Santa Pasqua 2019 – Mons. Giombanco (Patti messa crismale): “Le nostre comunità diven­ti­no luogo della comunione e strumento dell’edificazione del Regno di Dio”

Redazione1
di Redazione1 aprile 21, 2019 18:49

Santa Pasqua 2019 – Mons. Giombanco (Patti messa crismale): “Le nostre comunità diven­ti­no luogo della comunione e strumento dell’edificazione del Regno di Dio”

Alcuni passi dell’omelia pronunciata da mons. Guglielmo Giombanco nel corso della Messa Crismale del Giovedì Santo, per riflettere sul momento centrale della Pasqua in cui il Signore istituisce il sacerdozio e l’eucaristia.

“Con immensa gioia nel cuore eleviamo la nostra preghiera di lode al Signore per i doni del sacerdozio e dell’eucaristia. Due doni necessari alla vita della Chiesa e alla sua missione. In questa celebrazione si ravviva in noi la coscienza di essere popolo sacerdotale, rivolto al Padre per mezzo di Cristo nello Spirito Santo. Tali ci ha resi Cristo Signore, il quale ha fatto di noi «un regno di sacerdoti per il suo Padre Dio».

Per me, chiamato ad essere pastore di questa bella Chiesa, è sempre motivo di grande gioia e di crescita nella comunione fraterna vivere con voi, miei confratelli, momenti di comunione, di pre­ghie­ra, e di sincera amicizia.

In questo giorno ricco di significati e di sentimenti interiori rinnoviamo le promesse sacer­do­­tali. Con questo gesto vogliamo confermare la nostra fedeltà a Cristo e la nostra donazione alla Chiesa. Rinnovare significa rendere nuovo un atto di amore che ha segnato in modo indelebile la no­stra vita abilitandola ad essere dono nella sequela di Cristo, buon pastore.

Gli Oli che saranno benedetti tra poco significano l’unzione penetrante e trasformante dello Spirito che ci fa’ figli nel Battesimo, ci rafforza e conferma nella Confermazione e ci consacra popolo sacerdotale. E’ festa di tutto il popolo di Dio il quale quest’oggi fissa lo sguardo sul mistero dell’unzione che segna la vita di ogni cristiano a partire dal battesimo. Così dal Capo si diffonde in tutte le membra della Chiesa e si espande nel mondo il buon odore di Cristo. Il rito della benedi­zio­ne degli Oli quindi si fa richiamo al ministero sacerdotale.

Perciò la liturgia invita coloro che hanno ricevuto il sacramento dell’ordine, nei suoi vari gradi, a fissare la propria attenzione spirituale e a rinnovare la fedeltà al proprio impegno di ministri del Signore. E’ ciò che anche noi vogliamo fare in questo momento, aiutati dalla Parola proclamata e dalla liturgia che stiamo celebrando. . .

Consacrato dallo Spirito il Servo reca la lieta notizia di un anno di grazia da parte del Signore, un anno di favore divino che si attua mediante la liberazione da ogni male e la consolazione degli afflitti, il cui cuore spezzato è ora allietato dal canto della lode.

L’oggi non è soltanto una nota cronologica riguardante Gesù, ma è la novità della Sua persona e dell’azione salvifica che inizia con Lui e si prolunga nel tempo della Chiesa. Il divenire della Chiesa è un muoversi in Lui e sempre verso di Lui in un dialogo eterno di amore e di grazia.  Gesù dichiara di essere inviato per realizzare due compiti: evangelizzare i poveri e proclamare l’anno di grazia del Signore.

Come Gesù, anche noi, veniamo unti dallo Spirito per essere inviati. Colui che ci ha chia­ma­ti ci ha anche inviati. Egli fa sue le parole del profeta Isaia: «Lo Spirito del Signore è su di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato».

L’essere mandati, e non l’andare di nostra iniziativa e secondo i nostri progetti, caratterizza forte­men­te la nostra identità e la nostra storia di presbiteri. Dobbiamo amare veramente la nostra con­di­zio­ne di inviati perché solo così siamo ministri di un Altro, abbiamo la mentalità del servizio e riu­scia­mo a riporre la nostra fiducia non in noi ma in Colui che ci ha mandato nonostante le nostre po­ver­tà.

Amiamo veramente la nostra condizione di inviati custodendo nel cuore la gioia di essere scelti e di andare dove il Signore ci manda sapendo riconoscere che ovunque ci sono fratelli da amare e servire, che il Signore deve essere annunciato, in ogni luogo e vari modi, nella vita e nella storia degli uomini e delle donne che incontriamo nel nostro cammino.

Da soli, noi presbiteri, possiamo fare ben poca cosa, insieme e uniti ai fratelli delle comunità che ci sono affidate possiamo fare tanto. Solo così le nostre  comunità diven­ta­no luogo della comunione insieme segno e strumento della vocazione di tutti all’edificazione del Regno di Dio nella storia. Per questo desidero ricordarvi le indicazioni proposte nella mia lettera pastorale Come lievito nella pasta che sta guidando i passi dell’itinerario pastorale della nostra Chiesa.

A tutti rivolgo l’invito a non essere rinunciatari nel realizzare i vari ambiti pastorali proposti, ma ciascuno secondo i propri doni e carismi, con spirito di fede e con creatività pastorale, s’impegni ad attuarle. Uno stupendo mosaico si aprirà ai nostri occhi se ognuno porterà il proprio tassello e la nostra Chiesa sarà veramente bella e più ricca di doni di grazia perché in cammino sulle strade della comunione e del servizio evangelico.

A tutti: Presbiteri, consacrate, fedeli laici rinnovo la mia profonda gratitudine per il dono della vostra presenza e per i vari servizi e ministeri svolti nella nostra Chiesa, orientati a testimoniare la perenne validità del Vangelo al mondo d’oggi.

Rendiamo grazie a Dio che arricchisce la nostra Chiesa di doni attraverso cari­smi diversi”.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 21, 2019 18:49


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Tiziano Ferro: nella lettera al Corriere parla del compagno e del suo Dio “simpatico”
    Certo, se intendiamo un Dio piacione e accomodante allora facciamo bene a distaccarci dalle sue affermazioni. Eppure ha ragione: Dio è il solo in grado di soffrire, sentire con noi e non ci chiede pegno perché ha pagato Lui. Quanto allora soffrirà con i bambini commissionati e strappati alle madri per consegnarli a coppie, etero […]
    Paola Belletti
  • Non è poi così superfluo chiedersi se Dio c’entra anche coi peli superflui
    Ci scrive una lettrice e il suo dubbio estetico è un'occasione tutt'altro che scontata per ricordarci Chi ci rende davvero liberi di essere profondi quando occorre e altrettanto leggeri quando bisogna esserlo. Salve, sono una lettrice abituale del vostro sito. Mi sono imbattuta nell’articolo riguardante la chirurgia estetica o comunque, in generale, di effettuare cambiamenti […]
    Annalisa Teggi
  • «Io Guarirò. Sei storie di vita oltre l’abuso e il male»
    L’Ultimo libro di Don Fortunato Di Noto (Meter) con la prefazione di Don Maurizio Patriciello: “Nessuno vorrebbe sentire, Don Di Noto lo grida da 30 anni" Padre Maurizio Patriciello, conosciuto come il Parroco della Terra dei Fuochi, nella lunga prefazione al libro scrive: “Ci sono giorni in cui gli uomini ritrovano la forza per ridare […]
    Associazione Meter
  • Suor Plautilla, la suora pittrice del Rinascimento
    In una delle epoche più brillanti della storia dell'arte, solo una manciata di donne artiste ha spiccato, e tra loro un'unica religiosa, lodata anche da VasariIl Rinascimento è stata una delle epoche più brillanti della storia dell’arte, ma nella lunga lista di pittori e scultori figura solo una manciata di donne artiste. Tra queste una […]
    Sandra Ferrer
  • In & Out dalla Chiesa: quando e come si smette di “essere cattolici”?
    Come si fa a capire quando si è dentro e quando si è fuori dalla comunità dei credenti? La questione è tanto delicata quanto – paradossalmente – poco decidibile: sulla scorta del grande Origene di Alessandria, però, cerchiamo di offrire qualche strumento di pensiero. Memento, Domine, famulorum famularumque tuarum et omnium circumstantium, quorum tibi fides […]
    Giovanni Marcotullio
  • Cinquant’anni fa l’Angelus di Paolo VI per la missione dell’uomo sulla luna
    Il 21 luglio 1969, l'astronauta americano Neil Armstrong diventava il primo uomo a camminare sulla luna. Negli Angelus del 13 e del 20 luglio, Paolo VI parla dell'impresa ormai prossima, esaltando lo storico traguardo ma senza dimenticare i drammi che continuano a sconvolgere la terraCinquant’anni fa, il 13 luglio 1969, Paolo VI dedicava l’Angelus domenicale […]
    Vatican News
  • L’unico sacerdote rimasto in una città invasa dallo Stato Islamico
    Ora invita i cristiani rifugiatisi altrove a tornareMosul è una delle città più importanti dell’Iraq e una di quelle che hanno subìto maggiormente gli orrori sanguinosi perpetrati dai fanatici dello Stato Islamico, orda jihadista che ha proclamato un califfato nella regione e ha imposto alla popolazione un regime di terrore che si è prolungato per […]
    Aleteia
  • Trova Dio dove forse non lo hai cercato
    Se senti che la famiglia ti allontana dalla crescita nella vita dello Spirito, chiediti se non è forse una vita che il Signore sta usando per portarti ai vertici dell'unione mistica...C’è una domanda che risuona con forza: “E chi è il mio prossimo?” Intendo come prossimo chi mi è vicino. Colui che mi interessa. Colui […]
    Carlos Padilla
  • Cari uomini, date nuovo vigore e bellezza al corteggiamento!
    Innamorarsi è un'avventura meravigliosa: non è avere una ragazza, ma amare proprio e solo lei. Allora corteggiala sul serio, scrivile, chiamala, sorprendila. Quando il nonno Piero tornò da Nikolajewka, aveva ventun’anni, una pallottola nell’occhio (quindi la testa tutta fasciata), il congelamento ad entrambi i piedi (che gli ritornò per tutti gli inverni, per tutta la […]
    Sei di tutto
  • Monica e Luca intendono abortire: hanno perso casa e lavoro. Ma la vita alla fine vince!
    Paola Bonzi accoglie prima di tutto il dolore, le fatiche e le difficoltà delle donne e degli uomini che si presentano nel suo ufficio. Sono tante le coppie che scelgono l'aborto per seri problemi di sostentamento. Grazie alla donazione testamentaria il CAV può offrire una casa a questa famiglia così provata. Ci metteranno un po' […]
    Paola Bonzi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 8:
    • 313:
    luglio: 2019
    L M M G V S D
    « Giu    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login