Terremoto in Croazia, Papa Francesco prega per le vittime. La Cei stanzia 500 mila euro dall’8xmille.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 2, 2021 19:58

Terremoto in Croazia, Papa Francesco prega per le vittime. La Cei stanzia 500 mila euro dall’8xmille.

Sono gravissimi i danni prodotti dal terremoto che il 29 dicembre ha colpito la Croazia: la cattedrale danneggiata, distrutte diverse chiese, la cittadina di Petrinja presenta un terribile scenario di distruzione, almeno sette le vittime accertate e decine di feriti, ma il bilancio è destinato a salire, si cercano i dispersi. L’epicentro del sisma è stato localizzato a una cinquantina di chilometri a sud di Zagabria con effetti devastanti. E’ la scossa più violenta degli ultimi 140 anni.

Un appello alla solidarietà verso le persone colpite dal terremoto, “perché il cuore umano è aperto al bene” (Sir). E’ l’auspicio che arriva dall’arcivescovo di Zagabria, card. Josip Bozanic, dopo il devastante sisma che ha colpito la capitale e la regione di Sisak con magnitudo di 6,2 causando morti, feriti e danni materiali. “In questa prova Dio mostrerà una nuova speranza che diventa evidente in modo particolare nei tempi difficili. Il mio appello di solidarietà è soprattutto nei confronti delle famiglie, dei bambini, dei giovani, anziani e dei malati”, ha aggiunto. Inoltre il cardinale ha ordinato lo stanziamento di un aiuto urgente per le persone colpite dallo sisma, l’assistenza sarà fornita tramite la Caritas dell’arcidiocesi di Zagabria che la farà arrivare alla diocesi di Sisak per i bisognosi.

Dalla biblioteca del Palazzo apostolico vaticano, durante l’udienza generale del 30 dicembre, il messaggio solidale di Papa Francesco: “Ieri un terremoto ha provocato vittime e danni ingenti in Croazia. Esprimo la mia vicinanza ai feriti e a chi è stato colpito dal sisma. Prego in particolare per quanti hanno perso la vita e per i loro familiari. Auspico che le autorità del Paese, aiutate dalla Comunità internazionale, possano presto alleviare le sofferenze della cara popolazione croata”.

È il secondo terremoto che colpisce la Croazia, dopo quello di Zagabria del 22 marzo che ha danneggiato la cattedrale. Il Cardinale Josip Bozanic, arcivescovo di Zagabria, ha subito inviato un messaggio di sostegno alle vittime del terremoto, e determinato lo stanziamento urgente di aiuti per la diocesi di Sisak, da distribuire attraverso la Caritas dell’arcidiocesi di Zagabria e quella dell’arcidiocesi di Sisak.Il vescovo Vlado Kosic di

Sisak ha proclamato per oggi e domani due giornate di digiuno e preghiera per quello che definisce “un grande male”. “Esprimendo le condoglianze alle famiglie delle vittime – scrive il vescovo Kosic in un messaggio pubblicato sul sito della diocesi – preghiamo per i morti! Inoltre, molti dei nostri sono rimasti senza casa e vivono nella paura di nuovi terremoti, la demolizione e la distruzione delle loro proprietà, l’unica casa che hanno”. Preghiamo per avere la forza di sopportare tutto fedelmente e che in questa tragedia rimaniamo tutti coraggiosi e solidali”.

La Presidenza della Cei ha deciso lo stanziamento di 500mila euro dai fondi dall’8xmille, che i

cittadini destinano alla Chiesa cattolica, come prima forma di aiuto alle vittime del terremoto che sta colpendo la Croazia. È quanto si legge in un comunicato della Cei diffuso oggi. “C’è molta preoccupazione” si legge nel testo che riprende informazioni di Caritas Italiana, “per i danni che questo terremoto potrebbe avere sulla popolazione, dal momento che si tratta di una zona densamente popolata: la città di Zagabria e le sue aree periferiche contano 1 milione di abitanti. La Croazia si trovava già in una problematica situazione a causa della pandemia, che aveva costretto il Paese a un lockdown a partire da fine novembre, con oltre 4.000 nuovi contagi e 90 vittime al giorno.

“La Chiesa che è in Italia esprime cordoglio e vicinanza alla popolazione croata e assicura la propria preghiera per le vittime, i loro familiari e i feriti: il Signore possa lenire le sofferenze di questo momento” afferma la presidenza della Cei. Lo stanziamento è destinato, attraverso Caritas Italiana, a far fronte ai beni di prima necessità: cibo, farmaci, assistenza medica, kit igienico-sanitari, alloggi temporanei. Intanto, Caritas Italiana continua a seguire con apprensione l’evolversi della situazione e ha intensificato i contatti con Caritas Croazia. Per sostenere gli interventi della Caritas per le popolazioni colpite dal terremoto consultare www.caritas.it.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 2, 2021 19:58

RSS aleteia

  • 6 modi per concentrarsi sulla misericordia quest’anno
    La Domenica della Divina Misericordia, domenica successiva a quella di Pasqua, ci invita a pensare a come poter essere più misericordiosi con noi stessi e con chi ci circonda, e a come accettare l’infinita misericordia divina. Per aiutarvi a capire come condurre una vita piena di misericordia e tutte le benedizioni che questo porterà a […]
    Cerith Gardiner
  • Sesso, suore e martiri: perché la libertà religiosa è tanto importante
    Cosa succede quando il diritto alla libertà religiosa viene lentamente eroso? Qual è il punto in cui le persone di fede segnano un confine quando il Governo vuole regolamentare come vivere e praticare una religione? Queste domande sono al cuore di un’interessante conferenza, intitolata Sex, Nuns and Martyrs: The Relevance of Religious Freedom, di Montserrat […]
    Theresa Civantos Barber
  • Risolto il mistero delle croci sui muri della chiesa del Santo Sepolcro?
    Tra gli elementi più toccanti per chi visita la chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme ci sono migliaia di croci incise nelle mura del tempio, che fungono da promemoria del fatto che i pellegrini di oggi seguono le orme di cristiani che secoli fa hanno attraversato i continenti per vedere il luogo della crocifissione e […]
    Zelda Caldwell
  • Francesco: la preghiera fa la Chiesa, non siamo imprenditori della fede
    Di generazione in generazione la Chiesa è chiamata a trasmettere “la lampada della fede con l’olio della preghiera” che la alimenta. Suo compito essenziale è dunque quello di “pregare e insegnare a pregare”. Lo rimarca il Papa all’udienza generale che si tiene nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, dipanando, nella sua forte catechesi, il legame essenziale […]
    Vatican News
  • Volete una sessualità felice? Fate l’amore dopo il matrimonio
    La castità proposta “medievale”? Mi è cascato l’occhio su un articolo che ho scovato durante una semplice ricerca attraverso Google. Un articolo tratto dal magazine on line + Sani + Belli, che si rivolge prevalentemente ad un pubblico femminile. Un magazine che tratta tutto ciò che riguarda il benessere psicofisico della persona. Questo articolo mi ha […]
    Matrimonio cristiano
  • Credere dopo la crisi: in quale Dio crediamo?
    Quando qualcosa va a pezzi nella nostra vita, abbiamo anche l’occasione di guardare con occhi nuovi la realtà e di scendere più in profondità. Il più delle volte, anche se non è facile accorgersene subito, ogni crisi è anche un’opportunità. La pandemia da coronavirus ha certamente sconvolto la nostra vita e la vita del nostro […]
    Don Francesco Cosentino
  • Accompagnare un Uomo tra le braccia di Dio, un dono inatteso
    Di Don Nicola Robotti La settimana scorsa, nel giorno del mio compleanno, stavo leggendo i testi per preparare la predica di domenica. Quella mattina, tra una telefonata e l’altra di auguri, mi ha chiamato anche la nostra amica Ulli, infermiera in un ospedale dall’altra parte di Colonia. Solo che lei non mi chiamava per farmi […]
    Fraternità San Carlo Borromeo
  • 5 mosse di karate per aumentare la fede
    di Giuseppe Signorin Gli elenchi non li sopporto (I tried to improve my english in 5 steps but I only know how to use Google translate). Quindi immaginate la vergogna nel proporvene uno. Però l’ultimo articolo su questo blog, Ho la fede a meno di zero (e siamo un esercito), ha innescato una serie di reazioni […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Credi di più alla tua tenebra che alla luce con cui ti guarda Dio
    In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
    La storia del bambino perduto nel deserto è diventata virale su Internet. Il fatto si è verificato in un luogo chiamato “La Grulla Texas”, alla frontiera tra Messico e Stati Uniti. Il video toccante in cui il bambino, singhiozzando, chiede aiuto a un agente statunitense delle migrazioni ha commosso il mondo. Trafigge l’anima questo video […]
    Jesús V. Picón

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 92:
    • 158:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login