Rapporto sul clima. Fiorani (fisico): “Per la gravità della situazione bisogna agire subito”

Redazione1
di Redazione1 agosto 11, 2021 23:50

Rapporto sul clima. Fiorani (fisico): “Per la gravità della situazione bisogna agire subito”

La grave crisi globale, causata dal cambiamento climatico, è diventata la calamità più evidente del nostro tempo. Gli eventi meteorologici estremi – siccità, forti piogge, incendi, ondate di caldo, tempeste tropicali – conseguenti al rapido riscaldamento globale, stanno diventando più imprevedibili, intensi e frequenti; aumentano il rischio, improvviso o nel lungo periodo, di ulteriori disastri come inondazioni, smottamenti, erosione, incendi e desertificazione.

“Le ultime inondazioni in Germania, gli incendi in Turchia, Grecia e Italia sono la dimostrazione che la situazione è grave. Occorre agire subito. Purtroppo – dice in un’intervista rilasciata a M. Chiara Biagioni del Sir, Luca Fiorani, fisico e divulgatore scientifico – il quadro è abbastanza chiaro. I nostri modelli previsionali sono sempre più precisi: se andiamo avanti così, alla fine del secolo, la temperatura potrà aumentare fino a circa 5 gradi centigradi. È uno scenario devastante, di continue ondate di calore che favoriranno siccità e incendi in alcuni parti del globo ed eventi meteorologici estremi sempre più forti e distruttivi in altre”. Gli scienziati guardano alla Cop26 con molte attese: “È un momento decisivo. Abbiamo un accordo importante che è l’accordo di Parigi. Ora bisogna passare all’azione”.

“Le inondazioni in Germania, gli incendi in Turchia, Grecia e Italia sono la dimostrazione che la situazione è grave. Occorre agire subito. Come dice il rapporto dell’Ipcc, questo è il decennio in cui dobbiamo mettere in campo tutte le azioni per ridurre le emissioni di gas serra in particolare l’anidride carbonica”. Gli scienziati parlano chiaro, ormai non ci girano più attorno. Anche Luca Fiorani, fisico e divulgatore scientifico soprattutto sui temi ambientali, docente di sviluppo sostenibile all’Istituto Universitario Sophia, va dritto al punto, a sostegno dell’allarme lanciato ieri dal rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (Intergovernmental Panel on Climate Change, Ipcc). “Purtroppo – dice – il quadro è abbastanza chiaro. I nostri modelli previsionali sono sempre più precisi: se andiamo avanti così, alla fine del secolo, la temperatura potrà aumentare fino a circa 5 gradi centigradi.

È uno scenario devastante, di continue ondate di calore che favoriranno siccità e incendi in alcuni parti del globo ed eventi metereologici estremi sempre più forti e distruttivi in altri”. L’allarme degli scienziati giunge in prossimità della Cop26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021 (la 26ª Conferenza Onu sul tema) che si terrà nella città di Glasgow, in Scozia, dal 31 ottobre al 12 novembre prossimi.

Riguardo alla previsione circa l’apporto dei politici a sostegno della comunità scientifica, Fiorani afferma che la Cop26 è un momento decisivo. Abbiamo un accordo importante che è l’accordo di Parigi. Ora bisogna passare all’azione. Vorrei però dare una parola di speranza: il presidente Usa Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping sembrano decisi a farsi leader di un movimento di Nazioni che si

impegnano seriamente e anche l’Unione europea sembra seriamente impegnata in questa direzione.

Alla Cop26 è atteso Papa Francesco che con la sua Laudato Si’ propone una ecologia integrale. Dal punto di vista “scientifico” c’è da aspettarsi che questi movimenti di pensiero a favore dell’ambiente   siano proficui. Papa Francesco molto probabilmente ha avuto un ruolo molto importante nello spingere le Nazioni ad adottare l’Accordo di Parigi. Sicuramente la sua parola è attesa come sono attese tutte le spinte di tutte le persone, credenti e non credenti, che chiedono una transizione ecologica. Mi vengono in mente l’impegno decennale su questo fronte del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, ma anche le azioni di Greta Thunberg. Sono tutte figure che stanno smuovendo le coscienze. In particolare, Greta è riuscita ad attirare l’attenzione del mondo sul pianeta e a fare in poco tempo ciò che per decenni studiosi ed esperti non sono riusciti ad ottenere.

In riferimento al negazionismo per cui ci sono persone che ritengono il problema clima inesistente, penso che alla base ci sia

una sfiducia nelle istituzioni. Ma i dati ufficiali sono incontrovertibili. Ormai non abbiamo nessun dubbio sul fatto che è l’essere umano a provocare questi ultimi cambiamenti climatici. A favorire da un punto di vista politico ed economico una transizione ecologica ci sono vari fattori. Sicuramente la spinta dal basso dei grandi movimenti di opinioni favorite dalle azioni di figure importanti come Papa Francesco e tutta quella galassia di persone e movimenti che spingono verso questa transizione.

Lei è autore di un libro (edito da Cittànuova) “Happy planet: guida ai grandi temi dell’ambiente”. Cosa le fa credere che anziché autodistruggersi, il pianeta terra possa dirigersi verso una destinazione “happy”? Segnali positivi ce ne sono molti. Sembra che la gran parte dei Paesi leader siano prendendo decisioni serie convergendo nel taglio delle emissioni del 50% entro il 2030 e all’azzeramento delle emissioni di gas serra entro il 2050. Questo ci dovrebbe portare al fatto che la temperatura del pianeta non aumenterebbe più di 1,5/ 2 gradi.

 

 

 

Redazione da Ag. di inf.

Redazione1
di Redazione1 agosto 11, 2021 23:50

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 146:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login