Papa Francesco in Monzambico, Madagascar e Maurizio nel segno del viaggio di Giovanni Paolo II

Redazione1
di Redazione1 settembre 2, 2019 22:21

Papa Francesco in Monzambico, Madagascar e Maurizio nel segno del viaggio di Giovanni Paolo II

Non è la prima volta che un Papa va in Mozambico, Madagascar e Maurizio, ma erano altri tempi. Il neo direttore della Sala Stampa della Santa Sede lo ha ricordato incontrando i giornalisti in preparazione del viaggio di Papa Francesco che inizia il 4 settembre.

La pace, l’incontro con le comunità cristiane, la riconciliazione e il Creato: sono alcuni dei temi chiave sottolineati da Matteo Bruni, direttore della Sala Stampa Vaticana, nel consueto briefing con i giornalisti prima della partenza per il 31° viaggio apostolico del Papa, fissata per mercoledì. Tre i Paesi che saranno visitati dal Pontefice fino al 10 settembre: Mozambico, Madagascar e Maurizio. “Il Papa – ha detto il direttore della Sala Stampa – si prepara con gratitudine per quanti si stanno spendendo per la realizzazione del viaggio e con gioia per l’occasione di annunciare il Vangelo in una parte di mondo ricca di varietà e di umanità”.

Per il Mozambico si parla ancora di necessità di pace, nonostante la firma dell’accordo con la mediazione della Comunità di Sant’Egidio del 1992. Ancora si firmano accordi di pace, armistizi, ma ci sono anche cambiamenti fondamentali che permettono la speranza della riconciliazione.

Su Madagascar e Maurizio invece la questione è più ambientale, dalla deforestazione alle devastazioni dei cicloni. Alle vittime di questi disastri il Papa si rivolge nel suo viaggio. Povertà e una riconciliazione non risolta sono i temi in questione oltre alle sfide delle comunità cattolica e alla necessità delle convivenze delle etnie. Papa Francesco va di fatto a vedere cosa succede oggi dopo tanti decenni dalla visita di Giovanni Paolo II. E’ nei discorsi di Giovanni Paolo II quindi che vanno ricercati i temi e i riferimenti per seguire al meglio quelli di Papa Francesco. Significative saranno le visite alla case di accoglienza e alla sede in Mozambico del DREAM il progetto che combatte l’ AIDS. Sul volo ci sarà ospite del Papa una infermiera del FAS e nel seguito il Cardinale Filoni di Propaganda Fide, la congregazione che si occupa dei territori di missione.

Aiuto alla Chiesa che Soffre accompagna il viaggio di Papa Francesco in Madagascar con una serie di progetti a sostegno della Chiesa locale, tra cui migliaia di intenzioni di Sante Messe per i sacerdoti di numerose diocesi, contributi alla formazione di religiosi e candidati al sacerdozio, aiuti di sussistenza per religiose contemplative. In particolare, considerando la grave situazione sanitaria di un Paese in cui negli ultimi mesi oltre 1200 persone sono decedute dopo aver contratto il morbillo in assenza di vaccino, ACS donerà vaccini e cure mediche ai 69 seminaristi del Seminario Maggiore San Paolo VI di Antsiranana.

La visita di Papa Francesco, che giunge nell’Isola trent’anni dopo Giovanni Paolo II, è molto attesa, come riferisce ad ACS monsignor Rosario Vella, vescovo di Moramanga. “Il nostro auspicio è che il Santo Padre possa ravvivare la speranza nel cuore dei malgasci, che da tanto cercano di cambiare la società pur senza riuscirci, e al tempo stesso portare la pace in una società fortemente divisa anche all’interno delle famiglie, dei villaggi, della società”.

Il presule italiano da quasi quarant’anni in Madagascar racconta la grande emozione per la prossima visita del Pontefice nell’isola dove sebbene i cattolici siano soltanto circa 8 dei 25 milioni di abitanti, la Chiesa cattolica rappresenta un sostegno indispensabile per l’intera popolazione. “Se la gente ha bisogno di essere curata viene nei nostri dispensari, mentre i genitori mandano con fiducia i loro figli nelle scuole che abbiamo istituito anche nei villaggi più remoti. E poi ogni parrocchia gestisce progetti legati all’agricoltura o programmi di assistenza sanitaria di cui beneficiano i fedeli di ogni religione. La Chiesa cattolica qui è sempre stata l’unico punto di riferimento per tutti”, riferisce monsignor Vella.

Pur ricco di risorse minerarie e naturali, il Madagascar è uno dei Paesi più poveri al mondo. Quasi la metà dei bambini sono malnutriti, il tasso di analfabetismo è del 31% e soltanto il 15 % della popolazione ha accesso all’energia elettrica. “Ci sono famiglie che non hanno i soldi neanche per curare i loro figli e ciò è inaccettabile”, afferma il presule notando come la Chiesa abbia assolutamente bisogno di un sostegno economico dall’estero. “Gli aiuti che ci giungono da realtà come ACS sono veramente preziosi e ci permettono di portare avanti la nostra opera”.

La Chiesa che Papa Francesco incontrerà dal 6 all’8 settembre nella Grande Isola, è anche una Chiesa preoccupata per la rapida avanzata dell’Islam, soprattutto nell’area settentrionale del Paese. “Vi sono dei piani, sostenuti dall’estero, per islamizzare tante parti del Madagascar – dichiara monsignor Vella – Recentemente ho visitato dei villaggi situati nella boscaglia della diocesi di Ambanja e lì sono in costruzione numerose moschee, senza che vi siano fedeli islamici. Noi vescovi siamo preoccupati perché le persone si convertono all’Islam dopo aver subito pressioni o con la promessa di incentivi economici”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 2, 2019 22:21


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 5 buoni motivi per guardare la serie Suits
    Per una volta un contenuto tv è davvero buono, equilibrato, positivo. I buoni sono buoni, i cattivi non sono per niente affascinanti, l'amore è nella coppia, l'amicizia è un valore.Accendere la televisione è come passeggiare in trincea, non sai quando e dove, ma sicuramente ti spareranno. Tutto è ideologizzato, tutto è costruito affinché menti ingenue […]
    Martha, Mary and Me
  • Come posso accettare e perdonare la mia debolezza?
    Serve molta umiltà per accettare il perdono...È sempre possibile rinascere. Posso sempre tornare all’inizio del cammino già percorso. Servono sforzo, lotta e dedizione, è vero. È una decisione di testa, della volontà che dice che vuole e del cuore che abbraccia il primo passo compiuto. Ho mai dovuto tornare sui miei passi? Ho dovuto tornare […]
    Carlos Padilla
  • La missione è dire al mondo che la Verità ci tiene per mano
    Dissuaso dall'usare la parola "verità" per testimoniare il Vangelo, un sacerdote riscopre coi suoi alunni la grande novità del Cristianesimo: essere testimoni di un'esperienza di bene che cambia la vita.di Luca Speziale Un paio di mesi dopo il nostro arrivo in Inghilterra siamo stati invitati dalla diocesi a partecipare a un corso organizzato dalla Conferenza […]
    Fraternità San Carlo Borromeo
  • Esorcismi e Unione Antidemoniaca: così San Giuseppe Pallotti sfidava il diavolo
    "“Non io ma Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo comanda, o demonio, a te e ai tuoi satelliti di non sottovalutare alcun ordine" San Vincenzo Pallotti (1795-1850), protettore del clero, ebbe sempre una particolare sensibilità nella lotta contro il demonio Nei primi giorni del suo sacerdozio, il 26 maggio 1818, in una lettera a […]
    don Marcello Stanzione
  • Per chi dice che non va più in Chiesa per colpa dei preti o di alcuni cristiani…
    Ricordate che in Chiesa non si va né per la simpatia dei ministri né per la cordialità dei parrocchiani. E se delle volte un buon sacerdote o un buon cristiano sono un formidabile aiuto alla propria fede, è pur vero che ciò che conta quando si ha sete è l’acqua e non la qualità del […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Quali sono le mancanze gravi nei confronti del primo comandamento?
    Mettere Dio al secondo posto nella vita, dopo il denaro, ad esempio, è una di questeI comandamenti di Dio iniziano dicendo “Amerai Dio al di sopra di tutto”. Il primo comandamento si riferisce all’amore di Dio, e Gesù lo ha riassunto in questo modo: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con […]
    Reginaldo Manzotti
  • E voi, care donne, lasciate caricare la lavastoviglie alle amiche?
    Noi donne abbiamo una certa difficoltà a lasciare usare la lavastoviglie a qualcun altro. Eppure se imparassimo a farlo romperemmo con il perfezionismo e con la mania di volere tutto come diciamo noi. di Anita Baldisserotto Se siamo amiche mi lasci fare la tua lavastoviglie? Vi sembrerà strano ma ora vi racconto: ho notato che […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Un grande miracolo per il piccolo Gabry: trovato donatore compatibile!
    Gabriele ha 2 anni ed ha una malattia genetica rarissima: la Sifd. Finalmente è stato identificato il donatore di midollo osseo: «Non sappiamo chi sia ma gli dobbiamo tutto» le parole del padre.Gabriele, anzi, “Gabry Little Hero”, come è intitolata la pagina Facebook creata dai genitori per raccontare la sua storia, è un guerriero di […]
    Silvia Lucchetti
  • Cari genitori, 5 regole per evitare che i vostri figli siano vittime di internet e chat perverse
    Dal cyberbullismo al sexting: come prevenire adescamento e violazioni della privacy Con la ripresa della scuola e il moltiplicarsi delle occasioni delle relazioni tra pari anche tramite social e smartphone è più facile che un ragazzo possa cadere in una delle tante trappole della rete come prevaricazioni, cyberbullismo, sexting e sextortion, adescamento, violazioni della privacy, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La verità dietro gli adolescenti autolesionisti
    Gli adolescenti che effettuano il cutting o si infliggono altri tipi di ferite stanno chiedendo disperatamente aiutoL’autolesionismo tra gli adolescenti non è una moda o un tentativo di attirare l’attenzione. Quando diffondiamo punti di vista del genere, proviamo a molti adolescenti che hanno ragione a sentirsi soli di fronte ai loro problemi. L’autolesionismo ha cause […]
    Małgorzata Rybak

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 41:
    • 130:
    settembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ago    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

    Login