Papa Francesco in Monzambico, Madagascar e Maurizio nel segno del viaggio di Giovanni Paolo II

Redazione1
di Redazione1 settembre 2, 2019 22:21

Papa Francesco in Monzambico, Madagascar e Maurizio nel segno del viaggio di Giovanni Paolo II

Non è la prima volta che un Papa va in Mozambico, Madagascar e Maurizio, ma erano altri tempi. Il neo direttore della Sala Stampa della Santa Sede lo ha ricordato incontrando i giornalisti in preparazione del viaggio di Papa Francesco che inizia il 4 settembre.

La pace, l’incontro con le comunità cristiane, la riconciliazione e il Creato: sono alcuni dei temi chiave sottolineati da Matteo Bruni, direttore della Sala Stampa Vaticana, nel consueto briefing con i giornalisti prima della partenza per il 31° viaggio apostolico del Papa, fissata per mercoledì. Tre i Paesi che saranno visitati dal Pontefice fino al 10 settembre: Mozambico, Madagascar e Maurizio. “Il Papa – ha detto il direttore della Sala Stampa – si prepara con gratitudine per quanti si stanno spendendo per la realizzazione del viaggio e con gioia per l’occasione di annunciare il Vangelo in una parte di mondo ricca di varietà e di umanità”.

Per il Mozambico si parla ancora di necessità di pace, nonostante la firma dell’accordo con la mediazione della Comunità di Sant’Egidio del 1992. Ancora si firmano accordi di pace, armistizi, ma ci sono anche cambiamenti fondamentali che permettono la speranza della riconciliazione.

Su Madagascar e Maurizio invece la questione è più ambientale, dalla deforestazione alle devastazioni dei cicloni. Alle vittime di questi disastri il Papa si rivolge nel suo viaggio. Povertà e una riconciliazione non risolta sono i temi in questione oltre alle sfide delle comunità cattolica e alla necessità delle convivenze delle etnie. Papa Francesco va di fatto a vedere cosa succede oggi dopo tanti decenni dalla visita di Giovanni Paolo II. E’ nei discorsi di Giovanni Paolo II quindi che vanno ricercati i temi e i riferimenti per seguire al meglio quelli di Papa Francesco. Significative saranno le visite alla case di accoglienza e alla sede in Mozambico del DREAM il progetto che combatte l’ AIDS. Sul volo ci sarà ospite del Papa una infermiera del FAS e nel seguito il Cardinale Filoni di Propaganda Fide, la congregazione che si occupa dei territori di missione.

Aiuto alla Chiesa che Soffre accompagna il viaggio di Papa Francesco in Madagascar con una serie di progetti a sostegno della Chiesa locale, tra cui migliaia di intenzioni di Sante Messe per i sacerdoti di numerose diocesi, contributi alla formazione di religiosi e candidati al sacerdozio, aiuti di sussistenza per religiose contemplative. In particolare, considerando la grave situazione sanitaria di un Paese in cui negli ultimi mesi oltre 1200 persone sono decedute dopo aver contratto il morbillo in assenza di vaccino, ACS donerà vaccini e cure mediche ai 69 seminaristi del Seminario Maggiore San Paolo VI di Antsiranana.

La visita di Papa Francesco, che giunge nell’Isola trent’anni dopo Giovanni Paolo II, è molto attesa, come riferisce ad ACS monsignor Rosario Vella, vescovo di Moramanga. “Il nostro auspicio è che il Santo Padre possa ravvivare la speranza nel cuore dei malgasci, che da tanto cercano di cambiare la società pur senza riuscirci, e al tempo stesso portare la pace in una società fortemente divisa anche all’interno delle famiglie, dei villaggi, della società”.

Il presule italiano da quasi quarant’anni in Madagascar racconta la grande emozione per la prossima visita del Pontefice nell’isola dove sebbene i cattolici siano soltanto circa 8 dei 25 milioni di abitanti, la Chiesa cattolica rappresenta un sostegno indispensabile per l’intera popolazione. “Se la gente ha bisogno di essere curata viene nei nostri dispensari, mentre i genitori mandano con fiducia i loro figli nelle scuole che abbiamo istituito anche nei villaggi più remoti. E poi ogni parrocchia gestisce progetti legati all’agricoltura o programmi di assistenza sanitaria di cui beneficiano i fedeli di ogni religione. La Chiesa cattolica qui è sempre stata l’unico punto di riferimento per tutti”, riferisce monsignor Vella.

Pur ricco di risorse minerarie e naturali, il Madagascar è uno dei Paesi più poveri al mondo. Quasi la metà dei bambini sono malnutriti, il tasso di analfabetismo è del 31% e soltanto il 15 % della popolazione ha accesso all’energia elettrica. “Ci sono famiglie che non hanno i soldi neanche per curare i loro figli e ciò è inaccettabile”, afferma il presule notando come la Chiesa abbia assolutamente bisogno di un sostegno economico dall’estero. “Gli aiuti che ci giungono da realtà come ACS sono veramente preziosi e ci permettono di portare avanti la nostra opera”.

La Chiesa che Papa Francesco incontrerà dal 6 all’8 settembre nella Grande Isola, è anche una Chiesa preoccupata per la rapida avanzata dell’Islam, soprattutto nell’area settentrionale del Paese. “Vi sono dei piani, sostenuti dall’estero, per islamizzare tante parti del Madagascar – dichiara monsignor Vella – Recentemente ho visitato dei villaggi situati nella boscaglia della diocesi di Ambanja e lì sono in costruzione numerose moschee, senza che vi siano fedeli islamici. Noi vescovi siamo preoccupati perché le persone si convertono all’Islam dopo aver subito pressioni o con la promessa di incentivi economici”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 2, 2019 22:21


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Fidanzamenti frustrati: perché scelgo sempre male?Fidanzamenti frustrati: perché scelgo sempre male?
    Concentrarsi su un modello di scelta basato sull’amore vero che integra l’emozione con le motivazioni ragionevoli È probabilmente la cosa più importante che ci hanno proposto nella vita, ma nonostante questo continuiamo a prendere decisioni sbagliate quando si tratta di scegliere la persona con cui coinvolgerci in una relazione amorosa a lungo termine. Dopo tutto, […]
    Cecilia Zinicola
  • Con quale intenzione faccio le cose?
    Chi sono io per giudicare le intenzioni altrui? Spesso non so se l’intenzione con cui faccio le cose è quella che manifesto al farle o se ce n’è un’altra nascosta. Non so se c’è un unico motivo o ce ne sono vari. Non so nemmeno se le mie motivazioni sono quelle giuste. Mi costa sapere […]
    Carlos Padilla
  • “Finalmente potrò confessarmi!” 38 domande per fare meglio l’esame di coscienza
    di padre Juan Carlos Vásconez Quando ci manca la Confessione! All’inizio della quarantena, di fronte alla difficoltà ad andare in chiesa, Papa Francesco ci ha esortati dicendo: “Se tu non trovi un sacerdote per confessarti, parla con Dio, è tuo padre, e digli la verità: ‘Signore ho combinato questo, questo, questo… Scusami’, e chiedigli perdono […]
    Catholic Link
  • Perché pensare ad un amore di gioventù è pericoloso per la coppia?
    Gli amori di gioventù sono come un salvagente sentimentale a cui ci si aggrappa ad ogni delusione o momento di dubbio. Ma pensare al passato a volte può essere pericoloso. Come dire addio allora al nostro primo amore che tormenta la mente e mette a dura prova la nostra vita matrimoniale? Marie-Noël Florant “Ho rincontrato […]
    Edifa
  • Qui Salomè ha danzato e ha chiesto la testa di Giovanni Battista (FOTO)
    Scoperto il bagno rituale più grande di Macheronte, un sito archeologico eccezionale I bagni rituali ebraici (mikva’ot) sono piscine per l’immersione usate nella purificazione rituale, simili a quelle usate in alcune tradizioni cristiane per il Battesimo. Il bagno rituale più grande scoperto finora in Giordania è stato oggetto di scavi nel 2016 nel palazzo del […]
    Daniel R. Esparza
  • L’unica cosa vera de “I due Papi”
    Riflessioni sulla fortunatissima pellicola targata Netflix con Anthony Hopkins e Jonathan Pryce: la narrazione delle “due ecclesiologie antitetiche” è un usato garantito della divulgazione ecclesiale, però diventa insostenibile appena si voglia appoggiarla a un minimo di fondatezza documentaria. Invece c’è un’altra cosa che i documenti dicono… Non mi ero interessato a “I due Papi”, anche […]
    Giovanni Marcotullio
  • La preghiera da dire dopo un litigio con il proprio coniuge
    Per ricominciare su nuove basi dopo un litigio tra marito e moglie, perché non recitare una preghiera di riconciliazione? Comunicare con calma e cercare di capire l’altro è la chiave per fare pace con il proprio coniuge dopo un litigio, certo, ma la preghiera può anche aiutare a disinnescare definitivamente un conflitto. Padre François Banvillet, […]
    Anna Ashkova
  • Verginità, celibato e castità non sono la stessa cosa!
    di Daniel Torres Cox Verginità, celibato e castità non sono la stessa cosa. Hanno sicuramente dei punti in comune, e questo può farli confondere, ma non si identificano. In questo articolo, cercheremo di esporre brevemente in cosa consiste ciascun concetto. 1. Verginità: valorizzare la persona La verginità è la condizione di colui che non ha […]
    Catholic Link
  • 5 suggerimenti per navigare in mezzo alle tormente secondo monsignor Munilla
    di Mauricio Montoya Mi sono imbattuto in un podcast (il numero 31885) di monsignor Munilla in cui ci offre cinque consigli per affrontare le difficoltà, sottolineando come nelle prove dobbiamo essere consapevoli della molteplicità dei doni di cui disponiamo nella nostra vita. I doni sono la presenza della grazia di Dio nella nostra anima. Non […]
    Catholic Link
  • Allattamento, co-sleeping and more: domande e risposte
    Sempre molto informata e con tante letture da consigliarci, abbiamo tempestato di domande la nostra ostetrica Rachele Sagramoso, che, essendo anche una super mamma di famiglia numerosa, ci porta tanto del suo vissuto e delle sue utilissime fonti, per venire al nodo di alcune questioni davvero spinose e di pratiche più o meno dubbie nella gestione […]
    Martha, Mary and Me

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 111:
    • 185:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login