Giovanni Paolo II, quaranta anni fa il tragico attentato in Piazza San Pietro

Redazione1
di Redazione1 maggio 15, 2021 17:31

Giovanni Paolo II, quaranta anni fa il tragico attentato in Piazza San Pietro

Quarant’anni fa l’attentato a Wojtyla. Era il 13 maggio 1981 e Papa Giovanni Paolo II era in piazza San Pietro per il tradizionale giro tra i fedeli prima dell’udienza generale. Due colpi di pistola lo feriscono gravemente e Il papa si accascia sulla papamobile tra le braccia dei soccorritori nello sgomento generale mentre invoca: “o Maria, o Madre mia”. In un baleno quelle immagini fanno il giro del mondo. Il Pontefice appare gravissimo e viene trasportato in ospedale in fin di vita. Questa è stata anche l’esperienza di tutta la Chiesa che si è riunita attorno al Papa, sconvolta e in preghiera.

Quei momenti rimangono impressi in maniera indelebile nella memoria e nel cuore di coloro che hanno vissuto da vicino quel tragico evento. Basta rileggere alcune testimonianze dell’epoca. Come quella del cardinale di Praga Frantisek Tomásek che era in piazza in quel pomeriggio del 13 maggio del 1981. “Non si può esprimerlo a parole; bisogna averlo visto!”. Fu proprio lui in una intervista alla Radio Vaticana riportata nel libro di padre Sebastiano Labo SJ, a raccontare quei momenti. (Acistampa)

Tutti ricordiamo le immagini del Papa sorridente che rimette nelle braccia del padre una bambina bionda, poi… “mentre egli sta riconsegnando sorridente al padre una bambina irradiante gioia per essere stata nelle braccia del Papa e averne ricevuta la benedizione, accade qualcosa all’improvviso come un lampo a ciel sereno. S’odono alcuni spari, il sacerdote polacco Stanislaw Dziwisz, segretario personale del Papa e l’aiutante di camera Angelo Gugel afferrano sotto le braccia il Santo Padre che s’affloscia mentre la sua bianca veste talare si arrossa di sangue”.

Il primo impatto sul mondo è questo. La jeep dove è il Papa corre a tutta forza verso l’Arco delle Campane, poi attraversa lo Stato e arriva al piccolo ambulatorio del Vaticano. Il Papa viene adagiato per terra. All’ingresso degli ambulatori vaticani c’è una mattonella che ricorda quel momento. Come in Piazza San Pietro nel luogo dell’attentato non lontano dal Portone di Bronzo. Non sono state messe subito queste due “pietre della memoria”, per discrezione? Ma alla fine il senso della storia ha avuto ragione.

Torniamo al 13 maggio, lo sparo avviene alle 17,17. Alle 18 il Papa è già sul tavolo operatorio al Policlinico Gemelli. L’intervento finisce alle 23.30 circa. Il Papa ha perso molto sangue, si sono dovute fare diverse trasfusioni, ma non sono stati colpiti organi vitali.

A Roma intanto si procede a capire chi è l’attentatore, un turco Mehemet Ali Agca. E’ stata una suora a placcarlo mentre cercava di fuggire tra la folla dopo gli spari. Nell’attentato sono rimati feriti anche due donne statunitensi, ricoverate entrambe. La piazza resta in attesa e in preghiera guidata da un padre gesuita che da anni guida i pellegrinaggi polacchi. Alterna il Rosario alle notizie che arrivano dal Gemelli.

Si va avanti fino a mezzanotte quando arriva anche la notizia della presenza del Presidente della Repubblica Italiana al Gemelli. Sandro Pertini, 83 anni socialista e ateo visita e saluta Giovanni Paolo II. Loro sono amici, c’è uno scambio di cordialità tra i due. Che durerà per tutta la vita.

Fino a domenica il mondo tiene il cuore sospeso. I fedeli pregano per il Papa, gli altri attendono notizie di un evento storico. Si moltiplicano messaggi, testimonianze, interviste. Anche se la situazione mediatica del 1981 non è quella di oggi, il flusso delle informazioni è costante.

Non tutti però sono preoccupati per la salute del Papa. Le cronache dell’epoca riportano di un applauso alla notizia di un gruppo di manifestanti pro aborto. In quei giorni infatti in Italia si sarebbe votato il referendum per l’abolizione della legge che legalizzava l’aborto. Ma a rispondere c’è la preghiera dei romani. Il cardinale Vicario Ugo Poletti chiama a raccolta i fedeli per le sera del 14 maggio alle 21 in Piazza San Pietro per la recita del Rosario. Succede lo stesso un po’ ovunque.

Inizia un rito particolare per i giornalisti: l’attesa del bollettino medico nell’ atrio del policlinico Gemelli. Non ci sono sms e mail. Si va, si aspetta, ci si accalca per avere un pezzo di carta fotocopiato, si chiama qualche amico dottore. Così almeno due volte al giorno.

Alla Radio Vaticana arrivano messaggi da ogni parte del mondo, lettere, cartoline anche telefonate.

Intanto arriva il 17 maggio, sono passati 4 giorni e il Papa non è ancora fuori pericolo. Ma il Papa non vuole perdere l’appuntamento per il Regina Coeli. La gente in piazza in silenzio ascolta la sua voce. Debolissima ma decisa. In tutto 90 parole che si concludono con una frase che segna la storia: “ Prego per il fratello che mi ha ferito, e al quale ho sinceramente perdonato. Unito a Cristo Sacerdote e vittima, offro le mie sofferenze per la Chiesa e il mondo. A Te Maria ripeto: “Totus tuus ego sum”.”

 

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 15, 2021 17:31

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 425:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login