ALI’ TERME, MESSINA – Sarà elevata a Santuario la chiesa annessa all’Istituto salesiano dov’è custodito il corpo della Beata Morano

Redazione1
di Redazione1 novembre 1, 2018 09:07

ALI’ TERME, MESSINA – Sarà elevata a Santuario la chiesa annessa all’Istituto salesiano dov’è custodito il corpo della Beata Morano

Sono numerosi i luoghi sacri che costellano il nostro territorio, e tanti i messinesi fautori di santità e fattiva umanità che fanno di Messina una privilegiata “Terra di Santi”. Un prezioso patrimonio religioso e culturale che conferisce alla nostra città, e ai suoi dintorni un’impronta identitaria segnata da una forte componente spirituale. Fanno parte integrante di questa eletta schiera anche figure luminose venute da lontano, che qui sono rimaste anche dopo la morte, manifestando segni straordinari della loro santità, come è stato per Maddalena Morano, Fondatrice dell’Istituto salesiano Maria Ausiliatrice di Alì, la cui chiesa fra qualche giorno sarà elevata a Santuario.

E’ un evento di notevole significato religioso e culturale quello che si compirà il 5 novembre ad Alì Terme, dove la chiesa annessa all’Istituto delle Suore Salesiane sarà elevata al rango di Santuario. Un riconoscimento prestigioso che attribuisce il giusto merito alla chiesa annessa alla Fondazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice sorta nel 1890. Un’opera nata per l’impegno di Madre Maddalena Morano che, giunta con un esiguo gruppo di consorelle nel paese, si prodigò con tutte le sue energie per compiere la volontà dei coniugi Giovanni Marini e Grazia Di Blasi, i quali, su suggerimento del Cardinale Guarino, avevano destinato la loro eredità per far nascere un’opera salesiana ad Alì.

Sotto l’impulso di Madre Morano l’opera prosperò notevolmente, tanto che gli spazi della piccola cappella di “Nostra Signora del Sacro Cuore di Gesù”, di cui le suore usufruirono nel primo decennio di attività ad Alì, divennero ben presto insufficienti. Per cui fu necessario erigere una nuova e più capiente chiesa.

Il nuovo tempio, che fu intitolato a Maria Ausiliatrice e benedetto il 15 maggio 1901, divenne ben presto il centro animatore dell’attività religiosa comunitaria e luogo di pellegrinaggio per tanti devoti del comprensorio e provenienti dai diversi paesi del circondario. In particolar modo, per la festività di Maria Ausiliatrice del 24 maggio sono numerosi coloro che vengono a visitare questa chiesa, attirati soprattutto dalla fama di santità della Madre Morano, proclamata Beata da Giovanni Paolo II il 5 novembre 1994. Infatti, soprattutto la presenza del corpo della Beata, custodito nella cappella a lei dedicata ed esposto in una teca alla venerazione dei fedeli, rende questo tempio degno di essere proclamato Santuario in quanto meta di frequenti pellegrinaggi e itinerari religiosi.

Breve biografia della Beata Morano    

Maddalena Caterina Morano nasce a Chieri, piccolo centro vicino Torino, il 15 novembre del 1847 in una famiglia ricca di valori cristiani. Nel 1855 perde il padre Francesco e la sorella maggiore.

Riceve dalla madre Caterina la prima formazione religiosa e, grazie al suo carattere energico e deciso, riesce ad affrontare con sacrificio e coraggio le difficoltà della vita. In seguito, Maddalena può avere i mezzi per frequentare la scuola e la concreta possibilità di

studiare.

Nel 1868, presso la Scuola di Pinerolo, consegue il diploma magistrale. Nella scuola di Montaldo Torinese, per 14 anni, svolge il ruolo di maestra comunale in modo esemplare, fino a meritare un pubblico riconoscimento. Nel 1878, incontra Don Bosco, fondatore dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Viene accolta dalla cofondatrice Maria Domenica Mazzarello, di cui condivide l’ideale di santità e di apostolato, iniziando così la sua esperienza religiosa.

Il 4 settembre del 1879 pronuncia i voti di castità, di povertà e di obbedienza,
Con la benedizione di Don Bosco; nel 1881, viene mandata in Sicilia presso il collegio femminile di Trecastagni (Ct), dove diviene ispettrice non solo della casa di accoglienza di Trecastagni, ma anche delle nuove fondazioni sorte in varie parti dell’Isola.

A Catania, nel 1888,  la casa di accoglienza è il primo passo verso la realizzazione dell’Istituto di formazione insegnanti, con la Scuola Magistrale aperta nel 1902; ad Alì Terme nascono, nel 1890 la fondazione, nel 1891 il noviziato, nell’anno seguente la sede ispettoriale ed in seguito i lavori di ampliamento per il futuro collegio.
La Sicilia sarà fino alla fine la “patria del cuore” di Madre Maddalena Morano, che muore a Catania il 26 marzo 1908.

Le sue spoglie, esumate il 1° dicembre 1993, oggi sono deposte in un’urna di vetro esposte ai fedeli nella nuova cappella. Esse hanno riposato nel cimitero di Alì Terme fino al 12 settembre 1939, giorno in cui vennero trasportate nella cappella dell’Istituto Maria Ausiliatrice, in mezzo alle sue figlie.

Il 5 novembre 1994, il Santo Padre Giovanni Paolo II°, da Catania annunziava al mondo che Madre Morano era degna di ricevere la venerazione dei fedeli col titolo di Beata, stabilendone la celebrazione della festa al 15 novembre di ogni anno.

 

 

 

Redazione

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 1, 2018 09:07


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Un medico nel focolaio di Alzano Lombardo: nel volto dei miei colleghi la vittoria di Cristo
    Da primario di ortopedia, Luca Salvi viene catapultato nel pieno dell’emergenza coronavirus. Nuovi protocolli, nuovi assetti, tutto riconvertito per fronteggiare la richiesta crescente dovuta all’espandersi del contagio. E in questa prova la riscoperta di sè, del valore dei legami, del senso del lavoro e dell’amicizia. Dal carisma di Don Giussani una capacità di sguardo nuova […]
    Paola Belletti
  • Coronavirus: come accompagnare i più piccoli nel lutto
    Da diverse settimane, ogni giorno, i bambini si confrontano con la morte sugli schermi televisivi. Il Covid-19 ha infatti già mietuto molte vittime. Ma quando il dolore colpisce una persona molto cara, è una tragedia insopportabile. Più che per un adulto, la morte di una persona cara è devastante nella la vita di un bambino. […]
    Edifa
  • La Corona di Spine di Cristo è sopravvissuta a guerre, rivoluzioni e all’incendio di Notre-Dame
    Le spine della reliquia della Crocifissione si ritrovano in collezioni delle chiese e perfino al British Museum Un anno fa ci si è preoccupati molto per la Corona di Spine di Cristo. Quando un incendio ha quasi distrutto la cattedrale di Notre-Dame, a Parigi, è stato il primo oggetto che un sacerdote indomito è corso […]
    Lucien de Guise
  • Quello che Dio vuole da noi in questo momento è purificarci
    Come interpretare la Bibbia? Cosa dice all’uomo di oggi? Quali perle nascondono i suoi testi? Oscar García Aguado è un sacerdote di Madrid autore di due brevi opere: Aprende a manejar la Biblia. Aproximación al Antiguo Testamento e Aprende a manejar la Biblia. Para disfrutar del Nuevo Testamento. Si tratta di due libri nati da […]
    Alvaro Real
  • I santuari d’Europa per un tour virtuale di Pasqua
    Il COMECE lancia un nuovo servizio nei giorni del Triduo Pasquale per aiutare i fedeli d’Europa Nel contesto dell’attuale pandemia di Covid-19 e dell’impossibilità per molti di partecipare fisicamente alle celebrazioni e ai momenti di preghiera della Chiesa, giovedì 9 aprile 2020, pochi giorni prima di Pasqua, viene lanciato dal COMECE – l’unione delle conferenze […]
    Lucandrea Massaro
  • Vivete la Via Crucis a casa con i vostri figli
    Molti cristiani dovranno vivere il Venerdì Santo senza poter uscire di casa. Ecco consigli e idee per organizzare una Via Crucis a casa con i figli. di Christine Ponsard  Molte famiglie vivranno la Settimana Santa isolati nelle loro case e non potranno andare in chiesa. Tra tutto ciò che viene proposto in questa settimana per […]
    Edifa
  • Una meditazione del Venerdì Santo per trovare la via della santità
    Il Venerdì Santo la Chiesa commemora la Crocifissione e la Morte di Gesù sulla croce. Come il Buon Ladrone crocifisso accanto a Cristo imploriamo la Sua misericordia. di Christine Ponsard Non si può capire in cosa consiste la santità senza guardare all’unico santo canonizzato da Gesù stesso: il Buon Ladrone. Non sappiamo quasi nulla di […]
    Edifa
  • «Diaconato femminile: necessario un rapporto dinamico con la tradizione», parla Anne-Marie Pelletier
    «Non sono sicura che ci sia molto da guadagnare nel particolarizzare il ministero» di donne già al servizio della Chiesa, confida con prudenza Anne-Marie Pelletier, nominata membro della nuova Commissione di studio sul diaconato femminile appena creata da Papa Francesco. Abbiamo intervistato la teologa francese, che si rallegra di vedere che la questione viene ancora […]
    Claire Guigou
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    La lettura può accompagnarci a guardare quelle zone più esposte del nostro io che chiedono aiuto. Brancolare e tentennare sono i verbi che descrivono le mie giornate in quarantena con la famiglia. La fase propositiva-entusiasta del «organizzerò cose fantastiche!» è passata; pesa la fatica – oggettivamente piccola ma non insignificante – di gestire la casa, […]
    Annalisa Teggi
  • Su coronavirus e peste: Dio è con noi, non contro di noi
    La storia delle pesti ci lascia con una speranza inaspettata: in mezzo a questi mali naturali, Dio ci fa sapere che è il Signore Il 6 dicembre 1666, sulla scia dello scoppio della Morte Nera che uccise il 15% della popolazione inglese, il reverendo Josiah Hunter di York pronunciò un sermone intitolato “L’Orrore della Peste”. […]
    Gabriel Torretta, O.P.

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 187:
    • 216:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login