Perché ci chiamano “buddaci”? Qual è il significato dell’appellativo dato ai messinesi?

Redazione1
di Redazione1 settembre 11, 2017 22:11

Perché ci chiamano “buddaci”? Qual è il significato dell’appellativo dato ai messinesi?

Le prerogative che vengono riconosciute ai messinesi: di essere comunicativi, inclini ad affabilità, accoglienza, solidarietà e a sapersi relazionare facilmente col prossimo, fanno si che a queste caratteristiche si associ inevitabilmente una capacità verbale ricca e flessibile, per cui il messinese ha tendenza ad avere duttilità mentale ed espressiva con notevoli doti di mediatore sociale. Ma, come ogni “dritto”  ha il suo “rovescio”, anche una positiva qualità comunicativa può capovolgersi in negativa se non è supportata da equilibrio e concretezza, e se chi ne è dotato mette più in evidenza i propri difetti anzichè i pregi, offrendo così il fianco al pungolo dei denigratori.     

Buddace  è il nome dialettale di un pesce, che si pesca nei nostri Messina Stretto °mari. È chiamato così, sulle sponde dello Stretto, ma in italiano è noto come ‘Sciarrano’ ( Serranus scriba, Linnaeus 1758, dal latino scriba ‘scrivano’, per le linee arancioni ne e blu sul dorso e sul capo, che sembrano una scrittura).  Non è pregiato, è in genere piccolo, spinoso, buono solo per le zuppe.

Il termine Buddaci (dall’arabo muddag ‘tipo di pesce di mare’, cfr. Pellegrini 1972), o buddaciaru, come dicono soprattutto in alcune località del catanese, è utilizzato nelle località limitrofe o in altre città siciliane, per indicare, in senso dispregiativo, i messinesi, come gente che si vanta, senza fare seguire i fatti alle parole, e anche inetta e credulona. Questa nciuria – che in siciliano indica, in generale, un ‘soprannome’, che si dava sia a singoli individui, che a un’intera comunità cittadina – è nata probabilmente nel gergo dei pescatori, forse reggini, catanesi o delle zone di mare della provincia messinese.

I pescatori sanno che u buddaci si cattura con estrema facilità, abboccando a tutti i tipi di esca, per cui è poco furbo (‘u pisci buddace °babbu’ dicono i catanesi), e, siccome ha anche la bocca grande e mangia tutto quello che capita,  hanno  utilizzato la metafora per indicare sia gente ‘poco furba’, che ‘abbocca’ a qualunque diceria, sia che è ‘di bocca larga’, come se tutti gli abitanti di Messina avessero questi difetti.

Ma non siamo gli unici ad avere un soprannome ingiurioso. Il Pitrè, nelle sue novelle e racconti popolari siciliani (1875) riferisce, fra l’altro: Pedi arsi sù li Catanisi … Lazzaruna sù li Missinisi, Spati e Cutedda li Palermitani: i catanesi pedi arsi’, perché camminavano sulla pietra lavica, i messinesi lazzaruna “furbi, birbanti”, i palermitani  Spati e Cutedda, perché prepotenti e litigiosi. Anche noi chiamiamo i calabresi ‘testa dura’: ‘hai a testa dura comu u calabbrisi’; i Palermitani vengono soprannominati lagnusi, nel senso di ‘indolenti’, ‘scansafatiche’; i Catanesi, spacchiusi ‘spacconi, arroganti” e fausi, appellativo quest’ultimo, che dicono sia nato dalle malefatte di un noto falsario, Paolo Ciulla, di Caltagirone ( fine Ottocento – inizi Novecento), che falsificò migliaia di banconote, distribuendole infine anche ai poveri.

A favorire la nascita o  il mantenimento di queste nciurie ( ad es. nella tifoseria calcistica) è stata in genere l’ostilità fra città vicine, in origine per motivi commerciali, ripicche o semplicemente come affermazione della superiorità di una comunità cittadina rispetto ad un’altra.

Sulla facciata di Palazzo Zanca ci sono delle decorazioni che Pisci buddaci Municipio °raffigurano due pesci dalla grande bocca, uno di fronte all’altro, identificati con i pisci buddaci. L’architetto Nino Principato ha spiegato, con un aneddoto, il motivo di queste icone: pare che l’ingegnere Antonio Zanca, cui era stato affidato il progetto per la costruzione del Municipio (iniziata il 28 dicembre 1914) – che, prima del terremoto del 1908, sorgeva nella storica Palazzata-, per molti anni non ricevette alcun compenso e, per sfregio ai messinesi, fece fare delle decorazioni con i pesci buddaci (http://www.tempostretto.it/news/,del 19/09/2014).

Sicuramente all’inizio del Novecento questa metafora era già diffusa, come testimonia un giornale edito a  Messina ( Tipografia G. Tripodo ), che ebbe vita breve (dal 31/12/1924 al 25/01/1925), a causa delle sue idee antifasciste:U buddacci. Giornale scopatore di vitella paesana, politicamente asciutto, aromatico”, che si proponeva di denunciare pubblicamente ‘clientele e piaghe’ della nostra città. Ma perché fu scelto proprio questo pesce per definire i messinesi? Anche altri pesci, presenti nelle nostre coste, hanno la bocca larga: il nasello, lo scorfano, la ricciola, la murena, la cernia. Forse per rendere l’insulto più forte, in quanto u buddace è anche di scarsa qualità e, soprattutto, poco furbo.

Ma negli scritti del Pitrè, quindi di fine ‘800, i messinesi erano definiti ‘furbi, malandrini’(lazzaruna). E li si considerava anche ‘intelligenti’ come compare in un verso di una poesia popolare di Anonimo, che riporto solo in parte:

U missinisi e u buddaci

 

n omu ò munnu, tantu bommagaru

chi nominatu fu lu “bbuccazzaru”!
parra,‘nfirucìa e mmustra i denti
ma poi, ‘n sustanza, non cummina nenti.
Sìculu di razza o pì pritisi,
u titulu v’u dici, è u “missinisi”,
stimatu pù so’ sali ‘ntra la zzucca,
ma criticatu p’a lagghizza i bucca.
Ma, a definizioni cchiù veraci
fu quannu u defineru u “buddhaci”!
( cfr. L. Milanesi 2015)

Il messinese era “stimatu pù so’ sali ‘ntra la zzucca”, quindi tutt’altro che stupido e inetto, come vorrebbe far credere chi ci chiama Buddaci.

Oggi comunque si è attenuato il valore spregiativo del termine e dalle altre città lo si sente dire sempre di meno. Il messinese lo considera ormai parte del proprio patrimonio linguistico, usandolo talora per autodefinirsi benevolmente o per criticare qualche suo concittadino: ‘Nenti, chiddu è un veru buddaci!’,

La lingua è come un organismo vivente, evolve continuamente nella forma e nei significati. A giudicare dai vari cambiamenti, nel tempo, degli epiteti dati ai messinesi e all’uso più recente di quello attuale, in futuro questo sarà usato sempre più con un valore umoristico e scherzoso, che dispregiativo, e un giorno forse nessuno più saprà che buddace era solo un piccolo pesce, da cui poi è nata un’“ingiuria”.

 

Lucia Abbate

Redazione1
di Redazione1 settembre 11, 2017 22:11


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Quando si dice “fashion victim”: ecco a voi 5 abiti killer (FOTO)
    Non c’è solo il cappellaio letteralmente fatto impazzire dal mercurio e altre amene sostanze, come l’arsenico, utilizzate per la lavorazione degli irrinunciabili cilindri inglesi; sono numerosi gli abiti mortali o almeno pericolosi che si sono succeduti lungo la storia della moda. Oggi ve ne proponiamo soltanto cinque! E mica ce ne sono solamente cinque! Stoffe […]
    Una penna spuntata
  • Il Papa ricorda le ferite della pandemia e invita a volgere lo sguardo verso Gesù (VIDEO)
    Con la ripresa delle udienze dopo la pausa estiva, il Pontefice inizia un ciclo di catechesi incentrato sulla pandemia. “Dobbiamo tenere ben fermo – afferma Francesco – il nostro sguardo su Gesù e con questa fede abbracciare la speranza del Regno di Dio che Gesù stesso ci porta” È questo tempo di grave emergenza sanitaria […]
    Vatican News
  • Il sacerdote che riscatta i bambini dalle discariche delle Filippine
    Li aiuta a vedere la loro dignità personale come figli di Dio e a ottenere nuove e migliori prospettive di vita Padre Mathieu Dauchez è francese ma lavora a Manila, nelle Filippine, come responsabile della fondazione ANAK-Tnk, che si dedica ai bambini bisognosi di una delle zone più povere della capitale del Paese. La fondazione […]
    Aleteia
  • Cari giovani, di sesso si vive ma si può anche morire!
    La nostra società ha fatto credere ai ragazzi che il sesso sia una sorta di gioco. Mai menzogna fu più micidiale di questa. Il sesso coinvolge l’intera persona, la plasma, la cambia, la permea, a volte la rovina. Dobbiamo trovare il coraggio per aiutare i nostri giovani a fare scelte giuste nello stupendo e insidioso […]
    Padre Maurizio Patriciello
  • La pensavo eterea, finché il mistero di Maria si è piantato di fronte a me
    Di fronte alla pietà di Michelangelo il cuore rimane sconcertato vedendo una madre che tiene tra le braccia il Figlio morto e dice Sì a Dio fino in fondo. E tra quelle braccia Maria continua a tenere tutti noi. I ricordi circa la mia scoperta della figura di Maria sono molto vaghi. Se ripenso alla […]
    Mogli e mamme per vocazione
  • Preghiere di liberazione a Maria per allontanare gli spiriti maligni
    L’ha composta San Pio X, che all’interno di questa invocazione, oltre alla Madonna, ha inserito anche la intercessione degli angeli San Pio X, che si festeggia il 21 agosto, al secolo Giuseppe Sarto, è passato alla storia anche per la promulgazione di un catechismo assai famoso detto appunto di San Pio X, del 1912, “Il catechismo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Si può calcolare il numero degli angeli? È vero che Gesù dice quanti sono?
    Cristo, la sera del Giovedì Santo, quando giungono gli uomini incaricati di arrestarLo, ordina a Pietro di riporre la sua spada nel fodero e aggiunge: “Pensi tu dunque che io non possa fare appello a Mio Padre, che mi fornirebbe seduta stante più di dodici legioni di Angeli?” Voler conoscere il numero degli Angeli non […]
    don Marcello Stanzione
  • Come deve essere la nostra preghiera? ostinata!
    La donna cananea del Vangelo di oggi non indietreggia di fronte al silenzio di Gesù, resta e continua ostinatamente a pregarlo. «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». In quel tempo, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco, una donna cananea, che veniva da quella […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Esplosione Beirut: i muri della chiesa crollano sul prete (VIDEO)
    Immagini scioccanti dalla capitale del Libano: pezzi di intonaco e muri volano addosso a un sacerdote che stava celebrando la santa messa Un’esplosione di potenza inimmaginabile ha portato la devastazione e seminato il panico in tutta Beirut e nei sobborghi. Almeno 100 morti e 4000 i feriti, secondo un bilancio ancora provvisorio della deflagrazione, avvenuta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Federica e Maria Pia, gemelle cieche fin dalla nascita si laureano lo stesso giorno
    22 anni originarie di Trani, hanno discusso la tesi lo stesso giorno. Federica è una cantautrice e Pia è una scrittrice. Congratulazioni, dottoresse! Mazzi di fiori, coriandoli colorati sospesi in aria, espressioni felici e sorprese, abiti lunghi e luccicanti. Così Federica e Maria Pia Paradiso sono ritratte insieme in foto il giorno della loro laurea. La […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Papa all’udienza: “Preghiamo per il Libano” 5 agosto 2020
    “La Chiesa, benché amministri la grazia risanante di Cristo mediante i sacramenti e benché provveda servizi sanitari negli angoli più remoti del pianeta, non è esperta nella prevenzione o nella cura della pandemia”, che spetta ai “dirigenti politici e sociali”. A precisarlo è stato il Papa, nella prima udienza generale dopo la consueta pausa di […]
  • Papa Francesco: udienza, appello per il Libano, “comunità internazionale lo aiuti ad affrontare questo momento così tragico e doloroso” 5 agosto 2020
    Un appello affinché il Libano “possa affrontare questo momento così tragico e doloroso e con l’aiuto della comunità internazionale possa superare la grave crisi che sta attraversando”. A rivolgerlo è stato il Papa, che, prima dei saluti ai fedeli di lingua italiana collegati in streaming, al termine dell’udienza generale ha fatto riferimento alla tragedia che […]
  • Papa Francesco: udienza, la cura della pandemia spetta “ai dirigenti politici e sociali”, ma la Chiesa è esperta di “principi sociali fondamentali” 5 agosto 2020
    “La Chiesa, benché amministri la grazia risanante di Cristo mediante i sacramenti e benché provveda servizi sanitari negli angoli più remoti del pianeta, non è esperta nella prevenzione o nella cura della pandemia”. A precisarlo è stato il Papa, nella prima udienza generale dopo la consueta pausa di luglio, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca […]
  • Fondazione Populorum Progressio: 168 progetti per 23 Paesi dell’America Latina e dei Caraibi 5 agosto 2020
    La complessa crisi provocata dalla pandemia da Covid-19 non ha impedito lo svolgimento della riunione annuale del Consiglio di amministrazione della Fondazione Populorum Progressio, tenutasi il 29 e 30 luglio 2020 in modalità telematica, durante la quale, oltre ad analizzare le conseguenze provocate dalla pandemia da coronavirus nella regione latinoamericana e nei Caraibi, tra i molti progetti di sviluppo […]
  • Papa Francesco: udienza, “Gesù guarisce tutto”, “in che modo possiamo aiutare a guarire il nostro mondo?” 5 agosto 2020
    “Gesù guarisce tutto”. Lo ha ricordato, a braccio, il Papa, nella prima udienza dopo la pausa estiva, dedicata al tema della guarigione, sulla scorta dell’episodio evangelico della guarigione del paralitico. “Il ministero di Gesù offre molti esempi di guarigione”, ha ricordato Francesco: “Quando risana coloro che sono affetti da febbre, da lebbra, da paralisi; quando […]
  • Papa Francesco: udienza, “la pandemia sta continuando a causare ferite profonde” 5 agosto 2020
    “La pandemia sta continuando a causare ferite profonde, smascherando le nostre vulnerabilità. Molti sono i defunti, moltissimi i malati, in tutti i continenti. Tante persone e tante famiglie vivono un tempo di incertezza, a causa dei problemi socio-economici, che colpiscono specialmente i più poveri”. Il Papa ha ripreso le udienze del mercoledì, dopo la consueta […]
  • Tv2000: domani alle 21 il Rosario dalla cattedrale di Aosta con mons. Lovignana 4 agosto 2020
    “Prega con noi”. Tv2000 e InBlu Radio invitano “i fedeli, le famiglie e le comunità religiose a ritrovarsi, domani, 5 agosto, alle 21, per recitare insieme il Rosario che verrà trasmesso da Tv2000 (canale 28 e 157 Sky), InBlu Radio, e su Facebook”. La preghiera andrà in onda dalla cattedrale Santa Maria Assunta e San […]
  • Mons. Chiarinelli: il cordoglio del Meic. “È stato davvero un amico dei laici” 4 agosto 2020
    “Quella di monsignor Lorenzo Chiarinelli è stata un’esistenza dal mistero di Dio, radicata in una spiritualità intensa ma asciutta, capace di tessere un costante dialogo tra il Vangelo e la cultura”. Così la presidenza nazionale del Meic ricorda mons. Chiarinelli, “che prima del ministero episcopale ha svolto un lungo e fecondo servizio pastorale prima nella […]
  • Papa Francesco: intenzione preghiera agosto, “senza i marittimi, in molte zone del mondo si soffrirebbe la fame” 4 agosto 2020
    “La vita del marinaio, del pescatore e delle loro famiglie è molto dura. A volte è caratterizzata dal lavoro forzato o dall’essere abbandonati in porti lontani”. Lo sottolinea Papa Francesco, nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di agosto. “La concorrenza della pesca industriale e l’inquinamento rendono poi il lavoro ancor più complicato. […]
  • Giovanni Maria Vianney: patrono dei preti stropicciati 4 agosto 2020
    Oggi, 4 agosto, si fa memoria di uno dei pochissimi parroci canonizzati dalla Chiesa cattolica: san Giovanni Maria Vianney, il Curato d’Ars. Non che nella Chiesa manchino sacerdoti santi: di quelli ce n’è un esercito! Ma è interessante (e inquietante) che siano molto pochi quelli che come ministero abbiano svolto la cura d’anime in una […]

Commenti recenti

     

    • 165:
    • 238:
    agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login