Sacro Cuore di Gesù: memoria dell’amore misericordioso di Dio per ciascuno di noi

Redazione1
di Redazione1 Giugno 8, 2024 23:49

Sacro Cuore di Gesù: memoria dell’amore misericordioso di Dio per ciascuno di noi

La solennità del Sacro Cuore riporta al centro della liturgia il Cuore del Figlio di Dio, vero Dio e vero uomo, capace, in virtù dell’Incarnazione, di vivere pienamente tutte le dimensioni emotive, degli affetti e dei sentimenti propri della natura umana. Il Cuore di Gesù si presenta a noi come il cuore di un Dio che è capace di amare, di commuoversi profondamente per l’uomo, di sentire l’emozionalità dell’amore.

Al centro del mistero del mondo c’è Gesù Cristo. Al centro del mistero di Gesù Cristo c’è la sua morte che si schiude nella Risurrezione. Al centro del mistero della sua morte c’è il suo amore, e l’amore di Gesù trova dimora nel suo Cuore. La celebrazione della solennità del Sacro Cuore, dunque, conduce all’essenza del cristianesimo: la persona di Gesù, Figlio di Dio e Salvatore del mondo, svelato fin nel mistero più intimo del suo essere, fino alle profondità da cui scaturiscono tutte le sue parole e le sue azioni, il suo amore filiale e fraterno fino alla morte.

Amore considerato non in qualche mistero particolare della sua vita, ma nella sua caratteristica fondamentale, che lo definisce nel suo essere divino, perché Dio è carità, e lo caratterizza in tutte le manifestazioni della sua vita terrena, dall’Incarnazione all’Eucaristia, dalla Croce alla Gloria. Se Dio vuole darsi a noi in Gesù come amore e sotto il simbolo del suo Cuore, ne segue che dobbiamo corrispondere all’amore, amando. L’atto specifico della devozione al Sacro Cuore è l’amore della creatura umana che si sforza di contraccambiare l’amore del Verbo Incarnato. Per questo la liturgia della solennità del Sacro Cuore è interamente pervasa dall’invito e dal richiamo ad amare.

La diffusione del culto al Cuore di Gesù trova il suo culmine, probabilmente, con Santa Margherita Maria Alacoque. Ella ebbe per 17 anni apparizioni di Gesù che le domandava appunto una particolare devozione al Suo Cuore. Descrivendo una visione racconta: <<Mi disse: Il mio divin cuore è tanto appassionato d’amore per gli uomini e per te in particolare, che non potendo più contenere in sé stesso le fiamme del suo ardente Amore, sente il bisogno di diffonderle per mezzo tuo e di manifestarsi agli uomini per arricchirli dei preziosi tesori che ti scoprirò, e che contengono le grazie in ordine alla santità e alla salvezza necessarie per salvarli dal precipizio della perdizione>>.

Gesù le chiede l’istituzione di una festa per onorare il Suo Cuore e per riparare, attraverso la preghiera, le offese da Lui ricevute. La festa è resa obbligatoria per tutta la Chiesa a partire dal 1856 con Pio IX. Nel 1995, san Giovanni Paolo II istituì in questo stesso giorno la Giornata mondiale di preghiera per la santificazione del clero, affinché Il sacerdozio sia custodito nelle mani di Gesù, anzi nel suo cuore, per poterlo aprire a tutti.

Nella solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, dunque, la Chiesa ci concede e predispone ad una meditazione su questo mistero, il mistero del Cuore di Dio che si commuove e riversa tutto il suo Amore sull’umanità: il Cuore di Dio palpita di compassione e di misericordia! Il Suo è un amore misterioso e insondabile: nel Cuore di Gesù risiede un’incommensurabile passione di Dio per l’uomo, che non si arrende dinanzi all’ingratitudine e nemmeno davanti al rifiuto, alle offese e alle indifferenze che riceve. Anzi, con infinita misericordia, il Suo Cuore è sceso nel mondo per sconfiggere il male e la morte e restituirci dignità di figli, a noi succubi del peccato.

Infatti, quando dice a Faustina Kowalska «il Mio Cuore è la Misericordia stessa», Gesù afferma che per invocare la Sua Misericordia occorre tenere fissi gli occhi sul Suo Cuore e confidare in Lui; dunque  tributare un culto al Suo Cuore, significa, per ciò stesso, attingere alla Sua Misericordia.

La festa del Sacro Cuore ci invita, dunque, a riflettere sulla concretezza dell’Amore Divino; la vita di Gesù, la sua incarnazione e le sue opere hanno dato e danno tuttora un segno tangibile dell’Amore di Dio in mezzo a noi e per noi; Gesù incontra gli uomini con amore nell’amore, si è preso e si prende cura di loro, li stringe al Suo Cuore.

Pio XI affermò che la devozione al Sacro Cuore è la sintesi di tutto il cristianesimo; Pio XII aggiunse che, siccome il cristianesimo è religione dell’amore, il culto del Sacro Cuore deve essere considerato come la professione più perfetta della religione cristiana.

 

 

 

Redazione da ss. di inf.

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 Giugno 8, 2024 23:49

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Unità dei cristiani: card. Grech, “non possiamo parlare di primato e collegialità senza ricollegarli alla sinodalità” 13 Giugno 2024
    “Se c’è un luogo, un contesto che oggi può manifestare – anzi, sta manifestando – una modalità nuova di esercitare il primato, questo è proprio il processo sinodale”. Ne è convinto il card. Mario Grech, segretario della Segreteria generale del Sinodo, intervenuto alla presentazione – in sala stampa vaticana – del documento “Il vescovo di […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “continuare il dialogo sull’infallibilità” 13 Giugno 2024
    “Tutti parlano dell’infallibilità del Papa, ma al Concilio Vaticano II si è detto dell’infallibilità della Chiesa”. A precisarlo è stato il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per la promozione dell’unità dei cristiani, rispondendo alle domande dei giornalisti, durante la presentazione – in sala stampa vaticana – del Documento di studio “Il vescovo di Roma. […]
  • Giornata mondiale dei poveri: Dicastero per l’evangelizzazione, il 17 novembre la messa del Papa e il pranzo con i poveri 13 Giugno 2024
    “I poveri hanno un posto privilegiato nel cuore di Dio, che è attento e vicino a ognuno di loro”. A ribadirlo è il Papa, nel messaggio per la VIII Giornata mondiale dei poveri, in programma il 17 novembre sul tema: “La preghiera del povero sale fino a Dio”.  “Dio ascolta la preghiera dei poveri e, […]
  • Papa Francesco: domani al G7, il programma ufficiale 13 Giugno 2024
    Domani Papa Francesco sarà il primo papa della storia a partecipare ad un G7. Alle 11 – informa la Sala Stampa della Santa Sede, che ne ha diffuso oggi il programma ufficiale – il Santo Padre partirà dall’eliporto del Vaticano per atterrare alle 12.30 nel campo sportivo di Borgo Egnazia, dove è accolto dal presidente […]
  • Pace: da oggi a domenica il card. Zuppi in Terra Santa 13 Giugno 2024
    Da questa mattina e fino al 16 giugno l’arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Matteo Zuppi, parteciperà a un Pellegrinaggio di comunione e pace in Terra Santa. “Pace a voi!”, questo il titolo e il tema del pellegrinaggio proposto dalla Chiesa di Bologna in comunione con il Patriarcato di Gerusalemme dei […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “primato e sinodalità non sono due dimensioni ecclesiali concorrenti” 13 Giugno 2024
    “Tutti i documenti concordano sulla necessità di un servizio di unità a livello universale, anche se i fondamenti e le modalità di questo servizio sono oggetto di diverse interpretazioni”. Lo ha detto il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per l’unità dei cristiani, presentando – in sala stampa vaticana – il documento di studio “Il […]
  • Unità dei cristiani: serve “esercizio sinodale del primato petrino” 13 Giugno 2024
    Il primato petrino dovrebbe essere inteso come “esercizio di un primato universale basato sul riconoscimento dell’interdipendenza reciproca tra primato e sinodalità a ogni livello della vita della Chiesa: locale, regionale e universale”. È una delle proposte contenute nel Documento di studio “Il vescovo di Roma”, in cui si fa presente la “necessità di un ministero […]
  • Unità dei cristiani: “la questione del primato non è più un problema, ma un’opportunità” 13 Giugno 2024
    “A differenza delle polemiche del passato, la questione del primato non è più vista semplicemente come un problema, ma anche come un’opportunità per una riflessione comune sulla natura della Chiesa e sulla sua missione nel mondo”. È quanto si legge nel Documento di studio “Il vescovo di Roma. Primato e sinodalità nei dialoghi ecumenici e […]
  • Papa Francesco: “i movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali” 13 Giugno 2024
    “I movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, ricevendo in udienza i partecipanti all’Incontro annuale con i Moderatori delle associazioni di fedeli, dei movimenti ecclesiali e delle nuove comunità, promosso dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita sul tema: “La sfida della sinodalità per la […]
  • Università salesiana: aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per la Facoltà di scienze della comunicazione sociale 13 Giugno 2024
    Sono ufficialmente aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per i corsi di Laurea e Laurea Magistrale in Comunicazione sociale, Media digitali e Cultura erogati dalla Facoltà di scienze della comunicazione sociale (Fsc) dell’Università pontificia salesiana per l’anno accademico 2024/2025. Per iniziare il percorso di studi in comunicazione in Fsc è necessario, infatti, sostenere un esame […]

Commenti recenti

     

    • 197:
    • 358:
    Giugno 2024
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login