MESSINA – Turismo religioso: Tra esigenze e contraddizioni

admin
di admin ottobre 29, 2015 09:00

MESSINA – Turismo religioso: Tra esigenze e contraddizioni

Parlando di turisti_001turismo religioso, con l’intenzione di approfondire consapevolezza delle sue caratteristiche e finalità, vediamo che insieme al notevole interesse che da qualche tempo, e da più parti, viene rivolto a questo fenomeno in crescita, si riscontrano diverse incoerenze e contraddizioni. Innanzitutto si rileva che, a fronte del proliferare, sia nel pubblico che nel privato, di proposte e iniziative intese a valorizzare le potenzialità di questa attività, le idee con cui si cerca di impostarne gli schemi di realizzazione sono spesso poco chiare e, di solito, inefficaci. Tra le cause di queste carenze c’è anche il fatto che questa forma di turismo viene per lo più affrontata con superficialità e scarsa conoscenza delle sue dinamiche operative.

Le suddette considerazioni, oltre che per gli effetti deludenti che si riscontrano – quanto meno dalle nostre parti – trovano conferma anche nel parere di autorevoli studiosi della materia, che ancora non sono riusciti a chiarire bene quale sia l’ordinamento basilare del turismo religioso (una realtà, beninteso, che va considerata differente dal pellegrinaggio), a causa dell’ambivalenza che esso porta in se, e per le incertezze che suscita circa il modo in cui lo si dovrebbe inquadrare e mettere in atto. Da tenere ben presente, inoltre, che questa indiscussa discordanza esistente tra le due componenti che rendono questa attività bifronte, è il motivo perchè, sia sul piano teorico che attuativo, possano nascere ambiguità, incongruenze e controversie.

Tutto ciò lo si evince chiaramente dal momento che, sia sul piano programmatico che di applicazione, turismo e religiosità, presentano notevoli diversità; per cui non si può non riconoscere che le modalità mondane del viaggiare, relative al primo elemento, tendono inevitabilmente a confliggere con la religiosità di intenti appartenente al secondo. Si vengono così a configurare, due fronti tra loro disomogenei: da una parte la complessa dinamica strutturale dell’operare turistico con le sue peculiarità di carattere commerciale ed edonistico, fondate sugli stereotipi tecnici del viaggiare moderno; dall’altra il mondo variegato delle motivazioni personalissime del sentire religioso, da cui nasce il bisogno di soddisfare esigenze di interiorità e di fede, col fare esperienze intimistiche e conoscitive di luoghi sacri di grande significato storico, identitario e soprattutto interiore.

Oltretutto, nel programmare le modalità attuative riguardanti questo tipo di viaggiatori, accade che, da parte di chi ne gestisce l’organizzazione, si ha di solito la tendenza a impostare le cose prevalentemente secondo criteri tecnico-logistico-commerciali, a discapito di quanto attiene alle motivazioni di carattere spirituale.
Un’ulteriore discordanza nell’interfacciarsi dei comportamenti puramente turistici con le istanze di carattere interiore, si riscontra per il fatto che il turismo religioso è un fenomeno complesso e in costante evoluzione nelle sue dinamiche operative, per cui può facilmente generare ambiguità di interpretazioni e di opinioni.

Pertanto, nel trovarci a confronto con una tipologia del viaggiare moderno, che è dominata da bisogni di interiorità, fraternità e socializzazione, si capisce bene come sia necessario uno specifico apporto culturale, inteso a dare la giusta attenzione a un modo di agire appropriato, cioè rispettoso dei valori fondamentali di accoglienza, ospitalità e affabilità. Dunque, necessità di ridimensionare gli standardizzati tecnicismi dei modelli operativi turistici, curando invece, in particolar modo, le modalità comportamentali rivolte a soddisfare esigenze spirituali, di calorosa socialità e fraterna reciprocità.

 

Anastasio Majolino

admin
di admin ottobre 29, 2015 09:00


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Papa apre a donne lettori e accoliti? Cosa significa?
    Innovazione? Eversione? A ben guardare, il motu proprio “Spiritus Domini” del Santo Padre appare piuttosto un atto di ferma restaurazione storica e teologica. Un insigne domenicano ci guida nel capire perché. Con la Lettera Apostolica Spiritus Domini dell’11 gennaio 2021, papa Francesco ha aperto alle donne il lettorato e l’accolitato. Ci si potrebbe domandare che […]
    Thomas Michelet
  • Il Cristo di ghiaccio: in ricordo delle vittime di Rigopiano
    Padre Maurizio Patriciello nel quarto anniversario della tragedia di Rigopiano: “Fratelli e sorelle che a Rigopiano avete trovato la morte, riposate in pace” In ricordo delle vittime di Rigopiano: abbiamo sprimentato in questi giorni l’amarissimo sapore del limite. Abbiamo sofferto e pregato. Vi abbiamo tenuto compagnia di giorno e di notte, fratelli e sorelle imprigionati […]
    Padre Maurizio Patriciello
  • Don Patriciello: “Genitore 1 e Genitore 2 mi ricorda le addizioni in prima elementare”
    Bufera sulle parole del parroco giornalista di Caivano per aver bocciato il provvedimento del ministero dell’Interno che cancella “madre” e “padre” su alcuni documenti dei minorenni Don Maurizio Patriciello nell’occhio del ciclone per avere espresso contrarietà a alla nuova dicitura “Genitore 1” e “Genitore 2” al posto di “madre” e “padre”, da apporre su alcuni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il beato Alberione e la prodigiosa “semina” delle medaglie di San Giuseppe
    Il beato Giacomo Alberione era devotissimo di San Giuseppe. E’ rimasta testimonianza di un prodigio avvenuto sui terreni che ospitarono i primi istituti di vita religiosa fondati dal beato Il beato Giacomo Alberione era molto devoto a San Giuseppe. Di questa devozione sono rimaste numerose testimonianze. In particolare quella di un prodigio avvenuto su terreni […]
    don Marcello Stanzione
  • Enrico Vanzina: mio fratello è morto con il rosario donatogli dal Papa tra le mani
    Il regista racconta che la fede lo ha aiutato moltissimo quando ha perso il fratello. E nell’ultimo periodo il suo sguardo è rivolto a San Francesco Enrico Vanzina, Papa Francesco e quel regalo che fino all’ultimo ha stretto tra le mani, prima di morire, suo fratello Carlo. Lo racconta a In Terris Enrico, noto sceneggiatore, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • L’amore per i bambini di Giovanni Paolo I
    A Canale d’Agordo, nella Chiesa parrocchiale, è collocata una statua di Albino Luciani (Papa Giovanni Paolo I) con un bambino che accarezza e tiene in mano la mitria, opera di Riccardo Cenedese a dimostrazione di quanto amava ‘soprattutto i bambini’ e quanto i bambini lo aiutavano con la loro imprevedibilità e spontaneità. Da alcune testimonianze […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Blue Monday? Vieni, cara tristezza, a parlarci di noi!
    Alessandro D’Avenia, proprio di lunedì, non smette di offrirci occasione di riflettere e di tornare con una presa più forte alla nostra vita di questi giorni, così faticosi e così pieni di una grazia speciale. La tristezza è una buona notizia Oggi Alessandro D’Avenia dal suo ultimo banco sul CorSera ha parlato proprio di quello […]
    Paola Belletti
  • Comunione in mano o in bocca, cos’è che conta?
    Stiamo parlando di cose importanti ma non fondamentali, e stiamo dimenticando l’essenziale… Mia moglie ed io siamo tornati alle Messe virtuali per via della ferrea quarantena in vigore nel nostro Paese, Panama. Tutti i pomeriggi, dopo aver preso il caffè con il pane caldo con burro e marmellata, ci sediamo ad ascoltare la Messa. Questo […]
    Claudio De Castro
  • Restituiscono l’auto rubata a una disabile: “Anche noi abbiamo un cuore”
    I ladri, oltre a restituire la vettura, hanno lasciato un biglietto di scuse. La raccolta fondi per aiutare la donna derubata sarà ora impiegata per comprare un’auto che altri disabili potranno noleggiare gratuitamente. Un gesto insolito e degno di nota: un’auto rubata il 13 gennaio è stata restituita il 16 gennaio con le scuse da […]
    Annalisa Teggi
  • Cos’è il tabernacolo, e perché visitarlo dà tanta pace?
    Una risposta efficace alla domanda relativa a cosa fare nei momenti difficili che stiamo vivendo nel mondo Mi appassiona parlare e scrivere della presenza reale e vera di Gesù VIVO nel tabernacolo. Alcuni si chiedono cosa sia il tabernacolo e perché ne parlo tanto – o meglio, chi vi abita. Il tabernacolo è il punto […]
    Claudio De Castro

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 99:
    • 145:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login