Mostra Miracoli Eucaristici, Carlo Acutis: “L’Eucaristia la mia autostrada per il Cielo”

Redazione1
di Redazione1 ottobre 26, 2020 19:25

Mostra Miracoli Eucaristici, Carlo Acutis: “L’Eucaristia la mia autostrada per il Cielo”

Carlo Acutis: un giovane innamorato di Gesù Eucaristia, e dei suoi miracoli, di cui nutriva l’anima da costante e appassionato seguace qual era, nel cammino verso la santità. Della centralità dell’Eucaristia nella vita della Comunità ecclesiale, ne ha parlato in modo magisteriale Giovanni Paolo II nell’enciclica “Ecclesia de Eucharistia”, ricca di contenuto dottrinale e pastorale, firmata nell’aprile 2003. Dal documento papale – commentato dal cardinale Josè Saraiva Martins – si evince l’idea chiave secondo cui “la Chiesa vive dell’Eucaristia”, vive del Cristo eucaristico, da Lui è nutrita, da Lui è illuminata”. Sacramento da considerare, è la precisazione, nei suoi due aspetti fondamentali di sacrificio e di convito, che, del resto, sono assolutamente inseparabili, perché appartengono alla natura stessa di questo sacramento. Un sacrificio conviviale, o, se preferiamo, un convito sacrificale. L’Eucaristia è infatti, per sua natura, Cena e Croce. Mensa e Altare. Altare che è Mensa.

Dunque, è la specificazione, Eucaristia sacrificio e convito, quanto di più prezioso la Chiesa possa avere nel suo cammino come pellegrina nel tempo e nella storia; il dono più prezioso, “il dono per eccellenza ricevuto dal suo Signore, perché dono di se stesso, della sua persona nella sua santa umanità, nonché della sua opera di salvezza”; perché “fonte ed apice della vita cristiana”.

A rendere questi concetti realtà concretamente calata nel vissuto quotidiano, con piena convinzione e  in modo appassionato e incessante, è stato Carlo Acutis, il giovane beatificato, all’età di soli 15 anni, da Papa Francesco, il 10 ottobre scorso, ad Assisi nella Basilica del Santo di cui era molto devoto.

Il trasporto speciale per l’Eucaristia, è il racconto della madre Antonia Salzano, Carlo lo ha avuto fin da piccolo. Ha iniziato a fare la Comunione a 7 anni. Da allora, non ha mai mancato all’appuntamento quotidiano con la messa e un pochino di adorazione eucaristia prima o dopo la celebrazione. Per lui era fondamentale: se facevamo un viaggio, la sua preoccupazione era trovare una chiesa vicino all’albergo. Questo amore per l’Eucaristia, che lui chiamava “la mia autostrada per il Cielo”. Lo stesso amore che gli ha suggerito l’idea di creare una mostra sui miracoli riguardanti questo sacramento.

Carlo si è reso conto, prosegue il ricordo, di quante persone non frequentano i sacramenti neanche la domenica, dell’ignoranza che ci sia attorno a certi temi. Quindi ha ideato la mostra sui Miracoli dell’Eucaristia perché riteneva che fosse un mezzo efficace per scuotere le coscienze, per svegliare le persone che vivono l’Eucaristia come routine.

Voleva scuotere le anime e i frutti ci sono stati. Trascorreva ore a preparare i pannelli e gli scritti, durante l’estate si dedicava a questo invece di uscire con gli amici. È stato un sacrificio ma l’ho lasciato fare, anche perché non sminuiva la sua vita di studente. Ci teneva che le persone capissero l’importanza dell’Eucarestia.

Per orientarsi verso la nostra Meta (il Cielo) e non “morire come fotocopie”, diceva Carlo, la nostra Bussola deve essere la Parola di Dio, con cui dobbiamo confrontarci costantemente. Ma per una Meta così alta servono dei Mezzi specialissimi: i Sacramenti e la preghiera. In particolare, Carlo metteva al centro della propria vita il Sacramento dell’Eucaristia che appunto definiva come un’autostrada per raggiungere il Cielo. Ammesso alla Prima Comunione a soli 7 anni, da allora non mancò mai all’appuntamento quotidiano con la Santa Messa e la recita del Santo Rosario. Cercava sempre di fare un poco di Adorazione Eucaristica, convinto com’era che “stando dinanzi a Gesù Eucaristia si diventa santi”.

Carlo si domandava spesso perché si vedono file chilometriche di gente sostare ore per andare a vedere un concerto Rock, o un film, ma non si vedono le stesse file di fronte a Gesù Eucaristia. Diceva che le persone non si rendono conto di quello che perdono altrimenti le chiese sarebbero talmente piene che non vi si riuscirebbe ad entrare. Nel Santissimo Sacramento – ripeteva con fervore – Gesù è presente allo stesso modo di com’era presente 2000 anni fa ai tempi degli Apostoli, solo che allora la gente per vederlo era obbligata a spostarsi continuamente, mentre noi siamo molto più fortunati poiché lo possiamo trovare in qualsiasi chiesa vicino a casa. Per dirla come lui, “Gerusalemme l’abbiamo sotto casa”.

Da bravo catechista si prodigava per trovare modalità sempre nuove per aiutare gli altri a rafforzare la propria fede. Per questo ci ha lasciato come eredità le sue mostre tra cui spicca quella dei Miracoli Eucaristici. Fu proprio nel 2002, visitando le esposizioni del Meeting di Rimini, che Carlo decise di allestire una mostra sui Miracoli Eucaristici riconosciuti dalla Chiesa. Un lavoro impegnativo in cui coinvolse anche i suoi famigliari per circa due anni e mezzo. Gli effetti spirituali che sta portando la mostra erano imprevedibili alla vigilia. Ad oggi possiamo affermare che la mostra è stata ospitata in tutti e 5 i Continenti.

Molti parroci inoltre chiesero di raccogliere il materiale in un catalogo che ebbe l’autorevole prefazione del Card. Angelo Comastri, Arciprete della Papale Basilica Vaticana e Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano, e di S.E. Mons. Raffaello Martinelli, allora Capo dell’Ufficio Catechistico della Congregazione per la Dottrina della Fede. Da quel momento la mostra, se ci è lecito dirlo visto i risultati, “sta facendo miracoli”. Solamente negli Stati Uniti, è stata ospitata in migliaia di parrocchie e in oltre 100 Università. È stata promossa inoltre da alcune Conferenze Episcopali tra cui quella Filippina, Argentina, Vietnamita, ecc… E’ stata anche in Cina e in Indonesia. Importanti Basiliche e Santuari hanno ospitato la mostra di Carlo fra cui il Santuario di Guadalupe e di Fatima.

A. M.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 26, 2020 19:25


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Card. Cantalamessa: sorella morte ci insegna tante cose
    Il predicatore della Casa Pontificia Raniero Cantalamessa, creato cardinale nel Concistoro del 28 novembre, ha tenuto nell’Aula Paolo VI la prima meditazione d’Avvento, alla presenza del Papa Un nostro poeta, Giuseppe Ungaretti, descrive lo stato d’animo dei soldati in trincea durante la Prima guerra mondiale con una poesia fatta di solo sette parole: Si sta […]
    padre Raniero Cantalamessa
  • Cosa dire e non dire nelle conversazioni cattoliche con persone LGBTQ
    di Anna Carter Viviamo in tempi difficili per il dialogo, soprattutto sulla sessualità. Può sembrare che “verità” e “carità” si litighino la nostra attenzione e applicazione. Sappiamo che le preoccupazioni LGBTQ sono più di semplici “questioni” che emergono nelle notizie, e molti di noi hanno amici o familiari che sperimentano un’attrazione per persone dello stesso […]
    Catholic Link
  • La fiducia in Dio, la chiave del successo nella vita
    Un fallimento, un incontro, un trasferimento professionale… Come accogliere ciò che non abbiamo deciso, o addirittura ciò che ci destabilizza? di Anne Gavini Nel nostro mondo altamente organizzato, l’imprevisto si riduce a ben poco: le vacanze estive sono programmate già a gennaio, la scuola dei bambini viene scelta prima di camminare e i bambini vengono […]
    Edifa
  • Richieste di preghiere particolari su facebook: rivolgiti all’abbazia di Fossanova
    In tempo di coronavirus e tribolazioni, ogni giorno alle 15, affida le tue intenzioni di preghiera ai sacerdoti del Verbo Incarnato dell’abbazia in provincia di Latina Ogni giorno alle 15, in diretta facebook dall’Abbazia di Fossanova, preghiere on line su richiesta dei fedeli. Per aderire all’iniziativa bisogna collegarsi alla pagina facebook dell’Abbazia e fare la […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La chiesa più chic per sposarsi a Roma è una tomba?
    Scoprite un luogo unico, il mausoleo di Santa Costanza La chiesa di Santa Costanza a Roma è una delle chiese a pianta circolare più belle della città. Per questo, molte coppie la scelgono per sposarsi. In realtà è un mausoleo, la tomba di Costantina (vero nome della figlia dell’imperatore, che col tempo cambiò poi in […]
    Maria Paola Daud
  • Come vivere con un coniuge con handicap fisico o mentale?
    Per il coniuge abile è spesso una sfida trovare il proprio ruolo. Molte coppie danno testimonianza della loro vita quotidiana, fornendo preziosi consigli di Olivia de Fournas Nella foto del suo matrimonio, Sofia, 25 anni, in abito bianco, appare raggiante accanto a Eric. Ben preparati per il matrimonio, sembrano avere tutto per avere successo nella […]
    Edifa
  • Il diavolo si è innamorato del 2020, lo spot di un sito di incontri fa il boom
    È diventato virale lo spot di Ryan Reynolds per Match.com in cui il diavolo trova la sua anima gemella, una ragazza chiamata 2020. «Da dove vieni?» chiede lei. «Dall’inferno» risponde lui. «Anche io» sorride lei. Il sito di incontri Match.com ha affidato al regista Ryan Reynolds la realizzazione di uno spot e ne è nato […]
    Annalisa Teggi
  • Come fotografare l’Avvento e il Natale?
    Le foto di questo Avvento con o senza Covid e di questo Natale atipico faranno parte della storia e dei ricordi della vostra famiglia Quali sono i dettagli, gli aneddoti o le tradizioni familiari che ricordate dei Natali della vostra infanzia? Anche questo Natale e le sue foto (con o senza Covid) faranno parte della […]
    Miriam Esteban Benito
  • Venite a visitare l’interno di Notre-Dame de Paris 18 mesi dopo l’incendio
    Un anno e mezzo dopo l’incendio, il cantiere di Notre-Dame de Paris continua a lavorare e i progressi si vedono, ad esempio in occasione dello smantellamento della grande impalcatura carbonizzata. Per l’occasione, Aleteia vi propone di scoprire in una galleria lo stato attuale della cattedrale, e di penetrare nelle sue viscere. Diciotto mesi dopo l’incendio, […]
    Caroline Becker
  • Le associazioni mediche chiedono una produzione etica di vaccini contro il Covid-19
    La storia recente dei vaccini di successo che evitano l’uso di materiale abortito dovrebbe incoraggiare lo sforzo attuale per combattere il coronavirus Ci sono modi etici per produrre un vaccino per il Covid-19, e gli scienziati dovrebbero perseguirlo, hanno affermato quattro organizzazioni mediche in una dichiarazione congiunta. “Dallo scoppio della pandemia di Covid-19”, sostengono, “la […]
    John Burger

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 67:
    • 158:
    dicembre: 2020
    L M M G V S D
    « Nov    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    Login