MESSINA “Terra di santi” – Un interessante libro su don Tomaselli, carismatica figura mistica di sacerdote salesiano

Redazione1
di Redazione1 aprile 24, 2019 10:42

MESSINA “Terra di santi” – Un interessante libro su don Tomaselli, carismatica figura mistica di sacerdote salesiano

In tempi, come quelli attuali, in cui la Chiesa è costretta ad affrontare non poche criticità tra cui principalmente quelle riferite ad alcuni dei suoi rappresentanti, la lettura di un libro che, invece, parla della figura di un prete che ha fatto delle virtù cristiane l’asse portante della sua vita terrena, fondata sui valori di purezza e povertà, non può che far respirare una ventata di aria fresca e salutare, perché fa capire che il messaggio evangelico, anche se in crisi, anche se respinto, non è tramontato. A maggior ragione per il fatto che quella di Don Tomaselli non è la figura di un uomo vissuto nel medioevo, ma in tempi moderni. Il suo passaggio sulla terra si è, infatti, concluso appena trent’anni fa.

L’autrice, Elena Golia, scrittrice di vari libri su argomenti sacri, in “Don Giuseppe Tomaselli – Servo di Don Bosco ed erede spirituale di Padre Pio da Pietralcina” (Ediz. Segno; p. 242) delinea la personalità di questo sacerdote che ricevette da Dio numerosi doni mistici di cui uno dei più noti è quello della guarigione, praticato mediante l’irradiazione del fluido mistico trasfusogli da PadrePio.

Fluido di cui la Golia ha avuto modo di sperimentarne l’efficacia sulla sua stessa persona, poiché l’ha liberata dai postumi di una seria malattia.

Il libro inizia con un’intervista a Cesare Pontorno, fervido seguace di Don Tomaselli, che testimonia le doti straordinarie oltre all’esercizio delle virtù cristiane praticate da questo mistico dei nostri tempi e di cui sta raccogliendo materiale utile a favorirne la Causa di Beatificazione. In ogni caso, secondo l’insegnamento dello stesso Don Tomaselli, la santità di una persona, più che nei doni straordinari e soprannaturali, sta nel vivere con umiltà, con carità, ubbidienza e povertà, (virtù da tutti riconosciutegli) al fine del raggiungimento della perfezione religiosa.

Con la definizione di “grande mistico, grande guaritore e grande esorcista” l’autrice sintetizza le principali caratteristiche dell’attività di Don Tomaselli. Tutte facenti capo a quello che era l’aspetto fondamentale della sua vita: l’apostolato. La salvezza delle anime era lo scopo primario della sua missione sacerdotale salesiana: “Da mihi animas coetera tolle” (dammi le anime, prenditi il resto),   A tale scopo, per ampliare il suo campo d’azione e raggiungere il maggior numero di anime possibile, si dedicò all’apostolato della buona stampa. Infatti, sull’esempio di Don Bosco, scrisse con linguaggio semplice e chiaro circa

100 libretti alla portata di tutti in formato tascabile, che diffuse sia in Italia che all’estero,

Al fine di attuare il suo desiderio di incrementare la pratica dell’adorazione Eucaristica per la riparazione delle offese, nel 1972, dopo averla concordata con Padre Pio, Don Tomaselli fondò l’Associazione delle Piccole Ostie Riparatrici, cui teneva molto in quanto fortemente da lui voluta “in riparazione dei peccati e consolazione del Cuore Santissimo di Gesù”.

Per più di cinquant’anni, poi, Don Giuseppe Tomaselli fu un grande esorcista incaricato da diversi Vescovi. Egli stesso ne parla nella sua autobiografia. Attività che ha pesato non poco sul suo percorso spirituale, sulla sua personalità, nonché sul suo impegno apostolico.

In uno dei suoi libretti, “Intervista col Maligno”, afferma: “ho avuto non poche volte l’occasione di vedere il demonio in forma umana, di lottare direttamente con lui, anzi di essere stato preso più volte per il collo e maltrattato”. Lotta che affrontava con i mezzi spirituali per combattere il peccato, cioè con la preghiera e la penitenza, e con l’arma della stampa scrivendo numerose pagine contro il diavolo.

Proseguendo la lettura del libro della Golia si apprende degli incontri di Don Tomaselli con altre anime mistiche di cui è stato anche guida spirituale. Incontri che lo portarono a definire tali anime, che rivivono la Passione e la morte di Gesù, “parafulmini di Dio”, poiché Dio le invia nel mondo per riparare al rifiuto di alcune anime della Sua misericordia, nel Suo massimo tentativo di salvarle.

Infine, l’autrice dedica due lunghi capitoli a Padre Pio, che contengono anche gli straordinari messaggi che Dio tramite il frate di Pietralcina, poco dopo la sua morte, inviò ad un’anima mistica perché li diffondesse in tutto il mondo. Anima mistica che ci sono motivi per credere si trattasse di don Tomaselli stesso, anche se lui non lo dice mai espressamente. Messaggi inviati quasi 50 anni fa, la cui lettura al giorno d’oggi appare profetica visto che in essi Dio, per mezzo di Padre Pio, metteva in guardia dai pericoli di degrado dei costumi morali, descrivendo esattamente ciò che è accaduto nell’attuale società.

Autentico uomo di Dio, dunque, impegnato nel bene, coerente con il suo credo, umile in mezzo agli umili. Come scrive don Santo di Guardi in “Don Giuseppe Tomaselli – Profilo biografico e spirituale” (cui fa numerosi riferimenti l’autrice): “…per tanti anni a contatto con la povera gente, con ragazzi a rischio. Come un buon samaritano su tutti si piegò per soccorrere miseria, povertà e ignoranza con molta pazienza e amore.”

 

Fenia Abate

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 24, 2019 10:42


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Tiziano Ferro: nella lettera al Corriere parla del compagno e del suo Dio “simpatico”
    Certo, se intendiamo un Dio piacione e accomodante allora facciamo bene a distaccarci dalle sue affermazioni. Eppure ha ragione: Dio è il solo in grado di soffrire, sentire con noi e non ci chiede pegno perché ha pagato Lui. Quanto allora soffrirà con i bambini commissionati e strappati alle madri per consegnarli a coppie, etero […]
    Paola Belletti
  • Non è poi così superfluo chiedersi se Dio c’entra anche coi peli superflui
    Ci scrive una lettrice e il suo dubbio estetico è un'occasione tutt'altro che scontata per ricordarci Chi ci rende davvero liberi di essere profondi quando occorre e altrettanto leggeri quando bisogna esserlo. Salve, sono una lettrice abituale del vostro sito. Mi sono imbattuta nell’articolo riguardante la chirurgia estetica o comunque, in generale, di effettuare cambiamenti […]
    Annalisa Teggi
  • «Io Guarirò. Sei storie di vita oltre l’abuso e il male»
    L’Ultimo libro di Don Fortunato Di Noto (Meter) con la prefazione di Don Maurizio Patriciello: “Nessuno vorrebbe sentire, Don Di Noto lo grida da 30 anni" Padre Maurizio Patriciello, conosciuto come il Parroco della Terra dei Fuochi, nella lunga prefazione al libro scrive: “Ci sono giorni in cui gli uomini ritrovano la forza per ridare […]
    Associazione Meter
  • Suor Plautilla, la suora pittrice del Rinascimento
    In una delle epoche più brillanti della storia dell'arte, solo una manciata di donne artiste ha spiccato, e tra loro un'unica religiosa, lodata anche da VasariIl Rinascimento è stata una delle epoche più brillanti della storia dell’arte, ma nella lunga lista di pittori e scultori figura solo una manciata di donne artiste. Tra queste una […]
    Sandra Ferrer
  • In & Out dalla Chiesa: quando e come si smette di “essere cattolici”?
    Come si fa a capire quando si è dentro e quando si è fuori dalla comunità dei credenti? La questione è tanto delicata quanto – paradossalmente – poco decidibile: sulla scorta del grande Origene di Alessandria, però, cerchiamo di offrire qualche strumento di pensiero. Memento, Domine, famulorum famularumque tuarum et omnium circumstantium, quorum tibi fides […]
    Giovanni Marcotullio
  • Cinquant’anni fa l’Angelus di Paolo VI per la missione dell’uomo sulla luna
    Il 21 luglio 1969, l'astronauta americano Neil Armstrong diventava il primo uomo a camminare sulla luna. Negli Angelus del 13 e del 20 luglio, Paolo VI parla dell'impresa ormai prossima, esaltando lo storico traguardo ma senza dimenticare i drammi che continuano a sconvolgere la terraCinquant’anni fa, il 13 luglio 1969, Paolo VI dedicava l’Angelus domenicale […]
    Vatican News
  • L’unico sacerdote rimasto in una città invasa dallo Stato Islamico
    Ora invita i cristiani rifugiatisi altrove a tornareMosul è una delle città più importanti dell’Iraq e una di quelle che hanno subìto maggiormente gli orrori sanguinosi perpetrati dai fanatici dello Stato Islamico, orda jihadista che ha proclamato un califfato nella regione e ha imposto alla popolazione un regime di terrore che si è prolungato per […]
    Aleteia
  • Trova Dio dove forse non lo hai cercato
    Se senti che la famiglia ti allontana dalla crescita nella vita dello Spirito, chiediti se non è forse una vita che il Signore sta usando per portarti ai vertici dell'unione mistica...C’è una domanda che risuona con forza: “E chi è il mio prossimo?” Intendo come prossimo chi mi è vicino. Colui che mi interessa. Colui […]
    Carlos Padilla
  • Cari uomini, date nuovo vigore e bellezza al corteggiamento!
    Innamorarsi è un'avventura meravigliosa: non è avere una ragazza, ma amare proprio e solo lei. Allora corteggiala sul serio, scrivile, chiamala, sorprendila. Quando il nonno Piero tornò da Nikolajewka, aveva ventun’anni, una pallottola nell’occhio (quindi la testa tutta fasciata), il congelamento ad entrambi i piedi (che gli ritornò per tutti gli inverni, per tutta la […]
    Sei di tutto
  • Monica e Luca intendono abortire: hanno perso casa e lavoro. Ma la vita alla fine vince!
    Paola Bonzi accoglie prima di tutto il dolore, le fatiche e le difficoltà delle donne e degli uomini che si presentano nel suo ufficio. Sono tante le coppie che scelgono l'aborto per seri problemi di sostentamento. Grazie alla donazione testamentaria il CAV può offrire una casa a questa famiglia così provata. Ci metteranno un po' […]
    Paola Bonzi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 8:
    • 313:
    luglio: 2019
    L M M G V S D
    « Giu    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login