Ddl Zan, le obiezioni della Santa Sede, a difesa della libertà di espressione.

Redazione1
di Redazione1 giugno 23, 2021 23:28

Ddl Zan, le obiezioni della Santa Sede, a difesa della libertà di espressione.

In una nota verbale riguardante il ddl Zan, la legge contro l’omotransfobia che è ora in discussione al Senato, e presentata in modo informale allo Stato italiano, la Santa Sede avrebbe fatto notare che la suddetta legge andrebbe a violare il Concordato. Il motivo di questa protesta si fonda sul fatto che il Ddl Zan, così come è concepito, presenta un aspetto particolare della legge (articolo 7) che prevede l’istituzione di una “Giornata Nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia”. E in occasione di questo evento, gli istituti scolastici sono chiamati a organizzare cerimonie e iniziative per celebrare la giornata. Praticamente un’imposizione dell’ideologia di genere nelle scuole (Acistampa).

Infatti, il ddl Zan sottolinea (articolo 1) che “per sesso si intende il sesso biologico o anagrafico” e che per genere “ si intende qualunque manifestazione esteriore di una persona che sia conforme o contrastante con le aspettative sociali connesse al sesso”. Così, per identità di genere, si legge ancora nel ddl Zan, si intende “l’i­dentificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corri­spondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione”.

In pratica, il ddl Zan distingue il sesso dal genere. In questo modo, però, delineando tutte le manifestazioni contrarie al genere come “fobie”, si va a creare una nuova categoria di persone, che possono appellarsi a una presunta discriminazione sempre. Anche se si parla di credere nella famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, perché questo andrebbe a discriminare quanti sono uomini, ma si sentono donne e viceversa.

Se la lotta alle discriminazioni è sacrosanta, l’imposizione di punti di vista diventa un attentato alla libertà di espressione. Anche perché la stessa Costituzione italiana sottolinea che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. Vengono, insomma, tutelate tutte le persone, senza distinguerle in categorie.

Ci sono poi altri temi da considerare. Per esempio, il sito documentazione.info nota che “il DDL contraddice anche il principio costituzionale di “determinatezza” della disposizione penale perché inserisce concetti controversi e indeterminati in una normativa che pone già problemi di indeterminatezza. I concetti di “discriminazione” (cioè un diverso irragionevole trattamento) e di “odio” negli articoli 604 bis e ter c.p. sono tra i più ampi e generici. A questi si aggiungono  anche le nozioni di “genere” e “identità di genere” che sono controverse e di incerta definizione (e che ha infatti visto l’opposizione delle lesbiche e delle femministe). Per non parlare del fatto che sono termini sociologici su cui la comunità scientifica non si è mai espressa in maniera univoca”. È un tema, quello dell’indeterminatezza e non riconoscimento internazionale del gender, su cui la Santa Sede si batte da tempo, dato che la questione viene inclusa anche in trattati internazionali in cui non ci entrerebbe niente, come il global compact sulle migrazioni.

Sempre documentazione.info nota che “il DDL estenderebbe una normativa ai sensi della quale la punibilità degli atti di discriminazione (art. 604 bis c.p.) dipende totalmente dal “motivo” interiore del presunto colpevole o “percezione” della vittima, non dal disvalore del fatto; in secondo luogo, estenderebbe una normativa che punisce la mera “istigazione” anche privata e sterile (cioè non seguita dalla commissione del reato)”. In pratica, si rischia il reato di opinione, per cui ogni affermazione, per quanto pacata, potrebbe essere considerata come una istigazione.

Queste le obiezioni generali al testo. Secondo la Santa Sede, spiega l’Osservatore Romano, “alcuni contenuti della proposta di legge riducono la libertà garantita alla Chiesa cattolica in tema di organizzazione, di pubblico esercizio di culto, di esercizio del magistero e del ministero episcopale, ovvero quelle libertà sancite dall’articolo 2, ai commi 1 e 3 dell’accordo di revisione del Concordato del 1984”. Nel documento consegnato dal Vaticano “si rileva come il ddl Zan rischi di interferire, fra l’altro, con il diritto dei cattolici e delle loro associazioni e organizzazioni alla piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.

Il problema concordatario riguarda in particolare la libertà educativa per le scuole. Le scuole paritarie cattoliche in Italia sono 7.955. Hanno gli stessi curriculum statali, si impegnano a insegnare secondo le richieste del Ministero dell’Istruzione. Ma hanno anche un progetto educativo, che è il motivo per cui vengono scelte dai genitori. Non si può loro imporre di celebrare una giornata particolare, come non si può imporre a nessuno.

Il Concordato, nella sua versione “rivista” del 1984, sottolinea che (articolo 1) “la Repubblica italiana riconosce alla Chiesa cattolica la piena libertà di svolgere la sua missione pastorale, educativa e caritativa, di evangelizzazione e di santificazione” e che “in particolare è assicurata alla Chiesa la libertà di organizzazione, di pubblico esercizio del culto, di esercizio del magistero e del ministero spirituale nonché della giurisdizione in materia ecclesiastica”. All’articolo 2 si legge poi che “è garantita ai cattolici e alle loro associazioni e organizzazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.

Se un decreto legge, dunque, impone una visione in tutte le scuole, anche quelle paritarie, viola lo spirito del Concordato. E la Santa Sede deve fare un gesto diplomatico, per far notare la controversia.

Va notato, inoltre, che la Santa Sede non contesta una legge italiana. Fa solo notare che, nel modo in cui è stata delineata, la legge va a violare alcuni principi concordatari. La Chiesa vuole garantire la libertà dei cattolici di esprimere le proprie idee, e di farlo liberamente. Non si tratta di ingerenza nelle leggi dello Stato. Si tratta di difesa del proprio diritto ad esprimere ciò in cui si crede.

 

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 23, 2021 23:28

RSS aleteia

  • Ignazio di Loyola, il santo che rivela ai giovani i sentimenti di Dio
    Sant’Ignazio di Loyola è una figura potente che colpisce i giovani di oggi. Ad affermarlo è Jesús Zaglul Criado, gesuita della Repubblica Dominicana, assistente per il Nord America Latina e consigliere generale del generale della Compagnia di Gesù, che presenta la figura del santo fondatore nel giorno in cui la Chiesa ne celebra la memoria. […]
    Vatican News
  • Oltre 53mila detenuti in Italia, per Antigone l’affollamento supera il 113%
    Il numero di persone detenute, al 30 giugno scorso, si attesta a 53.637, di cui 2.228 donne (4,2%) e 17.019 stranieri (32,4%), per 50.779 posti ufficialmente disponibili e un tasso di affollamento ufficiale del 105,6%. Lo rileva l’associazione Antigone nel suo rapporto di metà anno sulle carceri italiane, sottolineando tuttavia che “il reale tasso di affollamento […]
    Agi
  • Medaglia d’oro nel surf a Tokyo, Ítalo Ferreira prega tutti i giorni alle 3 del mattino
    Il brasiliano Ítalo Ferreira ha fatto la storia nelle Olimpiadi: è il primo atleta a conquistare la medaglia d’oro nel surf, modalità inaugurata nei Giochi Olimpici di Tokyo. Ítalo è stato anche il primo sportivo a conquistare un oro per il Brasile in queste Olimpiadi. Dopo la batteria vincente, l’atleta ha rivelato uno dei “segreti” […]
    Pablo Cesio
  • 3 “segreti” vaticani che non sono affatto segreti
    È piuttosto difficile dire da dove derivi la parola “Vaticano”. È sicuramente il nome di uno dei sette colli di Roma, tutti situati sulla riva orientale del fiume Tevere, all’interno delle mura cittadine, ma ci sono diverse opinioni relative a come il Colle Vaticano ha ottenuto il suo nome. Nel primo secolo, il noto retore […]
    Daniel R. Esparza
  • In canoa con il vescovo sul fiume Po: è partito il Cammino di San Marco
    Un’avventura che, di certo, non passa inosservata quella del Vescovo Guido Gallese e di 15 ragazzi della Diocesi di Alessandria, partiti lunedì 18 luglio da Rivarone per arrivare a Venezia in canoa, seguendo il corso del Po. E’ il Cammino di San Marco, iniziativa nata nel 2019 e ripresa in questa fase di ripresa meno […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Attenti alla “truffa del vescovo”: la diocesi di Ragusa avverte i fedeli
    “Truffa del vescovo”: la Diocesi di Ragusa lancia l’allarme ai cittadini in merito a delle segnalazioni pervenute negli ultimi giorni. Pare che ultimamente qualcuno stia “bussando” alla porta delle persone con la scusa di vendere crocifissi e altri oggetti sacri porta a porta (News Sicilia, 30 luglio). “Nessuna autorizzazione” «Sono pervenute segnalazioni di tentativi di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Lottatrice di arti marziali miste devota al Santo Rosario
    Le arti marziali miste sono uno sport estremo con molti colpi anche forti, al punto che vari di quelli che lo praticano restano incoscienti o finiscono in ospedale. È quello che accade nell’Ultimate Fighting Championship (UFC), e non si può negare. Joanna, però, ha trovato in questo sport un modo onesto per vivere, e nella […]
    Jesús V. Picón
  • Perché Papa Francesco continua a nominare vescovi in Cina?
    Mercoledì 28 luglio, nella cattedrale di Pingliang, nella provincia cinese di Gansu, ha avuto luogo la cerimonia di ordinazione episcopale del sacerdote Anthony Li Hui, nominato da Papa Francesco coadiutore di Pingliang l’11 gennaio scorso. Monsignor Li è il quinto vescovo cinese nominato e ordinato in virtù dell’Accordo Provvisorio sulla Nomina dei Vescovi in Cina, […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheimer?
    Nell’articolo Nos limiares do além (Alle soglie dell’aldilà), padre Eduardo Hayen Cuarón ha riposto alla domanda relativa a cosa accade all’anima di una persona che soffre di Alzheimer, la forma più comune di demenza tra le persone che hanno superato i 60 anni. Direttore del settimanale Presencia, della diocesi messicana di Ciudad Juárez, padre Hayen […]
    ACI Digital
  • Quando Pio XII esortò i ginnasti a prendersi cura della loro salute mentale
    L’8 novembre 1952, Papa Pio XII si rivolse a vari atleti e leader sportivi sottolineando la necessità di non trascurare la salute della mente, del corpo e dell’anima. “Riponete dunque la vostra gioia nella pratica corretta della ginnastica e dello sport”, affermò in un discorso ai partecipanti al Congresso Scientifico Nazionale Italiano dedicato alle attività […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Sanificare la comunicazione 31 luglio 2021
    Un fiume di parole esondano continuamente dalla bocca di ciascuno, per dimostrare di avere ragione. Spesso l’istintività prende il sopravvento e, senza fondare le proprie ragioni anche con il confronto, ognuno lotta per vincere e affossare l’altro. Ogni occasione può diventare un campo di Marte, soprattutto quando siamo convinti che l’altro sbagli sempre. Siamo così […]
  • Meeting Rimini: gli eventi promossi dall’Università Cattolica 30 luglio 2021
    Dal ruolo della ricerca scientifica alle sfide future dell’università nell’epoca del cambiamento e dell’incertezza. Sono i temi con cui l’Università Cattolica partecipa alla 42ª edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, dedicata a “Il coraggio di dire ‘io’”, titolo tratto da un testo del filosofo danese Kierkegaard, che quest’anno si terrà in presenza alla […]
  • Istituti religiosi: Roma, morta madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa 30 luglio 2021
    È morta a Roma, dove soggiornava dal 1993, per una lunga e dolorosa malattia, madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa, istituzione ecclesiale di diritto pontificio presente oggi in Spagna, in Italia e in vari Paesi dell’Africa e dell’America Latina. Trinidad Sánchez Moreno – si ricorda in una nota – nasce […]
  • Papa Francesco: telegramma di cordoglio per la morte del card. Vanhoye, domani i funerali 30 luglio 2021
    Un “fratello” che “ha servito il Signore e la Chiesa con grande dedizione”. Così il Papa definisce il card. Albert Vanhoye, rettore emerito del Pontificio Istituto biblico e già segretario della Pontificia Commissione biblica, in un telegramma di cordoglio –  inviato oggi a padre Manuel Morujao, superiore della Residenza San Pietro Canisio a Roma – […]
  • Papa Francesco: nomina Chien-Jen Chen membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze 30 luglio 2021
    Il Papa ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze Chien-Jen Chen, docente di Epidemiologia presso l’Academia Sinica a Taipei (Taiwan). Ne dà notizia oggi la Sala Stampa della Santa Sede. Chien-Jen Chen è nato il 6 giugno 1951 a Cishan (Taiwan). Dopo aver studiato alla National Taiwan University a Taipei, ha conseguito il dottorato in genetica […]
  • Green Pass: no certificazione per andare a messa. Tutte le indicazioni per le celebrazioni liturgiche 30 luglio 2021
    “La certificazione non è richiesta per partecipare alle celebrazioni”. Lo si apprenda da una scheda informativa che accompagna la lettera ai vescovi diffusa oggi dalla Presidenza della Cei e che fa il punto sul Decreto Legge del 23 luglio 2021 che introduce l’obbligo di munirsi di certificazione verde (“Green Pass”) per usufruire di alcuni servizi […]
  • Cei: Presidenza, “non far mancare al popolo gesti di preghiera, partecipazione e speranza” in “condizioni di sicurezza” 30 luglio 2021
    “Ove ricorrano condizioni di sicurezza, non far mancare al nostro popolo questi gesti di preghiera, partecipazione e speranza perché la Chiesa sia presente in questo tempo così particolare”. Così la Presidenza della Conferenza episcopale italiana in una lettera indirizzata ai vescovi: “Sin dal giugno 2020, molte diocesi e parrocchie italiane hanno organizzato le processioni, adottando […]
  • Cei: Presidenza, “gratitudine” ai vescovi e alle comunità cristiane impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale 30 luglio 2021
    “In queste settimane le nostre Chiese sono impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale. Per questo, sentiamo di rivolgere una parola di gratitudine a tutti voi e alle vostre comunità che, nonostante le fatiche, riescono a far vedere il volto di una Chiesa madre che vive e testimonia la sua fecondità”. Lo scrive in una […]
  • Lettera a Federica Cesarini e Valentina Rodini 30 luglio 2021
    “Carissime Federica e Valentina, innanzitutto, grazie! Grazie perché avete permesso di risentire, dopo la vittoria di Vito Dell’Aquila, l’Inno di Mameli risuonare nei cieli di Tokyo! Grazie, perché ci avete creduto sino alla fine nell’arrivare al fotofinish con una medaglia destinata a voi! Grazie, perché avete inserito l’Italia nella cronotassi di vittorie in cui non […]
  • Perdono di Assisi: da oggi le meditazioni di mons. Baturi, arcivescovo di Cagliari e vicepresidente Cei 29 luglio 2021
    Prende il via oggi, con il Triduo di preparazione, il percorso di avvicinamento alla festa del Perdono di Assisi, in programma lunedì 2 agosto nel ricordo dell’indulgenza plenaria della Porziuncola voluta da san Francesco e concessa da Papa Onorio III nel 1216. Stasera alle 21.15 la prima delle meditazioni che saranno proposte da mons. Giuseppe […]

Commenti recenti

     

    • 35:
    • 146:
    agosto: 2021
    L M M G V S D
    « Lug    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login