Papa Francesco in Monzambico, Madagascar e Maurizio nel segno del viaggio di Giovanni Paolo II

Redazione1
di Redazione1 settembre 2, 2019 22:21

Papa Francesco in Monzambico, Madagascar e Maurizio nel segno del viaggio di Giovanni Paolo II

Non è la prima volta che un Papa va in Mozambico, Madagascar e Maurizio, ma erano altri tempi. Il neo direttore della Sala Stampa della Santa Sede lo ha ricordato incontrando i giornalisti in preparazione del viaggio di Papa Francesco che inizia il 4 settembre.

La pace, l’incontro con le comunità cristiane, la riconciliazione e il Creato: sono alcuni dei temi chiave sottolineati da Matteo Bruni, direttore della Sala Stampa Vaticana, nel consueto briefing con i giornalisti prima della partenza per il 31° viaggio apostolico del Papa, fissata per mercoledì. Tre i Paesi che saranno visitati dal Pontefice fino al 10 settembre: Mozambico, Madagascar e Maurizio. “Il Papa – ha detto il direttore della Sala Stampa – si prepara con gratitudine per quanti si stanno spendendo per la realizzazione del viaggio e con gioia per l’occasione di annunciare il Vangelo in una parte di mondo ricca di varietà e di umanità”.

Per il Mozambico si parla ancora di necessità di pace, nonostante la firma dell’accordo con la mediazione della Comunità di Sant’Egidio del 1992. Ancora si firmano accordi di pace, armistizi, ma ci sono anche cambiamenti fondamentali che permettono la speranza della riconciliazione.

Su Madagascar e Maurizio invece la questione è più ambientale, dalla deforestazione alle devastazioni dei cicloni. Alle vittime di questi disastri il Papa si rivolge nel suo viaggio. Povertà e una riconciliazione non risolta sono i temi in questione oltre alle sfide delle comunità cattolica e alla necessità delle convivenze delle etnie. Papa Francesco va di fatto a vedere cosa succede oggi dopo tanti decenni dalla visita di Giovanni Paolo II. E’ nei discorsi di Giovanni Paolo II quindi che vanno ricercati i temi e i riferimenti per seguire al meglio quelli di Papa Francesco. Significative saranno le visite alla case di accoglienza e alla sede in Mozambico del DREAM il progetto che combatte l’ AIDS. Sul volo ci sarà ospite del Papa una infermiera del FAS e nel seguito il Cardinale Filoni di Propaganda Fide, la congregazione che si occupa dei territori di missione.

Aiuto alla Chiesa che Soffre accompagna il viaggio di Papa Francesco in Madagascar con una serie di progetti a sostegno della Chiesa locale, tra cui migliaia di intenzioni di Sante Messe per i sacerdoti di numerose diocesi, contributi alla formazione di religiosi e candidati al sacerdozio, aiuti di sussistenza per religiose contemplative. In particolare, considerando la grave situazione sanitaria di un Paese in cui negli ultimi mesi oltre 1200 persone sono decedute dopo aver contratto il morbillo in assenza di vaccino, ACS donerà vaccini e cure mediche ai 69 seminaristi del Seminario Maggiore San Paolo VI di Antsiranana.

La visita di Papa Francesco, che giunge nell’Isola trent’anni dopo Giovanni Paolo II, è molto attesa, come riferisce ad ACS monsignor Rosario Vella, vescovo di Moramanga. “Il nostro auspicio è che il Santo Padre possa ravvivare la speranza nel cuore dei malgasci, che da tanto cercano di cambiare la società pur senza riuscirci, e al tempo stesso portare la pace in una società fortemente divisa anche all’interno delle famiglie, dei villaggi, della società”.

Il presule italiano da quasi quarant’anni in Madagascar racconta la grande emozione per la prossima visita del Pontefice nell’isola dove sebbene i cattolici siano soltanto circa 8 dei 25 milioni di abitanti, la Chiesa cattolica rappresenta un sostegno indispensabile per l’intera popolazione. “Se la gente ha bisogno di essere curata viene nei nostri dispensari, mentre i genitori mandano con fiducia i loro figli nelle scuole che abbiamo istituito anche nei villaggi più remoti. E poi ogni parrocchia gestisce progetti legati all’agricoltura o programmi di assistenza sanitaria di cui beneficiano i fedeli di ogni religione. La Chiesa cattolica qui è sempre stata l’unico punto di riferimento per tutti”, riferisce monsignor Vella.

Pur ricco di risorse minerarie e naturali, il Madagascar è uno dei Paesi più poveri al mondo. Quasi la metà dei bambini sono malnutriti, il tasso di analfabetismo è del 31% e soltanto il 15 % della popolazione ha accesso all’energia elettrica. “Ci sono famiglie che non hanno i soldi neanche per curare i loro figli e ciò è inaccettabile”, afferma il presule notando come la Chiesa abbia assolutamente bisogno di un sostegno economico dall’estero. “Gli aiuti che ci giungono da realtà come ACS sono veramente preziosi e ci permettono di portare avanti la nostra opera”.

La Chiesa che Papa Francesco incontrerà dal 6 all’8 settembre nella Grande Isola, è anche una Chiesa preoccupata per la rapida avanzata dell’Islam, soprattutto nell’area settentrionale del Paese. “Vi sono dei piani, sostenuti dall’estero, per islamizzare tante parti del Madagascar – dichiara monsignor Vella – Recentemente ho visitato dei villaggi situati nella boscaglia della diocesi di Ambanja e lì sono in costruzione numerose moschee, senza che vi siano fedeli islamici. Noi vescovi siamo preoccupati perché le persone si convertono all’Islam dopo aver subito pressioni o con la promessa di incentivi economici”.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 2, 2019 22:21


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il bambino di 6 anni che si alza presto per distribuire il caffè ai senzatetto
    Popolare tra i volontari, la maggior parte dei quali ex tossicodipendenti, il piccolo Alfie si è già guadagnato il soprannome di “Angioletto” Alfie Roncero ha 6 anni e vive a Edimburgo, in Scozia. Insieme al padre Richard, di 36 anni, si alza presto tutti i giorni con un obiettivo speciale e concreto: portare bevande calde […]
    Sempre Família
  • Paura di sposarsi? Liberi si diventa amando l’altro!
    Nella universale ricerca di libertà – che tocca ciascuno di noi – sono numerosi quelli che hanno paura di impegnarsi nel matrimonio, poiché c’è una forte confusione tra la “piccola libertà” – quella che si vuole tenere stretti a sé – e la vera libertà di darsi agli altri. È rinunciando a questa concezione depauperata […]
    Paul Habsburg
  • Quando l’amore pone davanti a una decisione difficile
    Basta anteporre il bene dell’altro al mio Giorni fa pensavo al potere dell’amore. Posso donare la vita per amore. Senza tenere niente per me, senza preservarmi. L’amore tira fuori il meglio dalla mia anima, e mi rende capace di sogni impossibile. L’amore che dono, l’amore che ricevo. Chi ama desidera la persona amata. Cerca il […]
    Carlos Padilla
  • Assassinato un parroco e suo padre in Siria. L’Isis rivendica: “Crociati eliminati”
    Il sacerdote era impegnato nella restaurazione di una chiesa nella regione di Deir ez-Zor, distrutta dai fondamentalisti nel 2014 Un prete cattolico armeno e suo padre sono stati uccisi oggi in un agguato rivendicato dal Daesh nel distretto siriano di Busayra, nella regione di Deir ez-Zor sotto controllo delle forze curdo-siriane. La zona si trova […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Perché ci preoccupiamo per cose che non accadranno mai?
    Avete paura di tutto? Di fronte a una sfida rimanete paralizzati? Vedete rischi e minacce ovunque? Preferite non agire perché non vi succeda niente di male? In genere tendiamo a proiettarci nel futuro per poter stabilire le attività che svolgeremo a breve termine. Chi vuole un posto di lavoro, ad esempio, cerca di formarsi nel […]
    María del Castillo
  • Può lo yoga aiutarci a pregare meglio?
    Alcuni cristiani pensano di poter pregare meglio grazie allo yoga, che insegna la concentrazione. Nulla di pericoloso vedono in queste tecniche orientali di meditazione. Resta tuttavia la domanda: è possibile combinare yoga e fede cristiana? Le tecniche di meditazione orientali sono molto seducenti. Esse costituiscono potenti mezzi per ritirarci dal mondo esteriore, fugace e volubile, […]
    Joseph-Marie Verlinde
  • Papa Francesco: il diavolo distrugge l’uomo perché Dio si è fatto come noi
    Papa Francesco, nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, analizza la Prima Lettura dal Libro della Sapienza e sottolinea che per l’invidia di Gesù che si è fatto uomo, il Grande Bugiardo ci tenta per distruggere l’umanità Il diavolo esiste e per la sua invidia per il Figlio di Dio che si è fatto uomo, […]
    Vatican News
  • “Non sei abbastanza bella per stare con lui!” … e se fossi tu a essere giudicata così?
    Keanu Reeves si è mostrato in pubblico con Alexandra Grant e sono piovuti su di lei un mare di giudizi pesanti perché è una bellezza “solo”normale. Sparlare è il verbo preferito degli invidiosi, ricordiamo loro che prediligere ciascuno è il verbo di Dio. Questo articolo aveva un’origine diversa, volevo partire da altro, poi leggendo in […]
    Stile di vita di una folle donna cattolica
  • Il messaggio che ha emozionato il Papa da parte della sorella
    Consegnata al Pontefice un’opera che rappresenta la mano di sua sorella, accompagnata da un bel messaggio Un artista plastico argentino ha regalato a Papa Francesco una scultura replica della mano sinistra di sua sorella, María Elena, che il Pontefice non vede da quando ha assunto la cattedra di Pietro, nel 2013. Gustavo Masó, che di […]
    Esteban Pittaro
  • Il “Codex Amiatinus”, il più antico manoscritto sopravvissuto della Bibbia completa in vulgata latina
    È anche considerato la copia più accurata della traduzione originale di San Girolamo Anche se non sappiamo molto di San Ceolfrido, conosciamo almeno qualche dato a lui relativo: era sicuramente l’abate anglosassone del monastero di San Paolo, in Inghilterra, ed era guardiano di Beda il Venerabile. Sappiamo anche che alla fine del VII secolo commissionò […]
    Daniel R. Esparza

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 63:
    • 181:
    novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

    Login