Il drammatico racconto del missionario rapito in Nigeria e liberato giorni fa

Redazione1
di Redazione1 novembre 12, 2017 18:57

Don Maurizio Pallù, il sacerdote italiano della diocesi di Roma, di 63 anni, rapito in Nigeria dov’è missionario come catechista del Cammino neocatecumenale, liberato alcuni giorni fa, racconta i drammatici momenti del suo rapimento, di cui riferisce Giacomo D’Onofrio.  

E’ uomo di profonda fede, don Pallù. In Nigeria c’era già stato, come missionario laico, a metà degli anni ‘80. Nel 2015 ha accettato di tornarvi come sacerdote impegnato nell’opera di evangelizzazione. Ed è con gli occhi della fede che legge e racconta il rapimento di cui è stato vittima il 12 ottobre scorso.

“Ero in macchina con una studentessa e un padre di famiglia nigeriano, lungo la strada che da Abuja, capitale della Nigeria, ci portava verso Benin City, dove avevamo un incontro del movimento – ha raccontato il sacerdote -. A un certo punto ci siamo trovati davanti quattro banditi armati di mitra e machete. Hanno iniziato a sparare, ci siamo trovati a terra e poi ci hanno portati nella foresta. Abbiamo camminato otto ore. È stato uno choc. Ho avuto paura e ho visto la morte in faccia”. Con sé don Pallù aveva solo un’“arma”: una corona del Rosario proveniente da Fatima.“Mi sono messo a pregare il Rosario: era l’unica cosa che potevo fare”.

“Ho avuto paura, tanta, e ho pregato molto, e in quei giorni trascorsi nella foresta ho sperimentato la mia impotenza e il timore vero di morire. Ho parlato col Signore e gli ho detto: ‘Io non sono pronto per morire, ma se tu pensi che questo sia il mio momento ti affido la mia vita. Dammi la forza di morire e di offrire la mia vita per la salvezza dei fratelli che la vita me la stanno togliendo. Se tu, però, pensi che debba stare ancora un po’ sulla terra, io ti offro gli anni che restano per raddoppiare lo zelo per annunciare il Vangelo’. Il Signore mi ha ascoltato”.

Così don Maurizio Pallù, missionario del cammino neocatecumenale, ha raccontato a Grosseto, ospite della diocesi, i drammatici giorni del suo rapimento in Nigeria, paese nel quale vive e porta avanti il servizio di annuncio del Vangelo. Padre Pallù non ha perso il suo simpatico accento fiorentino, nonostante abbia trascorso molti anni fuori dall’Italia come missionario itinerante. Ordinato prete nella diocesi di Roma a 36 anni, si trova in Nigeria dal 2015 assieme ad una famiglia romana (padre, madre e 5 figli) e a un seminarista del Camerun. “Lavoriamo nella Chiesa nigeriana per il cammino neocatecumenale – spiega -. Abbiamo comunità a Kaduna, città del centro-nord del Paese con quasi 2 milioni di abitanti, e a Calabar, città al confine col Camerun”.

La missione. Don Maurizio vive in un modesto alloggio vicino alla casa della famiglia che ha dato loro ospitalità, “mentre la famiglia che con noi svolge questa missione – racconta ancora – vive in una casa semplice di fronte a noi. Insieme preghiamo, insieme prepariamo le catechesi e insieme facciamo evangelizzazione nelle città. Se tornerò in Nigeria? Spero il più presto possibile – risponde deciso – e affido alla Madonna il proseguo di questa missione. Come diceva San Giovanni Paolo II, l’Africa è il futuro della Chiesa e personalmente vedo questo come un momento favorevole”.

 La preghiera. I rapitori volevano soldi, ma il sacerdote non ne aveva. Al collo aveva una catenina d’oro che gli è stata strappata. Solo quella. “Il secondo giorno – racconta ancora – ho potuto avviare un dialogo col capo della banda. ‘Non vi giudico – gli ho detto – siete miei fratelli e prego per voi’. Ho provato paura, mai odio, e le mie parole in qualche modo hanno provocato il capo, che si è sentito accettato da me”. Don Pallù sa che l’intercessione della Madonna è stata essenziale per la sua liberazione. “È lei assieme ai santi e alle preghiere di tante persone ad aver evitato il peggio per me. La preghiera davvero sposta le montagne!” Il rapimento è avvenuto il 12 ottobre; il giorno successivo i vescovi della Nigeria hanno celebrato Messa riconsacrando il Paese alla Vergine ed è quel 13 ottobre che è iniziato anche il dialogo coi rapitori.

“Il giorno più brutto è stato il sabato, perché tra i rapitori ce n’era uno particolarmente violento. La notte ho pregato tanto e la domenica il capo della banda ha rimandato via il suo compagno più violento e altri due. In questo gesto ho visto un segno dal cielo”.

Due giorni dopo il rilascio e la fine dell’incubo. La disavventura non ha fiaccato l’animo di don Pallù, che anzi anche a Grosseto ha offerto un’entusiasmante testimonianza di fede, assieme a cinque giovani toscani del cammino neocatecumenale, che hanno anch’essi portato la loro testimonianza di una fede viva, che può cambiare davvero il cuore e la vita.

 

Redazione, da Agenzia di informazione

 

 

  

Redazione1
di Redazione1 novembre 12, 2017 18:57

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 426:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login