MESSINA – L’eredità spirituale di Nazarena Majone, nel 125° anniversario di Professione Religiosa

Redazione1
di Redazione1 ottobre 20, 2017 19:03

MESSINA – L’eredità spirituale di Nazarena Majone, nel 125° anniversario di Professione Religiosa

E’ stata la celebrazione di una splendida figura di donna siciliana, fulgido esempio di umanità sacrificale e caritativa, vissuta al seguito di padre Annibale Di Francia, e, insieme a lui, Cofondatrice della Congregazione “Figlie del Divino Zelo”; instancabile ed eroica dispensatrice di amore materno per tanti piccoli orfani e derelitti, e propagatrice del “Rogate”, la preghiera per le vocazioni.

Si è svolto al teatro “Annibale M. Di Francia” l’interessante convegno dedicato alla bella figura di Madre Nazarena Majone, in occasione del suo 125esimo anniversario di Professione religiosa. A questo importante  momento di approfondimento della sua eredità spirituale e carismatica, hanno partecipato numerosi laici e religiose. Alcuni versi, scelti tra gli scritti di Madre Nazarena, recitati e cantati da giovani artisti, hanno introdotto e intervallato l’evento, donando la possibilità ai presenti di sentire vibrare l’anima e il cuore della venerabile religiosa profondamente innamorata di Dio e del prossimo.

 

Nell’introdurre i lavori, suor Rosa Graziano, postulatrice della causa di beatificazione, ha evidenziato alcuni aspetti della forte personalità della Madre e ha presentato lo stato attuale del cammino verso la canonizzazione. “Si rimane in attesa di un miracolo – ha precisato sr. Rosa – che possa essere ritenuto valido per la sua iscrizione fra la schiera dei Beati. Tante sono le grazie ricevute per la sua intercessione, ma nessuna, ancora, è ritenuta sufficiente”.

Il Sindaco di Graniti, paese natale della Venerabile Nazarena Majone, ha porto il suo saluto e quello dei granitesi, orgogliosi di avere come concittadina un personaggio che dà tanto onore alla loro collettività, per l’impegno profuso a servizio dei più bisognosi, per quanto ha fatto in vita e continua a fare con la sua intercessione dal Paradiso.

Padre Fortunato Siciliano, rcj, da tanti anni studioso di Madre Nazarena, ha parlato della capacità profetica che la Majone ha sviluppato all’interno della Congregazione delle Figlie del divino Zelo, divenendone un modello esemplare ricco di speranza. Modello  conformato in consonanza con quello del Fondatore, tanto da poter affermare che l’eredità spirituale e carismatica di Madre Nazarena è la stessa ricevuta da Padre Annibale, e cioè Cristo Crocifisso; da questa uniformità di intenti,  di conseguenza, scaturisce che tutta la loro vita terrena è stata un atto di amore a Gesù nei piccoli e nei poveri.

Per cui si può dire che Nazarena ha incarnato in sé l’ideale della vera Figlia del Divino Zelo secondo lo spirito del fondatore, essendo la più vicina imitatrice delle virtù del canonico Di Francia: l’umile, fedele, intelligente esecutrice dei suoi santi ideali. Da cui ella ha imparato a conoscere meglio Gesù, e a comprendere che la pia opera, raccolta intorno a Gesù sacramentato, era come una famiglia dei piccoli e dei poveri per una nobilissima missione: il Rogate. “Pertanto – ha sottolineato p. Fortunato – la figura della Madre Nazarena diventa profetica in riferimento al suo approccio alla Vita consacrata; il suo stile e lo zelo come vera fdz, costituiscono la chiave per affrontare, con azione profetica, le sfide di oggi rivolte a un domani ricco di speranza”.

Paola Ricci Sindoni, nel trattare il tema della santità di Madre Nazarena alla luce del Rogate, ha messo in risalto la testimonianza umana e spirituale della Madre venerabile, manifestata assiduamente e con grande efficacia attraverso il cammino di santità che ella ha compiuto all’interno della comunione dei santi. Condizione da ritenere la linfa essenziale senza la quale l’Istituzione terrena sarebbe destinata alla corruzione. E, dunque, contemplare la Madre Nazarena nell’ambito della comunione dei santi significa esaltare il carisma del Rogate.

Madre Teolinda Salemi, parlando del servizio di animazione e governo di Madre Maria Nazarena Majone nell’Istituto delle Figlie del Divino Zelo, si è soffermata a mettere in luce alcuni aspetti che emergono osservando la Madre secondo gli eventi, or lieti or tristi, che emergono dalla sua vita. In sintesi, tra gli elementi osservati, la Madre generale ha evidenziato i tre punti essenziali che ne hanno caratterizzato il governo:

= Il suo farsi discepola che impara a obbedire e a discernere. L’essere, accanto a Padre Annibale, non semplice esecutrice ma docile discepola che interpreta le indicazioni del fondatore, mai assumendo atteggiamenti di contrapposizione, ma sempre di convinta edificatrice di ponti.

= La sua materna tenerezza. La devozione a Maria in lei diventa scuola per assomigliarle di più e apprenderne in profondità il tratto materno.

= La sua sconfinata fiducia in Dio. Ella prende tutto il suo vissuto, e lo consegna a Dio.

A conclusione dell’incontro, Cettina Sirna, moderatrice dell’evento, ha evidenziato il merito di Madre Nazarena, quale grande educatrice, in quanto capace di rinunciare a porsi come donna di potere, essendo ben disposta a praticare l’umiltà necessaria per dare credibilità a un progetto fattivo di crescita umana, nel rimanere sempre fedele al suo dovere fondamentale di ricerca del bene per coloro che gli venivano affidati.

 

Marcella Pistacchio, fdz

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 20, 2017 19:03

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 77:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login