L’era digitale di Internet sta cambiando la mente umana? Crisi della relazione interpersonale. L’avvertimento del Papa ai giovani

Redazione1
di Redazione1 aprile 15, 2019 17:31

L’era digitale di Internet sta cambiando la mente umana? Crisi della relazione interpersonale. L’avvertimento del Papa ai giovani

Appropriato e attuale l’avvertimento che Papa Francesco ha rivolto ai giovani del Liceo Visconti di Roma, nella recente udienza per l’Anno Giubilare Aloisiano: “liberatevi dalla sottile dipendenza dal telefonino”. Un dispositivo certo di “grande aiuto, un grande progresso. Va usato, ma se diventerai schiavo del telefonino perderai la tua libertà”. Ammonimento che tocca nel vivo un realtà comportamentale che caratterizza questo nostro tempo di veloce evoluzione tecnologica dell’era digitale. Fenomeno che sta cambiando radicalmente il modo di comunicare, e da cui emerge un segnale di allarme inquietante. A rivelarci uno scenario paradossale non poco temibile, infatti, giunge una notizia sorprendente: secondo il parere concorde di numerosi studiosi, l’inizio del terzo millennio appare contraddistinto da una straordinaria crisi della relazione interpersonale di portata epocale.

E ciò, secondo gli esperti, lo si evince dal fatto che il rapporto tra persone sta virando decisamente verso forme di comunicazione molto più veloci ma instabili e provvisorie, a causa dei nuovi strumenti comunicativi della “tecnomediazione”. L’uso, cioè, delle forme mediatiche come chat, sms, mail, blog, social network, ecc. tutte modalità digitali che velocizzano la comunicazione nella vita sociale, ma la deprivano di fondamentali componenti sensoriali. Per cui la naturale relazione interpersonale, quella che permette la corretta percezione dell’Altro, mediante la partecipazione di tutti i canali comunicazionali dei cinque sensi, viene sostituita da un tipo di rapporto innaturale, virtuale, attuato tramite la “connessione” elettronica di rete. Un collegamento che si realizza attraverso il cyberspazio: quel tramite virtuale che esclude la presenza fisica, e fa sì che l’irreale prenda il posto del reale e l’artificiosità quello della naturalezza.

L’ambito principale in cui si svolge questo tipo di rapporto fittizio, è dato principalmente dalla sconfinata rete di Internet. La vera grande novità rivoluzionaria, invasiva e inarrestabile del terzo millennio: lo spazio virtuale di un mondo artificioso che, intrecciandosi col mondo reale, può determinare vere e proprie ristrutturazioni cognitive, emotive ed esperienziali. E, di conseguenza, è in grado di modificare i rapporti sociali e persino i modelli identitari personali. Un rischio reale e psicologicamente non indifferente, se si considera che l’estensione della mente umana nel cyberspazio – per l’abuso protratto di navigazione nella rete di questo immenso mondo astratto – è portata facilmente a disperdersi nell’infinita possibilità di percorsi e contatti, e a sganciarsi così dalla fisicità corporea e ambientale, col pericolo che si instaurino dipendenze, sconnessioni dalla realtà e altri seri effetti psicopatologici.

Infatti, il contesto concreto del rapporto interattivo tra persone – così come naturalmente dovrebbe essere – ben corredato da un integrale scambio percettivo, diretto e immediato con l’interlocutore, non può essere sostituito, senza conseguenze, da un collegamento realizzato attraverso un mezzo tecnico che da una parte accorcia enormemente le distanze interpersonali, abolendo i limiti spazio temporali, ma dall’altra abolisce anche la naturale vicinanza fisica personale.

Ora, è proprio l’inclusione multidimensionale dei sensi, ben collegati con la fisicità corporea e relative implicazioni psicologiche di tipo empatico-affettivo-emotivo, che rendono l’incontro tra persone vero, umano, efficace, e soddisfacente. Diversamente è facile che si producano modificazioni del modo di percepire e vivere il rapporto interpersonale, se non addirittura delle vere e proprie alterazioni dei vissuti di realtà.

Per questo insieme di fattori, possono crearsi incomprensioni e incompatibilità tra le persone che praticano questa dimensione virtuale, rispetto a quelle che non la praticano, tra genitori, non praticanti e figli che, invece, vivono immersi in una pratica costante del mondo digitale. Fra questi ci sono tanti che sono cresciuti utilizzando continuamente i vari strumenti della nuova tecnologia, come computer, tablet, videogiochi e smartphone. Tutti arnesi che sono diventati per loro come una sorta di habitat selettivo in cui vivono e comunicano stabilmente. Il tempo dedicato a questo tipo di pratica è spesso enorme: essi rimangono ore e ore isolati dal mondo reale, per spaziare invece nella realtà virtuale del cyberspazio, di cui hanno fatto il loro mondo esclusivo. E’ convinzione di numerosi osservatori che il cervello di queste nuove generazioni, si stia evolvendo in modo differente da quello dei loro genitori.

Tra le modificazioni comportamentali osservate in queste nuove generazioni, si rileva una particolare rapidità mentale, maggiore capacità di fare più cose contemporaneamente (multitasking); tendenza a imparare attraverso il gioco e a fare tutto in modo veloce e divertente. Fra i malesseri più frequenti che colpiscono questi ragazzi, dedicati intensamente all’uso dei dispositivi digitali, sono stati riscontrati numerosi disturbi psicologici: difficoltà di rapporto col mondo esterno,scompensi neurovegetativi, turbe psicosomatiche e del sonno, scarsa concentrazione nello studio, sviluppo dell’obesità e diverse altre, anche serie, alterazioni comportamentali.

 

 

Anastasio Majolino

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 15, 2019 17:31


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Sterilità: quali sono le altre fecondità della coppia?
    Quando i coniugi non riescono ad avere un figlio, spesso si domandano perché il Signore li abbia uniti. E se la fecondità non si riducesse solo al generare figli?  di padre Alain Bandelier I coniugi che non riescono a concepire un figlio si chiedono spesso: per che scopo? Per quale frutto? Alla fine qual è […]
    Edifa
  • Come fare più spazio allo stupore nella propria vita?
    Qualunque età abbiamo, dobbiamo rendere lode per il Creato e crescere nella capacità di vedere il mondo come un dono di Dio di Christine Ponsard Ogni giorno, quotidiani, radio e televisione effondono ondate di lamentele su varie catastrofi, al punto che rischiamo di dimenticare di saperci stupire. Si dice che le belle storie “non vendono”, […]
    Edifa
  • Padre Maurizio Botta: “Io sono stanco della parola Vangelo!” (VIDEO)
    Ecco la prima catechesi del mattino di sabato 19 ottobre scorso, a San Paolo Fuori le Mura. E’ di Padre Maurizio, Vice parroco a Santa Maria in Vallicella, Prefetto dell’Oratorio secolare San Filippo Neri, da alcuni anni collabora anche con l’Ufficio catechistico della Diocesi di Roma. E’ un sacerdote e la prima cosa che colpisce […]
    Paola Belletti
  • Statuine e riti indigeni al Sinodo? Ecco cosa non avete ancora letto
    Preparavamo quest’intervista da quasi una settimana: il vile attentato alla sensibilità religiosa delle delegazioni amazzoniche pellegrine a Roma (delitto contro il Diritto Canonico e contro la legge non scritta dell’ospitalità) ha reso piú complessi i contatti e gli scambi, ma ora possiamo offrirvi il resoconto di una conversazione intensa e utile a capire molte cose. […]
    Giovanni Marcotullio
  • Sister Gerard Fernandez, 35 anni a pregare coi condannati a morte a Singapore
    Riconosciuta dalla BBC tra le 100 donne fonte d’ispirazione del 2019, questa suora cattolica ha visto un barlume di speranza nei cuori macchiati dei crimini più atroci. Sono gli ultimi mesi di questo 2019 e qualcuno comincia a fare bilanci e scattare foto ricordo. La BBC, ad esempio, ha stilato un elenco di 100 donne […]
    Annalisa Teggi
  • Vale la pena andare al cinema per vedere “Grazie a Dio”? Un alto prelato lo raccomanda
    La pellicola nei cinema dal 17 ottobre racconta gli abusi di un prete della diocesi di Lione e il processo che vede implicato anche il cardinale Barbarin, suo superiore Una voce in controtendenza nella Chiesa sul film “Grazie a Dio“. La pellicola del regista François Ozon, dal 17 ottobre nei cinema di tutta Italia, è […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 miti sulla castità che ci hanno perseguitato tutta la vita
    di Daniel Torres Cox Se oggi si celebrasse una festa della sessualità, sicuramente nessuno inviterebbe a ballare la castità. Sarebbe una di quelle che appena arrivano a una festa vengono guardate con la coda dell’occhio mentre la gente continua a farsi i fatti propri. Viene ignorata, fingendo che non ci sia. Non è decisamente popolare. […]
    Catholic Link
  • Un sacerdote autistico offre consigli ai penitenti autistici e ai loro confessori
    Oltre al nervosismo abituale, ci sono le nostre difficoltà sensoriali o sociali, ma questi suggerimenti possono aiutare Le persone affette da autismo rappresentano tra l’1,5% e il 2% della popolazione. Io faccio parte di quel gruppo. Con l’aumento della consapevolezza dell’autismo, si sta sviluppando, seppur lentamente, anche una maggiore sensibilità pastorale nei confronti delle nostre […]
    Padre Matthew Schneider, LC
  • Il metodo di un francescano per vincere alla lotteria
    Aveva un dono molto particolare ed ha voluto condividerlo Nella chiesa dei Cappuccini a Roma, Santa Maria della Concezione, tra il 1831 e il 1846 viveva un frate di nome Pacifico molto popolare e cercato dalla gente, non tanto per il suo carisma da bravo francescano, ma perché aveva un dono molto particolare: era capace […]
    Maria Paola Daud
  • Il consiglio di San Giovanni Paolo II per i momenti in cui la vita è stressante
    di Brenton Cordeiro Se la vostra vita è piena di ansia e tensione, una soluzione ovvia è offrire quello che state passando a Cristo nella preghiera. In un bellissimo podcast, il dottor Edward Sri ci mostra come possiamo farlo riprendendo la famosa frase di Papa San Giovanni Paolo: “Non abbiate paura… Spalancate le porte a […]
    Catholic Link

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 1043:
    • 1015:
    ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    Login