I valori dello sport: “Una cultura di umanità, civiltà e spiritualità”

Redazione1
di Redazione1 Febbraio 5, 2021 21:32

I valori dello sport: “Una cultura di umanità, civiltà e spiritualità”

Parlando di sport, a parte le motivazioni psicologiche legate a punti di vista viziati da logiche prettamente individualistiche, non si può che dirne bene: lo sport è salute, serve a scaricare lo stress, favorisce il benessere del corpo che rende sana la mente, tonifica i muscoli, e via dicendo; ma poi, per lo più, si trascura di riconoscere che lo sport serve anche, e molto, a temprare la volontà, la forza d’animo e…lo spirito. Ecco, sotto questo aspetto che appare particolarmente importante in un mondo in crisi, in cui le sollecitazioni materialistiche, egoistiche e deprimenti prevalgono, ci sembra molto utile prestare attenzione agli interessanti rilievi che Gabriella Forlese, un’innamorata dello sport, andrà facendo riguardo a questa apprezzabile e benefica attività umana. (A.M.)

Lo sport, manifestazione di vita, di gioia, affascinante contesto in cui si affermano valori fondamentali che, al di là del mondo prettamente sportivo, abbracciano la quotidianità inglobando il rapporto con il prossimo e con se stessi. Un contesto che, rivolto ai giovani, contribuisce alla formazione della loro personalità in modo sano ed equilibrato e che, rivolto agli adulti, permette loro di meglio affrontare le difficoltà quotidiane, offrendo una rapida soluzione alla gestione dello stress.

L’attività sportiva, inoltre, permette di mantenere mente e corpo in perfetta sintonia tra loro e con l’ambiente circostante, attraverso la capacità di mettersi in gioco, di uscire dalla propria “confort zone”, di scoprire o riscoprire abilità e potenzialità rivolte alla realizzazione di obiettivi, con grande capacità di resilienza.

Lo sport, quindi, è da intendersi come una delle principali manifestazioni dell’uomo; ed in questo senso anche la CEI, attraverso la competente Commissione Ecclesiale,  lo definisce “…un valore dell’uomo e della cultura, un luogo di umanità e civiltà…”.
Appare quindi evidente come la Chiesa promuova i valori sportivi ritenendoli consonanti con la dimensione spirituale.

Prendiamo in considerazione i valori olimpici: Pierre de Coubertin (1863-1937), fondatore dei Giochi olimpici moderni, ne era convinto: lo sport può aiutare gli uomini a superare il loro limiti, ma anche ad avvicinarsi e a capirsi meglio, indipendentemente dalle differenze. Per tale ragione egli difendeva i valori umanistici, divenuti indissociabili dall’Olimpismo: rispetto dell’avversario, amicizia fra i popoli, senza dimenticare il fair play, un codice di condotta utile sia nello sport che nella vita in generale.

Attraverso la pratica sportiva, l’individuo cresce, progredisce nel corpo e nell’anima, acquisisce conoscenza e consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti. Impara a rispettare l’altro, a comprendere i propri punti di forza e di debolezza accettandoli e rispettandoli. Acquisisce maggior carattere e determinazione, che gli serviranno per affrontare la vita di tutti i giorni.

Emblematiche sono al riguardo le parole pronunciate dal cardinal Bagnasco agli atleti azzurri alla vigilia delle Olimpiadi di Londra 2012 in cui il Presidente della CEI esalta i valori umani e spirituali dello sport affermando “ Lo sport rappresenta «una lezione di vita più che mai necessaria oggi in un tempo di crisi che chiama tutti a rigore e sacrificio» oltre che essere «un veicolo educativo mentre la vera sfida non è solo quella di ottenere riconoscimenti umani, ma pure premi più preziosi come insegna la Sacra Scrittura. La Carta olimpica ci ricorda che scopo del Movimento olimpico è contribuire alla costruzione di un mondo migliore. Da sempre, lo sport ha favorito un movimento di idee e di intenti all’insegna di un universalismo caratterizzato da istanze di fraternità e amicizia tra i popoli; di concordia e di pace tra le nazioni».

Per usare le parole della Chiesa “Lo sport, come la cura del corpo nel suo insieme, non può essere un fine a sé, decadendo nel culto della materia. Esso è al servizio di tutto l’uomo; dunque lungi dall’intralciare il perfezionamento intellettuale e morale, deve promuoverlo, aiutarlo e favorirlo” (PIO XI Discorso per il congresso scientifico Nazionale dello Sport e dell’Educazione Fisica, 8.11.1952); ed ancora “…una filosofia dello sport, il cui principio-chiave non è ‘lo sport per lo sport’ o per altre motivazioni che non siano la dignità, la libertà, lo sviluppo integrale dell’uomo” (GIOVANNI PAOLO II Discorso per il Giubileo Internazionale degli Sportivi 12.4.1984).
La Chiesa intende, quindi, promuovere la funzione di umanizzazione dello sport, privilegiando la sua potenzialità di elevazione e di servizio a Dio, e tenendo conto della sua relatività rispetto ai più, per contribuire alla formazione di una società conforme alle aspettative del dettato cristiano, per contribuire alla formazione di una società conforme alle aspettative del dettato cristiano.

Gabriella Forlese

 

 

Redazione1
di Redazione1 Febbraio 5, 2021 21:32

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Unità dei cristiani: card. Grech, “non possiamo parlare di primato e collegialità senza ricollegarli alla sinodalità” 13 Giugno 2024
    “Se c’è un luogo, un contesto che oggi può manifestare – anzi, sta manifestando – una modalità nuova di esercitare il primato, questo è proprio il processo sinodale”. Ne è convinto il card. Mario Grech, segretario della Segreteria generale del Sinodo, intervenuto alla presentazione – in sala stampa vaticana – del documento “Il vescovo di […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “continuare il dialogo sull’infallibilità” 13 Giugno 2024
    “Tutti parlano dell’infallibilità del Papa, ma al Concilio Vaticano II si è detto dell’infallibilità della Chiesa”. A precisarlo è stato il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per la promozione dell’unità dei cristiani, rispondendo alle domande dei giornalisti, durante la presentazione – in sala stampa vaticana – del Documento di studio “Il vescovo di Roma. […]
  • Giornata mondiale dei poveri: Dicastero per l’evangelizzazione, il 17 novembre la messa del Papa e il pranzo con i poveri 13 Giugno 2024
    “I poveri hanno un posto privilegiato nel cuore di Dio, che è attento e vicino a ognuno di loro”. A ribadirlo è il Papa, nel messaggio per la VIII Giornata mondiale dei poveri, in programma il 17 novembre sul tema: “La preghiera del povero sale fino a Dio”.  “Dio ascolta la preghiera dei poveri e, […]
  • Papa Francesco: domani al G7, il programma ufficiale 13 Giugno 2024
    Domani Papa Francesco sarà il primo papa della storia a partecipare ad un G7. Alle 11 – informa la Sala Stampa della Santa Sede, che ne ha diffuso oggi il programma ufficiale – il Santo Padre partirà dall’eliporto del Vaticano per atterrare alle 12.30 nel campo sportivo di Borgo Egnazia, dove è accolto dal presidente […]
  • Pace: da oggi a domenica il card. Zuppi in Terra Santa 13 Giugno 2024
    Da questa mattina e fino al 16 giugno l’arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Matteo Zuppi, parteciperà a un Pellegrinaggio di comunione e pace in Terra Santa. “Pace a voi!”, questo il titolo e il tema del pellegrinaggio proposto dalla Chiesa di Bologna in comunione con il Patriarcato di Gerusalemme dei […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “primato e sinodalità non sono due dimensioni ecclesiali concorrenti” 13 Giugno 2024
    “Tutti i documenti concordano sulla necessità di un servizio di unità a livello universale, anche se i fondamenti e le modalità di questo servizio sono oggetto di diverse interpretazioni”. Lo ha detto il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per l’unità dei cristiani, presentando – in sala stampa vaticana – il documento di studio “Il […]
  • Unità dei cristiani: serve “esercizio sinodale del primato petrino” 13 Giugno 2024
    Il primato petrino dovrebbe essere inteso come “esercizio di un primato universale basato sul riconoscimento dell’interdipendenza reciproca tra primato e sinodalità a ogni livello della vita della Chiesa: locale, regionale e universale”. È una delle proposte contenute nel Documento di studio “Il vescovo di Roma”, in cui si fa presente la “necessità di un ministero […]
  • Unità dei cristiani: “la questione del primato non è più un problema, ma un’opportunità” 13 Giugno 2024
    “A differenza delle polemiche del passato, la questione del primato non è più vista semplicemente come un problema, ma anche come un’opportunità per una riflessione comune sulla natura della Chiesa e sulla sua missione nel mondo”. È quanto si legge nel Documento di studio “Il vescovo di Roma. Primato e sinodalità nei dialoghi ecumenici e […]
  • Papa Francesco: “i movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali” 13 Giugno 2024
    “I movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, ricevendo in udienza i partecipanti all’Incontro annuale con i Moderatori delle associazioni di fedeli, dei movimenti ecclesiali e delle nuove comunità, promosso dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita sul tema: “La sfida della sinodalità per la […]
  • Università salesiana: aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per la Facoltà di scienze della comunicazione sociale 13 Giugno 2024
    Sono ufficialmente aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per i corsi di Laurea e Laurea Magistrale in Comunicazione sociale, Media digitali e Cultura erogati dalla Facoltà di scienze della comunicazione sociale (Fsc) dell’Università pontificia salesiana per l’anno accademico 2024/2025. Per iniziare il percorso di studi in comunicazione in Fsc è necessario, infatti, sostenere un esame […]

Commenti recenti

     

    • 226:
    • 358:
    Giugno 2024
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login