Giornata mondiale poveri, il Papa: “Ascoltare il grido dei tanti Lazzaro”, “Ingiustizia radice della povertà”.

Redazione1
di Redazione1 novembre 21, 2018 23:02

Giornata mondiale poveri, il Papa:  “Ascoltare il grido dei tanti Lazzaro”, “Ingiustizia radice della povertà”.

Nella parte finale dell’omelia della Messa per la Giornata mondiale dei poveri, il Papa ha esortato ad ascoltare il loro grido. “È il grido strozzato di bambini che non possono venire alla luce, di piccoli che patiscono la fame, di ragazzi abituati al fragore delle bombe anziché agli allegri schiamazzi dei giochi”, ha detto facendo un lungo elenco: “È il grido di anziani scartati e lasciati soli. È il grido di chi si trova ad affrontare le tempeste della vita senza una presenza amica. È il grido di chi deve fuggire, lasciando la casa e la terra senza la certezza di un approdo. È il grido di intere popolazioni, private pure delle ingenti risorse naturali di cui dispongono. È il grido dei tanti Lazzaro che piangono, mentre pochi epuloni banchettano con quanto per giustizia spetta a tutti”.

“L’ingiustizia è la radice perversa della povertà”, le parole di Francesco, secondo il quale “il grido dei poveri diventa ogni giorno più forte, ma ogni giorno meno ascoltato, sovrastato dal frastuono di pochi ricchi, che sono sempre di meno e sempre più ricchi”. “Davanti alla dignità umana calpestata spesso si rimane a braccia conserte oppure si aprono le braccia, impotenti di fronte all’oscura forza del male”, il monito del Papa: “Ma il cristiano non può stare a braccia conserte, indifferente, o a braccia aperte, fatalista, no. Il credente tende la mano, come fa Gesù con lui”. “Presso Dio il grido dei poveri trova ascolto, ma in noi?”, il suggerimento per l’esame di coscienza individuale: “Abbiamo occhi per vedere, orecchie per sentire, mani tese per aiutare?”. “Cristo stesso, nella persona dei poveri reclama come a voce alta la carità dei suoi discepoli”, ha ribadito Francesco: “Ci chiede di riconoscerlo in chi ha fame e sete, è forestiero e spogliato di dignità, malato e carcerato”. “Guardiamo alle nostre giornate: tra le molte cose, facciamo qualcosa di gratuito, qualcosa per chi non ha da contraccambiare?”, l’invito finale: “Quella sarà la nostra mano tesa, la nostra vera ricchezza in cielo”. “Tendi la mano a noi, Signore, e afferraci. Aiutaci ad amare come ami tu. Insegnaci a lasciare ciò che passa, a rincuorare chi abbiamo accanto, a donare gratuitamente a chi è nel bisogno”, la terza preghiera dell’omelia.

“Vivere la fede a contatto coi bisognosi è importante per tutti noi. Non è un’opzione sociologica, non è la moda di un pontificato”. A puntualizzarlo è stato il Papa, che nell’omelia della Messa per la Giornata mondiale dei poveri si è soffermato sulla povertà come paradigma del cristiano. “È riconoscersi mendicanti di salvezza, fratelli e sorelle di tutti, ma specialmente dei poveri, prediletti dal Signore”, ha spiegato: “Così attingiamo lo spirito del Vangelo: ‘Lo spirito di povertà e d’amore – dice il Concilio – è infatti la gloria e il segno della Chiesa di Cristo’”. Gesù, nel mezzo della tempesta, “tende la mano”, ha sottolineato Francesco: “Afferra Pietro che, impaurito, dubitava e, affondando, gridava: ‘Signore, salvami!’”. “Possiamo metterci nei panni di Pietro”, l’invito: “Siamo gente di poca fede e siamo qui a mendicare la salvezza. Siamo poveri di vita vera e ci serve la mano tesa del Signore, che ci tiri fuori dal male. Questo è l’inizio della fede: svuotarsi dell’orgogliosa convinzione di crederci a posto, capaci, autonomi, e riconoscerci bisognosi di salvezza. La fede cresce in questo clima, un clima a cui ci si adatta stando insieme a quanti non si pongono sul piedistallo, ma hanno bisogno e chiedono aiuto”.

Al termine del pranzo con i poveri in Aula Paolo VI, nella Giornata mondiale a loro dedicata, Papa Francesco ha rivolto parole di saluto prima di lasciare l’Aula: “Ringrazio tanto tutti voi per la compagnia. Adesso mi dicono che incomincia la vera festa e il Papa deve andarsene via, perché la festa sia buona! Grazie tante! Grazie a voi per la compagnia. Grazie ai ragazzi musicisti. Grazie a coloro che hanno preparato il pranzo, che lo hanno servito, e ai tanti ragazzi e ragazze che aiutano qui all’ordine. E grazie a tutti voi. E pregate per me. Che il Signore vi benedica. Grazie!”.

 

 

 

Redazione

 

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 21, 2018 23:02


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La trasfigurazione di Gesù è avvenuta sul monte Tabor?
    Dopo sei giorni, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e discorrevano con Gesù. Prendendo […]
    padre Paweł Rytel-Andrianik
  • Nuovo rapimento in Nigeria, ma i media pensano ai cani di Lady Gaga
    Rapiti ieri 317 studenti dal dormitorio del liceo statale di Jangebe, nello stato nigeriano del Zamfara: è il terzo rapimento di massa in tre mesi. Su Twitter Obianuju Ekeocha ha denunciato: «C'è più attenzione mediatica per i cani rapiti di una star che per dei giovani nigeriani». Ieri, proprio mentre traducevamo l’intervista al pastore Gideon […]
    Giovanni Marcotullio
  • No dei vescovi USA all’Equality Act sul gender
    I leader religiosi mettono in guardia contro l'“imposizione di punti di vista nuovi e divisivi relativi al gender”L’Equality Act, che emenderebbe il Civil Rights Act del 1964 impedendo esplicitamente la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, verrà votato questa settimana alla Camera dei Rappresentanti. Mercoledì, i vescovi cattolici degli Stati Uniti hanno diffuso […]
    John Burger
  • “Spero di riuscirci fino in fondo”. Il digiuno quaresimale di Etty Hillesum
    Fratel Semeraro ci racconta la Quaresima vissuta da Etty. L'intellettuale ebrea ebbe una vita libertina, ma nonostante ciò, tenne ferme le sue convinzioni religiose Il digiuno quaresimale di Etty Hillesum è un digiuno “libero”, “spontaneo”. Lo ha praticato persino nel campo di concentramento dove lavorava come assistente sociale, cioè a Westerbroke, in Olanda. Fratel Michael […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Una visione davvero terrificante della crocifissione di Gesù
    Un'ombra della Croce è l'unica indicazione della barbarie che ha appena avuto luogoI 40 giorni che Cristo ha trascorso nel deserto devono essere stati un tormento grande quasi quanto la crocifissione. Trovare immagini che combinino questi due aspetti delle ultime settimane di Nostro Signore è quasi impossibile. Questo dipinto del 1867 ospitato nel Museo d’Orsay, […]
    Lucien de Guise
  • Posso fare ciò che voglio a patto di non ferire gli altri?
    La vera giustizia è quindi, per essenza, una specie di generosità: va al di là della leggePosso davvero fare ciò che voglio? A volte non capiamo realmente il significato delle regole che ci vengono imposte, perché non riusciamo a vedere quanto siano utili e possano proteggerci. Non parlo solo del fatto di dover indossare una […]
    Jeanne Larghero
  • La basilica di San Pietro: nel cuore della Chiesa, ai piedi dell’apostolo
    Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”Il primo sabato di Quaresima ci porta nel cuore della cristianità: la basilica di S. Pietro. Siamo sulle pendici del Colle Vaticano. La basilica è stata costruita intorno al 325 dall’imperatore Costantino sul luogo del martirio e della sepoltura del “principe degli apostoli”. […]
    Marinella Bandini
  • La scienziata di 26 anni che ha lasciato tutto per Dio
    La storia di una giovane spagnola che si è dedicata alla Terapia Cellulare ma non seguirà il cammino abitualeMaría del Carmen Martín Astorga è di Málaga (Spagna) e ha 26 anni. Mentre leggete questo articolo, ‘Maricarmen’ – come la chiamano i suoi amici – si dedica alla ricerca in Terapia Cellulare in Medicina veterinaria e […]
    Javier González García
  • “Francesco nella Terra di Abramo”
    Rai Premium propone un reportage che anticipa i temi e i luoghi dello storico viaggio di Papa Francesco in IraqLa prima volta di un Papa in Iraq, la prima volta di un Papa nella terra di Abramo. Una visita storica. Domenica 28 febbraio alle 15.15, a pochi giorni dal viaggio di Francesco in Iraq, previsto […]
    Lucandrea Massaro
  • Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
    Grazie e miracoli sono stati riferiti dai pellegrini che si sono bagnati nelle acque del Santuario dell'Amore Misericorioso a Collevalenza “Non come un giudice per condannare la gente e infliggerle la Sua punizione, ma come un Padre amorevole che la perdona, che dimentica e non tiene conto delle offese commesse contro di LUI”. Madre Speranza […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 18:
    • 181:
    febbraio: 2021
    L M M G V S D
    « Gen    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

    Login