Santa Pasqua 2019 – Mons. Giombanco (Patti messa crismale): “Le nostre comunità diven­ti­no luogo della comunione e strumento dell’edificazione del Regno di Dio”

Redazione1
di Redazione1 aprile 21, 2019 18:49

Santa Pasqua 2019 – Mons. Giombanco (Patti messa crismale): “Le nostre comunità diven­ti­no luogo della comunione e strumento dell’edificazione del Regno di Dio”

Alcuni passi dell’omelia pronunciata da mons. Guglielmo Giombanco nel corso della Messa Crismale del Giovedì Santo, per riflettere sul momento centrale della Pasqua in cui il Signore istituisce il sacerdozio e l’eucaristia.

“Con immensa gioia nel cuore eleviamo la nostra preghiera di lode al Signore per i doni del sacerdozio e dell’eucaristia. Due doni necessari alla vita della Chiesa e alla sua missione. In questa celebrazione si ravviva in noi la coscienza di essere popolo sacerdotale, rivolto al Padre per mezzo di Cristo nello Spirito Santo. Tali ci ha resi Cristo Signore, il quale ha fatto di noi «un regno di sacerdoti per il suo Padre Dio».

Per me, chiamato ad essere pastore di questa bella Chiesa, è sempre motivo di grande gioia e di crescita nella comunione fraterna vivere con voi, miei confratelli, momenti di comunione, di pre­ghie­ra, e di sincera amicizia.

In questo giorno ricco di significati e di sentimenti interiori rinnoviamo le promesse sacer­do­­tali. Con questo gesto vogliamo confermare la nostra fedeltà a Cristo e la nostra donazione alla Chiesa. Rinnovare significa rendere nuovo un atto di amore che ha segnato in modo indelebile la no­stra vita abilitandola ad essere dono nella sequela di Cristo, buon pastore.

Gli Oli che saranno benedetti tra poco significano l’unzione penetrante e trasformante dello Spirito che ci fa’ figli nel Battesimo, ci rafforza e conferma nella Confermazione e ci consacra popolo sacerdotale. E’ festa di tutto il popolo di Dio il quale quest’oggi fissa lo sguardo sul mistero dell’unzione che segna la vita di ogni cristiano a partire dal battesimo. Così dal Capo si diffonde in tutte le membra della Chiesa e si espande nel mondo il buon odore di Cristo. Il rito della benedi­zio­ne degli Oli quindi si fa richiamo al ministero sacerdotale.

Perciò la liturgia invita coloro che hanno ricevuto il sacramento dell’ordine, nei suoi vari gradi, a fissare la propria attenzione spirituale e a rinnovare la fedeltà al proprio impegno di ministri del Signore. E’ ciò che anche noi vogliamo fare in questo momento, aiutati dalla Parola proclamata e dalla liturgia che stiamo celebrando. . .

Consacrato dallo Spirito il Servo reca la lieta notizia di un anno di grazia da parte del Signore, un anno di favore divino che si attua mediante la liberazione da ogni male e la consolazione degli afflitti, il cui cuore spezzato è ora allietato dal canto della lode.

L’oggi non è soltanto una nota cronologica riguardante Gesù, ma è la novità della Sua persona e dell’azione salvifica che inizia con Lui e si prolunga nel tempo della Chiesa. Il divenire della Chiesa è un muoversi in Lui e sempre verso di Lui in un dialogo eterno di amore e di grazia.  Gesù dichiara di essere inviato per realizzare due compiti: evangelizzare i poveri e proclamare l’anno di grazia del Signore.

Come Gesù, anche noi, veniamo unti dallo Spirito per essere inviati. Colui che ci ha chia­ma­ti ci ha anche inviati. Egli fa sue le parole del profeta Isaia: «Lo Spirito del Signore è su di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato».

L’essere mandati, e non l’andare di nostra iniziativa e secondo i nostri progetti, caratterizza forte­men­te la nostra identità e la nostra storia di presbiteri. Dobbiamo amare veramente la nostra con­di­zio­ne di inviati perché solo così siamo ministri di un Altro, abbiamo la mentalità del servizio e riu­scia­mo a riporre la nostra fiducia non in noi ma in Colui che ci ha mandato nonostante le nostre po­ver­tà.

Amiamo veramente la nostra condizione di inviati custodendo nel cuore la gioia di essere scelti e di andare dove il Signore ci manda sapendo riconoscere che ovunque ci sono fratelli da amare e servire, che il Signore deve essere annunciato, in ogni luogo e vari modi, nella vita e nella storia degli uomini e delle donne che incontriamo nel nostro cammino.

Da soli, noi presbiteri, possiamo fare ben poca cosa, insieme e uniti ai fratelli delle comunità che ci sono affidate possiamo fare tanto. Solo così le nostre  comunità diven­ta­no luogo della comunione insieme segno e strumento della vocazione di tutti all’edificazione del Regno di Dio nella storia. Per questo desidero ricordarvi le indicazioni proposte nella mia lettera pastorale Come lievito nella pasta che sta guidando i passi dell’itinerario pastorale della nostra Chiesa.

A tutti rivolgo l’invito a non essere rinunciatari nel realizzare i vari ambiti pastorali proposti, ma ciascuno secondo i propri doni e carismi, con spirito di fede e con creatività pastorale, s’impegni ad attuarle. Uno stupendo mosaico si aprirà ai nostri occhi se ognuno porterà il proprio tassello e la nostra Chiesa sarà veramente bella e più ricca di doni di grazia perché in cammino sulle strade della comunione e del servizio evangelico.

A tutti: Presbiteri, consacrate, fedeli laici rinnovo la mia profonda gratitudine per il dono della vostra presenza e per i vari servizi e ministeri svolti nella nostra Chiesa, orientati a testimoniare la perenne validità del Vangelo al mondo d’oggi.

Rendiamo grazie a Dio che arricchisce la nostra Chiesa di doni attraverso cari­smi diversi”.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 21, 2019 18:49


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco ha autorizzato il miracolo: Carlo Acutis sarà beato!
    Attribuita all’intercessione di Carlo, la guarigione di un bambino brasiliano. In festa la Chiesa di Assisi, dove è sepolto: esultano tanti giovani suoi devoti Il 21 febbraio 2020, Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Cardinale Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Durante l’Udienza, il Sommo Pontefice ha autorizzato la medesima Congregazione […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Dove trovare la forza per porgere l’altra guancia?
    Tra le passioni che corrompono e gli animi che si infiammano, spesso possiamo desiderare la vendetta ed essere lenti a offrire misericordia Il 2 ottobre 2006, Charles Carl Roberts IV, guidato evidentemente da un rancore che si portava dietro da decenni, ha preso in ostaggio un gruppo di 11 ragazzine Amish in una scuola con […]
    Padre Patrick Briscoe
  • Ogni coro angelico ha un compito diverso: dai “sottomessi” ai “miracolosi”
    Ecco “cosa fanno” gli angeli in cielo, secondo quanto ci hanno tramandato le Sacre Scritture Gli spiriti celesti sono divisi in 3 gerarchie di cui ognuna è divisa essa stessa in 3 ordini differenti, che, dalla loro riunione formano quello che si chiama i nove cori degli Angeli. La prima gerarchia comprende i Serafini, i […]
    don Marcello Stanzione
  • Cos’è l’effetto dogville? Perchè il Papa lo “cita”?
    La «città del cane» non può non ricordare certi spazi online umanizzati, nei quali le sfumature lasciano il posto al bianco o al nero, a un’idea o al suo esatto contrario. Il “legame” con i migranti Una comunicazione più umana e meno violenta, più accogliente e meno discriminatoria. Ne parla Massimiliano Padula in “Comunica il […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il nuovo strumento della Chiesa cattolica per porre fine alla fame: il machine learning
    Il Catholic Relief Services ha testato il programma in uno dei Paesi africani più colpiti Quasi sette milioni di persone nella Nazione sudafricana dello Zimbabwe rischiano la fame per via della siccità prolungata e dell’aumento dell’inflazione. Lo scorso anno, il Famine Early Warning Systems Network (FEWSNET) ha predetto il peggioramento della siccità e della fame […]
    John Burger
  • Corto animato: dire addio quando c’è ancora amore è difficile, ma a volte è necessario
    di Silvana Ramos Anche a me è capitato di porre fine a una relazione con qualcuno che amavo molto, con cui avevo fatto dei progetti, sognato storie e progettato un futuro insieme. Terminare una relazione del genere è molto doloroso, ancor più quando non accade perché l’amore o l’affetto è scomparso, ma perché uno o […]
    Catholic Link
  • Come la vera umiltà porta ad avere più fiducia in se stessi
    Una persona umile è sorprendentemente più coraggiosa e sicura di sé, perché la sua forza non risiede in se stessa L’umiltà è una virtù a trabocchetto, perché spesso pensiamo che significhi dover avere un punto di vista negativo su se stessi. Pensiamo che la persona veramente umile sia quella che si nasconde timorosa in un […]
    Philip Kosloski
  • Martina Colombari: Dio mi ha insegnato a non alzare muri
    La showgirl racconta il suo rapporto con la fede e la famiglia a “io Credo” su Tv2000. “Ho imparato ad accettare quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno” «Ogni tanto chiedo a Dio ‘Dove sei? E perché stai facendo questo?’. Poi, dico ok, se è successo è perché doveva succedere, quindi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Una bottiglietta di acqua santa del Titanic conteneva un messaggio di arrivederci
    Jeremiah Burke, un irlandese di 19 anni, era a bordo del Titanic per andare da due sorelle che erano già emigrate negli Stati Uniti. Era accompagnato dalla cugina Nora Hegarty. Era il più giovane di sette figli, e fino a quel momento aveva lavorato nella fattoria di famiglia. Le sue sorelle si erano stabilite a […]
    Patty Knap
  • Papa Francesco tira le orecchie ai “finti” cristiani e ci spiega come scovarli
    “Un uomo che crede in Dio, che ha delle idee chiare sulla redenzione, anche crede in satana, sa che satana esiste, ma si ferma alla porta degli inferi, fa dei calcoli” «La fede va sempre trasmessa in dialetto». Lo afferma Papa Francesco nella seconda puntata del programma ‘Io credo’ in onda su Tv2000 (canale 28 […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Incontro Cei su Mediterraneo: card. Bassetti, “consegneremo al Papa un documento sostanzioso” 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Un punto d’appoggio sostanzioso”. Così il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, durante la conferenza stampa al termine dell’incontro promosso dalla Chiesa italiana a Bari ha definito il documento conclusivo dei lavori che i 58 vescovi cattolici provenienti da 20 Paesi delle sponde del Mediterraneo consegneranno Papa. Sarà il […]
  • Incontro Cei su Mediterraneo: Vaccari (Rondine), “Cittadella della pace capace di di intervenire in contesti di crisi” 22 febbraio 2020
    “Siamo onorati che la Cittadella della Pace sia stata individuata come realtà capace di intervenire in contesti di crisi per generare processi che mettano al centro la formazione alla leadership come presupposto per lo sviluppo sostenibile delle comunità locali e globali” lo ha detto al Sir il presidente di Rondine, Franco Vaccari, commentando l’opera-segno lanciata […]
  • Incontro Cei su Mediterraneo: card. Bassetti, “questa è stata solo la prima tappa” 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Questa è stata solo la prima tappa”. Ad annunciarlo – confermando le parole dette ieri da mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, vicepresidente della Cei e coordinatore del Comitato organizzatore – è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, durante la conferenza stampa conclusiva dell’incontro “Mediterraneo, frontiera […]
  • Papa Francesco: ha ricevuto questa mattina in udienza il presidente della Repubblica di Azerbaigian, Ilham Aliyev 22 febbraio 2020
    Nella mattinata di oggi papa Francesco ha ricevuto in udienza, nel Palazzo apostolico in Vaticano, il presidente della Repubblica di Azerbaigian, Ilham Aliyev, il quale ha successivamente incontrato il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e il segretario per i Rapporti con gli Stati mons. Paul Richard Gallagher. “Nel corso dei cordiali colloqui in Segreteria di […]
  • ++ Coronavirus Covid-19: mons. Cacucci (Bari), “non ci sono segnali di allarme” ++ 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Io credo che non bisogna creare allarmi”. Così mons. Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, ha risposto alle domande dei giornalisti sull’allarme Coronvirus Covid-19, il cui contagio si sta purtroppo diffondendo anche in Italia. Interpellato, a margine dell’incontro in corso al Castello Svevo,  a proposito di eventuali variazioni per la messa con cui il Papa […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: in mostra il Codex Purpureus Rossanensis 22 febbraio 2020
    (da Bari) Tra quelli rimasti dell’epoca, il Codex Purpureus Rossanensis è quello più completo al mondo, simbolo e testimonianza del passaggio della civiltà bizantina nel Sud Italia. Una copia del prezioso originale, ospitato dal Museo diocesano di Rossano Calabro, è in questi giorni a disposizione dei partecipanti all’incontro in corso al Castello Svevo di Bari, nella sala […]
  • Cause dei Santi: c’è anche Carlo Acutis tra i nuovi santi e beati 22 febbraio 2020
    C’è anche il Servo di Dio Carlo Acutis, nato il 3 maggio 1991 a Londra e morto il 12 ottobre 2006 a Monza, tra i nuovi santi e beati che verranno presto proclamati. Ieri, infatti –riferisce la Sala Stampa della Santa Sede – il Papa ha ricevuto in udienza il card. Angelo Becciu, prefetto della […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: card. Sandri, “come un colpo di aratro” 22 febbraio 2020
    “Una miniatura incastonata nel Rotolo dell’Exultet”, ma anche “un colpo di aratro che ha smosso un terreno indurito e ha sollevato pensieri sepolti ma non spenti da una secolare esperienza storica”. Il card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione delle Chiese orientali, ha fatto riferimento alla definizione data al pellegrinaggio di Paolo VI in Terra Santa […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: card. Bagnasco (Ccee), “da Bari ci sia un messaggio che sia recepito” da chi ha in mano il destino dei popoli 21 febbraio 2020
    Da Bari riparte “un senso di ecumenismo, di pace intensamente desiderata. Speriamo che anche da questo incontro ci sia un messaggio che sia recepito dai decisori e dai responsabili di questi valori”. Lo ha detto il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee), parlando questo pomeriggio a […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo. Roccucci: “L’irrilevanza non è il destino dei cristiani” 21 febbraio 2020
    (da Bari) “L’irrilevanza non è il destino dei cristiani. Non lo è neanche nel Mediterraneo del XXI secolo”. Adriano Roccucci, nella relazione ha aperto la terza giornata di lavori dell’incontro “Mediterraneo frontiera di pace”, promosso dalla Cei a Bari, ha lanciato un vero e proprio appello ai vescovi delle due sponde del Mare Nostrum. “Nel […]

Commenti recenti

     

    • 46:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login