Quaresima: cammino penitenziale quale “Servizio alla Redenzione”, l’esperienza mistica della claustrale Anna Emmerick

Redazione1
di Redazione1 Febbraio 17, 2024 00:38

Quaresima: cammino penitenziale quale “Servizio alla Redenzione”, l’esperienza mistica della claustrale Anna Emmerick

Con la celebrazione liturgica del mercoledì delle Ceneri è iniziata la Quaresima, tempo di penitenza, preghiera e preparazione alla celebrazione della Pasqua che è il culmine delle festività cristiane. La Quaresima è dunque da considerare come un percorso di fede ed un’opportunità di viva partecipazione al Mistero di Cristo morto e risorto per la salvezza dell’umanità, ci ricordano teologi ed esegeti.

Nella Quaresima “il fedele è invitato a riprendere in mano il suo cammino di conversione al Signore, nella lotta contro il peccato e nel desiderio della santità. Un iter penitenziale che dura 40 giorni poiché tanti furono i giorni che Gesù trascorse nel deserto. Percorso di grazia caratterizzato da preghiera, digiuno, elemosina, le tre azioni della penitenza, le tre azioni religiose che aprono una via di comunione con le altre esperienze religiose dell’Ebraismo e dell’Islam”, avvisano i Maestri di spiritualità.

E innanzitutto, la Quaresima ci “introduce nel profondo della mistica divina, cioè nel ‘mistero dei misteri’, che sopra ogni cosa è memoria della Passione, morte e risurrezione del Signore, cuore del mistero di Salvezza”. Permettendo così di accedere a quel “percorso di Grazia che è fondamento primario, potremmo dire fondativo, della relazione tra uomo e Dio. Una esperienza mistica da cui scaturisce l’invito – come dice S. Paolo nella Lettera ai Colossesi – a compiere un servizio alla Redenzione”.

Invito rivolto a tutti i cristiani, e che, in modo straordinario, viene vissuto appieno da Anna Catharina Emmerick, la grande mistica tedesca e claustrale agostiniana – di cui si è celebrata la Solennità liturgica pochi giorni fa, venerdì 9 febbraio –  che può essere di stupendo esempio secondo la sua scelta a compimento della sua fervida invocazione: «O Dio, lasciaci servire l’opera della Redenzione secondo il modello della fede e dell’amore di Maria». Dunque realizzare un cammino penitenziale, come lei ha fatto per tutta la sua breve vita, in profonda unione con Cristo al fine di servire la Redenzione e il Vangelo.

Anna Katharina Emmerick nacque l’8 settembre 1774, (morì il 9 febbraio 1824nella comunità di contadini di Flamschen presso Coesfeld.) Crebbe insieme a nove fra fratelli e sorelle. Già da piccola dovette aiutare in casa e nei lavori dei campi. Frequentò per poco tempo la scuola, ma si notava il fatto che lei era ben istruita su cose religiose. Ben presto i genitori e tutti quelli che la conoscevano si accorsero che si sentiva attratta in maniera particolare dalla preghiera e dalla vita religiosa.

Sin dalla più tenera età mostrò una grande attrazione  per  tutto  ciò che  potesse  avvicinarla  a  Dio, dimostrando chiaramente la sua vocazione religiosa, favorita di diversi doni mistici e fenomeni soprannaturali, come la facoltà leggere nel pensiero delle persone e le visioni di fatti che avvenivano nel mondo.

Le sue esperienze mistiche erano spesso accompagnate da fenomeni  di  levitazione  e bilocazione. La sua vita mistica era così straordinaria che, nella sua innocenza di bambina, similmente a quanto credeva anche Padre Pio nella sua infanzia, era convinta che anche tutti gli altri bambini godessero degli stessi suoi favori celesti. Così pensava che anche loro potessero conversare familiarmente con il Bambin Gesù, come lei faceva abitualmente. Dall’età di nove anni, infatti, le apparivano la Madonna con Gesù Bambino, l’angelo custode e diversi santi. Mostrava straordinari doni di conoscenza. Possedeva anche il dono della cosìddetta illuminazione o divinazione diagnostica, cioè quel dono divino proprio di alcuni medici o di alcuni santi (come Padre Pio e S. Giuseppe Moscati) che hanno di individuare una patologia anche da un semplice sguardo.

Nel 1789, una notte, mentre stava pregando, le apparve Gesù che le offrì una corona di rose e una di spine. Anna Caterina accettò quella di spine, e Gesù gliela pose sul capo: intorno alla fronte le apparvero subito le prime stigmate. La Emmerick

aveva sempre sognato di entrare in convento per consacrarsi totalmente a Dio. Ma la sua condizione miserabile non le permetteva però di soddisfare questa santa aspirazione. Quasi in virtù di un prodigio, però, il 13 novembre 1802, una settimana prima della festa della Presentazione di Maria al Tempio, insieme alla sua amica Klara Söntgen, poté entrare come novizia nel convento delle agostiniane ad Agnetenberg  (Dülmen), ed  un  anno  dopo,  il  13  novembre  1803  pronunciò i  voti  come  monaca agostiniana.

La vita claustrale si rivelò, tuttavia, assai dura. Era considerata l’ultima dalle consorelle e trattata quasi con disprezzo. Comportamenti che Suor Anna non solo non se ne lamentava, ma ne era anzi contenta, perché questo le permetteva di esercitare con maggior profitto la virtù dell’umiltà.

Il suo zelo non era gradito dalle anime più tiepide, che rimanevano sconcertate e infastidite dai suoi carismi e dalla sua salute cagionevole. Le sue consorelle, nonostante le sue frequenti estasi in chiesa, nella sua cella o su lavoro, la trattavano con sufficienza e mostravano antipatia nei suoi confronti, credendola lunatica, pazza. Malgrado la sua estrema fragilità, svolse sempre scrupolosamente e con spirito gioioso i suoi doveri, anche le mansioni più dure.

Dopo qualche tempo la sua salute declinò rapidamente e fu costretta a letto soggetta a forti sofferenze a causa delle ferite, spesso sanguinanti, prodotte dalle stigmante in diverse parti del corpo.

E’ venerata come beata dalla Chiesa cattolica, grazie alle doti di veggente e di altri doni soprannaturali, come stigmate, bilocazione, levitazione, divinazione ed estasi. La beata nel corso della sua vita terrena è stata portavoce di numerose profezie che riguarderebbero il futuro della Chiesa.

Grazie a queste doti straordinarie, il Signore le permise di fare un viaggio insieme all’arcangelo San Michele, che la portò in visita nel paradiso eterno.

 

 

 

 

Redazione da s. di inf.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 Febbraio 17, 2024 00:38

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Famiglia: Cei, dal 25 al 28 aprile a Palermo la Settimana nazionale di studi sulla spiritualità 23 Aprile 2024
    “Di fronte all’altro. Sposi e presbiteri, insieme discepoli missionari” è il tema della XXV edizione della Settimana nazionale di studi sulla spiritualità coniugale e familiare, promossa dall’Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia della Cei ad Altavilla Milicia (PA), dal 25 al 28 aprile. “Non stiamo attraversando un tempo facile, soprattutto perché venti di guerra […]
  • Libri: Roma, domani la presentazione del libro di Ignazio Ingrao, “cinque domande che agitano la Chiesa” 23 Aprile 2024
    Dalle donne nella Chiesa alle riforme avviate, quali solo le prospettive della Chiesa di Francesco e i suoi interrogativi più urgenti? Delle nuove sfide che attendono la Chiesa parla Ignazio Ingrao nel suo ultimo libro, “Cinque domande che agitano la Chiesa” (Edizioni San Paolo), che verrà presentato domani, a Roma, presso il Ministero della Cultura […]
  • Fine vita: Telepace, dedicata all’Hospice la rubrica settimanale “Ospitalità è…” del Fatebenefratelli Provincia Lombardo-Veneta 23 Aprile 2024
    “Ospitalità è… Accompagnamento nel fine vita”. E’ dedicata all’Hospice e al percorso di assistenza e accompagnamento rivolto ai suoi “speciali” pazienti e alle loro famiglie la puntata settimanale della rubrica “Ospitalità è…” del  Fatebenefratelli della Provincia Lombardo-Veneta. Questa settimana su Telepace e le altre emittenti del gruppo Corallo, andrà on onda l’intervista a Mora Maria […]
  • San Pio di Pietrelcina: il 29 aprile conferenza stampa sulle sue fotografie 23 Aprile 2024
    In occasione del venticinquesimo anniversario della beatificazione di San Pio di Pietrelcina e per celebrare il decimo anniversario della Saint Pio Foundation, la suddetta Fondazione, con il patrocinio del Dicastero della Comunicazione e del Dicastero per l’Educazione e la Cultura del Vaticano, organizza una conferenza stampa “Fotografie di San Pio – Memorie di un Santo”, […]
  • San Giovanni XXIII: domenica 28 aprile, celebrazione a Sotto il Monte per i dieci anni dalla proclamazione della Sua santità 23 Aprile 2024
    Per ricordare il 10° anniversario della Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII, mons. Francesco Beschi, vescovo di Bergamo, presidierà domenica 28 aprile, alle ore 16, presso il Santuario di Sotto il Monte, una solenne celebrazione. Era la seconda domenica di Pasqua, il 27 aprile 2014, giorno della festa della Divina Misericordia. “In queste coordinate – si […]
  • Congregazioni: Missionari Vincenziani, ad aprile 2025 il quarto centenario di fondazione 23 Aprile 2024
    “Dopo il grande Giubileo dell’anno 2000, che con Giovanni Paolo II ha introdotto la Chiesa nel terzo millennio della sua storia, abbiamo vissuto il Giubileo straordinario della Misericordia (8 dicembre 2015 – 20 novembre 2016), voluto da Papa Francesco, che ci ha permesso di riscoprire la forza e la tenerezza dell’amore misericordioso del Padre, per […]
  • Santa Sede: il 6 maggio il giuramento di 34 nuove Guardie Svizzere 23 Aprile 2024
    Trentaquattro nuove reclute della Guardia Svizzera Pontificia presteranno solenne giuramento il prossimo 6 maggio, come tradizione, alle 17, nel Cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico in Vaticano. Il giuramento avviene sulla bandiera del Corpo delle Guardie Svizzere Pontificie e alla presenza del rappresentante del Santo Padre, monsignor Edgar Peña Parra, sostituto per gli Affari […]
  • Comunicazione: Vaticano, il 27 aprile commemorazione del 150° anniversario della nascita di Guglielmo Marconi 23 Aprile 2024
    Sabato prossimo, 27 aprile, presso la Palazzina Marconi, è in programma una manifestazione commemorativa del 150° anniversario della nascita di Guglielmo Marconi (1874-2024). Ad introdurre l’incontro, dopo alcune attività amatoriali – si legge in una nota – sarà alle 11.35 mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati e le Organizzazioni internazionali. […]
  • Azione cattolica: la formazione è un continuo invito alla conversione 23 Aprile 2024
    All’interno dello statuto e del progetto formativo di Azione cattolica emerge chiaramente il primario impegno dell’associazione nella cura alla formazione integrale di ogni associato, attraverso l’intreccio della vita associativa, vita ecclesiale e vita civile. Reinterpretando una preziosa intuizione di Yves Congar, potremmo dire che l’Ac ritrova il senso autentico della sua missione “nell’opera stessa che […]
  • Carceri. Don Grimaldi: “Con il convegno nazionale invitiamo a combattere l’indifferenza per promuovere la cura” 23 Aprile 2024
    È tutto pronto per il quinto convegno nazionale dei cappellani e degli operatori della pastorale penitenziaria che si svolgerà ad Assisi dal 24 al 27 aprile. Il tema prescelto per l’evento promosso dall’Ispettorato generale dei cappellani nelle carceri italiane, che ha una cadenza biennale, è “‘Lo vide e ne ebbe compassione. (Lc 10,33). Dall’indifferenza alla […]

Commenti recenti

     

    • 233:
    • 325:
    Aprile 2024
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login