Sorprendente paradosso del Natale 2017: lo sdegnato rimprovero del filosofo non credente a cattolici e laici

Redazione1
di Redazione1 gennaio 1, 2018 18:22

Sorprendente paradosso del Natale 2017: lo sdegnato rimprovero del filosofo non credente a cattolici e laici

Sappiamo che Il Cristianesimo è la religione dei paradossi; lo conferma il capovolgimento di fronte che rende le verità evangeliche in netta contraddizione rispetto a quelle in cui il mondo comunemente crede. Basterebbe pensare alle sconcertanti “beatitudini” del discorso della montagna; ma anche il Natale ce ne dà buona dimostrazione: Dio onnipotente che si fa bambino impotente, che nasce in una stalla e non in luogo sacro, in un umile paesino decentrato anziché in un luogo importante, che si fa figlio di poveri anziché di ricchi e annuncia la nascita agli incolti pastori invece che ai maggiorenti del posto. E si potrebbe continuare così a lungo.

Ebbene, come se non bastasse, il Natale, da poco celebrato, si è arricchito di un altro strano e imprevedibile paradosso; di natura diversa però: di segno bizzarro e intellettualistico, tale da suscitare sorpresa ma anche non pochi motivi di condivisione.

Fautore di questo evento straordinario è Massimo Cacciari; personaggio molto noto, filosofo e politico di sinistra, famoso per la stringente logica del suo acuto pensiero, ma anche per la franchezza e la foga con cui spesso rivolge le sue reprimende a chi giudica colpevole di incongruenze imperdonabili.

Ed ecco il pezzo forte del suo sdegnato rimprovero natalizio: “l’indifferenza avvolge cattolici e laici, non hanno presente il significato sconvolgente della festa”. Cui fa seguito una serie crescente di sgridate ai cattolici di oggi, compresi i laici, pronunciate con irritata veemenza – raccolte in un interessante intervista da Stefano Zurlo – in un contesto di polemiche sul susseguirsi di numerosi episodi di cronaca.

Fatti riguardanti comportamenti tesi a limitare, sminuire, se non addirittura a eliminare certi simbolismi natalizi per discutibili motivi. La comunità che rinuncia ai canti tradizionali di Natale per non turbare la sensibilità degli appartenenti ad altre religioni, il parroco che per incombenti presenze di immigrati ha paura di celebrare la messa a mezzanotte, la scuola che abolisce il presepe nel segno del politicamente corretto; ed altri simili eventi che fanno registrare dichiarazioni alquanto perentorie, del tipo: “gli atteggiamenti di stranieri sfrontati impediscono spesso di celebrare tranquillamente la Festività natalizia”.

Ora, è proprio in questo contesto che si inserisce l’accusa tranciante del focoso filosofo: “Sono i cristiani i primi ad aver abolito il Natale”. E, poi, spiega: “Perché non riflettono, perché non fanno memoria di questa storia così sconvolgente”; e subito prosegue, “Capisce? Non Dio che stabilisce una relazione con gli uomini, ma Dio che viene sulla terra attraverso Cristo. Vertiginoso”. Poi l’imbarazzante e tagliente dichiarazione: “La nostra società è anestetizzata, il Natale è diventato una favoletta, una specie di raccontino edificante che spegne le inquietudini”, e ancora, questo è «Il Natale dei panettoni, il Natale delle pubblicità, il Natale dei soldi. Il Natale oggi è una festina».

Dopo di che, il filosofo non credente, con l’onestà intellettuale che lo caratterizza, si interroga rivelando la sua condivisione del grande valore culturale del cristianesimo, che – afferma con convinzione – “è una parte fondamentale del mio percorso, della mia vicenda, è qualcosa con cui mi confronto tutti i giorni”. Di conseguenza Cacciari – in piena sintonia con il parere di Benedetto Croce, il grande filosofo ideologo del liberalismo novecentesco italiano, secondo cui tutti noi “non possiamo non dirci cristiani” –   a sua volta dichiara: “io che non sono credente mi interrogo: c’è un simbolo che ha dato un contributo straordinario alla nostra storia, alla nostra civiltà, alla nostra sensibilità». E completa il suo pensiero con una decisa quanto importante asserzione: il “Natale non è solo dei cristiani. In ballo c’è la nostra civiltà”.  E così dicendo, il filosofo veneziano entra nel vivo del tema dell’identità dei cattolici, e del rischio che corre di indebolirsi, e con essa la solidità della nostra cultura, esprimendo un implicito ammonimento a non lasciarla decadere con irresponsabili atteggiamenti di scarsa adesione agli importanti ed edificanti princìpi, su cui si fondano le radici e i valori e della nostra civiltà.

Ora, di fronte a questa strabiliante e seria requisitoria, non si possono certo prevedere quali effetti di ritorno possa avere, o quanti siano coloro che hanno da obiettare su ciò che ha esternato Massimo Cacciari. Crediamo, però, che non siano pochi quelli che trovano motivi per concordare col suo pensiero, ma sicuri, certamente, che i suoi rimproveri siano per tutti un valido stimolo a riflettere. A parte, naturalmente, l’indiscusso riconoscimento del valore umano e spirituale del suo dichiarato vissuto interiore. Pertanto, pensiamo che l’intento speranzoso di avere risposte adeguate a questo monito, così sincero e credibile, possa entrare a far parte di un fervido augurio di “Buon 2018”, per tutti.

 

 

Anastasio Majolino

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 1, 2018 18:22


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Vuoi seguire i riti della Quaresima officiati dal Papa? Ti diciamo noi come fare
    Da Sant’Anselmo alla Penitenza, ecco come approfondire il tuo rapporto con Cristo, accompagnando Francesco verso Pasqua di Risurrezione La Quaresima è una delle ricorrenze più importanti che la Chiesa cattolica celebra durante l’anno liturgico. E’ un periodo di penitenza di quaranta giorni in preparazione della Pasqua, dal mercoledì delle Ceneri al Sabato Santo. La Quaresima […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Le 2 cose da cambiare nella Chiesa cattolica
    Parla padre Gabriel Vila Verde, citando Santa Madre Teresa di Calcutta Sulla sua pagina persona su Facebook, padre Gabriel Vila Verde ha postato questo commento: “Anch’io, quando ero laico, pensavo di avere la soluzione per la Chiesa tra le mani. Con l’orgoglio di chi aveva letto due pagine del Trattato, pensavo che se il Papa […]
    Aleteia
  • È peccato per una cattolica sposare un evangelico ricevendo la bendizione del pastore?
    Padre Cido Pereira risponde al dubbio di una madre di famiglia Nella sua rubrica sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, padre Cido Pereira ha risposto questa settimana a un dubbio espresso da una madre di famiglia: “Vediamo il dubbio che mi ha presentato Neusa, di Osasco (San Paolo): ‘Mia figlia è […]
    Aleteia Brasil
  • Come e perché Querida Amazonia ci aiuta a comprendere meglio la Chiesa
    Nella tradizione dell’insegnamento di Paolo VI, ma anche di Benedetto XVI, l’esortazione postsinodale “Querida Amazonia” invita a comprendere la missione della Chiesa e la sua realtà con l’intelligenza della fede. Senza chiudere porta alcuna, papa Francesco conferma la sua volontà di non clericalizzare i laici e di non laicizzare i chierici. Esattamente 50 anni fa, […]
    Christophe Dickès
  • Papa Francesco: con la mitezza conquistiamo il cuore del fratello
    E’ la terza delle otto Beatitudini del Vangelo di Matteo: “Beati i miti perché avranno in eredità la terra”. Papa Francesco ne parla all’udienza generale di questo mercoledì e spiega che non c’è terra più bella da ereditare che il cuore del fratello, la pace ritrovata con lui Proseguendo il ciclo dedicato alle Beatitudini, all’udienza […]
    Vatican News
  • Il “revenge porn”, una pratica “estremamente comune” tra i giovani
    La diffusione di immagini o di video intimi non è appannaggio della vita politica. Se in Francia si sta versando molto inchiostro sul caso di Benjamin Griveaux, il “revenge porn” è anche una pratica molto diffusa tra gli adolescenti. Secondo Thérèse Hargot, sessuologa e saggista, si tratta di un fenomeno dall’importante rilevanza sociale. Benjamin Griveaux, […]
    Mathilde De Robien
  • Haiti: cosa rivela la terribile morte di 15 bambini dopo l’incendio in un orfanotrofio?
    Una tragedia che parla, tra le altre cose, di irregolarità e della complessa situazione dei bambini abbandonati dai genitori Il Paese più povero dell’America Latina è tornato a fare notizia a livello internazionale, e ancora una volta per un aspetto che chiama a riflettere. Il 13 febbraio, la morte di 15 minori che vivevano in […]
    Pablo Cesio
  • La maternità, quanti sacrifici! Ma le ricompense arrivano. La sua prima parola? «Papà»!
    La gravidanza, gli sbalzi ormonali, la ritenzione idrica, i doloretti un po’ ovunque e infine il momento magico ma pur sempre doloroso del parto. E l’allattamento, le notti in bianco, le colichette. Ce la possiamo aspettare qualche piccola ricompensa dal nostro bimbo, no? di Lisa Zu Questo post è per mio marito. Che aspetta con […]
    Aleteia
  • La Comunione spirituale? Una possibilità meravigliosa di stare con Gesù!
    Raccogliersi e chiedere a Gesù di venire nel proprio cuore è qualcosa di profondamente bello. Ho provato una gioia e uno stupore brevi ma davvero intensi: ero proprio felice. Beauty in the pain #2 – Giuseppe Signorin La domenica mi portano la comunione a casa. È bellissimo, non potendo andare in chiesa. Gesù qui in […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Consigli per coppie felici. #5 Fate l’amore e fatelo bene
    Troppi tabù sul sesso di coppia in una società che paradossalmente sessualizza ed erotizza tutto. Tornate a fare l’amore, ci vuole impegno e costanza, ma senza ci condanniamo alla divisione e all’infelicità. di Marco Scarmagnani «Fare l’amore?» «Chi se lo ricorda?» «Devo chiederle un appuntamento!» «Ah, ormai… ci abbiamo messo una croce» «Passiamo oltre dotto’». […]
    Semprenews

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 145:
    • 197:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login