Sorprendente paradosso del Natale 2017: lo sdegnato rimprovero del filosofo non credente a cattolici e laici

Redazione1
di Redazione1 gennaio 1, 2018 18:22

Sorprendente paradosso del Natale 2017: lo sdegnato rimprovero del filosofo non credente a cattolici e laici

Sappiamo che Il Cristianesimo è la religione dei paradossi; lo conferma il capovolgimento di fronte che rende le verità evangeliche in netta contraddizione rispetto a quelle in cui il mondo comunemente crede. Basterebbe pensare alle sconcertanti “beatitudini” del discorso della montagna; ma anche il Natale ce ne dà buona dimostrazione: Dio onnipotente che si fa bambino impotente, che nasce in una stalla e non in luogo sacro, in un umile paesino decentrato anziché in un luogo importante, che si fa figlio di poveri anziché di ricchi e annuncia la nascita agli incolti pastori invece che ai maggiorenti del posto. E si potrebbe continuare così a lungo.

Ebbene, come se non bastasse, il Natale, da poco celebrato, si è arricchito di un altro strano e imprevedibile paradosso; di natura diversa però: di segno bizzarro e intellettualistico, tale da suscitare sorpresa ma anche non pochi motivi di condivisione.

Fautore di questo evento straordinario è Massimo Cacciari; personaggio molto noto, filosofo e politico di sinistra, famoso per la stringente logica del suo acuto pensiero, ma anche per la franchezza e la foga con cui spesso rivolge le sue reprimende a chi giudica colpevole di incongruenze imperdonabili.

Ed ecco il pezzo forte del suo sdegnato rimprovero natalizio: “l’indifferenza avvolge cattolici e laici, non hanno presente il significato sconvolgente della festa”. Cui fa seguito una serie crescente di sgridate ai cattolici di oggi, compresi i laici, pronunciate con irritata veemenza – raccolte in un interessante intervista da Stefano Zurlo – in un contesto di polemiche sul susseguirsi di numerosi episodi di cronaca.

Fatti riguardanti comportamenti tesi a limitare, sminuire, se non addirittura a eliminare certi simbolismi natalizi per discutibili motivi. La comunità che rinuncia ai canti tradizionali di Natale per non turbare la sensibilità degli appartenenti ad altre religioni, il parroco che per incombenti presenze di immigrati ha paura di celebrare la messa a mezzanotte, la scuola che abolisce il presepe nel segno del politicamente corretto; ed altri simili eventi che fanno registrare dichiarazioni alquanto perentorie, del tipo: “gli atteggiamenti di stranieri sfrontati impediscono spesso di celebrare tranquillamente la Festività natalizia”.

Ora, è proprio in questo contesto che si inserisce l’accusa tranciante del focoso filosofo: “Sono i cristiani i primi ad aver abolito il Natale”. E, poi, spiega: “Perché non riflettono, perché non fanno memoria di questa storia così sconvolgente”; e subito prosegue, “Capisce? Non Dio che stabilisce una relazione con gli uomini, ma Dio che viene sulla terra attraverso Cristo. Vertiginoso”. Poi l’imbarazzante e tagliente dichiarazione: “La nostra società è anestetizzata, il Natale è diventato una favoletta, una specie di raccontino edificante che spegne le inquietudini”, e ancora, questo è «Il Natale dei panettoni, il Natale delle pubblicità, il Natale dei soldi. Il Natale oggi è una festina».

Dopo di che, il filosofo non credente, con l’onestà intellettuale che lo caratterizza, si interroga rivelando la sua condivisione del grande valore culturale del cristianesimo, che – afferma con convinzione – “è una parte fondamentale del mio percorso, della mia vicenda, è qualcosa con cui mi confronto tutti i giorni”. Di conseguenza Cacciari – in piena sintonia con il parere di Benedetto Croce, il grande filosofo ideologo del liberalismo novecentesco italiano, secondo cui tutti noi “non possiamo non dirci cristiani” –   a sua volta dichiara: “io che non sono credente mi interrogo: c’è un simbolo che ha dato un contributo straordinario alla nostra storia, alla nostra civiltà, alla nostra sensibilità». E completa il suo pensiero con una decisa quanto importante asserzione: il “Natale non è solo dei cristiani. In ballo c’è la nostra civiltà”.  E così dicendo, il filosofo veneziano entra nel vivo del tema dell’identità dei cattolici, e del rischio che corre di indebolirsi, e con essa la solidità della nostra cultura, esprimendo un implicito ammonimento a non lasciarla decadere con irresponsabili atteggiamenti di scarsa adesione agli importanti ed edificanti princìpi, su cui si fondano le radici e i valori e della nostra civiltà.

Ora, di fronte a questa strabiliante e seria requisitoria, non si possono certo prevedere quali effetti di ritorno possa avere, o quanti siano coloro che hanno da obiettare su ciò che ha esternato Massimo Cacciari. Crediamo, però, che non siano pochi quelli che trovano motivi per concordare col suo pensiero, ma sicuri, certamente, che i suoi rimproveri siano per tutti un valido stimolo a riflettere. A parte, naturalmente, l’indiscusso riconoscimento del valore umano e spirituale del suo dichiarato vissuto interiore. Pertanto, pensiamo che l’intento speranzoso di avere risposte adeguate a questo monito, così sincero e credibile, possa entrare a far parte di un fervido augurio di “Buon 2018”, per tutti.

 

 

Anastasio Majolino

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 1, 2018 18:22

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 146:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login