Maltempo in Sicilia, a Scordia e Palagonia allagamenti di chiese e case. I parroci: “persone disperate, serve aiuto”

Redazione1
di Redazione1 ottobre 25, 2021 22:30

Maltempo in Sicilia, a Scordia e Palagonia allagamenti di chiese e case. I parroci: “persone disperate, serve aiuto”

Ansa

Il maltempo in Sicilia sta imperversando in forma intensamente violenta creando parecchi danni: Nel Catanese una bomba d’acqua ha colpito gravemente Scordia e Palagonia, dove chiese e numerose case sono state allagate e fiumi di fango trascinano via le auto. A Scordia Le strade si sono trasformate in vorticosi torrenti per la quantità d’acqua piovuta. Coppia che viaggiava in auto dispersa: trovato il corpo del marito.

I parroci, lanciano un forte segnale di allarme: “ci sono persone disperate, serve aiuto”.

Don Piero Sortino, parroco a Palagonia, risponde al telefono mentre sta liberando i locali parrocchiali dall’acqua che si è infiltrata. Don Franco Messina, parroco a Scordia, racconta la disperazione delle persone che abitano nella località in provincia di Catania, la più colpita dall’alluvione che si è abbattuta nelle scorse ore sulla Sicilia, dove un uomo è stato trovato morto e la moglie al momento risulta dispersa. (SIR)

A Scordia le case sono allagate, fiumi di fango trascinano via le auto. “Tante famiglie avevano sistemato i locali e ripreso a lavorare da

catania.gds.it

poco, dopo l’alluvione di tre anni fa – dice al Sir don Messina -. Le persone sono disperate, c’è bisogno di mani, di aiuto. Dopo la scorsa alluvione abbiamo sostenuto alcune famiglie, adesso vediamo con la diocesi cosa possiamo fare. Le nostre chiese sono poverissime. A stento riusciamo a pagare la luce. Mentre i danni sono enormi ai negozi, alle case. È il momento di capire cosa dobbiamo realmente fare non solo a livello diocesano ma anche civile”.

L’alluvione ha colpito anche Palagonia, dove i danni sono stati meno ingenti. Garage e case allagate e qualche strada interrotta, alcuni muretti crollati. “Un salone parrocchiale nella chiesa di San Sebastiano si è riempito d’acqua. Siamo qui a raccogliere l’allagamento – riferisce don Sortino -. Da tanti anni ormai il nostro sistema di prevenzione non funziona. Si va avanti per emergenze, non per previgenze. Si sa quali sono i territori a rischio idrogeologico e franoso ma non si puliscono i canaloni e non si diserba. A ciò si somma l’incuria dell’uomo che concorre in queste situazioni. Manchiamo di programmazione, di profezia”.

 

 

Redazione da Ag. di inf.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 25, 2021 22:30

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 28:
    • 191:
    dicembre: 2021
    L M M G V S D
    « Nov    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login