Il culto alla DIVINA MISERICORDIA: la speciale preghiera per la salvezza delle anime dettata da Gesù a una suora polacca

Redazione1
di Redazione1 settembre 6, 2017 20:21

Il culto alla DIVINA MISERICORDIA: la speciale preghiera per la salvezza delle anime dettata da Gesù a una suora polacca

Nella devozione cattolica di oggi il culto alla Divina Misericordia è molto diffuso e tende sempre più a estendersi. In sintesi si tratta di una pratica religiosa per la salvezza delle anime, dettata da Gesu’ alla mistica polacca, suor Faustina Kovalska, secondo quanto da essa dichiarato e trascritto fedelmente nel suo diario.

(Alcune annotazioni tratte da interventi di papi, Sacra Scrittura e Tradizione della Chiesa aiutano a capire meglio il senso di questo culto)

Il papa Benedetto XVI afferma che il contenuto di ogni vera spiritualità e devozione cristiana, non soltanto il culto e Divina Miser.°la devozione al Sacro Cuore di Gesù, è l’amore di Dio per noi, per cui «il fondamento di questa devozione è antico come il cristianesimo stesso. Infatti, essere cristiano è possibile soltanto con lo sguardo rivolto alla Croce del nostro Redentore, “a Colui che hanno trafitto” (Gv 19,37; cfr Zc 12,10). A ragione – continua il Papa – l’Enciclica “Haurietis aquas” ricorda che la ferita del costato e quelle lasciate dai chiodi sono state per innumerevoli anime i segni di un amore che ha informato sempre più incisivamente la loro vita.

Dalla pubblicazione della seconda enciclica del pontificato di Giovanni Paolo II, la “Dives in misericordia” del ’30/11/1980, a cui fece seguito prima la beatificazione, il 18/04/1993, e poi la canonizzazione, il 30/04/2000, della Papa Wojtyla àsuora polacca Maria Faustina Kowalska, con l’estensione a tutta la Chiesa della celebrazione della festa della Divina Misericordia, la seconda domenica di Pasqua, il culto all’Amore misericordioso ha avuto un’incredibile ripercussione sui fedeli. Pertanto, l’icona di Gesù con due raggi, uno rosso e l’altro pallido, che scaturiscono dal suo petto, secondo la visione avuta dalla Santa, ha avuto una notevole diffusione.

 Il versetto di Giovanni evangelista sul costato trafitto di Gesù da cui «scaturì sangue e acqua» (Gv 19,34) ha sempre destato fin dall’antichità cristiana delle profonde risonanze nella Tradizione: all’inizio nei Padri della chiesa, poi più specialmente nella teologia e nella spiritualità del Cuore di Cristo dal Medioevo e ora, in epoca contemporanea, nella teologia e nella spiritualità dell’Amore misericordioso.

MA IN CHE CONSISTE IL CULTO DELLA DIVINA MISERICORDIA?

Il modello di questa pratica religiosa lo ha spiegato lo stesso Gesù a suor Faustina, durante le sue apparizioni alla mistica polacca.

Nella visione che santa Faustina ebbe il 22 febbraio 1931 nella cella del convento di Płock. “La sera, stando nella mia cella vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca – scrisse sul suo Diario –: una mano alzata per benedire, mentre l’altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l’uno e l’altro diario_di_s. faustinapallido. (…) Dopo un istante Gesù mi disse: ‘Dipingi un’immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù confido in Te!’”.

L’immagine rappresenta dunque il Salvatore risorto che porta agli uomini la pace con la remissione dei peccati a prezzo della sua Passione e morte in croce. I raggi del sangue e dell’acqua che scaturiscono dal cuore di Gesù trafitto dalla lancia e le cicatrici delle ferite della crocifissione richiamano gli avvenimenti del Venerdì Santo.

Gesù ha definito con molta chiarezza tre promesse legate alla venerazione dell’immagine: la salvezza eterna, la vittoria sui nemici della salvezza e grandi progressi sulla via della perfezione cristiana, la grazia di una morte felice.

L’essenza di questo culto è:

A) l’atteggiamento di FIDUCIA verso il Signore Dio e, l’affidarsi a Lui con atteggiamento di fede filiale, per cui l’uomo in ogni situazione si fida senza riserve dell’amore misericordioso e dell’onnipotenza del Padre celeste. Atteggiamento, quindi, non soltanto di speranza, ma anche fede viva, umiltà, perseveranza e pentimento per le colpe commesse.
B) La MISERICORDIA: caratterizza il nostro atteggiamento verso ogni uomo. Gesù Cristo ha detto a Santa Faustina: <<Esigo da te atti di misericordia, che debbono derivare dall’amore verso di Me. Devi mostrare misericordia sempre e ovunque verso il prossimo: non puoi esimerti da questo, né rifiutarti né giustificarti. Ti sottopongo tre modi per dimostrare misericordia verso il prossimo: il primo è l’azione, il secondo è la parola, il terzo è la preghiera>>.

Le forme del culto alla Divina Misericordia, secondo la missione affidata a Suor Maria Faustina:
– Avvicinare e proclamare al mondo la verità rivelata nella Sacra Scrittura sulla Misericordia di Dio per ogni uomo.
– Implorare la Misericordia Divina per tutto il mondo, soprattutto per i peccatori, in particolar modo con le nuove forme di culto della Divina Misericordia indicate da Gesù:
– Venerazione dell’immagine di Cristo con la scritta: Gesù confido in Te;
– la festa della Divina Misericordia nella prima domenica dopo Pasqua;
– la coroncina della Divina Misericordia;
– la preghiera nell’ora della Divina Misericordia (ore 15).

A queste forme di culto e anche alla diffusione dell’adorazione della Misericordia il Signore allegava grandi promesse Santa Faustina Kowalska°a condizione dell’affidamento a Dio e della prassi dell’amore attivo per il prossimo.
Io desidero che vi sia una festa della Misericordia, voglio che l’immagine che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima Domenica dopo Pasqua, questa Domenica deve essere la festa della Misericordia”.

La Festa della Divina Misericordia

Questa seconda forma del culto della Divina Misericordia occupa il posto più importante tra tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia che sono state rivelate a santa Faustina. Gesù ha detto a suor Faustina: “Desidero che la prima domenica dopo Pasqua sia la Festa della Misericordia. Questa Festa è uscita dalle viscere della Mia Misericordia ed è confermata nell’abisso delle Mie grazie. Ogni anima che crede ed ha fiducia nella Mia Misericordia, la otterrà“.

La Coroncina alla Divina Misericordia

Il terzo modo di adorare la Divina Misericordia si esprime, secondo l’intenzione di Gesù, per mezzo della preghiera della Coroncina alla Divina Misericordia, (dettata da Lui Stesso a suor Faustina a Vilnius il 13-14 settembre1935 come preghiera per placare l’ira di Dio). Attraverso questa preghiera noi offriamo al Padre Eterno tutta la persona di Gesù, cioè la sua personalità divina e tutta la sua umanità che comprende corpo, sangue e anima.

Gesù ha detto a suor Faustina: “Con questa Coroncina otterrai qualsiasi grazia, se quello che chiedi è conforme alla Mia volontà. La Mia Misericordia avvolgerà in vita e specialmente nell’ora della morte le anime che reciteranno questa Coroncina”.

L’ora della Misericordia

Questa forma del culto della Divina Misericordia è la preghiera delle “ore tre del pomeriggio”, in altre parole l’Ora della Misericordia. In quest’ora Gesù ci chiede di meditare sulla sua Passione percorrendo magari la Via crucis o in mancanza di tempo raccogliendosi per un breve momento in preghiera recitando per esempio: “O Sangue ed Acqua che scaturisti dal Cuore di Gesù, come sorgente di Misericordia per noi, confido in te”.

La Coroncina è stata dettata da Gesù a Santa Faustina Kowalska nell’anno 1935. Gesù, dopo aver raccomandato a S. Faustina “Figlia mia, esorta le anime a recitare la coroncina che ti ho dato”, ha promesso: “per la recita di questa coroncina mi piace concedere tutto ciò che mi chiederanno se questo sarà conforme alla mia volontà“. Particolari promesse riguardano l’ora della morte e cioè la Divina Misericordia 2 °grazia di poter morire serenamente e in pace. La possono ottenere non solo le persone che hanno recitato con fiducia e perseveranza la Coroncina, ma anche i moribondi accanto ai quali essa verrà recitata.

Gesù ha raccomandato ai sacerdoti di consigliare la Coroncina ai peccatori come ultima tavola di salvezza; promettendo che “anche se si trattasse del peccatore più incallito, se recita questa coroncina una volta sola, otterrà la grazia della mia infinita misericordia”.

Come si recita (Per recitare la coroncina alla Divina Misericordia si usa una catena del Santo Rosario.)

Si inizia con: Padre Nostro, Ave Maria e Credo. Sui grani del Padre Nostro si recita la seguente preghiera:

<<Eterno Padre, io Ti offro il Corpo, il Sangue, l’Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Signore nostro Gesù Cristo in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero>>.

Sui grani dell’Ave Maria si recita la seguente preghiera: <<Per la Sua dolorosa Passione abbi misericordia di noi e del mondo intero>>. Al termine della corona si prega tre volte:

<<Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale abbi pietà di noi e del mondo intero>>.

(La Coroncina della Misericordia viene trasmessa ogni giorno, alle ore 15,00, da TV2000 – can. 28)

Diffusione del culto:  Il quinto modo per adorare la Divina Misericordia consiste nella diffusione di questo culto nelle sue varie forme.

Uno dei più convinti promotori di questo culto è stato Giovanni Paolo II, che ha anche stilato il testo della “Consacrazione del mondo alla Divina Misericordia”.

Il 17 agosto 2002, a Cracovia, San Giovanni Paolo II, convinto promotore di questo culto, affidò alla Divina Misericordia le sorti del mondo con questa bellissima preghiera:

“Dio, Padre misericordioso,
che hai rivelato il Tuo amore nel Figlio tuo Gesù Cristo,
e l’hai riversato su di noi nello Spirito Santo, Consolatore,
Ti affidiamo oggi i destini del mondo e di ogni uomo.
Chinati su di noi peccatori,
risana la nostra debolezza,
sconfiggi ogni male,
fa’ che tutti gli abitanti della terra
sperimentino la tua misericordia,
affinché in Te, Dio Uno e Trino,
trovino sempre la fonte della speranza.
Eterno Padre,
per la dolorosa Passione e la Risurrezione del tuo Figlio,
abbi misericordia di noi e del mondo intero!”

Amen

 

(Questo articolo è pubblicato stabilmente anche alla voce “…ALTRE” del presente portale.)

Redazione

Redazione1
di Redazione1 settembre 6, 2017 20:21


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Tre barzellette sulla vita religiosa
    Un benedettino, un domenicano, un francescano e un gesuita sono in ritiro spirituale nello stesso luogo… Domenicani, Francescani, Benedettini, Gesuiti, Carmelitani, Clarisse Povere… Nella Chiesa ci sono innumerevoli ordini e congregazioni religiose. Si dice che Dio stesso non sia in grado di conoscere il numero esatto delle congregazioni femminili sulla Terra. Ogni ordine ha una […]
    Rachel Molinatti
  • Gli archeologi scoprono una delle chiese cristiane più antiche
    Il ritrovamento di una basilica in Etiopia solleva domande su quando sia avvenuta la diffusione del cristianesimo nella zona Gli archeologi hanno scoperto di recente la più antica chiesa cristiana nota nell’Africa sub-sahariana, in una zona dell’Etiopia che una volta ospitava l’impero axumita. Il ritrovamento di un’antica basilica, costruita verso l’epoca in cui Costantino legalizzò […]
    John Burger
  • Avete paura di andare a confessarvi? Recitate questa preghiera per avere coraggio!
    Chiedete a Dio di portare luce nell’oscurità perché vi aiuti ad accostarvi al sacramento della sua misericordia Andare a confessarsi non è sempre facile. Spesso l’imbarazzo o la vergogna per i osntri peccati ci impediscono di andare da un sacerdote a chiedere la misericordia di Dio. La Confessione, però, è un gran bene per l’anima, […]
    Philip Kosloski
  • “Padre, mi battezzi perché voglio vivere!”, un racconto di amore e conversione in Venezuela
    Questa la richiesta di un giovane che stava per morire in un ospedale di Caracas All’inizio dell’Avvento – periodo di attesa –, un gruppo di volontari, accompagnati da un giovane sacerdote, visitava un noto ospedale della capitale venezuelana, Caracas. È un gruppo composto dai genitori degli allievi di una scuola agostiniana – venezuelani di origine […]
    Macky Arenas
  • “Il pianto di Gesù”. La storia del canto di Natale “Tu scendi dalle stelle” (VIDEO)
    Ad idearlo fu Sant’Alfonso ed un tenerissimo monologo del Santo ma, nelle sue intenzioni, dovrebbe esserlo di ogni anima con Gesù, il “Creatore del mondo” Tu scendi dalle stelle, il più famoso dei cantici natalizi italiani, fu composto nel 1754 a Nola (Napoli) o, secondo altre fonti, a Deliceto (Foggia). Testo e musica furono opera […]
    don Marcello Stanzione
  • #XmasFacts: “che cosa siete andati a vedere nel deserto?”
    Quindicesima puntata di una produzione di Cube Radio dello IUSVE, che uscirà tutti i giorni fino a Natale In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: […]
    IUSVE Cube Radio
  • Il cardinale organizza l’asta e raccoglie 125mila anche grazie al Papa e Mattarella
    Il porporato di Napoli Crescenzio Sepe in campo per potenziare gli ospedali pediatrici: con questo evento facciamo catechesi a tutta la città Il sombrero di Papa Francesco, la teiera del capo dello Stato Sergio Mattarella, una coppa in vetro murano della presidente del Senato Casellati, una scultura di Salvador Dalì (ceduta dal console di Bulgaria […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Vaticano promuove Greta Thunberg: è in campo per difendere il Creato
    Il cardinale Turkson, Prefetto del dicastero vaticano per la promozione dello Sviluppo umano integrale, sostiene la linea dell’attivista: chiede coerenza e impegno per l’ambiente La giovane attivista Greta Thunberg, che ha conquistato la copertina del Time come persona dell’anno per il suo impegno a favore dell’ambiente, è una «grande testimone» per la salvaguardia della “casa […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La Perdonanza Celestiniana è Patrimonio Unesco. E voi la conoscete? (VIDEO)
    L’evento, che quest’anno ha celebrato a L’Aquila la sua 725 edizione, è precursore del primo Giubileo istituito da papa Bonifacio VIII nel 130 La Perdonanza Celestiniana (“The Celestinian Forgiveness”) è stata ufficialmente iscritta nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale immateriale dell’Unesco dopo il parere favorevole espresso dal Comitato intergovernativo a Bogotà (Colombia). La candidatura, sostenuta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • #XmasFacts: “anche il Figlio dell’uomo dovrà soffrire”
    Quattordicesima puntata di una produzione di Cube Radio dello IUSVE, che uscirà tutti i giorni fino a Natale Mentre scendevano dal monte, i discepoli domandarono a Gesù: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elìa?». Ed egli rispose: «Sì, verrà Elìa e ristabilirà ogni cosa. Ma io vi dico: Elìa è già venuto […]
    IUSVE Cube Radio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 207:
    • 170:
    dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login