MESSINA – Un piccolo libro che dispensa in modo originale “briciole” di immensa santità per tutti

Redazione1
di Redazione1 aprile 14, 2018 23:09

MESSINA – Un piccolo libro che dispensa in modo originale “briciole” di immensa santità per tutti

 

Per il titolo con cui si presenta, questo libro appare subito singolare e

stimolante. La presentazione che lo denota in modo originale annuncia un contenuto che incuriosisce, anche per la caratura minore che lo fa sembrare quasi riduttivo rispetto al modello di elevatissima spiritualità di cui tratta.

Per converso, però, il libro di Pietro Aliquò, “Briciole di vita spiritale – S. Eustochia Smeralda” (102 pagine, stampato da Giotto Stampa, Me – www.giottostampa.it – disponibile presso il monastero di Montevergine), potrebbe anche far pensare che l’autore, di proposito, abbia voluto rimarcare la discrepanza tra l’umiltà della forma e l’importanza del contenuto, per far risaltare maggiormente il valore di una spiritualità straordinaria. Oppure, che abbia avuto l’intento di una studiata comparazione tra l’umiltà che il titolo evidenzia con il termine “briciole”, e il tipo di spiritualità del personaggio di cui il libro parla.  Difatti nella parte inferiore della copertina, campeggia il nome della grande mistica francescana, S. Eustochia Smeralda, la clarissa di Montevergine il cui grande carisma spirituale è notoriamente improntato ad una immensa umiltà.

Queste deduzioni ipotetiche, naturalmente, spingono immediatamente a inoltrarsi nella lettura della pubblicazione, per capire meglio qual è il senso di ciò che questo libro vuol rappresentare, con una titolazione che annuncia un contenuto fatto di parti sminuzzate; forse al fine di renderne più agevole l’assimilazione?

Comunque sia, ciò che emerge con certezza dal libro in oggetto è la proposta interessante di andare a conoscere nei particolari, uno dopo l’altro, a piccoli passi, i frammenti significativi di una vita donata totalmente in offerta sacrificale a Dio per la salvezza delle anime, da parte della nostra grande concittadina. Per cui bisogna ammettere che, in ogni caso, il titolo si presta efficacemente a stuzzicare la curiosità di conoscere dettagliatamente le preziose minuzie che compongono la quantità di vissuti quotidiani, riguardanti un campo immenso e affascinante come quello rappresentato dalla santità di Eustochia Smeralda Calafato.

Ma entrando nel vivo delle pagine del libro di Pietro Aliquò, e scorrendolo nei particolari attraverso la sua particolare modalità espositiva, si nota che l’impostazione è certamente parecchio originale e assai diversa dal solito. Impostazione, in particolare, che si discosta di molto dal modello espressivo usato abitualmente nella letteratura agiografica.

Pertanto, dall’osservazione mirata di quanto si legge, appare subito come l’impianto espositivo di questa pubblicazione poggi su una base assolutamente elementare. Infatti l’autore, nel segnare i capitoli, si giova del criterio scarno e non poco inusuale suggerito dall’abbiccì. Praticamente, sono le

Pietro Aliquò

singole lettere dell’alfabeto a segnare, una per una, l’apertura di ogni capitolo in cui sono elencate le parole che dalle varie lettere derivano; e da cui si risale alle frasi che descrivono gli edificanti momenti vissuti dalla Santa.  Per cui Pietro Aliquò, iniziando dalla base dell’abecedario, quasi come in un semplice gioco consequenziale e didascalico, che parte dal basso, induce a risalire alle parole chiave da cui si attingono le “briciole” di santità, assai significative, e spiritualmente molto”nutrienti”, che sgorgano dai semplici, e molto istruttivi, comportamenti quotidiani dell’umile claustrale dell’Ordine delle “Sorelle Povere di S. Chiara”, e Copatrona di Messina.

In tal modo l’autore opera un evidente ribaltamento del comune metodo deduttivo (processo conoscitivo dal generale al particolare), abitualmente usato, per cui  nell’esporre gli elementi della santità eustochiana, segue in modo intelligente e semplificativo, il procedimento induttivo (dal particolare al generale), attraverso la descrizione delle edificanti “minuzie” conoscitive, in modo da arrivare ad afferrare con facilità il senso compiuto e unitario dell’importante verità superiore: l’immensa santità della clarissa di Montevergine.

Dunque, seguendo le “briciole” che il libro dissemina sulla strada della ricerca spirituale, da raccogliere e assimilare una per una, si percorrono a poco a poco  le tracce della santità di Eustochia attraverso un percorso semplice e proficuo. Una modalità di conoscenza fatta con umiltà, di piccoli passi, che non può non richiamare il brano evangelico delle “briciole” evocate umilmente, ma tenacemente, dalla madre cananea nel chiedere aiuto per la figlia sofferente al Salvatore; ottenendo così, anche se indegna in quanto pagana, la fede e la grazia richiesta.

 

 

 

 

Anastasio Majolino

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 14, 2018 23:09

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 152:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login