Chiesa dal “volto gentile”, il Card. De Donatis ai presbiteri: “Amore di amicizia per superare divisioni”

Redazione1
di Redazione1 ottobre 3, 2020 00:29

Chiesa dal “volto gentile”, il Card. De Donatis ai presbiteri: “Amore di amicizia per superare divisioni”

Il volto sorridente nelle relazioni di chi è dedicato al sostegno del prossimo – è il dettato sia psicologico che religioso – costituisce uno strumento di grande efficacia nell’effondere senso di vicinanza, accoglienza e amorevole amicizia. Rappresenta un’espressione contagiosa di amore gratuito, come ha detto Papa Francesco, di grande valore umano e spirituale che rende efficace i tentativi di aprire un dialogo attrattivo, convincente e benefico sia verso gli afflitti, i bisognosi di aiuto, come anche per vivere in pace con i fratelli nel rispetto reciproco. Un atteggiamento di cui c’è bisogno per tutti, ma specialmente per le persone consacrate “nel loro servizio fattivo e di testimonianza, quale segno riconoscibile e credibile di amore evangelico”.   

Il vicario del Papa per la diocesi di Roma incontra i presbiteri, dopo l’incontro con gli operatori pastorali. Si sofferma a sottolineare l’importanza di una “Chiesa dal volto gentile” che contribuisca a superare “le divisioni tra le persone, gli individualismi, gli odi sociali (AciStampa). Per rilanciare un rinnovamento all’amicizia tra le persone”. Il Cardinale Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma, incontra i presbiteri per delineare il cammino dell’anno, il primo dopo crisi pandemia e nella pandemia. E annuncia: dalla prima domenica di Avvento la diocesi di Roma comincerà ad usare la nuova traduzione del Messale in italiano.

C’era già stato, il 26 settembre, un incontro con gli operatori pastorali, e già in quel caso aveva parlato della necessità di un “amore di amicizia”. Ora, il cardinale De Donatis reitera l’obiettivo pastorale, guardando ad una Chiesa del dopo pandemia che deve un po’ rifarsi all’esperienza di Nazareth, anzi “al mistero di Nazareth”. “Quel paesino – afferma il Cardinale De Donatis – era una realtà geografica umana di periferia e in questa realtà per 30 anni Gesù non ha fatto miracoli, guarigioni, predicazioni e possiamo ricavare impressione di spreco di tempo e di energie, insieme all’imprevedibilità del disegno di Dio”. E allo stesso modo, aggiunge, “parte della pastorale ordinaria del cammino di questi anni può sembrarci uno spreco di tempo, di azioni, ma in realtà proprio quel che Gesù ha vissuto a Nazareth illumina quello che siamo chiamati a vivere in questo periodi”.

Parlando ai presbiteri, il Cardinale De Donatis ricorda i quattro verbi che faranno da guida all’anno pastorale – respirare, uscire, incontrare, abbracciare – che descrivono tutti la Chiesa nel giorno di Pasqua, e sottolinea che la vera questione è “l’evangelizzazione degli adulti e dei giovani”. Una evangelizzazione che deve partire proprio dall’incontro con Gesù, perché è da lì che “nasce la gioia di evangelizzare. È dal primato della grazia, dal respiro di Dio che nasce la missione”.

Il cardinale tratteggia gli obiettivi degli anni pastorali passati: dall’analisi sincera delle malattie vissute (le peggiori: autoreferenzialità, pessimismo, sterile, guerra tra di noi) alla memoria di come Dio ha guidato la storia delle comunità cristiane a Roma; dalla necessità di chiedere perdono a quella di scendere in mezzo al popolo e ascoltarne il grido; fino ad avere i sentimenti di Cristo”.

Dopo la pandemia, sottolinea il Cardinale De Donatis, dobbiamo comprendere che “nulla è come prima, è cambiato il mondo. Ci sentiamo delusi. Alcuni degli abituali non sono tornati, ma ne abbiamo accolti di nuovi”.

Il Cardinale propone di intensificare la pastorale “a tu per tu”. “Quello che c’è da fare – dice – è incontrare famiglie e ragazzi nei loro ambienti di vita, andare a visitare anziani e malati, farsi vicini a chi versa in stato di povertà economica. Non dobbiamo aver timore che questo tempo ci appaia insignificante, forse dovremmo tenere un po’ più presente Nazareth e il suo mistero”. Il compito è dunque quello di “far diventare normale l’amore e non l’odio e per rendere normale l’amore occorre riconoscere Gesù Cristo presente, fargli posto”. Il cardinale si raccomanda “lo stile: non significherà il quanto, ma il come”.

E lo stile è l’amore di amicizia, che ha “ben altra logica di chi cerca di imporre la propria ideologia o l’interesse della propria parte e non sempre siamo consapevoli della nostra tendenza di essere superiori e comportarci di conseguenza. Il cambiamento di epoca che stiamo vivendo ci porta in una situazione di essere lievito”.

E così , conclude, “cercheremo di sostenerci coltivando le relazioni nuove e la passione di annuncio del Vangelo e la passione educativa e vorremmo vivere quella rivoluzione della tenerezza e mistica della fraternità di cui tanto ci ha parlato il nostro vescovo. Puntiamo molto sulle famiglie, che hanno rivelato da una parte la loro fragilità, ma in altri casi hanno rivelato la loro forza, la loro capacità di farsi prossimi agli altri e di testimoniare il Vangelo”.

 

 

Redazione da Ag di i.

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 3, 2020 00:29


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Quali sono i veri numeri sulle tasse pagate dal Vaticano?
    Basta con le fake news. Il Vaticano ha pagato nel 2019 oltre 9milioni di euro di tasse. E le polemiche sulle Ici passate non pagate sono pretestuose e false «Le tasse vanno pagate», ha detto domenica scorsa all’Angelus il Papa. E subito sui social è riesplosa la tiritera sul Vaticano che invece non paga le […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Sogna la Madonna e la fa dipingere. Con il quadro va negli ospedali
    Antonella Luberti, ex modella, scenografo e architetto ha iniziato un lungo pellegrinaggio con “Maria Madre di Amore e Misericordia”. La sua storia ricorda quella del quadro della Divina Misericordia E’ iniziato da Padova il pellegrinaggio del quadro della Madonna apparsa in sogno ad Antonella Luberti, architetto, scenografa ed ex modella 54enne. “Maria Madre di Amore […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Francesco: siamo credibili testimoni di Dio solo se siamo fratelli
    Nella Basilica romana dell’Aracoeli il Papa vive il primo momento del 34.mo Incontro di preghiera per la Pace, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio nello “spirito di Assisi”. Uniti in preghiera con il Pontefice il Patriarca ortodosso ecumenico Bartolomeo I e il vescovo Heinrich presidente del Consiglio della Chiesa Evangelica in Germania di Adriana Masotti – […]
    Vatican News
  • 5 suggerimenti per usare gli appuntamenti online per trovare un coniuge cattolico
    Se usate Internet, potete essere speranzosi e positivi Sperate di trovare un coniuge online? Non preoccupatevi se lo fate, non vi giudico certo. Internet è uno strumento utilissimo, e allora perché non usarlo per una cosa importante? Trovare una persona che vi aiuti ad arrivare in Cielo attraverso il sacramento del matrimonio è decisamente importante. […]
    Cecilia Pigg
  • TikTok: 3 regole che genitori e figli dovrebbero assolutamente conoscere
    I segreti del social network tanto amato dai giovani TikTok è un luogo virtuale dove le persone, in genere i giovani cantano, recitano, ballano e si fanno vedere. Una vetrina  per mettersi in mostra. ll social network cinese, lanciato nel settembre 2016, è oggi uno dei più vissuti del momento: basti pensare che nel  mese […]
    Umberto Macchi
  • Qualche motivo spirituale per cui Dio potrebbe permettere la malattia
    Se teniamo a mente che Dio è un Padre amorevole, sarà più facile affrontare le prove del nostro mondo caduto Quando siamo malati o vediamo ammalarsi un amico o un familiare, è naturale chiederci perché Dio permetta una sofferenza simile. Se la sofferenza nel mondo può essere fatta risalire ad Adamo ed Eva nel giardino, […]
    Philip Kosloski
  • La suora mistica che scopriva le ostie rubate o profanate
    Madre Yvonne Aimée era una religiosa agostiniana dalle doti straordinarie. Con l’aiuto del suo angelo scovava le profanazioni di ostie Madre Yvonne Aimée (1901-1951) era una religiosa agostiniana che visse a Malestroit, paesino della Bretagna, dal 1927 fino alla sua dipartita. Molti testimoniano che sia morta in odore di santità. Padre Labutte riporta nella sua […]
    don Marcello Stanzione
  • Disoccupata con 4 figli paga il medico con una collanina, lui le trova lavoro
    Una splendida gara di solidarietà a Napoli: il dottore ha condiviso la storia di questa mamma su Facebook, dopo un giorno è arrivata una proposta di lavoro per lei e un pacco alimentare per la famiglia. Le buone notizie sono quelle che ci mostrano che la solidarietà è una mossa che ci appartiene e non […]
    Annalisa Teggi
  • Sopportate le tempeste della vita essendo una roccia
    San Paolo della Croce esortava i suoi seguaci ad essere rocce che riescono a resistere a qualsiasi tormenta Le prove della vita possono essere difficili da sopportare. Spesso opponiamo resistenza, rifiutando di accettare i modi in cui cambiano la nostra esistenza. Soprattutto, non le accettiamo dalla mano di Dio. San Paolo della Croce, però, ci […]
    Philip Kosloski
  • L’origine della parola “cattolico” il primo santo che ha usato questo termine
    Si festeggia in questi giorni, e la parola che ha usato ha segnato la storia per sempre Molti, anche cattolici, non conoscono l’origine della parola “cattolico”. Il 17 ottobre, la Chiesa cattolica ha celebrato la festa liturgica di Sant’Ignazio di Antiochia, vescovo e martire dei primi tempi del cristianesimo. Fu proprio lui il primo santo […]
    Francisco Vêneto

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 67:
    • 148:
    ottobre: 2020
    L M M G V S D
    « Set    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login