MESSINA E PROVINCIA – Ma di che cultura viviamo?

Redazione1
di Redazione1 ottobre 19, 2016 20:00

MESSINA E PROVINCIA – Ma di che cultura viviamo?

L’importanza di produrre cultura in senso costruttivo, al fine di generare cratività per modificare l’ambiente in cui si vive, ristrutturare, innovarsi e rinnovarsi per il bene comune.

Già, ma che cultura siamo abituati a usare? E in che modo la usiamo? Ma, soprattutto, di che cultura viviamo? Tentando di scoprire-lidentitacapire meglio come stanno le cose , c’è innanzitutto da dire che questo termine, indicando un mondo variegato e complesso, può facilmente generare equivoci, confusioni, interpretazioni ingannevoli, e anche manipolazioni. Intanto si rileva che – secondo gli studiosi di scienze sociali e affini – l’elemento chiave alla base della costruzione di un’immagine di successo, relativa alla rigenerazione di città, paesi, territori, sembra esserci soprattutto la presenza di stimoli culturali, adeguati a incidere mediante interrelazione tra “cultura, creatività e località”. Da cui soltanto – dicono gli esperti – può conseguire la valida formulazione di un piano strategico, idoneo a promuovere il rafforzamento dell’identità (sempre in stretto binomio con la cultura), e a migliorare la qualità della vita di una comunità e del relativo ambito territoriale.
associazioni-culturali-7Purtroppo, però, se guardiamo verso i siti delle nostre parti, non possiamo non constatare l’emergere di un interessante “paradosso culturale” che ci lascia alquanto perplessi. Affiora dall’osservare che nei nostri siti, mentre da un lato si verifica un pullulare di sedicenti associazioni culturali di varia estrazione e molto attive, dall’altro vediamo che questa presenza stride fortemente con la notevole carenza di stimoli capaci di ottenere risultati efficaci per il miglioramento del vivere sociale, come invece ci si dovrebbe aspettare. Come mai?
A questo proposito giova sottolineare, ancora una volta, che un conto è parlare di cultura nel senso di formazione intellettuale delle singole persone, del loro ricco sapere, generico o specifico che sia, o riguardante le diverse branche artistiche, mentre ben altro è parlare di ciò che si riferisce alla cultura in senso antropologico. Quella intesa, per intenderci, come facoltà degli individui di creare senso costruttivo, “organizzarlo e distribuirlo” all’interno di una società a beneficio dell’uomo e della qualità del suo modo di vivere comunitario. Quindi non è certo il numero elevato di persone colte, o altamente specializzate che, solo per questo, rende migliore la qualità della vita di una comunità. copia-di-patti_1151l’evoluzione negativa dell’identità collettiva di un gruppo sociale, infatti, può coesistere con l’alta percentuale di soggetti, anche molto sapienti e dotati di forte identità soggettiva che lo compongono.
Di conseguenza, sulla base di questa riconosciuta condizione che rende gli esseri umani soggetti culturali, agire secondo un programma svolto nel segno di ciò che riteniamo un modo di “produrre cultura”, non può esaurirsi nel compiere azioni che siano soltanto momenti culturali in senso dotto, intellettualistico o rappresentativo, come manifestazioni museali, artistiche, mostre, concerti, spettacoli, notti bianche, ecc., ma anche, e soprattutto, pratiche attuative rivolte a favorire processi di socializzazione collettivi e promuovere consapevolezza della propria vera identità. E’ soltanto da questa presa di coscienza, copia-di-gioiosa-marea-2infatti, che possono scaturire le energie propulsive capaci di generare creatività nell’uomo, al fine di modificare l’ambiente in cui vive, costruire, ristrutturare, innovarsi e rinnovarsi attraverso un percorso di conquista del bene comune.
A fronte di queste problematiche inerenti alla esigenze esistenziali della nostre gente, non si può non avvertire l’impulso a portare avanti un discorso di approfondimento dei vari aspetti che lo riguardano, allo scopo di promuovere azioni tese a raggiungere obiettivi utili in tal senso. Anche perché, credo, che fra i buoni motivi che spingono a farlo, ci sia la constatazione del fatto che da troppo tempo, le popolazioni dello splendido comprensorio in cui spiccano centri di grande valore turistico religioso e culturale, come San Piero Patti, Librizzi, chiesa-di-tindari-cPatti, Tindari, Gioiosa Marea, San Giorgio ed altri, vivono una condizione poco felice rispetto al prezioso patrimonio di valori storici, tradizionali, spirituali, religiosi e alla ricchezza paesaggistica di stupenda bellezza di cui sono in possesso. Una contraddizione davvero spiacevole e bizzarra, che fa pensare a chi vive una vita disagiata per carenza di risorse, pur risiedendo sopra una miniera d’oro a cielo aperto.

 

A. M.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 19, 2016 20:00

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 424:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login