MESSINA “Terra di santi” – Un interessante libro su don Tomaselli, carismatica figura mistica di sacerdote salesiano

Redazione1
di Redazione1 aprile 24, 2019 10:42

MESSINA “Terra di santi” – Un interessante libro su don Tomaselli, carismatica figura mistica di sacerdote salesiano

In tempi, come quelli attuali, in cui la Chiesa è costretta ad affrontare non poche criticità tra cui principalmente quelle riferite ad alcuni dei suoi rappresentanti, la lettura di un libro che, invece, parla della figura di un prete che ha fatto delle virtù cristiane l’asse portante della sua vita terrena, fondata sui valori di purezza e povertà, non può che far respirare una ventata di aria fresca e salutare, perché fa capire che il messaggio evangelico, anche se in crisi, anche se respinto, non è tramontato. A maggior ragione per il fatto che quella di Don Tomaselli non è la figura di un uomo vissuto nel medioevo, ma in tempi moderni. Il suo passaggio sulla terra si è, infatti, concluso appena trent’anni fa.

L’autrice, Elena Golia, scrittrice di vari libri su argomenti sacri, in “Don Giuseppe Tomaselli – Servo di Don Bosco ed erede spirituale di Padre Pio da Pietralcina” (Ediz. Segno; p. 242) delinea la personalità di questo sacerdote che ricevette da Dio numerosi doni mistici di cui uno dei più noti è quello della guarigione, praticato mediante l’irradiazione del fluido mistico trasfusogli da PadrePio.

Fluido di cui la Golia ha avuto modo di sperimentarne l’efficacia sulla sua stessa persona, poiché l’ha liberata dai postumi di una seria malattia.

Il libro inizia con un’intervista a Cesare Pontorno, fervido seguace di Don Tomaselli, che testimonia le doti straordinarie oltre all’esercizio delle virtù cristiane praticate da questo mistico dei nostri tempi e di cui sta raccogliendo materiale utile a favorirne la Causa di Beatificazione. In ogni caso, secondo l’insegnamento dello stesso Don Tomaselli, la santità di una persona, più che nei doni straordinari e soprannaturali, sta nel vivere con umiltà, con carità, ubbidienza e povertà, (virtù da tutti riconosciutegli) al fine del raggiungimento della perfezione religiosa.

Con la definizione di “grande mistico, grande guaritore e grande esorcista” l’autrice sintetizza le principali caratteristiche dell’attività di Don Tomaselli. Tutte facenti capo a quello che era l’aspetto fondamentale della sua vita: l’apostolato. La salvezza delle anime era lo scopo primario della sua missione sacerdotale salesiana: “Da mihi animas coetera tolle” (dammi le anime, prenditi il resto),   A tale scopo, per ampliare il suo campo d’azione e raggiungere il maggior numero di anime possibile, si dedicò all’apostolato della buona stampa. Infatti, sull’esempio di Don Bosco, scrisse con linguaggio semplice e chiaro circa

100 libretti alla portata di tutti in formato tascabile, che diffuse sia in Italia che all’estero,

Al fine di attuare il suo desiderio di incrementare la pratica dell’adorazione Eucaristica per la riparazione delle offese, nel 1972, dopo averla concordata con Padre Pio, Don Tomaselli fondò l’Associazione delle Piccole Ostie Riparatrici, cui teneva molto in quanto fortemente da lui voluta “in riparazione dei peccati e consolazione del Cuore Santissimo di Gesù”.

Per più di cinquant’anni, poi, Don Giuseppe Tomaselli fu un grande esorcista incaricato da diversi Vescovi. Egli stesso ne parla nella sua autobiografia. Attività che ha pesato non poco sul suo percorso spirituale, sulla sua personalità, nonché sul suo impegno apostolico.

In uno dei suoi libretti, “Intervista col Maligno”, afferma: “ho avuto non poche volte l’occasione di vedere il demonio in forma umana, di lottare direttamente con lui, anzi di essere stato preso più volte per il collo e maltrattato”. Lotta che affrontava con i mezzi spirituali per combattere il peccato, cioè con la preghiera e la penitenza, e con l’arma della stampa scrivendo numerose pagine contro il diavolo.

Proseguendo la lettura del libro della Golia si apprende degli incontri di Don Tomaselli con altre anime mistiche di cui è stato anche guida spirituale. Incontri che lo portarono a definire tali anime, che rivivono la Passione e la morte di Gesù, “parafulmini di Dio”, poiché Dio le invia nel mondo per riparare al rifiuto di alcune anime della Sua misericordia, nel Suo massimo tentativo di salvarle.

Infine, l’autrice dedica due lunghi capitoli a Padre Pio, che contengono anche gli straordinari messaggi che Dio tramite il frate di Pietralcina, poco dopo la sua morte, inviò ad un’anima mistica perché li diffondesse in tutto il mondo. Anima mistica che ci sono motivi per credere si trattasse di don Tomaselli stesso, anche se lui non lo dice mai espressamente. Messaggi inviati quasi 50 anni fa, la cui lettura al giorno d’oggi appare profetica visto che in essi Dio, per mezzo di Padre Pio, metteva in guardia dai pericoli di degrado dei costumi morali, descrivendo esattamente ciò che è accaduto nell’attuale società.

Autentico uomo di Dio, dunque, impegnato nel bene, coerente con il suo credo, umile in mezzo agli umili. Come scrive don Santo di Guardi in “Don Giuseppe Tomaselli – Profilo biografico e spirituale” (cui fa numerosi riferimenti l’autrice): “…per tanti anni a contatto con la povera gente, con ragazzi a rischio. Come un buon samaritano su tutti si piegò per soccorrere miseria, povertà e ignoranza con molta pazienza e amore.”

 

Fenia Abate

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 24, 2019 10:42


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco ha autorizzato il miracolo: Carlo Acutis sarà beato!
    Attribuita all’intercessione di Carlo, la guarigione di un bambino brasiliano. In festa la Chiesa di Assisi, dove è sepolto: esultano tanti giovani suoi devoti Il 21 febbraio 2020, Papa Francesco ha ricevuto in Udienza il Cardinale Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Durante l’Udienza, il Sommo Pontefice ha autorizzato la medesima Congregazione […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Dove trovare la forza per porgere l’altra guancia?
    Tra le passioni che corrompono e gli animi che si infiammano, spesso possiamo desiderare la vendetta ed essere lenti a offrire misericordia Il 2 ottobre 2006, Charles Carl Roberts IV, guidato evidentemente da un rancore che si portava dietro da decenni, ha preso in ostaggio un gruppo di 11 ragazzine Amish in una scuola con […]
    Padre Patrick Briscoe
  • Ogni coro angelico ha un compito diverso: dai “sottomessi” ai “miracolosi”
    Ecco “cosa fanno” gli angeli in cielo, secondo quanto ci hanno tramandato le Sacre Scritture Gli spiriti celesti sono divisi in 3 gerarchie di cui ognuna è divisa essa stessa in 3 ordini differenti, che, dalla loro riunione formano quello che si chiama i nove cori degli Angeli. La prima gerarchia comprende i Serafini, i […]
    don Marcello Stanzione
  • Cos’è l’effetto dogville? Perchè il Papa lo “cita”?
    La «città del cane» non può non ricordare certi spazi online umanizzati, nei quali le sfumature lasciano il posto al bianco o al nero, a un’idea o al suo esatto contrario. Il “legame” con i migranti Una comunicazione più umana e meno violenta, più accogliente e meno discriminatoria. Ne parla Massimiliano Padula in “Comunica il […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il nuovo strumento della Chiesa cattolica per porre fine alla fame: il machine learning
    Il Catholic Relief Services ha testato il programma in uno dei Paesi africani più colpiti Quasi sette milioni di persone nella Nazione sudafricana dello Zimbabwe rischiano la fame per via della siccità prolungata e dell’aumento dell’inflazione. Lo scorso anno, il Famine Early Warning Systems Network (FEWSNET) ha predetto il peggioramento della siccità e della fame […]
    John Burger
  • Corto animato: dire addio quando c’è ancora amore è difficile, ma a volte è necessario
    di Silvana Ramos Anche a me è capitato di porre fine a una relazione con qualcuno che amavo molto, con cui avevo fatto dei progetti, sognato storie e progettato un futuro insieme. Terminare una relazione del genere è molto doloroso, ancor più quando non accade perché l’amore o l’affetto è scomparso, ma perché uno o […]
    Catholic Link
  • Come la vera umiltà porta ad avere più fiducia in se stessi
    Una persona umile è sorprendentemente più coraggiosa e sicura di sé, perché la sua forza non risiede in se stessa L’umiltà è una virtù a trabocchetto, perché spesso pensiamo che significhi dover avere un punto di vista negativo su se stessi. Pensiamo che la persona veramente umile sia quella che si nasconde timorosa in un […]
    Philip Kosloski
  • Martina Colombari: Dio mi ha insegnato a non alzare muri
    La showgirl racconta il suo rapporto con la fede e la famiglia a “io Credo” su Tv2000. “Ho imparato ad accettare quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno” «Ogni tanto chiedo a Dio ‘Dove sei? E perché stai facendo questo?’. Poi, dico ok, se è successo è perché doveva succedere, quindi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Una bottiglietta di acqua santa del Titanic conteneva un messaggio di arrivederci
    Jeremiah Burke, un irlandese di 19 anni, era a bordo del Titanic per andare da due sorelle che erano già emigrate negli Stati Uniti. Era accompagnato dalla cugina Nora Hegarty. Era il più giovane di sette figli, e fino a quel momento aveva lavorato nella fattoria di famiglia. Le sue sorelle si erano stabilite a […]
    Patty Knap
  • Papa Francesco tira le orecchie ai “finti” cristiani e ci spiega come scovarli
    “Un uomo che crede in Dio, che ha delle idee chiare sulla redenzione, anche crede in satana, sa che satana esiste, ma si ferma alla porta degli inferi, fa dei calcoli” «La fede va sempre trasmessa in dialetto». Lo afferma Papa Francesco nella seconda puntata del programma ‘Io credo’ in onda su Tv2000 (canale 28 […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Incontro Cei su Mediterraneo: card. Bassetti, “consegneremo al Papa un documento sostanzioso” 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Un punto d’appoggio sostanzioso”. Così il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, durante la conferenza stampa al termine dell’incontro promosso dalla Chiesa italiana a Bari ha definito il documento conclusivo dei lavori che i 58 vescovi cattolici provenienti da 20 Paesi delle sponde del Mediterraneo consegneranno Papa. Sarà il […]
  • Incontro Cei su Mediterraneo: Vaccari (Rondine), “Cittadella della pace capace di di intervenire in contesti di crisi” 22 febbraio 2020
    “Siamo onorati che la Cittadella della Pace sia stata individuata come realtà capace di intervenire in contesti di crisi per generare processi che mettano al centro la formazione alla leadership come presupposto per lo sviluppo sostenibile delle comunità locali e globali” lo ha detto al Sir il presidente di Rondine, Franco Vaccari, commentando l’opera-segno lanciata […]
  • Incontro Cei su Mediterraneo: card. Bassetti, “questa è stata solo la prima tappa” 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Questa è stata solo la prima tappa”. Ad annunciarlo – confermando le parole dette ieri da mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, vicepresidente della Cei e coordinatore del Comitato organizzatore – è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, durante la conferenza stampa conclusiva dell’incontro “Mediterraneo, frontiera […]
  • Papa Francesco: ha ricevuto questa mattina in udienza il presidente della Repubblica di Azerbaigian, Ilham Aliyev 22 febbraio 2020
    Nella mattinata di oggi papa Francesco ha ricevuto in udienza, nel Palazzo apostolico in Vaticano, il presidente della Repubblica di Azerbaigian, Ilham Aliyev, il quale ha successivamente incontrato il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e il segretario per i Rapporti con gli Stati mons. Paul Richard Gallagher. “Nel corso dei cordiali colloqui in Segreteria di […]
  • ++ Coronavirus Covid-19: mons. Cacucci (Bari), “non ci sono segnali di allarme” ++ 22 febbraio 2020
    (da Bari) “Io credo che non bisogna creare allarmi”. Così mons. Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, ha risposto alle domande dei giornalisti sull’allarme Coronvirus Covid-19, il cui contagio si sta purtroppo diffondendo anche in Italia. Interpellato, a margine dell’incontro in corso al Castello Svevo,  a proposito di eventuali variazioni per la messa con cui il Papa […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: in mostra il Codex Purpureus Rossanensis 22 febbraio 2020
    (da Bari) Tra quelli rimasti dell’epoca, il Codex Purpureus Rossanensis è quello più completo al mondo, simbolo e testimonianza del passaggio della civiltà bizantina nel Sud Italia. Una copia del prezioso originale, ospitato dal Museo diocesano di Rossano Calabro, è in questi giorni a disposizione dei partecipanti all’incontro in corso al Castello Svevo di Bari, nella sala […]
  • Cause dei Santi: c’è anche Carlo Acutis tra i nuovi santi e beati 22 febbraio 2020
    C’è anche il Servo di Dio Carlo Acutis, nato il 3 maggio 1991 a Londra e morto il 12 ottobre 2006 a Monza, tra i nuovi santi e beati che verranno presto proclamati. Ieri, infatti –riferisce la Sala Stampa della Santa Sede – il Papa ha ricevuto in udienza il card. Angelo Becciu, prefetto della […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: card. Sandri, “come un colpo di aratro” 22 febbraio 2020
    “Una miniatura incastonata nel Rotolo dell’Exultet”, ma anche “un colpo di aratro che ha smosso un terreno indurito e ha sollevato pensieri sepolti ma non spenti da una secolare esperienza storica”. Il card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione delle Chiese orientali, ha fatto riferimento alla definizione data al pellegrinaggio di Paolo VI in Terra Santa […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo: card. Bagnasco (Ccee), “da Bari ci sia un messaggio che sia recepito” da chi ha in mano il destino dei popoli 21 febbraio 2020
    Da Bari riparte “un senso di ecumenismo, di pace intensamente desiderata. Speriamo che anche da questo incontro ci sia un messaggio che sia recepito dai decisori e dai responsabili di questi valori”. Lo ha detto il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee), parlando questo pomeriggio a […]
  • Incontro Cei sul Mediterraneo. Roccucci: “L’irrilevanza non è il destino dei cristiani” 21 febbraio 2020
    (da Bari) “L’irrilevanza non è il destino dei cristiani. Non lo è neanche nel Mediterraneo del XXI secolo”. Adriano Roccucci, nella relazione ha aperto la terza giornata di lavori dell’incontro “Mediterraneo frontiera di pace”, promosso dalla Cei a Bari, ha lanciato un vero e proprio appello ai vescovi delle due sponde del Mare Nostrum. “Nel […]

Commenti recenti

     

    • 46:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login