L’era digitale di Internet sta cambiando la mente umana? Crisi della relazione interpersonale. L’avvertimento del Papa ai giovani

Redazione1
di Redazione1 aprile 15, 2019 17:31

L’era digitale di Internet sta cambiando la mente umana? Crisi della relazione interpersonale. L’avvertimento del Papa ai giovani

Appropriato e attuale l’avvertimento che Papa Francesco ha rivolto ai giovani del Liceo Visconti di Roma, nella recente udienza per l’Anno Giubilare Aloisiano: “liberatevi dalla sottile dipendenza dal telefonino”. Un dispositivo certo di “grande aiuto, un grande progresso. Va usato, ma se diventerai schiavo del telefonino perderai la tua libertà”. Ammonimento che tocca nel vivo un realtà comportamentale che caratterizza questo nostro tempo di veloce evoluzione tecnologica dell’era digitale. Fenomeno che sta cambiando radicalmente il modo di comunicare, e da cui emerge un segnale di allarme inquietante. A rivelarci uno scenario paradossale non poco temibile, infatti, giunge una notizia sorprendente: secondo il parere concorde di numerosi studiosi, l’inizio del terzo millennio appare contraddistinto da una straordinaria crisi della relazione interpersonale di portata epocale.

E ciò, secondo gli esperti, lo si evince dal fatto che il rapporto tra persone sta virando decisamente verso forme di comunicazione molto più veloci ma instabili e provvisorie, a causa dei nuovi strumenti comunicativi della “tecnomediazione”. L’uso, cioè, delle forme mediatiche come chat, sms, mail, blog, social network, ecc. tutte modalità digitali che velocizzano la comunicazione nella vita sociale, ma la deprivano di fondamentali componenti sensoriali. Per cui la naturale relazione interpersonale, quella che permette la corretta percezione dell’Altro, mediante la partecipazione di tutti i canali comunicazionali dei cinque sensi, viene sostituita da un tipo di rapporto innaturale, virtuale, attuato tramite la “connessione” elettronica di rete. Un collegamento che si realizza attraverso il cyberspazio: quel tramite virtuale che esclude la presenza fisica, e fa sì che l’irreale prenda il posto del reale e l’artificiosità quello della naturalezza.

L’ambito principale in cui si svolge questo tipo di rapporto fittizio, è dato principalmente dalla sconfinata rete di Internet. La vera grande novità rivoluzionaria, invasiva e inarrestabile del terzo millennio: lo spazio virtuale di un mondo artificioso che, intrecciandosi col mondo reale, può determinare vere e proprie ristrutturazioni cognitive, emotive ed esperienziali. E, di conseguenza, è in grado di modificare i rapporti sociali e persino i modelli identitari personali. Un rischio reale e psicologicamente non indifferente, se si considera che l’estensione della mente umana nel cyberspazio – per l’abuso protratto di navigazione nella rete di questo immenso mondo astratto – è portata facilmente a disperdersi nell’infinita possibilità di percorsi e contatti, e a sganciarsi così dalla fisicità corporea e ambientale, col pericolo che si instaurino dipendenze, sconnessioni dalla realtà e altri seri effetti psicopatologici.

Infatti, il contesto concreto del rapporto interattivo tra persone – così come naturalmente dovrebbe essere – ben corredato da un integrale scambio percettivo, diretto e immediato con l’interlocutore, non può essere sostituito, senza conseguenze, da un collegamento realizzato attraverso un mezzo tecnico che da una parte accorcia enormemente le distanze interpersonali, abolendo i limiti spazio temporali, ma dall’altra abolisce anche la naturale vicinanza fisica personale.

Ora, è proprio l’inclusione multidimensionale dei sensi, ben collegati con la fisicità corporea e relative implicazioni psicologiche di tipo empatico-affettivo-emotivo, che rendono l’incontro tra persone vero, umano, efficace, e soddisfacente. Diversamente è facile che si producano modificazioni del modo di percepire e vivere il rapporto interpersonale, se non addirittura delle vere e proprie alterazioni dei vissuti di realtà.

Per questo insieme di fattori, possono crearsi incomprensioni e incompatibilità tra le persone che praticano questa dimensione virtuale, rispetto a quelle che non la praticano, tra genitori, non praticanti e figli che, invece, vivono immersi in una pratica costante del mondo digitale. Fra questi ci sono tanti che sono cresciuti utilizzando continuamente i vari strumenti della nuova tecnologia, come computer, tablet, videogiochi e smartphone. Tutti arnesi che sono diventati per loro come una sorta di habitat selettivo in cui vivono e comunicano stabilmente. Il tempo dedicato a questo tipo di pratica è spesso enorme: essi rimangono ore e ore isolati dal mondo reale, per spaziare invece nella realtà virtuale del cyberspazio, di cui hanno fatto il loro mondo esclusivo. E’ convinzione di numerosi osservatori che il cervello di queste nuove generazioni, si stia evolvendo in modo differente da quello dei loro genitori.

Tra le modificazioni comportamentali osservate in queste nuove generazioni, si rileva una particolare rapidità mentale, maggiore capacità di fare più cose contemporaneamente (multitasking); tendenza a imparare attraverso il gioco e a fare tutto in modo veloce e divertente. Fra i malesseri più frequenti che colpiscono questi ragazzi, dedicati intensamente all’uso dei dispositivi digitali, sono stati riscontrati numerosi disturbi psicologici: difficoltà di rapporto col mondo esterno,scompensi neurovegetativi, turbe psicosomatiche e del sonno, scarsa concentrazione nello studio, sviluppo dell’obesità e diverse altre, anche serie, alterazioni comportamentali.

 

 

Anastasio Majolino

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 15, 2019 17:31


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Fatti bello come se andassi in chiesa! Consigli per prepararsi alla Pasqua in casa (VIDEO)
    Sarà sicuramente una Pasqua diversa, è vero, ma possiamo viverla al meglio attraverso i suggerimenti di don Alberto Ravegnani. All’inizio della quarantena abbiamo provato tutti un grande desiderio di preghiera, una forte ricerca di Dio, un bisogno profondo di parlare con Lui ed ascoltarlo. Attraverso i social e la tv abbiamo potuto recitare il Rosario, […]
    Silvia Lucchetti
  • Persone perbene: la più grande risorsa dell’Italia di fronte a questa crisi
    In tempi di coronavirus, parla l’imprenditore Sauro Pellerucci, ideatore del progetto: “Io Sono Una Persona Perbene” In questi giorni di grande crisi l’Italia reagisce offrendo la migliore versione di sé stessa, mostrando quel volto e quella forza che spesso sembravano essere sopiti.  Ed ecco che vediamo alla ribalta delle cronache tante storie di brave persone, […]
    Silvia Costantini
  • Camminate dove ha camminato Gesù nei giorni precedenti la sua crocifissione
    In questa Settimana Santa, fate dei tour virtuali di Gerusalemme, dal Giardino del Gestemani alla chiesa del Santo Sepolcro Ogni Settimana Santa, per avvicinarsi a Gesù nei giorni precedenti la sua crocifissione e la sua gloriosa resurrezione, i cristiani si riuniscono in chiesa per ascoltare le letture del Vangelo che descrivono la sua Passione. Quest’anno, […]
    Zelda Caldwell
  • Il ristorante è chiuso, ma la cucina è aperta per i poveri
    In ogni circostanza ciascuno può sempre decidere cosa fare del tempo che gli è dato: c’è chi ha unito in modo virtuoso la chiusura del proprio locale di ristorazione e il bisogno di chi si è ritrovato a patire la fame.  Si comincia a vedere gente che ha fame perché non può lavorare, perché non […]
    Annalisa Teggi
  • Inginocchiati di fronte al coniuge, ai figli e lavagli i piedi chiedendo perdono
    Chi è solo può farlo magari al telefono, con le persone più vicine. Credetemi, sarà un Giovedì Santo meraviglioso! “Approfittando del momento presente…”. Sono certo che oggi il Signore stupirà tutti noi. Viene nell’intimità del Cenacolo che sono le nostre case, si inginocchia dinanzi a noi e si dona sino alla fine per perdonarci e […]
    Don Antonello Iapicca
  • Stupefacente: l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci in carne ed ossa
    Il regista-creatore Armondo Linus Acosta ha unito il talento di tre italiani vincitori del premio Oscar per dare forma in un “quadro che vive” il capolavoro leonardesco sin nei suoi minimi dettagli. Come si è svolta l’Ultima Cena di Gesù? Anzi, come l’ha immaginata e dipinta uno degli artisti più grandi della storia, Leonardo da […]
    Jesús Colina
  • La Santa Messa nella Cena del Signore per il Giovedì Santo
    Le celebrazioni del Giovedì e Venerdì Santo, la Messa della Veglia e della Domenica: così tutto è stato ripensato per accompagnare i fedeli in tempo di pandemia Questo Giovedì Santo, Papa Francesco non presiederà la Messa del Crisma con i sacerdoti di Roma: la celebrazione si terrà a crisi finita. La Messa in Coena Domini, […]
    Aleteia
  • Il nemico numero uno sarà il neoliberismo
    Il mondo che verrà secondo l’economista Stefano Zamagni di Marco Bellizi   Nel “nuovo mondo” del dopovirus il nemico numero uno sarà il liberismo. E insieme ad esso, almeno in Italia, la burocrazia, l’ostinazione nel rifiutare il principio di sussidiarietà, la resistenza alle opportunità che la tecnologia ha dimostrato di poter fornire. Nonostante questo compito […]
    L'Osservatore Romano
  • Perché quest’anno la Settimana Santa sarà diversa
    Se ci saranno alcuni cambiamenti nella liturgia, molto resta uguale La Pasqua non cambia. A differenza di alcune feste della Chiesa che possono essere trasferite ad altri giorni, la celebrazione della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo è legata alla festa ebraica della Pasqua. Il nostro ricordo annuale di questi eventi sacri segue il cambiamento […]
    Padre Patrick Briscoe
  • Disegni di Gesù da stampare e colorare nella Settimana Santa
    Potranno aiutare i vostri bambini a contemplare l’Ultima Cena e le scene della Passione e Morte di Gesù I bambini amano molto colorare i disegni, e in questa Settimana Santa in casa potete stampare molte immagini tratte da Dibujos para catequesis che permetteranno loro di pregare mentre colorano l’Ultima Cena o il Giovedì Santo o […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 190:
    • 149:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login