Adolescenti e cyberbullismo. Nasce la figura del “Difensore della cybervittima” che protegge dai prepotenti del web

Redazione1
di Redazione1 novembre 2, 2019 12:56

Adolescenti e cyberbullismo. Nasce la figura del “Difensore della cybervittima” che protegge dai prepotenti del web

 Purtroppo ultimamente si sente troppo spesso parlare di Cyberbullismo, il bullismo elettronico, un fenomeno sempre più diffuso in Italia che negli ultimi anni ha assunto nuove forme. Si tratta di azioni aggressive ed intenzionali (derisioni, insulti, offese, diffamazioni, violenze, ed altro) eseguite costantemente da una persona singola o da un gruppo. L’obiettivo è quello di far male o danneggiare un coetaneo che non può difendersi agevolmente. Vengono utilizzate tecnologie elettroniche, tra cui sms, mms, foto, videoclip, e-mail, istant messaging, siti web, chiamate telefoniche. Il cyberbullismo è ancora più devastante del bullismo classico in quanto può avvenire in modo molto invasivo  24h su 24 e sette giorni su sette; e perché la rete di Internet ne amplifica in maniera esponenziale il materiale che viene diffuso in tutto il mondo. Ora, data la necessità di predisporre efficaci protezioni verso simili aggressioni via Internet, nasce la figura del “Difensore della cybervittima”.

Creare uno “scudo” per chi subisce le prepotenze di “criminali del web” attraverso una nuova figura: il “Difensore della cybervittima”. L’iniziativa nasce da un’intesa tra la Società italiana di medicina dell’adolescenza, l’Associazione nazionale dei difensori civici italiani e Civicrazia, una rete di oltre 4mila associazioni che si occupa della tutela dei diritti della persona. “L’obiettivo – spiega al Sir il suo principale promotore, Giuseppe Fortunato, difensore civico della Regione Campania – è dare un amico a soggetti deboli, particolarmente fragili, che si trovano in situazioni terribili benché ci sia già una legge nazionale di contrasto al cyberbullismo (la legge 29 maggio 2017, n. 71) e molte altre a livello regionale”.

L’iniziativa risponde alla domanda concreta: che cosa fare? “Considerando che quella della vittima del cyberbullismo è una situazione da ‘pronto soccorso’, abbiamo pensato a uno strumento operativo, che suggerisce come comportarsi alle vittime. L’acronimo per le azioni necessarie è ‘Cerca’: consapevolezza, evitare il bullo, reagire, cancellare, aiuto”, spiega Fortunato.

Il primo passo, dunque, è “aiutare il ragazzo o la ragazza a prendere consapevolezza di quello che sta vivendo spingendo a chiedere un aiuto specializzato, perché serve saper rispondere in modo adeguato a episodi di cyberbullismo, tenendo conto pure delle diverse forme in cui si manifesta: ad esempio, flaming, ossia la violenza verbale e volgare; doxing, ossia la diffusione di informazioni private e personali; tricking, ossia carpire la fiducia della vittima”.

Poi, prosegue il difensore civico della Campania, “invitiamo la vittima a evitare il bullo: infatti, non ci si può illudere di redimerlo”. Ulteriore step è “far sapere alla vittima che è vietato diffondere in rete le notizie che la riguardano, vere o false che siano. Spesso gli adolescenti fragili, pensando che le offese contro di loro abbiano fondamento, si chiudono in se stessi vergognandosi. Ci sono troppi suicidi e, come ha scritto una delle ragazze che si è tolta la vita, le parole sono peggio delle botte. Noi vogliamo far capire che non c’è niente di cui vergognarsi, è necessario reagire, anche grazie a un rimedio pronto: chiedere la cancellazione di quelle notizie o di quelle foto al titolare del trattamento o al gestore scrivendo ‘Per la legge sul cyberbullismo cancellate subito’. Se entro 24 ore non fanno sapere nulla oppure se entro 48 non hanno cancellato, segnalare al garante della privacy (che provvede entro 48 ore)”.

L’ultimo passo è la richiesta di aiuto: “Per avere il nostro intervento basta inviare una mail a difensoredellacybervittima@gmail.com . In questo impegno chiamiamo a raccolta psicologi, psichiatri, medici, avvocati per costituire una task force al servizio delle cybervittime. Oltre al dramma dei suicidi – conclude Fortunato – non vogliamo sottovalutare le ferite profonde che non si rimarginano nei cuori delle vittime. In quel caso offriremo a chi ci contatta un ausilio permanente, con un approccio multidisciplinare. L’esperto diventa un ‘amico’ qualificato”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 2, 2019 12:56


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Le reti sociali diffondono presunti “segni visti nel cielo” durante la pandemia
    Le nuvole e il sole stanno simboleggiando qualche messaggio divino attraverso immagini impressionanti viste e condivise? Alcune fotografie condivise sulle reti sociali stanno richiamando l’attenzione di molti in questo momento di pandemia di Covid-19. Le immagini diffuse mostrano fenomeni visivi relativi alla forma delle nuvole e alle manifestazioni della luce del sole. Insieme alle immagini […]
    Aleteia
  • Maria cosparge di profumo i piedi di Gesù: l’amore vero sembra sempre uno spreco!
    Non si può capire nulla del messaggio di Gesù se si continua ragionare solo nell’ottica dell’utile. L’amore per sua natura è “inutile” cioè “gratuito”. Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Làzzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Làzzaro era […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Rinunciamo per ora alla confessione, chiediamo nel cuore il perdono di Dio
    Ognuno di noi può chiedere il perdono di Dio nel proprio cuore, se non c’è la possibilità di confessarsi, con il proposito di farlo appena possibile. Una norma del Catechismo a cui la Chiesa ci invita a fare riferimento in questi giorni di pandemia. Il Papa ha ricordato, qualche giorno fa, che ognuno di noi […]
    Toscana Oggi
  • San Rocco sfila insieme al prete, nelle strade vuote, per proteggere Serra Riccò
    Il paesino in provincia di Genova si affida ad una processione in solitaria con il santo che si invoca contro le epidemie. Iniziative anche in provincia di Alessandria, e a Noci, nel barese Originale iniziativa del giovane parroco di alcune comunità sulle alture di Serra Riccò, in provincia di Genova. In occasione della domenica delle […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Nonna Ada ce la fa! A 104 anni sconfigge il coronavirus e torna a recitare il suo Rosario
    Appena guarita, tra le prime cose che ha fatto questa super nonnina dalla grandissima fede, è stata la preghiera alla Madonna! A 104 anni, dopo due guerre, ha superato anche la battaglia contro il coronavirus. Ed è una delle più anziane sopravvissute al mondo a questa pandemia. La sua storia è ancora più eccezionale poiché […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 11 gioie nascoste della quarantena
    E non riguarda solo il fatto di stare tutto il giorno in pigiama! Molti sono ormai da giorni chiusi in casa per rispettare le misure di contenimento del contagio del COVID-19, e anch’io sono da tre settimane in isolamento nel mio appartamento con quattro figli tra i 12 e i 21 anni. È un’esperienza che […]
    Cerith Gardiner
  • La levitazione di Suor Candida di Gesù, trattenuta in aria dal suo angelo
    Un fenomeno straordinario per la santa spagnola, canonizzata da Benedetto XVI, riportato nelle testimonianze del suo processo di canonizzazione Juana Cipitria y Barriola nacque in Spagna a Berrospe il 31 maggio1845 e morì il 9 agosto1912 a Salamanca, fondatrice sotto il nome di Candida Maria di Gesù della congregazione delle Figlie di Gesù di Salamanca. […]
    don Marcello Stanzione
  • L’Angelus della domenica delle Palme. Il Papa: Stringiamoci spiritualmente a chi soffre
    Cari fratelli e sorelle, prima di concludere questa celebrazione, desidero salutare quanti vi hanno preso parte attraverso i mezzi di comunicazione sociale. In particolare, il mio pensiero va ai giovani di tutto il mondo, che vivono in maniera inedita, a livello diocesano, l’odierna Giornata Mondiale della Gioventù. Oggi era previsto il passaggio della Croce dai […]
    Aleteia
  • Omelia di Papa Francesco per la Domenica delle Palme
    “Davanti a Dio che ci serve fino a dare la vita, chiediamo la grazia di vivere per servire” Pubblichiamo di seguito l’omelia che Papa Francesco ha pronunciato in occasione della Domenica delle Palme, dopo la proclamazione della Passione del Signore secondo Matteo: * * * Gesù «svuotò se stesso, assumendo una condizione di servo» (Fil […]
    Sala Stampa della Santa Sede
  • Vivere in casa il Lunedì Santo
    Aleteia si mobilita per proporvi – col concorso della rivista Magnificat – di celebrare questo secondo giorno della Settimana Santa con una celebrazione della Parola di Dio. Indicazioni per l’uso: Se si è soli, è preferibile leggere semplicemente le letture e le orazioni della messa della domenica nel messalina e/o seguire la messa in televisione. […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 144:
    • 268:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login