Messina – Montevergine, festeggiata S. Eustochia Smeralda cui la città si affida. Lampada votiva e olio offerti dai sindaci

Redazione1
di Redazione1 gennaio 23, 2020 17:46

Messina – Montevergine, festeggiata S. Eustochia Smeralda cui la città si affida. Lampada votiva e olio offerti dai sindaci

Storia, tradizione, profonda testimonianza di devozione e di fede, si sono intrecciati e rinnovati a Montevergine, nella solennità di un rito sacro tanto sentito dai messinesi, in occasione della celebrazione del Dies Natalis di Santa Eustochia Smeralda, copatrona della città. Una ricorrenza che da secoli si tramanda quale segno distintivo dell’identità religiosa e culturale di Messina che, ancora una volta, ha voluto rendere omaggio all’umile clarissa messinese, e grande mistica francescana, proclamata santa nella nostra città da Giovanni Paolo II l’11 giugno 1988. Il report della solenne celebrazione è di Rachele Gerace, da Gazzetta del Sud.

Un giorno importante per la chiesa messinese e per la città tutta che, a testimonianza dell’attaccamento alla storia e alla tradizione, ha rinnovato l’omaggio a S. Eustochia Smeralda Calafato “madre di vocazioni alla vita consacrata, in ascolto dell’uomo del suo tempo, donna di speranza, carità e pace, di servizio umile e generoso, attenta ai poveri, gli ammalati e gli emarginati, premurosa con i bisognosi”.

Una festa grande quella di ieri pomeriggio in occasione del 535mo “dies natalis”, condivisa dall’abbadessa suor Agnese Pavone e la comunità delle clarisse con i fedeli devoti e la cittadinanza tutta “in un contesto di semplice spiritualità”. La solenne celebrazione che, al Monastero di Montevergine ha radunato attorno all’arcivescovo mons. Giovanni Accolla il Prefetto, il Primo cittadino di Messina e quelli di alcuni comuni della Citta Metropolitana, le autorità civili, militari e accademiche, i rappresentanti delle arciconfraternite e degli ordini equestri e i volontari del Nucleo diocesano di Protezione civile, è stata “espressione rinnovata di fede e attaccamento a colei che, abbadessa per sempre, continua attraverso il suo corpo incorrotto a essere presente in mezzo a noi”, come ha sottolineato il cappellano mons. Pietro Aliquò.

“Ci affidiamo alla tua preghiera per essere ‘tempo e spazio’ di crescita nella fede, nella libertà, nella giustizia e nella solidarietà; aiutaci a essere operatori di pace e speranza verso quanti faticano nella ricerca di lavoro, casa e giustizia”: queste le parole che le comunità hanno rivolto alla Santa nell’atto di affidamento pronunciato all’inizio della celebrazione.

È stato il Primo cittadino di Messina a offrire la lampada votiva alla Santa, portata all’altare assieme all’olio dai sindaci di Rodì Milici Eugenio Aliberti e Spadafora, Tania Venuto e accesa dal vice sindaco di Venetico Domenico Giusto. Il prezioso manufatto, commissionato lo scorso anno dalla Fondazione “Uberto Bonino e Maria Sofia Pulejo” in occasione del 30mo anniversario di canonizzazione della clarissa, è stato realizzato dal maestro argentiere messinese Francesco Cosio.

Un impegno silenzioso e costante quello delle religiose di Montevergine, “caratterizzato dalla preghiera silenziosa nella contemplazione”: così lo ha definito l’arcivescovo, sottolineando come la fedeltà delle clarisse a Eustochia è “un rinnovato segno profetico per la città di Messina che ha bisogno di rifondarsi guardando a lei e agli altri santi che, donandosi al Signore e ai fratelli, hanno incarnato l’annuncio del Vangelo”. Il presule ha poi richiamato il bisogno di vivere nella quotidianità l’esperienza del silenzio che “non è assenza di suoni, ma opportunità di ascolto orientata alla scoperta dell’altro”.

L’animazione liturgica del rito, coordinato dal prof. Antonino Barbera e dalla presidente dell’associazione “S. Eustochia” Rosa Gazzara, concelebrato fra gli altri da mons. Aliquò, è stata affidata ai giovani del Seminario e alla corale “Eugenio Arena” diretta dal maestro Giulio Arena. Nel pomeriggio la comunità della SS. Annunziata assieme al parroco mons. Gaetano Tripodo, ha organizzato una fiaccolata alla casa nativa della clarissa, in via Caprera (nella parte alta della vallata), che si è conclusa con un momento di preghiera e la celebrazione eucaristica.

Rachele Gerace

Redazione1
di Redazione1 gennaio 23, 2020 17:46

RSS aleteia

  • I nuovi proletari e il dovere per il Papa di essere “avvocato dei poveri”
    Parole profetiche su quelli che oggi il suo successore Francesco chiama “gli scartati”. Un’analisi realistica sui grandi squilibri e sulle conseguenze dell’esodo verso i grandi agglomerati urbani. Una critica all’ideologia marxista e al suo materialismo ateo, ma anche una critica all’ideologia liberale che meno di vent’anni dopo avrebbe prevalso aprendo definitivamente la strada al turbo-capitalismo. […]
    Andrea Tornielli
  • “L’amore mi ha insegnato ogni cosa”. Un corto animato che offre preziose lezioni di vita
    di Franco Lanata Vi presentiamo un cortometraggio di Fred e Sam Gillaume intitolato “La volpe e l’uccellino”, che ci mostra in modo artistico, allegorico e semplice il valore e la bellezza delle relazioni personali. Come si vede, la trama non è complessa, ma la realtà umana che rappresenta sì. La storia narrata è quella di […]
    Catholic Link
  • Emozioni e “trucchetti da santi” (4/5): combattere la pigrizia con Girolamo di Stridone
    Come i santi più grandi hanno gestito le loro emozioni? Sulla scia di Edwige Billot (autrice in Francia di “Et si les saints nous coachaient sur nos émotions ?” [Téqui]), Aleteia vi propone di scoprire ogni giorno per cinque giorni un “trucchetto da santo” per orientare un’emozione secondo il cuore di Dio. The post Emozioni […]
    Mathilde De Robien
  • Il Papa, vaccini: sospendere a tempo la proprietà intellettuale
    È il tema del momento della politica, che deve fare i conti con economia ed interessi. È il tema di sempre di Francesco, che guarda costantemente agli esseri umani, specie se interessano a pochi. Los Angeles si illumina per uno spettacolo su YouTube, che vuole avere la forza di un movimento d’opinione in grado di […]
    Vatican News
  • Affidate tutte le vostre preoccupazioni alla Vergine Maria per camminare meglio verso il Signore
    Gesù ci ha dato Sua Madre, e non in un qualsiasi momento ma poco prima di morire (Gv 19, 26-27). Maria è anche nostra, sotto la Croce è diventata Madre della Chiesa. Lei ci è data per essere vicina a noi come segno discreto della sollecitudine del Padre, per condurci a Gesù, per aprirci all’azione […]
    Edifa
  • Come aiutare il figlio a trovare la sua vocazione?
    È sempre Dio che chiama. Ma Egli chiama con discrezione, come “un mendicante che bussa alla porta”. Affinché i nostri figli sentano la chiamata di Dio, è necessario che la loro attenzione si concentri su quest’unica domanda: qual è il piano d’amore che Dio ha per me? Non spingere il figlio a scegliere una strada […]
    Edifa
  • Festa della mamma: non dimentichiamo di celebrare la maternità spirituale di Maria e quella della Chiesa
    La festa della mamma ci invita a pensare non solo a colei che ci ha dato la vita e ci ha cresciuti, ma anche alla maternità spirituale di cui beneficiamo incessantemente: quella di Maria e quella della Chiesa. Come la Vergine Maria e la Chiesa esercitano la maternità? Attraverso il Suo “Fiat”, Maria acconsente al […]
    Edifa
  • Una mamma su due lascia il lavoro per la cura dei figli
    Oltre una mamma su due (53,3%) che si licenzia lo fa perché non riesce a conciliare con il proprio lavoro la cura dei figli, il tempo fuori casa e gli orari di scuole e asili nido. E’ quanto emerge dall’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati dell’Ispettorato nazionale del lavoro in occasione della Festa della […]
    Agi
  • Lettera aperta in risposta a una mamma agnostica
    di Will Wright Questa lettera aperta è stata scritta in risposta a un articolo virale scritto da Amelia Kibbie e che si può leggere qui. Cara Amelia, nel momento in cui scrivo questo testo il tuo articolo è stato condiviso 20.928 volte solo su Facebook. È quindi chiaro che questo sentimento risuoni nel cuore di […]
    Catholic Link
  • Adrienne, una comunicatrice cattolica alla NASA
    Adrienne Alessandro O’Brien ha concluso gli studi presso la Facoltà di Comunicazione della Pontificia Università della Santa Croce nel 2007-2008. Dopo gli studi è stata scelta per lavorare non in un’organizzazione cattolica ma alla NASA, come responsabile della comunicazione del Goddard Space Flight Center. Il Goddard è un laboratorio di ricerca scientifica sul cosmo al […]
    Dolors Massot

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 21:
    • 145:
    maggio: 2021
    L M M G V S D
    « Apr    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login