Il drammatico racconto del missionario rapito in Nigeria e liberato giorni fa

Redazione1
di Redazione1 novembre 12, 2017 18:57

Don Maurizio Pallù, il sacerdote italiano della diocesi di Roma, di 63 anni, rapito in Nigeria dov’è missionario come catechista del Cammino neocatecumenale, liberato alcuni giorni fa, racconta i drammatici momenti del suo rapimento, di cui riferisce Giacomo D’Onofrio.  

E’ uomo di profonda fede, don Pallù. In Nigeria c’era già stato, come missionario laico, a metà degli anni ‘80. Nel 2015 ha accettato di tornarvi come sacerdote impegnato nell’opera di evangelizzazione. Ed è con gli occhi della fede che legge e racconta il rapimento di cui è stato vittima il 12 ottobre scorso.

“Ero in macchina con una studentessa e un padre di famiglia nigeriano, lungo la strada che da Abuja, capitale della Nigeria, ci portava verso Benin City, dove avevamo un incontro del movimento – ha raccontato il sacerdote -. A un certo punto ci siamo trovati davanti quattro banditi armati di mitra e machete. Hanno iniziato a sparare, ci siamo trovati a terra e poi ci hanno portati nella foresta. Abbiamo camminato otto ore. È stato uno choc. Ho avuto paura e ho visto la morte in faccia”. Con sé don Pallù aveva solo un’“arma”: una corona del Rosario proveniente da Fatima.“Mi sono messo a pregare il Rosario: era l’unica cosa che potevo fare”.

“Ho avuto paura, tanta, e ho pregato molto, e in quei giorni trascorsi nella foresta ho sperimentato la mia impotenza e il timore vero di morire. Ho parlato col Signore e gli ho detto: ‘Io non sono pronto per morire, ma se tu pensi che questo sia il mio momento ti affido la mia vita. Dammi la forza di morire e di offrire la mia vita per la salvezza dei fratelli che la vita me la stanno togliendo. Se tu, però, pensi che debba stare ancora un po’ sulla terra, io ti offro gli anni che restano per raddoppiare lo zelo per annunciare il Vangelo’. Il Signore mi ha ascoltato”.

Così don Maurizio Pallù, missionario del cammino neocatecumenale, ha raccontato a Grosseto, ospite della diocesi, i drammatici giorni del suo rapimento in Nigeria, paese nel quale vive e porta avanti il servizio di annuncio del Vangelo. Padre Pallù non ha perso il suo simpatico accento fiorentino, nonostante abbia trascorso molti anni fuori dall’Italia come missionario itinerante. Ordinato prete nella diocesi di Roma a 36 anni, si trova in Nigeria dal 2015 assieme ad una famiglia romana (padre, madre e 5 figli) e a un seminarista del Camerun. “Lavoriamo nella Chiesa nigeriana per il cammino neocatecumenale – spiega -. Abbiamo comunità a Kaduna, città del centro-nord del Paese con quasi 2 milioni di abitanti, e a Calabar, città al confine col Camerun”.

La missione. Don Maurizio vive in un modesto alloggio vicino alla casa della famiglia che ha dato loro ospitalità, “mentre la famiglia che con noi svolge questa missione – racconta ancora – vive in una casa semplice di fronte a noi. Insieme preghiamo, insieme prepariamo le catechesi e insieme facciamo evangelizzazione nelle città. Se tornerò in Nigeria? Spero il più presto possibile – risponde deciso – e affido alla Madonna il proseguo di questa missione. Come diceva San Giovanni Paolo II, l’Africa è il futuro della Chiesa e personalmente vedo questo come un momento favorevole”.

 La preghiera. I rapitori volevano soldi, ma il sacerdote non ne aveva. Al collo aveva una catenina d’oro che gli è stata strappata. Solo quella. “Il secondo giorno – racconta ancora – ho potuto avviare un dialogo col capo della banda. ‘Non vi giudico – gli ho detto – siete miei fratelli e prego per voi’. Ho provato paura, mai odio, e le mie parole in qualche modo hanno provocato il capo, che si è sentito accettato da me”. Don Pallù sa che l’intercessione della Madonna è stata essenziale per la sua liberazione. “È lei assieme ai santi e alle preghiere di tante persone ad aver evitato il peggio per me. La preghiera davvero sposta le montagne!” Il rapimento è avvenuto il 12 ottobre; il giorno successivo i vescovi della Nigeria hanno celebrato Messa riconsacrando il Paese alla Vergine ed è quel 13 ottobre che è iniziato anche il dialogo coi rapitori.

“Il giorno più brutto è stato il sabato, perché tra i rapitori ce n’era uno particolarmente violento. La notte ho pregato tanto e la domenica il capo della banda ha rimandato via il suo compagno più violento e altri due. In questo gesto ho visto un segno dal cielo”.

Due giorni dopo il rilascio e la fine dell’incubo. La disavventura non ha fiaccato l’animo di don Pallù, che anzi anche a Grosseto ha offerto un’entusiasmante testimonianza di fede, assieme a cinque giovani toscani del cammino neocatecumenale, che hanno anch’essi portato la loro testimonianza di una fede viva, che può cambiare davvero il cuore e la vita.

 

Redazione, da Agenzia di informazione

 

 

  

Redazione1
di Redazione1 novembre 12, 2017 18:57

RSS aleteia

  • Il coraggioso ministero di Madre Czacka a favore dei non vedenti
    Róża Czacka era nata il 22 ottobre 1876 in una nobile famiglia polacca, avendo il titolo ufficiale di contessa. Ricevette un’ottima istruzione, ma poi un incidente cambiò radicalmente la sua vita. A 22 anni cadde da cavallo, rimanendo immediatamente cieca. Vennero consultati vari medici, ma fu presto evidente che non si poteva fare nulla. Il […]
    Philip Kosloski
  • Gruppo pro-vita denuncia la censura di Google
    Live Action, un gruppo attivista pro-vita, sostiene di essere oggetto della censura di Google. In un comunicato stampa, il presidente di Live Action, Lila Rose, ha affermato che Google ha smesso di gestire gli annunci pubblicitari pro-vita del gruppo. “Su richiesta di attivisti abortisti, Google ha BANDITO tutti gli annunci pro-vita di Live Action, inclusi […]
    Zelda Caldwell
  • Il sacerdote 30enne che è anche pompiere volontario
    Padre Pierre Fouquier, vicario parrocchiale e pompiere volontario negli ultimi tre anni, non impiega molto ad arrivare dalla caserma dei vigili del fuoco di Joué-lès-Tours alla sua parrocchia di Saint Marc, a Indre-et-Loire (Francia centro-occidentale). Il sacerdote dedica quasi 75 ore al mese al suo impegno volontario tra i vigili del fuoco, e bisogna andare […]
    Lauriane Vofo Kana
  • Come potrà Dio far sì che io raggiunga l’impossibile?
    Una fede senza opere è una fede morta. Ascolto oggi: “A che serve, fratelli miei, se uno dice di aver fede ma non ha opere? Può la fede salvarlo? Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e mancano del cibo quotidiano, e uno di voi dice loro: «Andate in pace, scaldatevi e saziatevi», […]
    Carlos Padilla
  • Stati Uniti: fino a settembre, già 40 attacchi contro chiese cattoliche
    Sono già 40 gli attacchi registrati contro chiese cattoliche in territorio statunitense nel corso del 2021. La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) ha divulgato sul suo sito un rapporto che elenca le chiese cattoliche attaccate nel Paese dal maggio 2020, giungendo ad almeno 95 episodi, considerando solo i casi conosciuti e confermati. […]
    Francisco Vêneto
  • Vite ascetiche, passioni azzerate, corpi poco curati: così è l’Uomo Angelico
    Vivere come gli angeli: il cristiano che aspira alla perfezione, non può fermarsi su niente. Allontana tutti gli ostacoli, rompe tutti i lacci che gli impediscono di correre verso la patria. San Giovanni Crisostomo ci invita a contemplare lo splendido esempio delle tre grandi figure di asceti: Elia, Eliseo e San Giovanni Battista, modelli di […]
    don Marcello Stanzione
  • Il tabernacolo più alto del mondo si trova a Madrid?
    Al 33° piano di uno dei grattacieli che costituiscono parte dello skyline della capitale spagnola si trova una cappella decisamente singolare. Per sette anni ho vissuto con la mia famiglia nella zona settentrionale di Madrid. Spesso dovevo prendere la macchina per arrivare al centro della città per qualche questione amministrativa. Accedendo dalla strada di Burgos […]
    Pilar Velilla Flores
  • Frodo, Sam e gli Hobbit esistono e vivono in Abruzzo
    Tolkien, più realtà che fantasia In una caverna sotto terra viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca, umida, piena di resti di vermi e di trasudo fetido, e neanche una caverna arida, spoglia, sabbiosa, con dentro niente per sedersi o da mangiare: era una caverna hobbit, cioè comodissima. Da Lo Hobbit Lo Hobbit […]
    Annalisa Teggi
  • Hanno perso le due figlie negli attentati di Parigi: “Non abbiamo conosciuto Dio fino alla loro morte”
    L’11 novembre 2015, Anna si è recata a Parigi da Barcellona, dove risiedeva, per fare una sorpresa alla madre per il suo compleanno. Arrivata nella Ville Lumière, è uscita a cena con la sorella, ma sono state crivellate a colpi di kalashnikov dai terroristi. I genitori, rendendosi contro che l’attacco aveva avuto luogo vicino alla […]
    Violeta Tejera
  • Affetto da paralisi cerebrale, è tassista, papà e scrittore. E voi, di cosa vi lamentate? (FOTO)
    Salvador percorre le strade di Guadalajara (Jalisco, Messico) sul suo taxi nel traffico intenso, portando i passeggeri da un lato all’altro della metropoli. Le persone si sorprendono per il fatto che una persona affetta da paralisi sia il loro autista, alcune oppongono resistenza, ad altre non importa l’aspetto di questo eroe, altre ancora vanno molto […]
    Jesús V. Picón

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 170:
    • 150:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login