La Vara di Messina negli occhi di una bimba che amava le parole.

Redazione1
di Redazione1 agosto 14, 2018 16:31

La Vara di Messina negli occhi di una bimba che amava le parole.

E’ ormai imminente l’evento storico religioso, celebrativo della Festività dell’Assunta, che vede i messinesi partecipare in massa alla processione della Vara. La festa “grande” di Messina, la più rinomata tra le tradizioni di questa città; suggestivo spettacolo di fede popolare, che ogni anno richiama un’enorme folla di fedeli intorno al carro votivo della Madonna, che scorre per le strade principali della città, trainato da centinaia di “tiratori”. Un momento esaltante che trasmette una forte carica emozionale a tutti coloro che vi partecipano, e ai messinesi conferisce un grande senso di appartenenza che, per le sue radici di antica matrice religioso culturale, fa di questo evento uno dei simboli identitari più importanti della nostra comunità. Ora, questi contenuti motivazionali di così forte significato affettivo spirituale, legati alla Vara, si ha modo di rivisitarli e apprezzarli, attraverso il richiamo delle toccanti memorie di una bimba. Ce lo regala Lucia Abbate, attraverso un delizioso racconto di ricordi, dalle tonalità poetiche, denso di delicati vissuti infantili, intrecciati ad un tenero e proficuo amore paterno. (A.M.)  

Il giorno della Vara in onore della Madonna dell’Assunta, il 15 agosto, è per Messina una festa importante.  La Vara è una macchina votiva, che porta in processione, in cima a un’alta piramide di cui è costituita, il simulacro della Madonna, poggiata sul palmo della mano di Gesù e, sotto, gli angioletti di cartapesta: in basso, ci sono due grossi scivoli in legno tirati con corde di canapa da centinaia di fedeli. La folla è notevole e la gente viene da tutto  il mondo a vederla.

In vita mia da piccola ero andata poche volte a vedere quella processione perché, in genere, in quel periodo, ero fuori città, in vacanza, con i miei genitori. Ma la Vara del 1964 fu quella che mi rimase più impressa, poiché in quell’occasione non riuscii a esplorare, come avrei voluto, i dettagli di quel fantastico marchingegno, nonostante gli sforzi, aprendo, chiudendo e strizzando gli occhi. Mi accorsi infatti di essere miope e che avrei avuto bisogno, per sempre, degli occhiali.

Non avevo ancora compiuto dodici anni e quella volta io e la mia famiglia eravamo rimasti a Messina, perché il mio fratellino non aveva ancora compiuto un anno e la mamma non se la sentiva di viaggiare. Andai a vederla con mio padre. C’era una gran confusione, ma era tutto molto suggestivo. Ero affascinata da quelle figure colorate e ondeggianti, come se avessero una vita propria, nel faticoso movimento della macchina. E, non potendo soddisfare le infinite curiosità dei miei occhi appannati, chiesi al mio papà di raccontarmela lui, la Vara di Messina.

E il babbo mi parlò di putti e di angioletti, di un sole grande e una luna, di un globo azzurro di stelle e dell’ascesa al cielo della Vergine Maria; mi spiegò che un tempo era formata da donne e bambini veri, poi sostituiti da statue di cartapesta, dal momento che era pericoloso che persone in carne e ossa stessero su quel carro alto quasi quindici metri.

‹‹ Papà, perché si chiama Vara? ››

‹‹ Significa “bara”, dove la Madonna dormiva il suo sonno eterno, prima di essere assunta in cielo. ››

‹‹ Ma come mai allora non si dice Bara con la b, ma Vara ?››

‹‹ Questo non lo so ›› rispose lui sollecitandomi, con affetto, una promessa. ‹‹ Lo scoprirai un giorno, studiando la storia e le lingue, e sarai tu a dirmelo, figlia mia.››

‹‹ Va bene, papà.››  Quel giorno fui contenta di avere visto la Vara con quel padre attento e premuroso, che, come sempre, mi aveva chiarito le idee su tante cose. A casa, con la mia solita curiosità, cercai la parola Vara nel dizionario italiano, ma non la trovai, c’era solo bara “cassa per mettervi i cadaveri”.

Da allora non ci pensai più.

Quando da grande, per il mio lavoro di linguista, mi misi a studiare i nomi di persona e di famiglia, trovai il cognome Vara, diffuso in Sicilia e anche in Spagna. Così decisi di approfondirne il significato, sapendo che fra cognomi, realtà e tradizioni c’è sempre un collegamento. E scoprii che bara, anticamente, indicava anche una lettiga, con stanghe sporgenti, per portare a spalla feriti, malati e cadaveri, e derivava dal longobardo *bāra “lettiga”. Significato interessante.

Più avanti nel tempo, la lettiga, in formato gigante, portò anche reliquie di santi, Gesù e la Madonna delle Varette o Barette del Venerdì Santo, e la Madonna Assunta della Vara di Ferragosto, che anticamente era portata a spalle dai fedeli e aveva delle stanghe alla base, come ebbi modo di vedere anche in stampe del Seicento.

Erano passati circa vent’anni dal giorno in cui, ancora piccolina, mi ero posta il problema del nome Vara, quando una sera volli spiegare tutto questo a mio padre, che, come me, amava gli studi e le ricerche e non era ancora tanto vecchio da non interessarsi a queste cose.Era il quindici agosto ed entrambi eravamo seduti nel divano del soggiorno, quando lui mi disse: ‹‹ allora, ragazza mia, se la Vara era una bara o lettiga che fosse, per morti o moribondi, perché non si chiama Bara?››. Era mio padre che adesso, curioso di una spiegazione soddisfacente, lo chiedeva a me, sicuro che non l’avrei deluso. Ora che quella figlia studiosa si era fatta prendere dalla mania dei nomi, gli piaceva farsi raccontare l’origine anche di quelli, secondo lui, più bislacchi.

‹‹ Papà, si pensa che la costruzione del carro trionfale risalga ai tempi in cui venne Carlo V a Messina, nel 1535, per festeggiare le sue vittorie. Erano i tempi della dominazione spagnola, da noi, e la V- di Vara può essere dovuta all’influenza della loro lingua. In spagnolo infatti la –b- e la –v – hanno un suono simile ››.

‹‹ Può essere ›› rispose lui, con la sua abituale cautela, che per me fu, conoscendolo, un’approvazione e un ringraziamento.

Baciai mio padre sulla fronte, indossai gli occhiali e uscii di casa. Mi avviai per la via Primo Settembre, diretta là dove la strada si incrocia con la via Garibaldi, ad aspettare serena, in mezzo a una gran folla, l’arrivo della Vara nell’ultimo tratto del suo percorso.

“Se la Girata va bene”, mi dissi a bassa voce, alzando gli occhi verso la Madonna, “sarà di buon auspicio per l’anno che verrà”.

 

Lucia Abbate

Programma liturgico della Festività:

Lunedì 13 agosto, alle ore 18, S.E. Mons Santo Rocco Gangemi presiederà la celebrazione nell’anniversario della Dedicazione della Basilica Cattedrale “S. Maria Assunta”.

Martedì 14 agosto, alle ore 20, a piazza Castronovo, il Vescovo Ausiliare Mons. Cesare Di Pietro, presiederà la Celebrazione Eucaristica, al ceppo della Vara.
Infine, Mercoledì 15 agosto, Solennità dell’Assunzione di Maria Vergine al cielo, alle ore 11, S.E. Mons. Giovanni Accolla presiederà in Cattedrale il pontificale.

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 14, 2018 16:31

RSS aleteia

  • Ignazio di Loyola, il santo che rivela ai giovani i sentimenti di Dio
    Sant’Ignazio di Loyola è una figura potente che colpisce i giovani di oggi. Ad affermarlo è Jesús Zaglul Criado, gesuita della Repubblica Dominicana, assistente per il Nord America Latina e consigliere generale del generale della Compagnia di Gesù, che presenta la figura del santo fondatore nel giorno in cui la Chiesa ne celebra la memoria. […]
    Vatican News
  • Oltre 53mila detenuti in Italia, per Antigone l’affollamento supera il 113%
    Il numero di persone detenute, al 30 giugno scorso, si attesta a 53.637, di cui 2.228 donne (4,2%) e 17.019 stranieri (32,4%), per 50.779 posti ufficialmente disponibili e un tasso di affollamento ufficiale del 105,6%. Lo rileva l’associazione Antigone nel suo rapporto di metà anno sulle carceri italiane, sottolineando tuttavia che “il reale tasso di affollamento […]
    Agi
  • Medaglia d’oro nel surf a Tokyo, Ítalo Ferreira prega tutti i giorni alle 3 del mattino
    Il brasiliano Ítalo Ferreira ha fatto la storia nelle Olimpiadi: è il primo atleta a conquistare la medaglia d’oro nel surf, modalità inaugurata nei Giochi Olimpici di Tokyo. Ítalo è stato anche il primo sportivo a conquistare un oro per il Brasile in queste Olimpiadi. Dopo la batteria vincente, l’atleta ha rivelato uno dei “segreti” […]
    Pablo Cesio
  • 3 “segreti” vaticani che non sono affatto segreti
    È piuttosto difficile dire da dove derivi la parola “Vaticano”. È sicuramente il nome di uno dei sette colli di Roma, tutti situati sulla riva orientale del fiume Tevere, all’interno delle mura cittadine, ma ci sono diverse opinioni relative a come il Colle Vaticano ha ottenuto il suo nome. Nel primo secolo, il noto retore […]
    Daniel R. Esparza
  • In canoa con il vescovo sul fiume Po: è partito il Cammino di San Marco
    Un’avventura che, di certo, non passa inosservata quella del Vescovo Guido Gallese e di 15 ragazzi della Diocesi di Alessandria, partiti lunedì 18 luglio da Rivarone per arrivare a Venezia in canoa, seguendo il corso del Po. E’ il Cammino di San Marco, iniziativa nata nel 2019 e ripresa in questa fase di ripresa meno […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Attenti alla “truffa del vescovo”: la diocesi di Ragusa avverte i fedeli
    “Truffa del vescovo”: la Diocesi di Ragusa lancia l’allarme ai cittadini in merito a delle segnalazioni pervenute negli ultimi giorni. Pare che ultimamente qualcuno stia “bussando” alla porta delle persone con la scusa di vendere crocifissi e altri oggetti sacri porta a porta (News Sicilia, 30 luglio). “Nessuna autorizzazione” «Sono pervenute segnalazioni di tentativi di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Lottatrice di arti marziali miste devota al Santo Rosario
    Le arti marziali miste sono uno sport estremo con molti colpi anche forti, al punto che vari di quelli che lo praticano restano incoscienti o finiscono in ospedale. È quello che accade nell’Ultimate Fighting Championship (UFC), e non si può negare. Joanna, però, ha trovato in questo sport un modo onesto per vivere, e nella […]
    Jesús V. Picón
  • Perché Papa Francesco continua a nominare vescovi in Cina?
    Mercoledì 28 luglio, nella cattedrale di Pingliang, nella provincia cinese di Gansu, ha avuto luogo la cerimonia di ordinazione episcopale del sacerdote Anthony Li Hui, nominato da Papa Francesco coadiutore di Pingliang l’11 gennaio scorso. Monsignor Li è il quinto vescovo cinese nominato e ordinato in virtù dell’Accordo Provvisorio sulla Nomina dei Vescovi in Cina, […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheimer?
    Nell’articolo Nos limiares do além (Alle soglie dell’aldilà), padre Eduardo Hayen Cuarón ha riposto alla domanda relativa a cosa accade all’anima di una persona che soffre di Alzheimer, la forma più comune di demenza tra le persone che hanno superato i 60 anni. Direttore del settimanale Presencia, della diocesi messicana di Ciudad Juárez, padre Hayen […]
    ACI Digital
  • Quando Pio XII esortò i ginnasti a prendersi cura della loro salute mentale
    L’8 novembre 1952, Papa Pio XII si rivolse a vari atleti e leader sportivi sottolineando la necessità di non trascurare la salute della mente, del corpo e dell’anima. “Riponete dunque la vostra gioia nella pratica corretta della ginnastica e dello sport”, affermò in un discorso ai partecipanti al Congresso Scientifico Nazionale Italiano dedicato alle attività […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Sanificare la comunicazione 31 luglio 2021
    Un fiume di parole esondano continuamente dalla bocca di ciascuno, per dimostrare di avere ragione. Spesso l’istintività prende il sopravvento e, senza fondare le proprie ragioni anche con il confronto, ognuno lotta per vincere e affossare l’altro. Ogni occasione può diventare un campo di Marte, soprattutto quando siamo convinti che l’altro sbagli sempre. Siamo così […]
  • Meeting Rimini: gli eventi promossi dall’Università Cattolica 30 luglio 2021
    Dal ruolo della ricerca scientifica alle sfide future dell’università nell’epoca del cambiamento e dell’incertezza. Sono i temi con cui l’Università Cattolica partecipa alla 42ª edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, dedicata a “Il coraggio di dire ‘io’”, titolo tratto da un testo del filosofo danese Kierkegaard, che quest’anno si terrà in presenza alla […]
  • Istituti religiosi: Roma, morta madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa 30 luglio 2021
    È morta a Roma, dove soggiornava dal 1993, per una lunga e dolorosa malattia, madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa, istituzione ecclesiale di diritto pontificio presente oggi in Spagna, in Italia e in vari Paesi dell’Africa e dell’America Latina. Trinidad Sánchez Moreno – si ricorda in una nota – nasce […]
  • Papa Francesco: telegramma di cordoglio per la morte del card. Vanhoye, domani i funerali 30 luglio 2021
    Un “fratello” che “ha servito il Signore e la Chiesa con grande dedizione”. Così il Papa definisce il card. Albert Vanhoye, rettore emerito del Pontificio Istituto biblico e già segretario della Pontificia Commissione biblica, in un telegramma di cordoglio –  inviato oggi a padre Manuel Morujao, superiore della Residenza San Pietro Canisio a Roma – […]
  • Papa Francesco: nomina Chien-Jen Chen membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze 30 luglio 2021
    Il Papa ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze Chien-Jen Chen, docente di Epidemiologia presso l’Academia Sinica a Taipei (Taiwan). Ne dà notizia oggi la Sala Stampa della Santa Sede. Chien-Jen Chen è nato il 6 giugno 1951 a Cishan (Taiwan). Dopo aver studiato alla National Taiwan University a Taipei, ha conseguito il dottorato in genetica […]
  • Green Pass: no certificazione per andare a messa. Tutte le indicazioni per le celebrazioni liturgiche 30 luglio 2021
    “La certificazione non è richiesta per partecipare alle celebrazioni”. Lo si apprenda da una scheda informativa che accompagna la lettera ai vescovi diffusa oggi dalla Presidenza della Cei e che fa il punto sul Decreto Legge del 23 luglio 2021 che introduce l’obbligo di munirsi di certificazione verde (“Green Pass”) per usufruire di alcuni servizi […]
  • Cei: Presidenza, “non far mancare al popolo gesti di preghiera, partecipazione e speranza” in “condizioni di sicurezza” 30 luglio 2021
    “Ove ricorrano condizioni di sicurezza, non far mancare al nostro popolo questi gesti di preghiera, partecipazione e speranza perché la Chiesa sia presente in questo tempo così particolare”. Così la Presidenza della Conferenza episcopale italiana in una lettera indirizzata ai vescovi: “Sin dal giugno 2020, molte diocesi e parrocchie italiane hanno organizzato le processioni, adottando […]
  • Cei: Presidenza, “gratitudine” ai vescovi e alle comunità cristiane impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale 30 luglio 2021
    “In queste settimane le nostre Chiese sono impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale. Per questo, sentiamo di rivolgere una parola di gratitudine a tutti voi e alle vostre comunità che, nonostante le fatiche, riescono a far vedere il volto di una Chiesa madre che vive e testimonia la sua fecondità”. Lo scrive in una […]
  • Lettera a Federica Cesarini e Valentina Rodini 30 luglio 2021
    “Carissime Federica e Valentina, innanzitutto, grazie! Grazie perché avete permesso di risentire, dopo la vittoria di Vito Dell’Aquila, l’Inno di Mameli risuonare nei cieli di Tokyo! Grazie, perché ci avete creduto sino alla fine nell’arrivare al fotofinish con una medaglia destinata a voi! Grazie, perché avete inserito l’Italia nella cronotassi di vittorie in cui non […]
  • Perdono di Assisi: da oggi le meditazioni di mons. Baturi, arcivescovo di Cagliari e vicepresidente Cei 29 luglio 2021
    Prende il via oggi, con il Triduo di preparazione, il percorso di avvicinamento alla festa del Perdono di Assisi, in programma lunedì 2 agosto nel ricordo dell’indulgenza plenaria della Porziuncola voluta da san Francesco e concessa da Papa Onorio III nel 1216. Stasera alle 21.15 la prima delle meditazioni che saranno proposte da mons. Giuseppe […]

Commenti recenti

     

    • 30:
    • 146:
    agosto: 2021
    L M M G V S D
    « Lug    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login