Ordine di Malta e Covid19: sostegno sanitario a profughi, opportunità di mediazione nell’area del Golfo

Redazione1
di Redazione1 maggio 16, 2020 21:53

Ordine di Malta e Covid19: sostegno sanitario a profughi, opportunità di mediazione nell’area del Golfo

Il governo del Sovrano Ordine di Malta, nello scorso aprile, insieme al think tank londinese Forward Thinking, ha lanciato il progetto

Neonato a Betlemme

“Doctor to Doctor”, operativo soprattutto in Medio Oriente, che consente il collegamento su una piattaforma virtuale di esperti sanitari. Ha lo scopo di condividere le conoscenze e promuovere una migliore comprensione di best practices, protocolli e strategie da adottare per contenere l’infezione da Coronavirus tra la popolazione.

In un’intervista rilasciata ad Angela Ambrogetti, Stefano Ronca, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario dell’Ordine di Malta in Italia, ha parlato della situazione dei profughi in Medio Oriente, come si gestiscono le misure sanitarie di contenimento in situazioni limite, e di altri importanti impegni.

Stefano Ronca ha spiegato che i campi profughi servono per dare protezione a chi è in fuga dai conflitti armati o da calamità naturali, e la protezione, che dovrebbe essere temporanea, diventa in realtà permanente per molti rifugiati. I campi ben gestiti hanno servizi di base e soprattutto garantiscono situazioni igieniche accettabili. Ma è chiaro, ha precisato Rocca che in contesti come questi la velocità di diffusione di malattie trasmissibili rischia di essere molto più elevata, dato il numero di persone per metro quadrato.

E questo a prescindere dall’attuale pandemia. Perciò, ha continuato l’ambasciatore, è ancora più urgente prestare attenzione alle condizioni sanitarie, a partire dalla possibilità di lavarsi spesso le mani durante la giornata. Si tratta anche di una questione di educazione all’igiene. Uno dei fronti su cui l’Ordine di Malta è impegnato in numerosi paesi africani, per esempio, è quello delle campagne di informazione e sensibilizzazione sui comportamenti appropriati per ridurre le possibilità di contagio tra le persone.

L’Ordine di Malta ha attivato sin dall’inizio della pandemia le sue agenzie di soccorso e i suoi corpi di volontariato, ha precisato Ronca, fornendo sostegno ai sistemi sanitari nazionali. Non è la prima volta, , che ci troviamo ad affrontare emergenze analoghe, penso all’Ebola ma anche alla lebbra, una malattia dimenticata ma che continua a fare vittime in molti paesi poveri. In Italia il Corpo Italiano di Soccorso ha partecipato all’allestimento di due ospedali (a Milano e a Civitanova Marche) per pazienti Covid 19, ed ha attivato i suoi gruppi locali per portare cibo e beni di prima necessità alle persone in isolamento. Medici dell’Ordine di Malta prestano anche servizio a bordo della nave ospedale ancorata nel porto di Genova e squadre sanitarie effettuano il triage in diversi presidi nazionali.

In molti paesi colpiti dalla pandemia, l’Ordine di Malta ha attivato dei numeri di emergenza per dare sostegno psicologico

Palestina-Betlemme

professionale alle persone che si trovano in difficoltà, o per effetto del contagio o per l’isolamento prolungato che può causare depressione e stati emotivi alterati. Parliamo di paesi, come appunto la Palestina, dove il sistema sanitario è già di per sé molto fragile, figuriamoci in una situazione di emergenza come questa. In assenza di misure di contenimento, la situazione potrebbe precipitare velocemente. Tramite la nostra rappresentanza diplomatica, siamo in costante contatto con le autorità palestinesi e il nostro ospedale della maternità di Betlemme, dover per fortuna non sono stati registrati casi di Covid, ha trasformato una delle sale parto in un reparto isolato destinato a malati di Covid 19, qualora si rendesse necessario. A seguito del lockdown nella regione il materiale sanitario e le medicine scarseggiano, il sangue scarseggia: siamo molto preoccupati che la situazione possa peggiorare.

Stefano Ronca ha poi spiegato che Il progetto Doctors to Doctors oltre a mettere in contatto esperti scientifici per promuovere la conoscenza del virus e delle terapie più recenti, rappresenta anche un’opportunità per creare ponti. L’emergenza sanitaria, ha sottolineato l’ambasciatore, non conosce frontiere o confini, non fa distinzioni e colpisce tutti egualmente. In questo momento storico il nemico è uno solo per tutti. Per questo il nostro progetto può costituire un’opportunità per aprire un dialogo tra Paesi storicamente contrapposti, come quelli dell’area del Golfo. Dialogo che può iniziare proprio dalla cooperazione medico-scientifica, settore in cui l’Ordine di Malta può svolgere un ruolo di mediazione importante.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 maggio 16, 2020 21:53


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il cardinale Zuppi: durante la pandemia troppe polemiche, ora umiltà per tornare come prima
    Il vescovo di Bologna: “Eravamo sconsiderati, come i narcisisti e gli arroganti. Come chi pensa di potercela fare sempre, comunque. La normalità che dobbiamo presto conquistare è quella di una vita cambiata” «Non si può attribuire a Dio la responsabilità degli umani. Anche sul virus, un po’ di responsabilità ce la dobbiamo prendere. Dobbiamo chiederci […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Lockdown, tassista offre corsa a bimba malata dalla Calabria al Bambin Gesù: nominato Cavaliere
    Alessandro Bellantoni, un “tassinaro” romano nominato Cavaliere della Repubblica per la sua corsa solidale in Calabria. Il gesto generoso per accompagnare nella fase 1 del lockdown una bambina di tre anni al controllo oncologico al Bambin Gesù di Roma Tra i 57 cittadini a cui il il 2 giugno il Presidente Mattarella ha attribuito a […]
    Silvia Lucchetti
  • La figlia di George Floyd merita di piangere suo padre lontano dalle fauci della protesta
    Mentre ancora infuriano le proteste in molte parti d’America, Gianna Floyd viene immortalata mentre grida: «Mio padre ha cambiato il mondo». È giusto esporla al mondo intero? Ho studiato e amato gli USA sui libri, pochissimo li conosco per esperienza diretta e proprio quel poco di esperienza diretta mi ha confermato che c’è tantissimo che […]
    Annalisa Teggi
  • Il prete ciclista che organizza pellegrinaggi in bici per andare dalla Madonna di Montenero
    Don Donato Agostinelli e la sua passione per le due ruote, trasformata in una forma di evangelizzazione Una settantina di cicloamatori hanno partecipato al pellegrinaggio da Santa Croce sull’Arno in provincia di Pisa, fino al Santuario della Madonna delle Grazie di Montenero, in provincia di Livorno. A capo del gruppo, l’organizzatore don Donato Agostinelli, prete ciclista, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La divisione, una delle tattiche principali del demonio
    Perfino la parola “diavolo” può essere tradotta come “dividere” Il diavolo ama il caos. Dalla sua caduta dal Paradiso, Satana cerca di dividere il mondo. La sua prima azione è stata quella di dividere gli angeli, seguita dalla tentazione di Adamo ed Eva nel giardino, che ha provocato un solco tra i primi esseri umani […]
    Philip Kosloski
  • Vescovo Barron: la Pentecoste e gli incendi nelle nostre città
    Se i cristiani sono stati la presenza dominante negli Stati Uniti in tutti questi secoli, perché non c’è più unità? È stato provvidenziale che quest’anno la festa di Pentecoste sia arrivata proprio mentre il nostro Paesi sta attraversando un’enorme crisi sociale, perché lo Spirito Santo, la cui venuta celebriamo a Pentecoste, è un potere che […]
    mons. Robert Barron
  • Grandi teologi del XX secolo: Hans Urs von Balthasar (3/6)
    Dopo il padre Daniélou, Jean Duchesne ci introduce all’opera di Hans Urs von Balthasar, tra i grandi teologi del XX secolo. Traduttore di Péguy, Claudel, Bernanos, egli è pure l’autore di un’opera impressionante comprendente anche una sintesi magistrale sui trascendentali. In particolare egli restituì il proprio posto al bello, in teologia: il suo offuscamento aveva […]
    Jean Duchesne
  • Heidi, 24nne con sindrome di Down, alla testa del no all’aborto in Irlanda del Nord
    Dal palazzo di Westminster hanno tentato l’attacco finale: imporre di forza una legislazione ancora più larga a favore dell’aborto, fino a ridosso della nascita. Ma il fronte trasversale prolife, ispirato dalla giovane attivista che ha già fatto causa al governo britannico per discriminazione contro i disabili, ha detto di no e Londra dovrà tenerne conto. […]
    Paola Belletti
  • Grandi teologi del XX secolo: Jean Daniélou (2/6)
    Dopo il padre De Lubac, Jean Duchesne ci fa scoprire il cardinale e accademico Jean Daniélou, anch’egli gesuita, tra i grandi teologi del XX secolo. L’originalità del suo lavoro scientifico è consistito nel mostrare che la Chiesa primitiva, nutrita dalla filosofia greca, ha attinto alle tradizioni giudaiche. La sua opera resta largamente pedagogica e molto […]
    Jean Duchesne
  • I Papi e il sogno di Martin Luther King
    Da Paolo VI a Francesco, il “sogno” di pieni diritti per la comunità afro-americana degli Stati Uniti ha trovato un sostegno appassionato da parte dei Pontefici che hanno indicato in Martin Luther King un esempio da seguire nella battaglia non violenta per l’uguaglianza La tragica morte di George Floyd ha mostrato in modo drammaticamente evidente […]
    Alessandro Gisotti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 24:
    • 179:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login