MESSINA – Montevergine, celebrato solennemente il 534° “Dies Natalis” di S. Eustochia Smeralda. Atto di affidamento della città alla Santa. Accesa Lampada votiva.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 25, 2019 11:21

MESSINA – Montevergine, celebrato solennemente il 534° “Dies Natalis” di S. Eustochia Smeralda. Atto di affidamento della città alla Santa. Accesa Lampada votiva.

Il rinnovarsi dell’atto di devozione dei messinesi verso la Santa tanto amata, la cui mistica figura, da tanti secoli, irradia da Montevergine una luminosa spiritualità, per tante anime propiziatrice di grazie, ispiratrice di vita spirituale e vocazione religiosa, si incentra in un’antica e radicata tradizione di religiosità da cui Messina trae una forte impronta identitaria. L’affidamento della città al potere di intercessione della grande mistica francescana, che è gran parte del nostro patrimonio storico culturale, oltre ad essere segno di  devozione e fede è anche fattore di coesione sociale, rafforzamento e valorizzazione della nostra identità collettiva, che è motivo di orgogliosa appartenenza. Ora, nel segno di questa spiritualità che ci accomuna, ci piace condividere quanto  racconta dell’avvenimento, in esauriente sintesi, Rachele Gerace (A.M.).  

(da Gazzetta del Sud)

Messina ha rinnovato l’atto di affidamento a S. Eustochia Smeralda Calafato “madre di vocazioni alla vita consacrata, in ascolto dell’uomo del suo tempo, donna di speranza, carità e pace, di servizio umile e generoso, attenta ai poveri, gli ammalati e gli emarginati, premurosa con i bisognosi”. Una festa grande quella di ieri pomeriggio in occasione del 534mo “dies natalis”, condivisa dall’abbadessa madre Maria Agnese Pavone e la comunità delle clarisse con i fedeli devoti e la cittadinanza tutta “in un contesto di semplice spiritualità”.

La solenne celebrazione che, al Monastero di Montevergine ha radunato attorno all’arcivescovo mons. Giovanni Accolla il Prefetto, il Primo cittadino di Messina e quelli di alcuni comuni della Città Metropolitana, le autorità civili, militari e accademiche, i rappresentanti delle arciconfraternite e degli ordini equestri e i volontari del Nucleo diocesano di Protezione civile, è stata “espressione rinnovata di fede e attaccamento a colei che, abbadessa per sempre, continua attraverso il suo corpo incorrotto a essere presente in messo a noi”, come ha sottolineato il cappellano mons. Pietro Aliquò.

“Ci affidiamo alla tua preghiera per essere ‘tempo e spazio’ di crescita nella fede, nella libertà, nella giustizia e nella solidarietà; aiutaci a essere operatori di pace e speranza verso quanti faticano nella ricerca di lavoro, casa e giustizia”: queste le parole che le comunità hanno rivolto alla Santa nell’atto di affidamento pronunciato all’inizio della celebrazione.

È stato il Primo cittadino di Messina ad accendere la lampada votiva, con l’olio donato quest’anno dal sindaco di Itala. Il prezioso manufatto, commissionato dalla Fondazione “Uberto Bonino e Maria Sofia Pulejo” in occasione del 30mo anniversario di canonizzazione della clarissa che ricorre quest’anno e realizzato dal maestro argentiere messinese Francesco Cosio, è stato portato all’altare dal presidente della Fondazione Lino Morgante e collocato, al termine della celebrazione, ai piedi di S. Eustochia.

Un impegno silenzioso e costante quello delle religiose di Montevergine, “anima nascosta della città, lampade accese che ardono perennemente”, come le ha definite l’arcivescovo nella sua omelia, lodando il loro operato ed esortando i messinesi a “sentire il profumo della grazia di santità di Eustochia e gli altri santi messinesi, che, donandosi al Signore e ai fratelli, hanno incarnato l’annuncio del Vangelo”.

Per diffondere il carisma della “Santa in piedi” al di là di ogni sacralizzazione, quest’anno le clarisse hanno voluto realizzare la “peregrinatio Eustochiae” con la sua reliquia,

una croce in legno contenente le lacrime di sangue sgorgate dal volto 5 giorni dopo la morte. “Quelle lacrime – ha detto mons. Accolla – continuano a fecondare il terreno della vita degli uomini, esprimendo la pienezza dell’amore”.

L’animazione liturgica del rito, concelebrato fra gli altri da mons. Aliquò, dal decano del Capitolo protometropolitano della Basilica Cattedrale di Messina mons. Angelo Oteri e dal primo cappellano capo della Marina Militare don Andrea Di Paola, è stata affidata alla corale “Eugenio Arena” diretta dal maestro Giulio Arena.

 

Rachele Gerace

Redazione1
di Redazione1 gennaio 25, 2019 11:21

RSS aleteia

  • Il coraggioso ministero di Madre Czacka a favore dei non vedenti
    Róża Czacka era nata il 22 ottobre 1876 in una nobile famiglia polacca, avendo il titolo ufficiale di contessa. Ricevette un’ottima istruzione, ma poi un incidente cambiò radicalmente la sua vita. A 22 anni cadde da cavallo, rimanendo immediatamente cieca. Vennero consultati vari medici, ma fu presto evidente che non si poteva fare nulla. Il […]
    Philip Kosloski
  • Gruppo pro-vita denuncia la censura di Google
    Live Action, un gruppo attivista pro-vita, sostiene di essere oggetto della censura di Google. In un comunicato stampa, il presidente di Live Action, Lila Rose, ha affermato che Google ha smesso di gestire gli annunci pubblicitari pro-vita del gruppo. “Su richiesta di attivisti abortisti, Google ha BANDITO tutti gli annunci pro-vita di Live Action, inclusi […]
    Zelda Caldwell
  • Il sacerdote 30enne che è anche pompiere volontario
    Padre Pierre Fouquier, vicario parrocchiale e pompiere volontario negli ultimi tre anni, non impiega molto ad arrivare dalla caserma dei vigili del fuoco di Joué-lès-Tours alla sua parrocchia di Saint Marc, a Indre-et-Loire (Francia centro-occidentale). Il sacerdote dedica quasi 75 ore al mese al suo impegno volontario tra i vigili del fuoco, e bisogna andare […]
    Lauriane Vofo Kana
  • Come potrà Dio far sì che io raggiunga l’impossibile?
    Una fede senza opere è una fede morta. Ascolto oggi: “A che serve, fratelli miei, se uno dice di aver fede ma non ha opere? Può la fede salvarlo? Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e mancano del cibo quotidiano, e uno di voi dice loro: «Andate in pace, scaldatevi e saziatevi», […]
    Carlos Padilla
  • Stati Uniti: fino a settembre, già 40 attacchi contro chiese cattoliche
    Sono già 40 gli attacchi registrati contro chiese cattoliche in territorio statunitense nel corso del 2021. La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) ha divulgato sul suo sito un rapporto che elenca le chiese cattoliche attaccate nel Paese dal maggio 2020, giungendo ad almeno 95 episodi, considerando solo i casi conosciuti e confermati. […]
    Francisco Vêneto
  • Vite ascetiche, passioni azzerate, corpi poco curati: così è l’Uomo Angelico
    Vivere come gli angeli: il cristiano che aspira alla perfezione, non può fermarsi su niente. Allontana tutti gli ostacoli, rompe tutti i lacci che gli impediscono di correre verso la patria. San Giovanni Crisostomo ci invita a contemplare lo splendido esempio delle tre grandi figure di asceti: Elia, Eliseo e San Giovanni Battista, modelli di […]
    don Marcello Stanzione
  • Il tabernacolo più alto del mondo si trova a Madrid?
    Al 33° piano di uno dei grattacieli che costituiscono parte dello skyline della capitale spagnola si trova una cappella decisamente singolare. Per sette anni ho vissuto con la mia famiglia nella zona settentrionale di Madrid. Spesso dovevo prendere la macchina per arrivare al centro della città per qualche questione amministrativa. Accedendo dalla strada di Burgos […]
    Pilar Velilla Flores
  • Frodo, Sam e gli Hobbit esistono e vivono in Abruzzo
    Tolkien, più realtà che fantasia In una caverna sotto terra viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca, umida, piena di resti di vermi e di trasudo fetido, e neanche una caverna arida, spoglia, sabbiosa, con dentro niente per sedersi o da mangiare: era una caverna hobbit, cioè comodissima. Da Lo Hobbit Lo Hobbit […]
    Annalisa Teggi
  • Hanno perso le due figlie negli attentati di Parigi: “Non abbiamo conosciuto Dio fino alla loro morte”
    L’11 novembre 2015, Anna si è recata a Parigi da Barcellona, dove risiedeva, per fare una sorpresa alla madre per il suo compleanno. Arrivata nella Ville Lumière, è uscita a cena con la sorella, ma sono state crivellate a colpi di kalashnikov dai terroristi. I genitori, rendendosi contro che l’attacco aveva avuto luogo vicino alla […]
    Violeta Tejera
  • Affetto da paralisi cerebrale, è tassista, papà e scrittore. E voi, di cosa vi lamentate? (FOTO)
    Salvador percorre le strade di Guadalajara (Jalisco, Messico) sul suo taxi nel traffico intenso, portando i passeggeri da un lato all’altro della metropoli. Le persone si sorprendono per il fatto che una persona affetta da paralisi sia il loro autista, alcune oppongono resistenza, ad altre non importa l’aspetto di questo eroe, altre ancora vanno molto […]
    Jesús V. Picón

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 178:
    • 150:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login