Nel ricordo del grande Papa, Giovanni Paolo II: “Vincere è sfruttare bene i talenti che Dio ci ha dato”

Redazione1
di Redazione1 aprile 1, 2021 19:52

Nel ricordo del grande Papa, Giovanni Paolo II: “Vincere è sfruttare bene i talenti che Dio ci ha dato”

San Giovanni Paolo II, il “Papa sportivo” per eccellenza. Nella storia, lo sport ha sempre avuto un ruolo centrale nella vita di vari Pontefici. Ma con Papa Giovanni Paolo II si può affermare che ciò abbia raggiunto la massima estrinsecazione. Perchè se è vero che lo sport è una componente fondamentale della vita di ognuno di noi, per Carol Wojtyla la dimensione sportiva venne rivalutata al punto da divenire non solo una passione, ma vero e proprio “segno dei tempi”.

Papa Giovanni Paolo II fin da subito, fin dal momento della sua elezione, dimostrò di essere un passo avanti con i tempi, rompendo gli schemi, ed instaurando con le persone un rapporto fatto di empatia, fede, rispetto: dai giovani ai meno giovani tutti ricordiamo la frase con cui Egli si presentò al balcone di Piazza San Pietro subito dopo l’elezione “se mi sbaglio, mi corrigerete” con umiltà, in grado di raggiungere anche i cuori più ostili.

Da grande sportivo quale era, questo stile di vita è emerso subito nella sua quotidianità di Pontefice rappresentandone un aspetto molto importante, a volte suscitando stupore e meraviglia. Sono note le immagini del Papa in settimana bianca mentre scia, mentre compie lunghe passeggiate in montagna con panorami mozzafiato. Durante la Messa per il Giubileo internazionale degli sportivi, il 12 Aprile del 1984, presso lo stadio Olimpico di Roma sottolineò il valore della dimensione sportiva: “Cercate di utilizzare lo sport come analogia della vita, per imparare a vivere. Il campo di gioco o l’attività’ in palestra è come la vita; uno può fare sport per passare il tempo, per “mostrare i muscoli” oppure per diventare più se stesso. Il valore dello sport è che è analogia della vita, perché il vero campo da gioco è la vita.

Così, anche il sacrificio che lo sport richiede svela meglio la sua natura buona e l’esigenza di motivare in modo adeguato un sacrificio. Bisogna far vedere il nesso tra il sacrificio e il risultato, cioè la convenienza per una vita più umana. E poi, se i ragazzi crescono nella loro umanità, riusciranno meglio anche nello sport. “Vincere è sfruttare bene i talenti è riconoscere i talenti che Dio ci ha dato. Perdere è capire quali talenti abbiamo e quali capacità dobbiamo ancora capire. Se ce la metto tutta e perdo non è una sconfitta senza valore: sono chiamato a scoprire quali sono le mie doti. Fate che l’uomo non sia mai sacrificato all’atleta”.

Ancora, a riprova del suo amore per lo sport e il riconoscimento del suo valore al di là dell’aspetto prettamente “ fisico”, durante una Omelia, in occasione del Giubileo degli sportivi di Roma del 2000 disse che «la pratica sportiva […] può favorire l’affermarsi nei giovani di valori importanti quali la lealtà, la perseveranza, l’amicizia, la condivisione, la solidarietà. E proprio per tale motivo, in questi ultimi anni essa è andata sempre più sviluppandosi come uno dei fenomeni tipici della modernità, quasi un “segno dei tempi” capace di interpretare nuove esigenze e nuove attese dell’umanità». Infatti, «per il profilo planetario assunto da questa attività», essa «può […] recare un valido apporto alla pacifica intesa fra i popoli e contribuire all’affermarsi nel mondo della nuova civiltà dell’amore».

Sport come “ segno dei tempi” si è detto, a voler sottolineare l’immagine di un Papa innovatore, promotore dello sport in un’ottica più

ampia e spirituale: lo sport come punto di partenza per lo sviluppo di un mondo migliore, quale vero e proprio segno di rottura con una società tradizionalista legata alla visione dell’attività sportiva come mero passatempo, e di valorizzazione della stessa come  disciplina di vita in grado di interpretare “nuove esigenze e nuove attese dell’umanità”, con evidenti riflessi nel mondo della spiritualità. Sport come mezzo per promuovere la pace fra i popoli, espressione universale dell’uomo a carattere interculturale ed innovativo che trascende ogni tipo di differenza sia essa linguistica, religiosa, sociale, culturale. Il linguaggio dello sport parla a tutti indistintamente ed, in questo senso, valorizzare lo sport significa valorizzare un nuovo concetto di umanità ed una nuova “civiltà dell’amore”.

Emerge in tutto questo l’immagine di un uomo ancorché del Pontefice, innamorato dello sport come metafora della vita che sproni l’uomo a valorizzare i propri talenti quali doni di Dio, ribadendo la necessità del sacrificio per conseguire il risultato, accettando la sconfitta con un concetto di umiltà che implica la scoperta e valorizzazione delle proprie peculiarità e dei propri limiti. Un uomo dalle mille risorse Carol Wojtyla, un esempio per tutti, per il modo come ha affrontato la vita, le difficoltà, per il modo in cui è riuscito a conquistare una moltitudine di persone in tutto il mondo. Un grande Santo di tutti i tempi.

 

Gabriella Forlese

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 1, 2021 19:52

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 106:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login