“Homo sapiens” in crisi: aumentano i disturbi mentali, vacilla l’identità nazionale. Rapporto Eurispes: “l’Italia Paese del ‘NI’ soffre di ‘qualipatia’”

Redazione1
di Redazione1 febbraio 3, 2019 23:45

“Homo sapiens” in crisi: aumentano i disturbi mentali, vacilla l’identità nazionale. Rapporto Eurispes: “l’Italia Paese del ‘NI’ soffre di ‘qualipatia’”

E’ un fenomeno contraddittorio non poco inquietante quello che si evidenzia all’inizio di  quest’anno in relazione alle prospettive di salute degli italiani. Si riferisce a una previsione pessimistica che stride non poco con le aspettative di benessere espresse, a capodanno, con particolare intenzione da tutti, soprattutto con gli auguri di “Buona salute”. A renderci consapevoli di questa sgradevole realtà contraddittoria sono le fonti informative specializzate del settore, che non ci danno certo belle notizie. Informazioni avvertite particolarmente negative perchè si riferiscono a disturbi riguardanti la nostra psiche.

Apprendiamo infatti, dalla Società di Psicopatologia, che i “disturbi mentali sono in aumento entro il 2020”, primi fra tutti ansia e depressione. E che questo trend in crescita interessa soprattutto la fascia giovanile compresa tra i 10 e i 24 anni. A lanciare l’allarme è il presidente della “Sopsi” in occasione del XXII Congresso nazionale della società Italiana di Psicopatologia che si è svolto a Roma.

A sostegno di queste previsioni, altre fonti informative ci avvertono che il benessere psicologico in Italia è diminuito tra i giovani e gli adulti, riferendo che secondo i dati di ricerca sono specialmente lo status economico, l’esclusione sociale, in particolare quella relativa al mercato del lavoro, che influiscono sul benessere psicologico. Ma a tal proposito, per quanto professionalmente ci compete, teniamo a precisare che tra le cause dei malesseri psicologici non possono non essere annoverati, quali fattori importanti, i vissuti remoti della storia individuale legati al periodo dell’infanzia, dovuti ad apprendimenti inquinati da conflittualità e disgregazioni familiari, carenze affettive e traumi non risolti rimasti impressi nella memoria emotiva del soggetto.

Inoltre va anche considerata l’inevitabile interazione circuitale che si stabilisce tra le realtà negative originate dall’interno della persona e quelle derivanti dall’esterno, per cui i fattori disturbanti provenienti dalla struttura del soggetto non possono non riflettersi in qualche modo sulla struttura socio-politica-culturale in cui  egli vive, e viceversa. Dunque, il valido motivo di aggravamento dei disturbi psichici dell’uomo di oggi va attribuito anche alla scadente organizzazione sociale e all’inefficace conduzione delle politiche di governo che lo riguardano, e che inevitabilmente influiscono negativamente sulla qualità del suo modo di essere.

Si verifica pertanto uno strano paradosso: il pensiero dell’”Homo sapiens”, definito da Bertrand Russell “luce del mondo e più importante gloria dell’uomo”, mentre è capace, da un lato, di grandi conquiste nel campo del progresso scientifico,

tecnologico, delle opere architettoniche e artistiche, dall’altro è in crescente crisi di stabilità da far temere nocive regressioni qualitative della mente, quindi dell’identità culturale, non solo individuale ma anche collettiva e nazionale.

Ora, il paradosso di questo decadimento delle qualità mentali che rendono contraddittoria l’espressività umana, sembra infiltrarsi con crescenti effetti negativi anche nelle istituzioni, sminuendone la qualità di funzionamento. Ce ne dà convinta conferma il Rapporto Italia 2019 dell’Eurispes. il cui presidente Gian Maria Fara, usa il termine “qualipatia”: neologismo con cui definisce l’attuale malessere istituzionale “l’avversione e il rifiuto per tutto ciò che richiama la qualità”. Dunque una forma di patologia sociale che fa dell’Italia “il Paese del ‘Ni’, dove primeggia l’incertezza nelle formulazioni del “Si” e del “No”, che crea una notevole confusione di competenze e di responsabilità. Un Paese dove prevale il conflitto tra vedute, proposte e scelte, che fa fatica ad affermare la propria identità, in preda com’è a parecchie contraddizioni paralizzanti e ingiustificabili.

 

Anastasio Majolino

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 febbraio 3, 2019 23:45


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco su Tv2000: con i morti si può parlare, ma loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti
  • Fate la comunione spirituale a casa come ci insegnano Sant’Alfonso e Papa Francesco
    Predisponete il vostro cuore e recitate queste preghiere: riceverete così, spiritualmente, il Corpo di Cristo I cristiani, in questi giorni di forzata permanenza a casa, a causa della diffusione del coronavirus, con difficoltà riescono ad attingere sacramentalmente al Corpo e al Sangue di Cristo, ma possono ricevere spiritualmente l’Eucaristia secondo una consolidata tradizione cattolica. Predisponendosi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Durante una peste mortale, Papa Gregorio ebbe una visione consolatrice di San Michele Arcangelo
    L’apparizione fu una risposta diretta alle preghiere incessanti del Papa per il suo popolo Alla fine del VI secolo una grave peste devastò la città di Roma, reclamando anche la vita di Papa Pelagio II. Fu un’epoca difficile per i cittadini romani, e quando Papa Gregorio I venne eletto a guidare la Chiesa decise di […]
    Philip Kosloski
  • 27 anni d’amore per la moglie che non vede e non parla
    Avguštin Maučec ha lasciato il lavoro per assistere Irena, che ha subìto lesioni irreversibili a causa di un incidente poco dopo il matrimonio Quando Avguštin ha pronunciato la formula matrimoniale in cui prometteva a Irena di esserle fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarla e onorarla tutti […]
    Dolors Massot
  • Come sarà la vita dopo il Coronavirus?
    Mentre il mondo si ritrova in stato d’emergenza, un prete della diocesi di Bordeaux s’interroga su quel che succederà “dopo”, quando il mondo riprenderà la sua vita normale. A che cosa somiglierà allora la nostra vita? E tutto s’è fermato… Questo mondo lanciato come un bolide nella sua corsa folle, questo mondo di cui sapevamo […]
    Pierre Alain Lejeune
  • Camici bianchi: adesso eroi, ma dopo?
    Il prezzo a breve e lungo termine che il personale sanitario in trincea per tutti noi rischia di pagare. In questi giorni così difficili assistiamo ad uno straordinario afflato popolare verso il personale sanitario che è in prima linea ad affrontare il terribile nemico invisibile con cui il Paese sta combattendo da circa un mese. Già […]
    Silvia Lucchetti
  • L’Anima Christi, preghiera perfetta per la Comunione spirituale
    “Non permettere che io mi separi da te” Usata in genere come preghiera dopo che ci si è comunicati, l’Anima Christi può anche essere utilizzata come preghiera di Comunione spirituale quando non si può ricevere l’Eucaristia nella Santa Comunione. Si crede che questa preghiera sia stata scritta nel XIV secolo da Papa Giovanni XXIII, ma […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 33:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login