Carlo Acutis, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco, il 10 ottobre

Redazione1
di Redazione1 ottobre 8, 2020 22:25

Carlo Acutis, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco, il 10 ottobre

Carlo Acutis, sabato 10 ottobre, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco. Nella sua breve vita, 15 anni, sono tanti i segni che ha lasciato. C’è tanta voglia e curiosità di conoscere nel profondo Carlo, nuovo piccolo “esempio di santità”. Sono le parole di Nicola Gori, postulatore della Causa di Beatificazione di Carlo in una intervista ad Acistampa.

“La beatificazione era stata solamente rimandata a causa della pandemia. Dopo il riconoscimento del miracolo, attribuito all’intercessione di Carlo Acutis, della guarigione di un bambino che vive in Brasile affetto da una patologia congenita al pancreas, adesso gli verrà conferita.

Il mio incontro con Carlo è nato dalla richiesta di scrivere una sua biografia, afferma Gori. Il dover immergersi nella conoscenza di questo giovane mi ha aperto un orizzonte fino ad allora impensabile, quello della santità quotidiana. Ciò che ho imparato da Carlo è la familiarità con Dio e con tutto quanto riguarda la dimensione ultraterrena. Per lui Gesù e Maria erano persone vive e presenti accanto a lui. Egli viveva con la certezza di essere inserito in una realtà che trova il suo inizio in questo mondo, ma si getta con slancio nell’eternità. Posso assicurare che chiunque venga a contatto con questo giovane non può rimanere indifferente. Egli richiama i cristiani a essere coerenti, a diventare testimoni del Risorto. Scuote le coscienze.

In vista di questo evento, riferisce il postulatore, molte persone si sono già messe in fila per pregare sulla sua tomba nel Santuario della Spogliazione. E’ il segno di una devozione che oltrepassa i limiti delle nostre regioni e si estende a Paesi anche lontani dal nostro. Purtroppo, l’epidemia in corso da Covid-19 ha impedito un afflusso notevole di pellegrini che avrebbero voluto partecipare alla beatificazione, ma grazie ai nuovi mezzi di comunicazione sociale, sarà possibile seguire il rito e unirsi alla Messa che verrà celebrata nella Basilica superiore di San Francesco.

 Molti conoscono questo ragazzo di 15 anni per le sue capacità informatiche. In una intervista a EWTN, il postulatore spiega: “Carlo Acutis riusciva a programmare, e a sviluppare, idee o siti internet partendo da testi universitari quando faceva le scuole medie, e le elementari. Quindi immaginate già su questo sfondo un genio per l’informatica portato per queste materie e vi ha inserito lo spirito e la spinta per l’evangelizzazione. Ha usato i nuovi mezzi di comunicazione sociale al servizio del bene, al servizio del Vangelo a insieme anche alla parrocchia e alcuni gruppi di volontariato dei siti internet per far conoscere il Vangelo. Lui amava definirsi un catechista e fin da piccolo voleva fare il catechismo; aveva anche ottenuto dal suo parroco la possibilità di fare il catechista in anticipo sull’età. E questo suo desiderio di fare catechismo di catechizzare gli altri si è riversato su Internet”.

Un uso sempre positivo del mezzo e per questo dovrebbe esserne il patrono. Prosegue Gori: “Durante la causa di beatificazione sono state fatte analisi dai tecnici informatici sul suo computer per vedere che siti avesse visitato. Tutte le ricerche fatte erano a fin di bene, e soprattutto per realizzare un progetto che gli stava a cuore: la mostra sui Miracoli Eucaristici. Questa mostra, lo ha impegnato un’estate intera, un’estate prima della morte. Si è messo alla ricerca dei luoghi dove sono avvenuti grandi miracoli eucaristici nel mondo quelli riconosciuti dalla Chiesa”.

Lo scopo della mostra per Carlo era avvicinare le persone all’Eucarestia. Carlo fin da piccolo era un trascinatore di folle, era un trascinatore di persone: “Pensate, riusciva a trascinare i parenti, i genitori alla messa tutti i giorni. Carlo ha saputo coinvolgere intorno a sé gli amici, quelli che venivano a contatto con lui e nessuno rimaneva come dire indifferente, perché poneva degli interrogativi”.

L’altro grande amore di Carlo era Maria: “Lui diceva che l’appuntamento più grande di tutta la sua giornata era la recita del Rosario. Sicuramente lui avrebbe ideato anche un rosario che lui avrebbe disegnato con qualche corona particolare. Sicuramente avrebbe diffuso ancora di più il rosario attraverso internet”.

E con queste basi non aveva nessun timore di esporsi in prima persona per difendere la dottrina della Chiesa, “non temeva e ribadiva comunque il suo pensiero, e quello che credeva nella fede ma anche sulla morale della Chiesa. E non aveva nessun timore a ribadire il suo punto di vista, quindi credo che effettivamente Carlo sarebbe stato adatto ai nostri tempi, sia come modello sia come persona da seguire, da ascoltare”.

Nicola Gori ha una certezza: “Carlo Acutis ha lasciato in tutti una sensazione che c’è qualcosa al di là della vita terrena. Lascia quel bisogno e quel desiderio di andare oltre di trovare Dio di trovare un’altra dimensione, ecco Carlo Acutis scuote le coscienze, e dice che c’è un’altra vita dopo questa.

 

 

Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 8, 2020 22:25

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 151:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login