Festa della Madonna nera del Tindari, Patti, 7 e 8 settembre 2017

Redazione1
di Redazione1 settembre 5, 2017 19:32

Festa della Madonna nera del Tindari, Patti, 7 e 8 settembre 2017

Nei giorni 7 e 8 Settembre 2017 si festeggia a Tindari (Me) la Patrona della località archeologica facente parte del comune di Patti: la Madonna del Tindari.

Giovedi 7 Settembre il simulacro della Madonna verrà portato in Santuario R°processione fino al Santuario.

Venerdi 8 Settembre, alle ore 11, nel Santuario del Tindari, la Solenne Celebrazione Eucaristica;

– Ore 22:30 Spettacolo pirotecnico
– Ore 23:00 Veglia Mariana
– Ore 24:00 Celebrazione eucaristica

L’origine del culto alla Madonna del Tindari, risalendo a tempi molto remoti, non ha notizie storiche ben definite e accertate. Esiste però una accettabile pia tradizione secondo cui l’origine della devozione alla Madonna Bruna sembra risalire al periodo della persecuzione iconoclasta, probabilmente verso la fine del secolo VIII o nei primi decenni del secolo IX.

Secondo questa tradizione, una nave di ritorno dall’Oriente, trasportava, fra le altre cose, nascosta nella stiva, una statua della Madonna perché fosse sottratta alla persecuzione iconoclasta. Mentre la nave solcava le acque del Tirreno, a causa di una forte tempesta, fu img_santuario R°costretta a   rifugiarsi nella baia del Tindari, oggi chiamata Marinello. Cessata la bufera, il tentativo di fare ripartire la nave non ebbe alcun esito fino a quando, tra le altre cose, fu scaricata la cassa contenente il simulacro della Vergine.

Solo allora la nave poté muoversi e riprendere la sua navigazione. Partita la nave che aveva lasciato il carico, i marinai della baia di Tindari si diedero subito da fare per tirare in secco la cassa galleggiante sulla distesa del mare. Fu aperta la cassa e, con grande stupore e soddisfazione di tutti, in essa fu trovata il prezioso simulacro della Vergine Maria.

Si decise, allora, di trasportare la statua nel luogo più alto, del Tindari, dove già da tempo esisteva una fiorente comunità cristiana. Sul colle del Tindari, santificato dalla presenza della Madonna, nacque così il Santuario dedicato a Maria Santissima.

Si ignora l’autore del simulacro, né è possibile definire l’epoca in cui fu scolpito. Considerando lo stile e tenendo conto che la Madonna tiene tra le braccia il divin Bambino, si potrebbe concludere che esso rimonti ad un’epoca posteriore al Concilio di Efeso in cui fu definitaMadonna Tindari ° la divina maternità di Maria; quindi probabilmente la statua è stata scolpita in Oriente tra il quinto e il sesto secolo.

La Madonna è rappresentata seduta, mentre regge in grembo il Figlio divino, che tiene la destra sollevata, benedicente. Ella inoltre porta in capo una corona di tipo orientale, una specie di turbante, ricavato nello stesso legno, decorato con leggeri arabeschi dorati.

Da allora, migliaia e migliaia di fedeli si sono avvicendati in questo santo luogo, dedicato alla Vergine Maria, per manifestare grande venerazione e affidare con fiducia alla Madre celeste le loro preghiere.

 

 

Readazione

 

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 5, 2017 19:32


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel mondo
    Credeva fermamente che il male e la violenza nel mondo si potessero sconfiggere solo con la bontà La tentazione di “rispondere al fuoco col fuoco” esiste, soprattutto quando abbiamo a che fare con violenze e ingiustizie nel mondo. San Giovanni Paolo II, però, credeva che combattere il male con altro male non avrebbe fatto che […]
    Philip Kosloski
  • Prete cattolico da dieci anni, il “già-vescovo” anglicano si racconta 
    Il 15 gennaio 2011 tre “già-vescovi” anglicani, tra cui padre Keith Newton, venivano ordinati preti da mons. Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster (UK). Il giorno stesso, l’Ordinariato personale di Nostra Signora di Walsingham veniva fondato a mezzo di un decreto della Congregazione per la Dottrina della Fede, e padre Keith Newton ne veniva ordinato primo […]
    i.Media per Aleteia
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Ci sono libri che arrivano a costare 700 euro a copia (ma non li valgono!). Ecco la nostra proposta, a basso costo e alto profilo 🙂 Serie TV Non sono una binge watcher (quelli che guardano episodi di serie tv uno dietro l’altro, fino a diventarne dipendenti, Ndr) e si ved; confido sempre in Google […]
    Paola Belletti
  • «”Cara” Lisa, oggi morirai con l’iniezione letale»: la lettera-choc alla condannata.
    La pena di morte è un retaggio di una mentalità basata sulla vendetta, possiamo indorare la pillola, ma resta una tragedia Una condanna a morte già eseguita; la condannata a morte si chiamava Lisa Montgmery, uccisa il 13 gennaio nel carcere dell’Indiana dopo l’ultima sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti. Pena di morte con […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Fu una terribile epidemia a legare per sempre il maiale a sant’Antonio
    Da una grazia ricevuta nacquero gli Ospedali antoniani, durante una terribile epidemia di “fuoco sacro” in Francia. E dal maiale venne un sollievo per i malati… C’era una volta una epidemia. Che barba, eh? C’è sempre una qualche epidemia, nella Storia. Fuoco sacro Questa, però, è una epidemia strana, una di quelle che piacciono tanto […]
    Una penna spuntata
  • Stare presso la vita e presso la morte è vocazione della donna
    Il racconto di una buona, di una bella morte, avvenuta prima che scoppiasse questa pandemia che ha travolto anche il momento sacro del lutto, può insegnarci tanto sulla vita, sulla bellezza dell’obbedienza, sull’abitudine a rendere grazie, sulla vita eterna. Negli ultimi giorni la mia famiglia ha vissuto un momento importante e intenso, la morte del […]
    Teologia del corpo and more
  • 5 santi che amavano giocare a scacchi
    Queste donne e questi uomini santi erano fans del gioco già secoli fa Gli scacchi stanno vedendo aumentare la loro popolarità grazie a programmi recenti come The Queen’s Gambit di Netflix, che si è guadagnato un pubblico di milioni di spettatori. Se il gioco può richiedere la pazienza di un santo, solo pochi degli uomini […]
    Cerith Gardiner
  • San Luca era un medico?
    L’evangelista viene descritto come tale, e ha usato termini medici nel suo Vangelo San Luca, a cui è dovuta la redazione di uno dei quattro Vangeli, viene spesso indicato come santo patrono dei medici. Perché? Tradizionalmente, si crede che San Luca fosse un “dottore”, secondo la pratica della medicina greca dell’epoca. La Catholic Encyclopedia offre una breve […]
    Philip Kosloski
  • Cosa deve fare la Chiesa per rendere ancora efficace l’incontro con Cristo?
    Non deve minare la basi, ma aprire varchi nel tetto, come fanno gli amici del paralitico nel Vangelo di oggi. Per poter essere efficace non deve rinunciare alla radicalità del Vangelo ma ai contenitori in cui è abituata ad operare. Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Santa Laura di Córdoba, che accettò il martirio per fede
    La storia appassionante di una santa che preferì morire che rinnegare le proprie convinzioni Dall’VIII secolo, Al-Andalus occupava la zona meridionale della Spagna. Un secolo dopo, un chierico mozarabico di nome Eulogio esortò i cristiani a ribellarsi contro l’Emirato di Córdoba e l’islam. Tra l’850 e l’859 furono 50 i cristiani mozarabici che affrontarono apertamente […]
    Sandra Ferrer

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 200:
    • 414:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login