Carlo Acutis, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco, il 10 ottobre

Redazione1
di Redazione1 ottobre 8, 2020 22:25

Carlo Acutis, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco, il 10 ottobre

Carlo Acutis, sabato 10 ottobre, sarà proclamato beato ad Assisi nella basilica di San Francesco. Nella sua breve vita, 15 anni, sono tanti i segni che ha lasciato. C’è tanta voglia e curiosità di conoscere nel profondo Carlo, nuovo piccolo “esempio di santità”. Sono le parole di Nicola Gori, postulatore della Causa di Beatificazione di Carlo in una intervista ad Acistampa.

“La beatificazione era stata solamente rimandata a causa della pandemia. Dopo il riconoscimento del miracolo, attribuito all’intercessione di Carlo Acutis, della guarigione di un bambino che vive in Brasile affetto da una patologia congenita al pancreas, adesso gli verrà conferita.

Il mio incontro con Carlo è nato dalla richiesta di scrivere una sua biografia, afferma Gori. Il dover immergersi nella conoscenza di questo giovane mi ha aperto un orizzonte fino ad allora impensabile, quello della santità quotidiana. Ciò che ho imparato da Carlo è la familiarità con Dio e con tutto quanto riguarda la dimensione ultraterrena. Per lui Gesù e Maria erano persone vive e presenti accanto a lui. Egli viveva con la certezza di essere inserito in una realtà che trova il suo inizio in questo mondo, ma si getta con slancio nell’eternità. Posso assicurare che chiunque venga a contatto con questo giovane non può rimanere indifferente. Egli richiama i cristiani a essere coerenti, a diventare testimoni del Risorto. Scuote le coscienze.

In vista di questo evento, riferisce il postulatore, molte persone si sono già messe in fila per pregare sulla sua tomba nel Santuario della Spogliazione. E’ il segno di una devozione che oltrepassa i limiti delle nostre regioni e si estende a Paesi anche lontani dal nostro. Purtroppo, l’epidemia in corso da Covid-19 ha impedito un afflusso notevole di pellegrini che avrebbero voluto partecipare alla beatificazione, ma grazie ai nuovi mezzi di comunicazione sociale, sarà possibile seguire il rito e unirsi alla Messa che verrà celebrata nella Basilica superiore di San Francesco.

 Molti conoscono questo ragazzo di 15 anni per le sue capacità informatiche. In una intervista a EWTN, il postulatore spiega: “Carlo Acutis riusciva a programmare, e a sviluppare, idee o siti internet partendo da testi universitari quando faceva le scuole medie, e le elementari. Quindi immaginate già su questo sfondo un genio per l’informatica portato per queste materie e vi ha inserito lo spirito e la spinta per l’evangelizzazione. Ha usato i nuovi mezzi di comunicazione sociale al servizio del bene, al servizio del Vangelo a insieme anche alla parrocchia e alcuni gruppi di volontariato dei siti internet per far conoscere il Vangelo. Lui amava definirsi un catechista e fin da piccolo voleva fare il catechismo; aveva anche ottenuto dal suo parroco la possibilità di fare il catechista in anticipo sull’età. E questo suo desiderio di fare catechismo di catechizzare gli altri si è riversato su Internet”.

Un uso sempre positivo del mezzo e per questo dovrebbe esserne il patrono. Prosegue Gori: “Durante la causa di beatificazione sono state fatte analisi dai tecnici informatici sul suo computer per vedere che siti avesse visitato. Tutte le ricerche fatte erano a fin di bene, e soprattutto per realizzare un progetto che gli stava a cuore: la mostra sui Miracoli Eucaristici. Questa mostra, lo ha impegnato un’estate intera, un’estate prima della morte. Si è messo alla ricerca dei luoghi dove sono avvenuti grandi miracoli eucaristici nel mondo quelli riconosciuti dalla Chiesa”.

Lo scopo della mostra per Carlo era avvicinare le persone all’Eucarestia. Carlo fin da piccolo era un trascinatore di folle, era un trascinatore di persone: “Pensate, riusciva a trascinare i parenti, i genitori alla messa tutti i giorni. Carlo ha saputo coinvolgere intorno a sé gli amici, quelli che venivano a contatto con lui e nessuno rimaneva come dire indifferente, perché poneva degli interrogativi”.

L’altro grande amore di Carlo era Maria: “Lui diceva che l’appuntamento più grande di tutta la sua giornata era la recita del Rosario. Sicuramente lui avrebbe ideato anche un rosario che lui avrebbe disegnato con qualche corona particolare. Sicuramente avrebbe diffuso ancora di più il rosario attraverso internet”.

E con queste basi non aveva nessun timore di esporsi in prima persona per difendere la dottrina della Chiesa, “non temeva e ribadiva comunque il suo pensiero, e quello che credeva nella fede ma anche sulla morale della Chiesa. E non aveva nessun timore a ribadire il suo punto di vista, quindi credo che effettivamente Carlo sarebbe stato adatto ai nostri tempi, sia come modello sia come persona da seguire, da ascoltare”.

Nicola Gori ha una certezza: “Carlo Acutis ha lasciato in tutti una sensazione che c’è qualcosa al di là della vita terrena. Lascia quel bisogno e quel desiderio di andare oltre di trovare Dio di trovare un’altra dimensione, ecco Carlo Acutis scuote le coscienze, e dice che c’è un’altra vita dopo questa.

 

 

Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 8, 2020 22:25


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Chiusa la tomba del beato Carlo Acutis, visitata da 41mila persone
    Cerimonia di chiusura ad Assisi con il Prefetto delle Cause per i Santi mons. Semeraro. “Carlo come san Francesco, umiltà per loro è stata la prima virtù” San Francesco d’Assisi e Carlo Acutis hanno “camminato” insieme in questi diciannove giorni in cui la tomba del giovane beato è stata oggetto di venerazione al pubblico. «Francesco […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Cristofobia: allievo in Svezia costretto a togliersi il crocifisso per partecipare alla foto scolastica
    La cristofobia non esiste, dicono gli “esperti”. La fotografa ha “suggerito” che il crocifisso fosse un “insulto” La cristofobia non esiste, dicono i cosiddetti “esperti”, ma la sua inesistenza non le impedisce di manifestarsi tutti i giorni. I “grandi media” sviano la questione, ma i fatti si moltiplicano come parte della normalità, soprattutto nei Paesi […]
    Francisco Vêneto
  • Suor Clare Crockett, essere tutta di Dio col sorriso e la chitarra in mano
    Dal sogno di diventare una star del cinema al convento. Ogni giorno Suor Clare offriva al Signore un assegno in bianco, affinché Egli potesse chiederle tutto quello che voleva. Nonostante io abbia qualche santo speciale che mi ha sempre accompagnata nelle varie fasi della vita, tappa fissa per novene e piagnucolamenti vari, in generale vado molto […]
    Martha, Mary and Me
  • Halloween negli USA ai tempi di una pandemia (che non è quella in corso)
    Nel 1918 anche negli Stati Uniti si pose il problema dei festeggiamenti per la vigilia di Ognissanti in concomitanza con l’esplosione della pandemia di spagnola, durante un conflitto mondiale, per di più. Vediamo come si è evoluta questa festa e come ha inciso su di essa la gestione dell’epidemia di allora. “Stupida robaccia europea, monumento […]
    Una penna spuntata
  • Il Papa: non vivere e pregare come se Dio e i poveri non esistessero
    Nella catechesi dell’udienza generale, Papa Francesco conclude la riflessione sui Salmi, inserita nel ciclo sulla preghiera, e sottolinea che il Salterio ci insegna ad invocare Dio per noi, ma anche per i fratelli e per il mondo. E spiega le precauzioni dovute alla pandemia, che non gli permettono di scendere a salutare i fedeli I […]
    Vatican News
  • Siria: i Francescani si prendono cura dei cristiani che vivono sotto la legge islamica
    Circa 300 famiglie cristiane nella Siria occidentale affrontano persecuzione, violenza e pericoli, perfino la morte, mentre i loro villaggi continuano ad essere controllati da gruppi jihadisti I villaggi di Knayeh e Yacobieh, nella provincia di Idlib, vicino al confine turco nella Siria occidentale, sono ancora sotto il controllo dei gruppi jihadisti. Qui l’islamismo è ancora […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • Qual è la battaglia della nostra vita?
    Una riflessione che grida dal profondo del cuore di Emilio Muñoz Díaz Sarò chiaro con voi. La mia intenzione è essere diretto, farvi captare il messaggio senza romanticismi, farvi capire davvero ciò che sta accadendo e suscitare quel fuoco di motivazione che vi porti a pensare al cammino che vi è toccato e alla battaglia […]
    Catholic Link
  • Nel volto di un vecchio prete il riflesso della bellezza di Dio
    Non appena si è rivolto verso l’assemblea ho subito colto qualcosa di speciale e stupendo nel suo volto. La santità renda belle le persone! Intendiamoci: la scelta di essere credente o non credente non si basa su dei “motivi” come quelli che portano a scegliere una marca di lavatrice anziché un’altra. Si crede per l’intima […]
    Chiara Bertoglio
  • Conoscete le chiese che costellano la splendida isola di Capri? (FOTO)
    Tra stradine acciottolate e picchi a strapiombo si nascondono templi meravigliosi L’isola di Capri è probabilmente una delle più note al mondo. I turisti accorrono a visitarla per le sue meravigliose scogliere, le acque blu, le spiagge sabbiose e l’architettura e i siti archeologici che la caratterizzano. Capri ospita una dozzina di chiese che servono […]
    V. M. Traverso
  • La preghiera delle religioni per la salvezza degli uomini e del mondo
    Roma per un giorno capitale della pace, per l’incontro internazionale “Nessuno si salva da solo – Pace e Fraternità”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, alla presenza del Papa. Tra i partecipanti il Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, il Patriarca Bartolomeo I assieme a rappresentanti di islam, ebraismo e buddismo Nessuno si salva da solo! […]
    Vatican News

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 75:
    • 148:
    ottobre: 2020
    L M M G V S D
    « Set    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login