MESSINA – L’eredità spirituale di Nazarena Majone, nel 125° anniversario di Professione Religiosa

Redazione1
di Redazione1 ottobre 20, 2017 19:03

MESSINA – L’eredità spirituale di Nazarena Majone, nel 125° anniversario di Professione Religiosa

E’ stata la celebrazione di una splendida figura di donna siciliana, fulgido esempio di umanità sacrificale e caritativa, vissuta al seguito di padre Annibale Di Francia, e, insieme a lui, Cofondatrice della Congregazione “Figlie del Divino Zelo”; instancabile ed eroica dispensatrice di amore materno per tanti piccoli orfani e derelitti, e propagatrice del “Rogate”, la preghiera per le vocazioni.

Si è svolto al teatro “Annibale M. Di Francia” l’interessante convegno dedicato alla bella figura di Madre Nazarena Majone, in occasione del suo 125esimo anniversario di Professione religiosa. A questo importante  momento di approfondimento della sua eredità spirituale e carismatica, hanno partecipato numerosi laici e religiose. Alcuni versi, scelti tra gli scritti di Madre Nazarena, recitati e cantati da giovani artisti, hanno introdotto e intervallato l’evento, donando la possibilità ai presenti di sentire vibrare l’anima e il cuore della venerabile religiosa profondamente innamorata di Dio e del prossimo.

 

Nell’introdurre i lavori, suor Rosa Graziano, postulatrice della causa di beatificazione, ha evidenziato alcuni aspetti della forte personalità della Madre e ha presentato lo stato attuale del cammino verso la canonizzazione. “Si rimane in attesa di un miracolo – ha precisato sr. Rosa – che possa essere ritenuto valido per la sua iscrizione fra la schiera dei Beati. Tante sono le grazie ricevute per la sua intercessione, ma nessuna, ancora, è ritenuta sufficiente”.

Il Sindaco di Graniti, paese natale della Venerabile Nazarena Majone, ha porto il suo saluto e quello dei granitesi, orgogliosi di avere come concittadina un personaggio che dà tanto onore alla loro collettività, per l’impegno profuso a servizio dei più bisognosi, per quanto ha fatto in vita e continua a fare con la sua intercessione dal Paradiso.

Padre Fortunato Siciliano, rcj, da tanti anni studioso di Madre Nazarena, ha parlato della capacità profetica che la Majone ha sviluppato all’interno della Congregazione delle Figlie del divino Zelo, divenendone un modello esemplare ricco di speranza. Modello  conformato in consonanza con quello del Fondatore, tanto da poter affermare che l’eredità spirituale e carismatica di Madre Nazarena è la stessa ricevuta da Padre Annibale, e cioè Cristo Crocifisso; da questa uniformità di intenti,  di conseguenza, scaturisce che tutta la loro vita terrena è stata un atto di amore a Gesù nei piccoli e nei poveri.

Per cui si può dire che Nazarena ha incarnato in sé l’ideale della vera Figlia del Divino Zelo secondo lo spirito del fondatore, essendo la più vicina imitatrice delle virtù del canonico Di Francia: l’umile, fedele, intelligente esecutrice dei suoi santi ideali. Da cui ella ha imparato a conoscere meglio Gesù, e a comprendere che la pia opera, raccolta intorno a Gesù sacramentato, era come una famiglia dei piccoli e dei poveri per una nobilissima missione: il Rogate. “Pertanto – ha sottolineato p. Fortunato – la figura della Madre Nazarena diventa profetica in riferimento al suo approccio alla Vita consacrata; il suo stile e lo zelo come vera fdz, costituiscono la chiave per affrontare, con azione profetica, le sfide di oggi rivolte a un domani ricco di speranza”.

Paola Ricci Sindoni, nel trattare il tema della santità di Madre Nazarena alla luce del Rogate, ha messo in risalto la testimonianza umana e spirituale della Madre venerabile, manifestata assiduamente e con grande efficacia attraverso il cammino di santità che ella ha compiuto all’interno della comunione dei santi. Condizione da ritenere la linfa essenziale senza la quale l’Istituzione terrena sarebbe destinata alla corruzione. E, dunque, contemplare la Madre Nazarena nell’ambito della comunione dei santi significa esaltare il carisma del Rogate.

Madre Teolinda Salemi, parlando del servizio di animazione e governo di Madre Maria Nazarena Majone nell’Istituto delle Figlie del Divino Zelo, si è soffermata a mettere in luce alcuni aspetti che emergono osservando la Madre secondo gli eventi, or lieti or tristi, che emergono dalla sua vita. In sintesi, tra gli elementi osservati, la Madre generale ha evidenziato i tre punti essenziali che ne hanno caratterizzato il governo:

= Il suo farsi discepola che impara a obbedire e a discernere. L’essere, accanto a Padre Annibale, non semplice esecutrice ma docile discepola che interpreta le indicazioni del fondatore, mai assumendo atteggiamenti di contrapposizione, ma sempre di convinta edificatrice di ponti.

= La sua materna tenerezza. La devozione a Maria in lei diventa scuola per assomigliarle di più e apprenderne in profondità il tratto materno.

= La sua sconfinata fiducia in Dio. Ella prende tutto il suo vissuto, e lo consegna a Dio.

A conclusione dell’incontro, Cettina Sirna, moderatrice dell’evento, ha evidenziato il merito di Madre Nazarena, quale grande educatrice, in quanto capace di rinunciare a porsi come donna di potere, essendo ben disposta a praticare l’umiltà necessaria per dare credibilità a un progetto fattivo di crescita umana, nel rimanere sempre fedele al suo dovere fondamentale di ricerca del bene per coloro che gli venivano affidati.

 

Marcella Pistacchio, fdz

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 20, 2017 19:03


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco: chi fa la guerra non sa dominare le proprie passioni
    “Quando si accoglie la Legge di Dio nel cuore si capisce che bisogna abbandonare uno stile di vita fatto di promesse non mantenute”, di passioni che travolgono. All’Angelus in Piazza San Pietro, Francesco ricorda che non amare il prossimo significa uccidere se stessi, che l’amore di Gesù aiuta a vincere i sentimenti egoistici e possessivi […]
    Vatican News
  • Nel 2022 il prossimo Sinodo dei vescovi. Il tema all’esame di Francesco
    Fra due anni, in autunno, si svolgerà la XVI Assemblea generale ordinaria. Francesco lo ha deciso in occasione della riunione della Segreteria del Sinodo. Al Pontefice è stata presentata una terna di possibili argomenti La prossima Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi è indetta “per l’autunno 2022”, in modo da assicurare un “maggior coinvolgimento” […]
    Vatican News
  • Sei frustrato per quello che ti manca e non valorizzi ciò che hai?
    Ossessionarti per quello che non hai ti acceca Il giorno in cui mi sono laureata è stato uno dei più tristi della mia vita. Avevo conseguito il titolo tanto sognato per anni prima di entrare all’università e per altrettanti studiando e lavorando per ottenerlo. E finalmente eccolo lì, ma non sapevo cosa fare. Avevo raggiunto […]
    Maria José Fuenteálamo
  • Ecco perché essere single non significa solitudine o tristezza
    di María Belén Andrada “E il fidanzato?”. Spesso negli incontri familiari qualche zia indiscreta pone questa temuta domanda. “Non c’è”, rispondiamo, e vorremmo aggiungere “Sono single, sola con me stessa, sola contro il mondo”. Beh, forse no, è un po’ esagerato. Oggi, però, vorrei parlarvi di come affrontare il tema dell’essere single, come guardarsi in […]
    Catholic Link
  • Angeli sotto forma di “personaggi misteriosi”, che hanno salvato la vita delle persone
    “Tim pregò: “Dio mio, solo voi potete venirci in aiuto”. Subito, i ragazzi scorsero una macchina che si affiancò ad essi. Da dove veniva?” Numerosi libri attuali riportano le esperienze di contemporanei che affermano di essere stati, in un modo o in un altro, contattati da un personaggio misterioso in cui essi hanno riconosciuto un […]
    don Marcello Stanzione
  • Perché la Madonna è stata concepita senza peccato?
    Comprendere il dogma dell’Immacolata Concezione L’8 dicembre la Chiesa celebra la solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria, e spiega che per essere la Madre del Salvatore Maria è stata arricchita da Dio “di doni degni di una così grande missione”. Al momento dell’Annunciazione, l’angelo Gabriele la saluta come “piena di grazia”; ovvero senza peccato, colei […]
    Felipe Aquino
  • 109 anni di normalità e una certezza: «La fede è la chiave della mia vita»
    Jewell Hutson vive in una modesta casa in Texas, è stata una maestra per 50 anni, si è sposata e ha avuto un figlio. Ora è vedova e nessuno le ha mai sentito pronunciare cose cattive sugli altri. Una troupe televisiva entra in una piccola casa di quartiere. Che sarà successo? Un efferato delitto? Ormai […]
    Annalisa Teggi
  • Casa per casa: la messa “itinerante” di don Alfredo Levis
    Il parroco, per limiti di età diventato collaboratore parrocchiale, è stato l’ “inventore”, in provincia di Belluno, di un nuovo modo di far avvicinare le famiglie indigenti a Cristo Sono tanti i parroci di montagna che d’inverno vanno a celebrare la Messa in casa di anziani o ammalati, in continuo aumento. Come a Sospirolo e […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “L’angelo era una bellissima donna”. Le visioni della veggente di Akita
    Suor Agnese Katsuko Sasagawa racconta la prima volta che ha visto uno spirito celeste, quando era in ospedale a Myoko: insieme avrebbero recitato la corona del Rosario In Giappone, in relazione coi prodigi che si produssero dal 1973 al 1981 su di una statua della Vergine Maria “Signora di tutti i popoli” nella comunità delle […]
    don Marcello Stanzione
  • 11 consigli di Santa Teresa di Gesù per una buona vita di preghiera
    “Non parlare mai male di nessuno, e non ascoltare mai, a meno che non si tratti di se stesso” Nella sua opera “Preghiere di tutti i tempi della Chiesa”, il professor Felipe Aquino elenca questi 11 consigli per la vita di preghiera, dati da una delle più grandi mistiche della storia del cristianesimo: Santa Teresa […]
    Aleteia Brasil

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 65:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login