sono gli stessi riflettori che ci sono sul Medio Oriente. Così, il genocidio, la persecuzione, stanno già succedendo”.

Nel suo soggiorno nel Paese, don Portella è stato accompagnato da un sacerdote dell’area che sta studiando Comunicazioni Sociali, ed è potuto arrivare, scortato dai militari, a visitare le scuole private cattoliche e “mostrare loro il mio supporto, incoraggiarli. Tutti sorridevano, portavano la croce”. Molte le storie, alcune terribili. “C’era una donna – racconta don Portella – che è stata rapita da Boko Haram tre anni fa allo scopo di farne la loro schiava sessuale. Stuprata da quattro uomini, era rimasta incinta. Ha dato il bambino alla luce, sebbene questo fosse considerato impuro. Ma lei ha trovato un modo di portare avanti il tutto, anche con l’aiuto del vescovo”.

La situazione in Nigeria è molto dura. Boko Haram è basato nella zona Nord Est del Paese, nella zona economicamente più vantaggiosa. “Sono molto attivi – sottolinea don Portella – continuano ad uccidere Si parla di loro perché sono musulmani, ma non si parla dei cristiani che vengono perseguitati”.

Don Portella ricorda che la persecuzione dei cristiani in Nigeria risale già al XIX secolo, sotto il califfato di Sokoto, mentre la Shari’a (la legge islamica) è stata ufficialmente stabilita nella regione nel 1999, e la violenza islamista è cresciuta da quando Muhammadu Buhari è stato eletto presidente nel 2015. Tra gli episodi di violenza dimenticati, don Portella ricorda “l’uccisione, lo scorso 1 agosto, di Padre Paul Offu nella Nigeria del Sud, per mano del gruppo islamico Fulani che Buhari ancora deve condannare come terroristi”. Una situazione che ha fatto paventare all’ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo la possibilità di un “genocidio in stile ruandese”. Don Portella ricorda anche il tempo che ha trascorso con “una donna il cui marito, Yohanna, è stato rapito da Boko Haram e poi ucciso. Anche questa, una storia di cui pochi parlano”.

Per don Portella, il problema sta proprio nella “shari’a”, che va ad indottrinare anche gli “Almajiri” ovvero gli emigranti che sono chiamati ad emigrare per causa di Allah e portare il suo messaggio. Per molti, questo sistema è “una attraente alternativa a mandare i propri figli nelle scuole statali, che costano soldi e buona parte delle scuole religiose in Nigeria forniscono istruzione gratuita. Ma gli Alamjiri devono prendersi cura dei loro bisogni quotidiani, in molti vanno a chiedere l’elemosina quando non studiano, e circa 7 milioni di Almajiri (sono dati del Consiglio per il Welfare di Nigeria) popolano le strade della Nigeria del nord, esposti a violenza, traffico di esseri umani, fame, mentre quelli che sopravvivono prendono lavori di basso livello. È un grande serbatoio per l’estremismo islamico”.

Don Portella non nega che ci siano anche musulmani tra le vittime di Boko Haram e dei Fulani, ma in quel caso il governo ha lavorato per aiutarli e ricostruire le case, mentre “i cristiani sono lasciati fuori al freddo” e viene anche loro “negato di costruire una chiesa, considerando che l’ultimo Certificato di Occupazione per una chiesa a Maiduguri risale al 1979”. Gli studenti cristiani poi non possono avere “curricula religiosi cristiani alle elementari e medie, e sono forzati a studiare l’Islam. Vengono anche loro negati lavori e promozioni in agenzie parastatali del governo”.

Questa discriminazione si unisce alle violenze, che hanno portato ad un vero e proprio eccidio: nel solo 2018, ci sono state almeno 1200 persone uccise e 200 mila sfollate a causa  della violenza islamica. Per questo, il massacro di Natale non è una sorpresa per don Portella. Piuttosto, sarebbe bene che i riflettori si accendessero anche sull’Africa, lì dove la persecuzione anti-cristiana è comunque fortissima. E non viene raccontata.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 4, 2020 20:15


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Addio al maestro Ennio Morricone
    Il grande compositore che ha accompagnato con la sua musica tanti grandissimi film si è spento a 91 anni in una clinica romana Aveva 91, ha composto quasi fino all’ultimo, Ennio Morricone romano e “romanista”, anzi lui diceva di essere “più romanista che musicista”, che per un maestro del suo calibro che ha passato tutta […]
    Lucandrea Massaro
  • “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente, ma non perdete la pace”
    Un messaggio di padre Gabriel Vila Verde per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati Padre Gabriel Vila Verde ha condiviso su Facebook un messaggio per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati: “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente. È normale ricordare le cose che ci segnano […]
    Gabriel Vila Verde
  • Cosa possono dirci della coppia i capricci dei figli?
    I disagi del figlio, le accuse, i problemi di coppia. Occorre avere uno sguardo curioso e cercare strade di crescita percorribili. Spesso i bambini sono il termometro della relazione dei genitori. Di Marco Scarmagnani Sebbene non sia lecito creare una relazione causa-effetto lineare tra malessere dei genitori e malessere dei figli (è una forma di […]
    Semprenews
  • Il progetto di un mondo nuovo
    Conversazione con il premio Nobel Muhammad Yunus, ideatore del microcredito Il vaccino contro il covid-19 deve essere dichiarato “bene comune globale” «Una volta che sapremo dove andare, arrivarci sarà molto più semplice». Muhammad Yunus, economista, premio Nobel per la pace 2006, ideatore del microcredito moderno, ha idee piuttosto chiare sul cosa fare in un mondo […]
    Andrea Monda
  • “Portala fuori, la sera”. E questo sarebbe un consiglio da grande seduttore?
    Certo. Perché non avete ancora letto “dove” vi consiglia di portarla, il grande maestro dell’anti-metodo di seduzione. “Yeah”, l’anti-metodo di seduzione written by Giuseppe Signorin Non spaventarti se a volte i consigli che ti do sembrano contraddirsi o sembrano contraddire lo spirito di un anti-metodo come questo, oppure se capita di ripetermi come un nonno […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Il Dio vero non è fermo, è in cammino!
    Abbiamo spesso un’idea statica di Dio. Nel vangelo di oggi invece lo vediamo in movimento: Gesù cammina dietro questo padre disperato. “«Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano sopra di lei ed essa vivrà». Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli.” In quel tempo, [mentre Gesù parlava,] […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Mentre Padre Pio subiva le tre prove più dolorose, accanto a lui c’era San Michele
    Riportiamo le testimonianze del frate di Pietrelcina sugli aiuti ricevuti dall’arcangelo Michele, suo “angelo custode”, in particolari momenti di sofferenza (e non solo) La presenza dell’Angelo Custode nella vita di Padre Pio da Pietrelcina (1887-1968) viene segnalata già da quando è un giovane sacerdote: il cappuccino non chiude mai la porta di casa ogni volta […]
    don Marcello Stanzione
  • Estasi e conversioni: così San Michele arcangelo parlava a Giuseppina Berettoni
    La mistica romana ha documentato numerose dialoghi con l’arcangelo. Questi le consigliava sopratutto come convertire efficacemente i miscredenti La Serva di Dio Giuseppina Berettoni nacque a Roma il 6 agosto 1875. Trascorse la più tenera età sotto la cura dei genitori: Cesare Berettoni ed Orsola Marini. A soli otto anni, ebbe il desiderio di ricevere […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La scintilla del lunedì – Respira
    Il nostro podcast: 3 minuti per cominciare la settimana con un’ipotesi di bene che fa luce. Eccoci alla seconda puntata di questo podcast appena nato. L’idea non è tanto quella di forzare l’entusiasmo per vincere la pigrizia del lunedì mattina. Piuttosto vogliamo fare insieme gli esercizi di allenamento per impegnarci a iniziare davvero. E questo […]
    Annalisa Teggi
  • 12 consigli per dare una dimensione profonda e spirituale alle vostre amicizie
    Il Cardinale John Henry Newman, studiando le relazioni amicali, ha scoperto vari metodi per creare ed intrattenere delle vere amicizie. Scopriteli senza più aspettare e imparate a coltivare le vostre amicizie. Filosofo, teologo, poeta, l’inglese John Henry Newman (1801-1890) ha coltivato l’amicizia durante tutta la sua vita. Quest’uomo, canonizzato da papa Francesco nell’ottobre 2019, aveva […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 109:
    • 185:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login